>

Alcune opzioni di Facebook che (quasi) sicuramente non conoscete




Potete ascoltare/scaricare il pod­ca­st qui sot­to oppu­re iscri­ver­vi al cana­le Telegram: 

Come alcu­ni san­no, di recen­te ho com­ple­ta­men­te eli­mi­na­to il mio account su Facebook. Prima di far­lo, per moti­vi pura­men­te di curio­si­tà (e pru­den­za), ho deci­so di chie­de­re una copia di tut­ti i miei dati.

Ora, a par­te il fat­to che occor­re fidar­si di Facebook sul fat­to che sia­no vera­men­te tut­ti (la garan­zia di fat­to non c’è e non è pos­si­bi­le aver­la), dopo qual­che gior­no il mio down­load era pron­to. Ho sca­ri­ca­to l’ar­chi­vio (1,8 Gb per tut­ti i dati dal 2008, deci­sa­men­te pochi­ni…) e mi sono diver­ti­to a gironzolare.

Ho così tro­va­to cose che… noi uma­ni non pos­sia­mo imma­gi­na­re. E non è un modo di dire: sono cose a cui FB non dà nes­sun rilie­vo, cre­do non ne par­li nep­pu­re. Certo non le nascon­de ma, di fat­to, se non puoi imma­gi­na­re che una cosa esi­sta allo­ra non la andrai a cercare.

Una su tut­te mi ha dav­ve­ro col­pi­to: sco­pri­re che esi­ste una sezio­ne del­la pri­va­cy in cui puoi gesti­re (se sai di poter­lo fare), il modo in cui le tue atti­vi­tà su siti ester­ni a Facebook ven­go­no col­le­ga­te a Facebook stesso.

E mi sono det­to… Oibò (fran­ce­si­smo per “Oh caz­zo!”)… mi pare­va ovvio che Facebook moni­to­ras­se qua­lun­que cosa acca­de sul suo sito e sul­la sua app ma… come sareb­be a dire “Attività su siti Web ester­ni”?

In poche paro­le, come Facebook stes­so comu­ni­ca chia­ra­men­te in que­sto pun­to del­la sua gui­da: (https://www.facebook.com/help/2207256696182627), l’ ”atti­vi­tà fuo­ri da face­book” è un som­ma­rio di quel­lo che azien­de e orga­niz­za­zio­ni con­di­vi­do­no con Facebook “… in meri­to alle tue inte­ra­zio­ni, ad esem­pio quan­do visi­ti i loro siti web o uti­liz­zi le loro app”. Nello stes­so pun­to del­la gui­da ci sono le istru­zio­ni per rag­giun­ge­re la sezio­ne in questione.

In buo­na sostan­za, le azien­de tra­smet­to­no le vostre atti­vi­tà che por­ta­te a ter­mi­ne sui loro siti a… Facebook. Non è que­st’ul­ti­mo a trac­ciar­le: sono i siti che visi­ta­te che, VOLONTARIAMENTE, le tra­smet­to­no a lui!

Cosa ci fa Facebook con que­ste infor­ma­zio­ni? Parecchio: prin­ci­pal­men­te le use­reb­be (il con­di­zio­na­le è d’ob­bli­go) per pro­fi­lar­vi meglio e pilo­ta­re inser­zio­ni più rile­van­ti per voi.

Ma c’è una voce, qua­si in fon­do alla pagi­na, che apre a tut­to un uni­ver­so di pos­si­bi­li­tà su quel­lo che Facebook può fare con que­ste infor­ma­zio­ni. La voce infat­ti dice che pos­so­no esse­re usa­te per “iden­ti­fi­ca­re atti­vi­tà sospet­te per garan­ti­re che Facebook sia un luo­go sicu­ro”.

La defi­ni­zio­ne di qua­li pos­sa­no esse­re con­si­de­ra­te “atti­vi­tà sospet­te”, pur­trop­po man­ca e man­ca anche una defi­ni­zio­ne di cosa si inten­da per “luo­go sicu­ro”. Il che, in buo­na sostan­za, auto­riz­za Facebook a fare quel­lo che vuo­le del­le infor­ma­zio­ni riguar­dan­ti quel­lo che fate su altri siti.

