>

Se qualcuno ti risponde col silenzio… meglio stargli alla larga.

Ci sono quel­le per­so­ne che tu fai una doman­da… e loro non ti rispon­do­no; li chia­mi… e non ti rispon­do­no; gli scri­vi… e non ti rispon­do­no. Alcu­ni sono sor­di e vab­bè non è col­pa loro. Altri sono idio­ti e vab­bè anco­ra… non è col­pa loro.

Poi ci sono quel­li che si pren­do­no il tem­po per rispon­de­re: qual­che minu­to, qual­che ora maga­ri o qual­che gior­no… ma pri­ma o poi qual­co­sa te lo dico­no. Per­so­ne che usa­no il cer­vel­lo di soli­to, maga­ri un po’ len­ta­men­te, d’ac­cor­do, però nel­la gran par­te si trat­ta vera­men­te di un silen­zio costrut­ti­vo, che uno si pren­de per pen­sa­re (il che è solo segno di equi­li­brio, di que­sti tem­pi dav­ve­ro dif­fi­ci­li) e che pri­ma o poi interrompe.

E poi c’è la cate­go­ria di quel­li che non ti caga­no di stri­scio. Nien­te, nada, nicht, no way. E non si par­la di gen­te con l’Al­z­hei­mer che quin­di si dimen­ti­ca del­la tua doman­da: no. Par­lia­mo di una cate­go­ria di gen­te che non ti rispon­de pro­prio: ne con le paro­le, ne con i fat­ti. E non per un perio­do defi­ni­to: non ti rispon­de e basta. Ecco, da que­sti è meglio sta­re alla larga.

Si, per­chè se rispon­di col silen­zio i casi sono tre: o non hai il corag­gio di rispon­de­re del­le tue azio­ni, o non te ne fre­ga un caz­zo di quel­lo che pro­du­ci negli altri oppu­re sai esat­ta­men­te quel­lo che pro­du­ci e lo fai apposta.

Il silen­zio in rispo­sta ad una doman­da o ad una richie­sta di con­tat­to pro­du­ce un vuo­to che, non poten­do esse­re riem­pi­to da rispo­ste ogget­ti­ve, vie­ne ine­vi­ta­bil­men­te satu­ra­to dai dub­bi di chi ti ha posto la doman­da. E’ lo scher­mo vuo­to del cine­ma men­ta­le del mal­ca­pi­ta­to, il qua­le non potrà fare a meno di gira­re in ton­do come un pirla.

E se tu pro­du­ci que­sta cosa in modo con­sa­pe­vo­le allo­ra vuol dire dav­ve­ro che nel­la tua testa c’è qual­co­sa che non fun­zio­na. O hai trop­pa pau­ra del­le rea­zio­ni del­l’al­tro, o ti repu­ti così supe­rio­re da non dover rispon­de­re, o vuoi pro­dur­re qualcosa.

E’ vero: tut­ti abbia­mo il dirit­to di non rispon­de­re ad una doman­da. Ma non nel­l’am­bi­to di un rap­por­to uma­no, di ami­ci­zia o di sem­pli­ce fre­quen­ta­zio­ne, quan­do la richie­sta rap­pre­sen­ta qual­co­sa di impor­tan­te, maga­ri anche solo per chi la pone. In que­sto caso la rispo­sta non è solo un dove­re, è un obbligo.

A que­sto pun­to è ovvio che un silen­zio può ave­re solo tre motivazioni.

La pri­ma: sai che la rispo­sta feri­rà la per­so­na, oppu­re pro­dur­rà una rea­zio­ne spiacevole.

C’è modo e modo di rispon­de­re e per quan­to dif­fi­ci­le pos­sa esse­re, una rispo­sta pri­ma o poi la devi dare. E la rea­zio­ne spia­ce­vo­le ci sarà comun­que pri­ma o poi, anche con il silen­zio. Quin­di del­le due l’u­na: o sei un vigliac­co o sei un cre­ti­no. Meglio star­ti alla larga.

La secon­da: ti ritie­ni trop­po supe­rio­re, o estra­neo, o in dirit­to di far­ti i caz­zi tuoi e sbat­ter­te­ne di quel­lo che acca­de all’altro.

Allo­ra il rap­por­to uma­no di cui sopra non esi­ste più oppu­re non è mai esi­sti­to, oppu­re i ter­mi­ni sono cam­bia­ti. Meglio star­ti alla larga.

La ter­za: vuoi otte­ne­re qual­co­sa con il tuo silenzio.

