>

Il sito di Enrico Madini: una chicca che ti scalda il cuore

Lo cono­sco da parec­chi anni ma… indo­vi­na un po’? Non sape­vo aves­se un sito. Ma non solo ce l’ha, è anche uno dei più bel­li che abbia mai visto nel cam­po del­la foto­gra­fia (lo tro­va­te qui: www.enricomadini.com).

Non per la gra­fi­ca, per quan­to ben fat­ta, ma per il con­te­nu­to. Centinaia di foto una più bel­la del­l’al­tra, accom­pa­gna­te da paro­le, anch’es­se una più bel­la del­l’al­tra.

Un gior­no qual­cu­no mi dis­se: se sai rac­con­ta­re allo­ra sai anche foto­gra­fa­re. Se nel­la mag­gior par­te dei casi non è così, in quel­lo di Enrico Madini non solo è vero ma asso­lu­ta­men­te tangibile.

Ogni rac­con­to che accom­pa­gna una foto ti arri­va addos­so con la for­za di un’e­mo­zio­ne dav­ve­ro gran­de. Probabilmente la sua, quel­la che ha vis­su­to nel momen­to del­lo scatto.

Perchè Enrico non solo sa foto­gra­fa­re, ma sa osser­va­re: fuo­ri e den­tro. Ed è così, alme­no cre­do, che crea la gran­de bel­lez­za e for­za del­le sue imma­gi­ni: con la capa­ci­tà di coglie­re non solo quel­lo che vede (che non è asso­lu­ta­men­te quel­lo che vedo­no gli altri, ci ten­go a sot­to­li­near­lo) ma soprat­tut­to quel­lo che sen­te e poi, e qui sta la cosa spe­cia­le, tra­smet­ter­lo nel­la foto. Come fac­cia, one­sta­men­te per me è un mistero.

Anzi, no: è talen­to.

Andate a veder­lo, ma non di fret­ta: inve­sti­te un po’ di tem­po leg­gen­do quel­lo che scri­ve intor­no alle sue foto. Scoprirete un cuo­re dav­ve­ro grande.

E sape­te che di cuo­re, alme­no un po’, me ne intendo…

Condividi