>

Pfizer non cerca più la cura per l’Alzheimer… non rende abbastanza





Pote­te ascoltare/scaricare il pod­ca­st qui sot­to oppu­re iscri­ver­vi al cana­le Telegram: 

In diver­se occa­sio­ni ho par­la­to di qua­le sia la logi­ca per­ver­sa ed osce­na con cui si muo­vo­no le mul­ti­na­zio­na­li in gene­re e quel­le far­ma­ceu­ti­che in particolare.

E’ di pochi gior­ni fa l’an­nun­cio di una di que­ste, la Pfi­zer, una del­le mag­gio­ri (ma non l’u­ni­ca, dato che anche Merck ha scel­to la stes­sa stra­da), che comu­ni­ca che abban­do­na la ricer­ca di una cura per l’Al­z­hei­mer, in quan­to “non ha rag­giun­to i risul­ta­ti spe­ra­ti”. Affer­ma­zio­ne che, let­ta sen­za par­ti­co­la­ri capa­ci­tà divi­na­to­rie signi­fi­ca sem­pli­ce­men­te: “Stia­mo inve­sten­do del dena­ro per tro­va­re una cura ma, dato che gli even­tua­li pro­fit­ti, quan­d’an­che ne tro­vas­si­mo una, non dareb­be­ro il mar­gi­ne che ci inte­res­sa, allo­ra mol­lia­mo il col­po”.

Il che, sem­pli­ce­men­te non è altro che l’ef­fet­to di una socie­tà in cui l’u­ni­ca cosa che con­ta è il dena­ro. Del­la vita e del­la salu­te del­le per­so­ne non fre­ga un caz­zo a nes­su­no, in modo par­ti­co­la­re a colo­ro che dico­no di fare del­la salu­te uma­na la loro missione.

Ora, al di là del fat­to che per­so­nal­men­te io fos­si nei gover­ni dei vari pae­si, for­me­rei un grup­po com­pat­to legi­sla­ti­vo e riti­re­rei alla Pfi­zer qua­lun­que licen­za fino a che non deci­do­no di ripren­de­re la ricer­ca sul­l’Al­z­hei­mer, e che a sem­pli­ce tito­lo puni­ti­vo ne con­fi­sche­rei la metà dei fon­di da distri­bui­re ai pae­si pove­ri, inclu­se tut­te le pro­prie­tà per­so­na­li dei soci, e pren­de­rei il CEO e il CdA e li sbat­te­rei in gale­ra per il resto dei loro gior­ni usan­do­li come cavia per la spe­ri­men­ta­zio­ne di qua­lun­que nuo­vo far­ma­co, al di là di ciò dice­vo, invi­to a riflet­te­re sul­la natu­ra estre­ma­men­te nega­ti­va di un’a­zien­da che, pur nel­la lega­li­tà, si com­por­ta in que­sto modo osceno.

Se per la Pfi­zer e com­pa­gni, la sof­fe­ren­za e la malat­tia degli esse­ri uma­ni con­ta­no così poco, quan­to influi­rà que­sto sul­la pro­du­zio­ne di far­ma­ci? Inten­do dire: se pro­du­ci un far­ma­co con lo sco­po uni­co di gua­da­gna­re il più pos­si­bi­le, come lo pro­dur­rai? Sicu­ra­men­te non in modo che risol­va il pro­ble­ma per sem­pre, altri­men­ti per­de­re­sti clien­ti. Quin­di ne pro­dur­rai di abba­stan­za effi­ca­ci per tene­re sot­to con­trol­lo il pro­ble­ma e non per risolverlo.

E altret­tan­to sicu­ra­men­te ti impe­gne­rai solo su quel­le pato­lo­gie abba­stan­za dif­fu­se da esse­re lucra­ti­ve ma solo se tro­vi qual­co­sa di fun­zio­nan­te entro un perio­do di tem­po abba­stan­za limi­ta­to in modo che la cura poi sia com­ple­ta­men­te lucrativa.

E altret­tan­to sicu­ra­men­te te ne fre­ghe­rai degli effet­ti col­la­te­ra­li di quel­lo che pro­du­ci dato che que­sto ti darà l’in­te­res­san­te pro­spet­ti­va di ven­de­re altri far­ma­ci per con­tra­star­li, e quan­do non sarà così farai in modo che la tua atti­vi­tà di lob­by, una del­le più poten­ti ed effi­ca­ci al mon­do, ne nascon­da la pre­sen­za oppu­re ne mini­miz­zi le con­se­guen­ze etc. etc.

Quel­lo che inten­do dire è che è com­ple­ta­men­te insen­sa­to ed assur­do met­te­re la salu­te del gene­re uma­no nel­le mani di chi la cura per esclu­si­vo lucro personale.

Se que­sto mon­do non fos­se il ces­so insen­sa­to e oscu­ro che è, la ricer­ca far­ma­ceu­ti­ca e sani­ta­ria e la pro­du­zio­ne di far­ma­ci per la cura uma­na ed ani­ma­le sareb­be­ro atti­vi­tà svol­te a livel­lo pla­ne­ta­rio, con fon­di comu­ni pla­ne­ta­ri pro­ve­nien­ti da una per­cen­tua­le del­le tas­se riscos­se dai gover­ni e sen­za sco­po di lucro azien­da­le. Il che non signi­fi­ca non paga­re uno sti­pen­dio a chi ci lavo­ra, anzi! Ma sicu­ra­men­te non paga­re divi­den­di a soci o accu­mu­la­re utili.

I far­ma­ci pro­dot­ti sareb­be­ro così graui­ti o qua­si, per­chè già paga­ti a mon­te dal­le nostre tas­se e potreb­be­ro esse­re dati a chiun­que ne abbia biso­gno. Per non par­la­re del fat­to che a quel pun­to l’in­te­res­se non sareb­be più quel­lo di ren­de­re le per­so­ne mala­ti cro­ni­ci ma gua­rir­le il più pre­sto pos­si­bi­le, per­chè pri­ma gua­ri­sco­no meno paga­no tut­ti quan­ti di tasse.

E non si vedreb­be­ro più le por­ca­te immon­de a cui Pfi­zer e com­pa­gni ci fan­no assi­ste­re, nel­la più tota­le, ver­go­gno­sa, oscu­ran­ti­sta impunità.

Ci si vede in giro!

Con­di­vi­di