Se vuoi qual­co­sa e non lo chie­di allo­ra hai dei pia­ni, uno sco­po che per qual­che moti­vo non vuoi far sape­re. Nel miglio­re dei casi può dar­si che tu abbia dei moti­vi one­sti per fare que­sto ma par­lia­mo­ci chia­ro: qua­l’è la pro­ba­bi­li­tà che i tuoi sco­pi sia­no dav­ve­ro anno­ve­ra­bi­li come tali? Bas­sa, mol­to bas­sa. Quin­di… Meglio star­ti alla larga.

Alla fine del­la fie­ra, se qual­cu­no ti rispon­de trop­po col silen­zio in assen­za di giu­sti­fi­ca­ti moti­vi… meglio star­gli alla larga.

E’ una que­stio­ne di sopravvivenza.

Con­di­vi­di

31 Comments

  1. Roberto Rini ha detto:

    asso­lu­ta­men­te d’accordo..però ad un cer­to pun­to le cose diven­ta­no sem­pli­ci. par­la­vo di que­sto fat­to con un’a­mi­ca in que­sti gior­ni… il silen­zio all’i­ni­zio si amman­ta di cari­sma e sin­to­ma­ti­co miste­ro, ma dopo la pri­ma, la secon­da, la ter­za non risposta…ecco che arri­va l’e­vi­den­za zen: non vuo­le rispon­der­ti ! chia­ro e sem­pli­ce (a meno che non ci sia sta­to un inci­den­te mortale,uno tsu­na­mi, le caval­let­te di belu­shia­na memoria…il chè è sta­ti­sti­ca­men­te raro). Det­to ciò, non c’è silen­zio che non si curi con un sano e libe­ra­to­rio Vaffanculo 🙂

  2. Liza ha detto:

    Ciao a tut­ti, lascio umil­men­te il mio com­men­to, maga­ri anche non apprezzabile.
    E’ da nota­re secon­do me che se non comu­ni­ca­re median­te paro­le fos­se sem­pli­ce far nul­la, un chè di inno­quo, non avre­ste aper­to que­sta discussione…vorrei difen­de­re il dirit­to a non esse­re capi­ti, a non esse­re cono­sciu­ti, a difen­der­si sem­pli­ce­men­te sco­stan­do­si di quel poco che ti con­sen­ta di non subi­re la pre­po­ten­za di chi par­lan­do fa tan­ta con­fu­sio­ne e mani­fe­sta incoe­ren­za, caos insomma !
    Chi ama rispon­de­re come me con silen­zio asso­lu­to !!! vuo­le mol­te vol­te solo lascia­re che quel caos rieccheggi !!!
    La cru­del­tà o stron­zag­gi­ne è nel­la pre­po­ten­te vio­len­za di chi non misu­ra la for­za !!! Se tu segui costo­ro rispon­den­do e non ti fer­mi in un sacro­san­to silenzio…contribuisci a gene­re­re una valan­ga da cui ver­rai travolto!!!!
    Non a caso in mon­ta­gna lo con­si­glia­no in silenzio!!!
    Liza

    • Livia ha detto:

      Biso­gna anche ave­re il dub­bio che ciò che noi chia­mia­mo incoe­ren­za del­l’al­tro, non sia inve­ce altro che la nostra inca­pa­ci­tà di capi­re rifles­sa su di lui. A mio pare­re una rispo­sta, maga­ri con­ci­sa, maga­ri pren­den­do tem­po si può e si deve dare. Solo il dia­lo­go sin­ce­ro ed ogget­ti­vo può costrui­re rap­por­ti uma­ni e far crescere.

    • claudia ha detto:

      pos­so capi­re il tuo pun­to di vista se ogni tan­to sce­gli il silen­zio, ma se il silen­zio è l’u­ni­ca rispo­sta de dai, allo­ra c’è qual­co­sa che non và secon­do me, for­se pen­si di esse­re supe­rio­re un po’ trop­po spesso?

