>

Libri per crescere: Sorridi alla Paura di Chogyam Trungpa

Il sot­to­ti­to­lo è dav­ve­ro espli­ca­ti­vo in que­sto caso: come risve­glia­re il vero cuo­re del coraggio.

Un libro scrit­to innan­zi­tut­to da un pra­ti­can­te, da uno che di “chi­lo­me­tri” sul sen­tie­ro deve aver­ne fat­ti dav­ve­ro parec­chi e tut­ti con le chiap­pe ben anco­ra­te al cuscino.

Poi un libro scrit­to con gar­bo, oltre ad un inne­ga­bi­le quan­to sot­ti­le sen­so del­l’u­mo­ri­smo, anche gra­zie a quel­la che dev’es­se­re sta­ta una tra­du­zio­ne non tra le più facili.

Infine… un libro che inse­gna mol­to, ma che non pre­ten­de di far­lo e in cui l’au­to­re par­la chia­ra­men­te di qual­co­sa che ha spe­ri­men­ta­to, com­pre­so e rea­liz­za­to personalmente.

Certo, ci sono qui e là cadu­te di tono, for­se anche di rit­mo… ma mai di contenuto!

Nel testo, Trungpa ci accom­pa­gna nel­la pre­sen­ta­zio­ne di una visio­ne estre­ma­men­te pra­ti­ca… del­la pra­ti­ca. Qualcosa che man­ca a mol­ti testi, in cui la Meditazione vie­ne pre­sen­ta­ta amman­ta­ta di un’au­ra misti­ca ma mai fon­da­ta sul­la pra­ti­ca e sul­la vici­nan­za con il nostro esse­re uomi­ni in que­sti tem­pi assurdi.

I con­cet­ti di “for­za del­la non pau­ra”, di Ziji, qual­co­sa di dav­ve­ro intra­du­ci­bi­le ma che ha a che vede­re con un’e­spe­rien­za di vita­li­tà e lumi­no­si­tà e tan­ti altri, sono pre­sen­ta­ti, spie­ga­ti e, in qual­che modo miste­rio­so, intro­dot­ti nel nostro spa­zio di espe­rien­za da una sapien­te quan­to pre­ci­sa esposizione.

Indubbiamente un testo par­ti­co­la­re, que­sto lo pos­sia­mo anche urla­re a gran voce. Ma anche un testo che può dav­ve­ro fare capi­re quan­ta “tec­no­lo­gia inte­rio­re” sia sta­ta svi­lup­pa­ta nei seco­li e nei mil­len­ni, di cui non sap­pia­mo asso­lu­ta­men­te nul­la e che mol­ti, che pur ne san­no, se ne guar­da­no bene dal condividere.

Da leg­ge­re!

Condividi