>

Sono disponibili due nuovi libri e la riedizione di “Kesa”

libri-di-francesco-franz-amatoCe l’ab­bia­mo final­men­te fat­ta. Da oggi sono dispo­ni­bi­li i due nuo­vi testi “Pen­sie­ro Luci­do” e “Anta­rat­man Yoga – La Magia Del Suo­no”. Due lavo­ri abba­stan­za impe­gna­ti­vi, devo dire, ma che costi­tui­sco­no insie­me l’os­sa­tu­ra teo­ri­co-pra­ti­ca del meto­do Anta­rat­man Yoga. Oltre ad essi, è di nuo­vo dispo­ni­bi­le il roman­zo “Kesa – Alla Fine Del­la Solitudine”.

Pen­sie­ro Luci­do è un volu­me svel­to da leg­ge­re e mol­to pra­ti­co, in cui ven­go­no ana­liz­za­ti i prin­ci­pa­li stru­men­ti cogni­ti­vi ed i modi per ren­der­li più effi­ca­ci. Gli argo­men­ti ven­go­no affron­ta­ti da un pun­to di vista logi­co, sequen­zia­le e razio­na­le, in modo da for­ni­re al let­to­re tut­ta una serie di sug­ge­ri­men­ti pra­ti­ci per ren­de­re la pro­pria per­ce­zio­ne e capa­ci­tà cogni­ti­va sem­pre più affi­na­ta ed effi­cien­te. Per leg­ge­re una pic­co­la ante­pri­ma ed even­tual­men­te acqui­sta­re l’e­book o la ver­sio­ne car­ta­cea pote­te clic­ca­re que­sto link.

Anta­rat­man Yoga è un lavo­ro for­se leg­ger­men­te più com­ples­so ma affron­ta, sia dal pun­to di vista pra­ti­co che dei con­te­nu­ti, tut­to quel­lo che è neces­sa­rio sape­re per acco­star­si all’u­so del suo­no e del­la medi­ta­zio­ne nel­la ricer­ca inte­rio­re. Ven­go­no trat­ta­te le varie tec­ni­che voca­li uti­liz­za­te in Anta­rat­man Yoga, i Man­tra prin­ci­pa­li, ma anche da un pun­to di vista teo­ri­co tut­to quel­lo che c’è da sape­re sul suo­no inte­so come vibra­zio­ne, in rap­por­to alla mate­ria ed all’energia.
La par­ti­co­la­ri­tà di que­sto volu­me è che, per ogni argo­men­to, sono pre­sen­ti dei link e dei QR Code che pun­ta­no a esem­pi audio libe­ra­men­te sca­ri­ca­bi­li. Con que­sta solu­zio­ne, i sud­det­ti esem­pi sono rag­giun­gi­bi­li diret­ta­men­te se leg­ge­re­te la ver­sio­ne elet­tro­ni­ca (l’e­book, insom­ma) che quel­la car­ta­cea; in que­st’ul­ti­mo caso, vi baste­rà inqua­dra­re di vol­ta in vol­ta i codi­ci bidi­men­sio­na­li pre­sen­ti nel testo tra­mi­te il vostro smart­pho­ne, per ave­re acces­so imme­dia­ta­men­te alle regi­stra­zio­ni audio.
Per acqui­star­lo come ebook o in ver­sio­ne car­ta­cea, o visio­na­re una pic­co­la ante­pri­ma pote­te clic­ca­re que­sto link.

Last but not lea­st, ritor­na dispo­ni­bi­le il mio roman­zo d’e­sor­dio: “Kesa – Alla Fine Del­la Soli­tu­di­ne”, in una veste gra­fi­ca com­ple­ta­men­te rin­no­va­ta. Per chi non l’a­ves­se let­to, la sto­ria nar­ra­ta è quel­la di una don­na, una ricer­ca­tri­ce e una gran­de pra­ti­can­te, che incon­tra il suo com­pa­gno di sem­pre incar­na­to in un bam­bi­no di 12 anni, figlio di ami­ci. Alla vista del­la don­na il bam­bi­no recu­pe­ra par­te del­la memo­ria di sé in un pro­ces­so ful­mi­neo ed estre­ma­men­te peri­co­lo­so, oltre che par­zia­le, che ne met­te a repen­ta­glio la men­te e la vita. Mira, la pro­ta­go­ni­sta, deci­de di “spe­gne­re” que­sto ricor­do per l’in­co­lu­mi­tà del ragaz­zo e di star­gli vici­no da quel momen­to in poi, in un rap­por­to uma­no e di inse­gna­men­to estre­ma­men­te pro­fon­do, un viag­gio al ter­mi­ne del qua­le, per entram­bi, vi è una mera­vi­glio­sa sorpresa.
La sto­ria è ambien­ta­ta in una Mila­no odier­na e metro­po­li­ta­na, in una tra­ma che alter­na la sto­ria del­la vita di Mas­si­mo con i ricor­di di Mira, del­le sue vite tra­scor­se e del­le straor­di­na­rie espe­rien­ze da lei avu­te a con­tat­to con esse­ri dai gran­di pote­ri, a vol­te nei più sper­du­ti ango­li del­la sto­ria, altre alla gui­da di inte­re nazioni.
Per acqui­star­lo, sia in ebook che in ver­sio­ne car­ta­cea, pote­te clic­ca­re que­sto link, dove tro­ve­re­te anche una pic­co­la anteprima.

Con­di­vi­di

2 Comments

  1. Andrea Dandolo ha detto:

    Ho com­pe­ra­to tut­ti e tre i libri in for­ma­to ebook. Ho appe­na fini­to di leg­ge­re “Kesa”, e devo dore che l’ho let­to tut­to d’un fiato!
    Un roman­zo da rileg­ge­re piu’ volte.

    • Franz ha detto:

      Tan­to per comin­cia­re… gra­zie! Per con­ti­nua­re… grazie!