>

Un capitolo da La Magia del Cuore: La Paura

Un pic­co­lo assag­gio dal mio libro “La Magia del Cuo­re” (lo tro­va­te a que­sto link per inte­ro). Un capi­to­let­to mol­to bre­ve, dedi­ca­to alla pau­ra. Ci sono mol­ti modi di ana­liz­za­re que­sta ener­gia, quel­lo che segue è il mio mode­stis­si­mo pun­to di vista pra­ti­co sul­l’ar­go­men­to quan­do, in assen­za di una suf­fi­cien­te con­sa­pe­vo­lez­za o, vale lo stes­so, in pre­sen­za di una pau­ra suf­fi­cien­te­men­te gran­de, non riu­scia­mo ad iso­la­re la men­te e a sta­re nel pre­sen­te a priori.

Il modo sug­ge­ri­to in fon­do a que­sto capi­to­lo è comun­que, per quan­to attie­ne la mia espe­rien­za, un modo per tor­na­re nel pre­sen­te, per radi­car­si nuo­va­men­te in quel “qui ed ora” cui dovrem­mo sem­pre fare riferimento.

“La pau­ra è un arche­ti­po, par­lia­mo­ci chia­ro! Anda­re con­tro la pau­ra in sen­so lato signi­fi­ca fare qual­co­sa di anco­ra più inu­ti­le che com­bat­te­re con­tro i muli­ni a ven­to. La pau­ra è un’e­ner­gia così anti­ca da esse­re for­se ante­ce­den­te a ciò che vie­ne comu­ne­men­te chia­ma­to Male. E se non è ante­ce­den­te gli sta dav­ve­ro parec­chio d’appresso. 

Per­ciò, com­bat­te­re la pau­ra non ha sen­so per­chè la sua ener­gia è qual­co­sa, pur illu­so­ria, capa­ce di far tre­ma­re le ginoc­chia all’universo.

Anda­re a pet­to in fuo­ri con­tro la pau­ra signi­fi­ca solo una cosa: pren­der­le di san­ta ragio­ne! La pau­ra va com­bat­tu­ta con meto­di da guer­ri­glia non con lo spie­ga­men­to di for­ze armate.

E poi c’è pau­ra e pau­ra. Un con­to sono le fobie (con­tro le qua­li a vol­te è pos­si­bi­le anda­re drit­ti e spa­ra­ti) e un con­to sono le pau­re mino­ri (que­ste devo­no pro­prio esse­re affron­ta­te sul campo).

Ma anda­re con­tro la Pau­ra con la “P” maiu­sco­la signi­fi­ca solo tor­nar­se­ne a casa con la coda tra le gambe.

Quel­lo che noi uomi­ni pos­sia­mo fare è agi­re nono­stan­te la pau­ra. Que­sto sono gli Eroi; esse­ri uma­ni che han­no una tale pas­sio­ne (Bian­ca) nel­le loro vene che gli con­sen­te di agi­re nono­stan­te la Pau­ra e con­tro ogni pau­ra mino­re inva­da il loro cuore.

Eroe vie­ne da Eros, quin­di il lega­me con la pas­sio­ne è straor­di­na­ria­men­te stretto.

Non con­ta quan­te pau­re scon­fig­ge­re­mo, ma quan­ti atti riu­sci­re­mo a por­ta­re a ter­mi­ne nono­stan­te esse.”

Con­di­vi­di