    • Marco ha detto:

      “Il dirit­to a non esse­re capi­ti” mi sa mol­to di para­cu­li, ma al di là di que­sta mia con­si­de­ra­zio­ne, mi poa­ce­reb­be se è reci­pro­co o meno, in quan­to dal­la mia espe­rien­za ho riscon­tra­to che spes­so (per non dire sem­pre) chi ritie­ne di ave­re il dirit­to di non rispon­de­re ad una doman­da spes­so non con­ce­de tale dirit­to agli altri. Que­sto per­ché, ten­den­zial­men­te, chi non rispon­de alle doman­de altrui, al con­tra­rio non sop­por­ta che non si rispon­de alle sue, qua­si come se il dirit­to sia unilaterale.
      “…chi par­lan­do fa tan­ta con­fu­sio­ne e mani­fe­sta incoe­ren­za” non ho ben capi­to che cosa c’entri il por­re doman­de con il par­la­re tan­to per­ché si può tran­quil­la­men­te por­re una doman­da e sta­re zit­ti per tut­to il resto del tem­po. Quin­di dedu­co che ho ragio­ne a defi­nir­vi un poco para­cu­li. Per giu­sti­fi­ca­re il vostro non voler rispon­de­re tira­re in bal­lo il par­la­re trop­po che non c’entra nul­la. Potrei par­la­re per ore sen­za mai por­ti una doman­da, oppu­re potrei por­ti una doman­da e poi sta­re zit­to per ore. Anche la cita­zio­ne dell’incoerenza non l’ho capi­ta per­ché anch’essa non pre­clu­de che vi sia­no lun­ghi discor­si o doman­de. Pos­so esse­re incoe­ren­te anche sen­za por­re doman­de, pos­so esse­re incoe­ren­te anche sen­za par­la­re per ore, pos­so esse­re incoe­ren­te per­si­no stan­do in silen­zio. Se poi tu nel­la tua vita hai incon­tra­to per­so­ne che face­va­no trop­pe doman­de, par­la­va­no trop­po ed era­no pure incoe­ren­ti, allo­ra sei sta­ta o sfi­ga­ta o poco sve­glia, per­ché io non le ho mai incon­tra­te, maga­ri ho incon­tra­to imbe­cil­li, ma era­no imbe­cil­li a pre­scin­de­re dal nume­ro di doman­de e paro­le. L’educazione con­si­ste nel­la reci­pro­ci­tà del rispet­to. Dun­que esat­ta­men­te come non è cor­ret­to svol­ge­re inter­ro­ga­to­ri, non è altret­tan­to cor­ret­to non rispon­de­re a doman­de (se non ecces­si­ve, inva­den­ti, pri­va­te etc…). Non si può pre­ten­de­re di “tra­vol­ge­re” gli altri con doman­de o dub­bi, ma non si può nem­me­no pre­ten­de­re di “tra­vol­ge­re” coi pro­pri egoi­sti­ci silen­zi. Chi desi­de­ra fare inter­ro­ga­to­ri sareb­be bene che faces­se un con­cor­so per magi­stra­ti e vice­ver­sa chi ama sta­re in silen­zio sareb­be bene che si iso­las­se dal mon­do così nes­su­no avrà più la “cat­ti­ve­ria” di rivol­ger­gli una domanda.

  3. Patrizia ha detto:

    Con­di­vi­do tut­to quel­lo che hai scrit­to e ti rin­gra­zio di aver­lo scritto.
    Vor­rei aggiun­ge­re che a vol­te sap­pia­mo benis­si­mo che quel­le per­so­ne non ci rispon­de­ran­no o se lo faran­no, sara’ stan­ca­men­te e for­se nem­me­no a noi inte­res­sa­no par­ti­co­lar­men­te ma per soli­tu­di­ne o per qual­che altro moti­vo ci osti­nia­mo a scri­ve­re loro, for­se anche noi dovrem­mo esse­re meno rigi­di e impa­ra­re a fre­gar­ce­ne un po’.. a me non rie­sce pero’ 🙂

  4. Fabio ha detto:

    Con­cor­do .….meglio sta­re alla lar­ga …e con­cor­do anche che un bel” sono­ro vaf­fan­cu­lo” ..sareb­be liberatorio!!!

  5. Zelda ha detto:

    Bel­lis­si­mo arti­co­lo, che con­di­vi­do in pie­no. La cosa dif­fi­ci­le tut­ta­via è riu­sci­re a sta­re alla lar­ga da deter­mi­na­te per­so­ne… nel mio caso, si trat­ta di una per­so­na con la qua­le pri­ma ave­vo un bel­lis­si­mo rap­por­to e che all’im­prov­vi­so mi ha vol­ta­to le spal­le e mi ha allon­ta­na­ta sen­za alcun moti­vo. Il suo silen­zio è ed è sta­ta cau­sa del­la nevro­si che vivo. Sof­fro per­ché non me lo spie­go, per­ché non avrei mai pen­sa­to che si fos­se arri­va­ti a que­sto pun­to. Mi addo­lo­ra anche che la cosa resti impunita.

