>

Libri per capire: Tertium Organum di P. D. Ouspensky

Ouspensky era uno scien­zia­to, ma ebbe la for­tu­na di incon­tra­re e fre­quen­ta­re da vici­no G.I. Gurdjieff, un incon­tro che segne­rà in modo incre­di­bi­le la razio­na­li­tà di Ouspensky con la misti­ca di altis­si­mo livel­lo che un per­so­nag­gio come Gurdgjieff pote­va ispirare.

Ed è pro­prio dal­l’in­con­tro al suo inter­no, dal­l’in­te­gra­zio­ne tra misti­ca e spe­cu­la­zio­ne scien­ti­fi­ca che nasce que­st’o­pe­ra. Un testo dav­ve­ro par­ti­co­la­re in cui si cer­ca di esplo­ra­re una nuo­va visio­ne logi­ca, mate­ma­ti­ca e con­ce­zio­ne filo­so­fi­ca alla luce di un’in­te­gra­zio­ne dav­ve­ro note­vo­le, tut­ta avve­nu­ta all’in­ter­no del­la men­te iper­sti­mo­la­ta di Ouspensky.

La visio­ne del­la quar­ta dimen­sio­ne secon­do il pun­to di vista con­tem­po­ra­neo di misti­ca e scien­za è qual­co­sa che non può di cer­to man­ca­re nel­la biblio­te­ca di un ricer­ca­to­re così come l’in­ne­sto tra mate­ma­ti­ca e logica.

Ma la pecu­lia­ri­tà di que­sto testo non sta tan­to nei con­te­nu­ti come tali, quan­to nel­la pos­si­bi­li­tà di assi­ste­re alla modi­fi­ca coscien­zia­le che si può indur­re all’in­ter­no di un esse­re uma­no quan­do met­te in cam­po un’a­per­tu­ra intel­let­tua­le e non solo.

Da leg­ge­re, a meno che non abbia­te un po’ di mal di testa.…

Condividi