Facebook dà la pos­si­bi­li­tà di scol­le­ga­re que­ste atti­vi­tà, come spie­ga­to sem­pre nel­la gui­da (https://www.facebook.com/help/287199741901674). Tuttavia si riser­va il dirit­to di non ottem­pe­ra­re a que­sto scol­le­ga­men­to, come scri­ve chia­ra­men­te. Per tro­va­re que­sta affer­ma­zio­ne però dove­te sca­va­re un po’ nei mean­dri di Facebook ed entra­re nel­la gestio­ne del­le atti­vi­tà fuo­ri da Facebook, andan­do a que­sto link: https://www.facebook.com/off_facebook_activity e clic­can­do poi su “Esplora atti­vi­tà”.

Sulla fine­stra che vi si apre (non è dispo­ni­bi­le un link diret­to, chis­sà per­chè…), tro­ve­re­te in cal­ce l’af­fer­ma­zio­ne “Alcune del­le tue atti­vi­tà potreb­be­ro non esse­re visi­bi­li qui” e un link (che in real­tà ha le fun­zio­ni di un pul­san­te) “Scopri di più” clic­can­do sul qua­le appa­re un’al­tra fine­stra con un elen­co di “cose da sape­re” la cui ulti­ma è:In rari casi, potrem­mo con­ti­nua­re a memo­riz­za­re la tua atti­vi­tà per moti­vi di sicu­rez­za.”

Anche in que­sto caso non è defi­ni­to a qua­li casi si appli­chi la defi­ni­zio­ne di “rari” e nep­pu­re qua­li sia­no i “moti­vi di sicu­rez­za”. E, come se non bastas­se, non è nem­me­no det­to che quel­le che tro­va­te nel­l’e­len­co sia­no tut­te le azien­de che invia­no i vostri dati a Facebook quan­do navi­ga­te sui loro siti.

Quello che è cer­to è che Facebook si riser­va il dirit­to di acqui­si­re qua­si qua­lun­que cosa fac­cia­te su altri siti che con­di­vi­do­no le vostre infor­ma­zio­ni con lui (e che, vi assi­cu­ro, non sono pochi).

Credo che que­sto sia qual­co­sa che apre un po’ l’o­riz­zon­te su quan­to sia ele­va­to il nume­ro e la qua­li­tà del­le infor­ma­zio­ni che Facebook rac­co­glie su di voi.

Ci sono mol­ti altri moti­vi per cui ho eli­mi­na­to il mio account Facebook e anche Whatsapp, che per me sono mol­to più impor­tan­ti di quan­to det­to sopra ma cre­do che quel­lo espo­sto dovreb­be esse­re suf­fi­cien­te a chia­ri­re alcu­ne del­le mie moti­va­zio­ni; per cita­re la mia compagna:

Non pren­der­te­la col clo­wn per­chè fa il buf­fo­ne, chie­di­ti per­chè vai al circo”.

E io ho smes­so di anda­re al cir­co, anche per­chè, a dir­la tut­ta, lo spet­ta­co­lo era diven­ta­to inaccettabile.

Ci si vede in giro!

Condividi

2 Comments

  1. Valentina Petrova- Manavska ha detto:

    Grazie Franz, con­ti­nui sem­pre di pen­sa­re per noi 🙂 . E si sen­te la tua man­can­za da Fb.

    Le spie sono dap­per­tut­to e da tan­to tem­po anche . Me ne sarei anda­ta anch’io da li e lo faro’ appe­na fini­sce il con­trat­to di lavo­ro con la azien­da ame­ri­ca­na che pub­bli­ciz­za in Fb e altri “satel­li­ti” ‑insta­gram, pinterest…
    Comunque, ugual­men­te sia­mo ( e temo che è solo l’i­ni­zio) spia­ti e all’oc­cor­ren­za- con­trol­la­ti . Anche al livel­lo loca­le, fisi­ca­men­te , fuo­ri dall’internet.
    Grazie anco­ra e tan­ti salu­ti di cuore !!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.