>

Mantra Om Namah Shivaya (108 ripetizioni)

Qual­che tem­po fa, per cau­se fisio­lo­gi­che, per­si la capa­ci­tà di pro­dur­re man­tra in Kar­ghi­raa (la “voce pro­fon­da” come la chia­ma­no mol­ti). Da poco sono riu­sci­to a recu­pe­ra­re in par­te que­sta pos­si­bi­li­tà e ho pen­sa­to che la pri­ma regi­stra­zio­ne pote­va esse­re dedi­ca­ta a que­sto stu­pen­do Man­tra: Om Namah Shivaya.

Que­sta ese­cu­zio­ne non ha nul­la a che vede­re con quel­le che abi­tual­men­te si tro­va­no in giro, mol­to “devo­zio­na­li” e mie­lo­se. La mia visio­ne di que­sto Man­tra, che rima­ne uno dei più dol­ci che cono­sca, non ha tut­ta­via mol­to a che vede­re con ese­cu­zio­ni can­ta­te, come sempre.

Se l’a­scol­ta­te con un cel­lu­la­re, usa­te le cuf­fie per­chè altri­men­ti il suo­no, alquan­to ric­co in fre­quen­ze e riso­nan­ze, risul­te­rà distor­to sul­la mag­gior par­te degli smart­pho­ne. Non è un’e­se­cu­zio­ne per debo­li di cuo­re, di fatto.

Tut­te le voci pre­sen­ti nel­la regi­stra­zio­ne sono del sottoscritto.

Per ascol­ta­re o sca­ri­ca­re il bra­no clic­ca­te QUI

Se non vole­te o non pote­te ascol­ta­re e/o sca­ri­ca­re il bra­no qui sopra, inclu­do un pic­co­lo video la cui colon­na sono­ra è la stes­sa registrazione.





Con­di­vi­di