    • Antonio ha detto:

      Que­sta testi­mo­nian­za ricor­da esat­ta­men­te il mio caso:ci sto snco­ra pen­san­do coda mai potrei aver­le fat­to per­chr’ la tipa con cui era­va­mo rima­sti in reci­pro­ca sti­ma si sia com­por­ta­ta cosi come han­no fat­to con te.Sicuramente fin­ge­va amicizia.E inol­tre in quez­ti casi c’en­tra la ZIZZANIA di qual­che mala­lin­gua invi­dio­sa o sen­za scrupoli.Quasi sicuro..!

  6. Go ha detto:

    Tut­to con­di­vi­si­bi­le; io sono quel­lo che inve­ce rispon­de sem­pre e in tem­pi bre­vi alle mail / sms, sia pro­fes­sio­na­li che per­so­na­li. Anche con un sem­pli­ce “ok, visto, gra­zie”, ma non lascio mai il mio inter­lo­cu­to­re sen­za rispo­sta. La riten­go una for­ma di rispet­to. E non è che sia poi così libe­ro da impegni…però 10 secon­di per scri­ve­re ad una per­so­na ami­ca “ciao stai bene?” li tro­vo sem­pre. Sono anche quel­lo che si fa sem­pre sen­ti­re per pri­mo, che si ricor­da dei com­plean­ni, che arri­va al lavo­ro col sor­ri­so. Non mi sem­bra di esse­re così “spe­cia­le” …eppu­re ven­go visto come un “mar­zia­no”, come uno che “così non ce n’è più”, ecc. Sem­pli­ce­men­te trat­to gli altri come vor­rei esse­re trat­ta­to io, anche se que­sto non mi garan­ti­sce reci­pro­ci­tà, anzi…però pre­fe­ri­sco rischia­re delu­sio­ni ed esse­re me stes­so, piut­to­sto che uni­for­mar­mi al gri­gio­re gene­ra­le per­ché “tan­to il mon­do va così”. Chi non si fa mai sen­ti­re è uno che vive nel­la tri­stez­za, nell’eterna mai con­ten­tez­za, pur aven­do maga­ri tut­to. E but­ta via gran par­te del­la sua vita. Sba­glia, a vol­te sapen­do di sba­glia­re. Un saluto!

    • Amina ha detto:

      Bra­vis­si­mo, con­cor­do con il tuo pensiero !

      Que­sto arti­co­lo , fa capi­re tan­te cose e aiu­ta a vede­re e capi­re TNT doman­de e dub­bi! Merci

  7. Francesco giggio ha detto:

    Devi vive­re in un luo­go dove ogni 3 per­so­ne, 1 è un delin­quen­te, 1 è un con­fi­den­te­di poli­zia ed 1 è one­sta e rischia costan­te­men­te di esse­re mes­sa in mez­zo. Poi com­pren­de­rai come ti scap­pa l’i­stin­to del­la cortesia

    • Francesco Franz Amato ha detto:

      Su que­sto non ho il ben­ché mini­mo dub­bio… i casi par­ti­co­la­ri ovvia­men­te fan­no testo a parte…

  8. Ste ha detto:

    Quan­do si dice “capi­ta a fagio­lo”. È sta­to prov­vi­den­zia­le imbat­ter­si in que­sto testo. Ho det­to ad una per­so­na con cui c’e­ra sta­to un fee­ling par­ti­co­la­re (reci­pro­co ) che ave­vo voglia di cono­scer­lo e di far­mi cono­sce­re (lun­gi da me da usa­re paro­le roman­ti­che. Io dav­ve­ro vole­vo solo cono­scer­lo) e l’ho fat­to con una let­te­ra sim­pa­ti­cis­si­ma. L’u­ni­ca rispo­sta che ho avu­to è sta­ta “buon nata­le “. Le rispo­ste pote­va­no esse­re mol­te­pli­ci ” si no for­se non so non ora non me la sen­to ci devo pen­sa­re hai visto male” tut­to ma non buon nata­le! Che caz­zo signi­fi­ca? Ed era la pri­ma vol­ta che mi scri­ve­va, il gior­no che ha let­to la let­te­ra. A me sta­va bene anche un no. Quel­lo che non vole­vo era la non rispo­sta per­ché logo­ra e ti fa sen­ti­re una nul­li­tà. Io pre­fe­ri­sco dire le cose, comu­ni­ca­re ciò che sen­to ma mi ren­do con­to che ciò spa­ven­ta e spes­so fa stra­no per­ché si è abi­tua­ti a non comu­ni­ca­re ormai. Ci sia­mo rivi­sti e il fee­ling c’e­ra anco­ra. Ma nes­su­na rispo­sta. Non mi ha mai cer­ca­ta. Rispon­de se gli scri­vo (rara­men­te) ma non ha mai toc­ca­to l’ar­go­men­to. È sta­to un mese in cui ne ho fat­ti di km a gira­re come un pir­la. Dub­bi, pip­pe men­ta­li, distru­zio­ne del­l’au­to­sti­ma, pian­ti, sto­ma­co chiu­so e tera­pia e gen­te che mi dice anche che non biso­gna dire quel­lo che si pro­va, che ho sba­glia­to. Ieri sono rin­sa­vi­ta. Sono con­ten­ta di esse­re in gra­do di comu­ni­ca­re quel­lo che sen­to, il pro­ble­ma non è il mio ma il suo. Mi rispet­to. E se lui non ha rispet­to per me e per il pros­si­mo non vale la pena. Un no non fa male, il silen­zio ammaz­za e un vaf­fan­cu­lo è liberatorio.

    • Franz ha detto:

      Ciao Ste, qui più che silen­zio è direi un mar­ca­to quan­to espres­so disin­te­res­se. Non è silen­zio anche se gli si avvi­ci­na parec­chio. Vaf­fan­cu­lo libe­ra­to­rio deci­sa­men­te neces­sa­rio. Più per te che per l’al­tra parte.

      Comun­que nel post il silen­zio descrit­to è quel­lo del­le per­so­ne che pro­prio spa­ri­sco­no del tut­to, sen­za un moti­vo e sen­za pre­av­vi­so (anche se maga­ri poi dopo mesi o set­ti­ma­ne han­no pure la fac­cia tosta di ripresentarsi…).

      Come è acca­du­to a me diver­se vol­te, l’ul­ti­ma poche set­ti­ma­ne fa… meglio sta­re alla lar­ga e, si: un vaf­fan­cu­lo è deci­sa­men­te liberatorio!

      • Ste ha detto:

        Gra­zie mil­le per la rispo­sta! E si, con­cor­do pie­na­men­te con te sul disin­te­res­se. Ma basta­va rispon­de­re no ???? anche lui è spa­ri­to a meno che le dina­mi­che di grup­po non ci por­ti­no a veder­ci e in quel­le situa­zio­ni ha con­ti­nua­to a dimo­stra­re inte­res­se in modo total­men­te incon­gruen­te con il suo silen­zio e la sua non rispo­sta. La rispo­sta me la sono data da sola ed è un no chè a cer­ca­re di capi­re l’in­coe­ren­za si diven­ta mat­ti. Gra­zie anco­ra per la risposta!

    • Francesco Franz Amato ha detto:

      Ecco!

  9. LAURA ha detto:

    Oggi mi è sta­to scrit­to su chat: chia­ma­mi quan­do vuoi da una per­so­na a cui ieri tele­fo­ni­ca­men­te ieri non ho volu­ta­men­te risposto.Gli ho piaz­za­to un pol­li­cio­ne ma non chia­me­rò per­ché mi sen­to feri­ta e non mi va di par­lar­gli, capirebbe…preferisco tace­re e cono­scen­do­mi ( abbia­mo una gran­de comu­ni­ca­zio­ne ver­ba­le) capi­rà che non lo voglio con­tat­ta­re e può pen­sa­re ciò che vuo­le …maga­ri che ho qual­co­sa di meglio da fare .…l indif­fe­ren­za è il rega­lo che gli fac­cio per i suoi atteg­gia­men­ti ambigui.Il silenzio.

    • Amy ha detto:

      Infat­ti fai bene … guar­da mi sta capi­tan­do lo stes­so , nel sen­so sn qua­si un mese di silen­zio dp un anno di rela­zio­ne, fa male , por­ta dub­bi, doman­de sen­za rispo­sta è males­se­re. Ho pro­va­to X 4 gior­ni a chia­mar­lo e capi­re il xke .. dicen­do che il dia­lo­go e più ulti­me Dl silen­zio qual­sia­si esso sia , ma natu­ral­men­te anche li nes­su­na rispo­sta. Sco­pro di esse­re incin­ta gli scri­vo per avvi­sar­lo Dl fat­to e anche li silen­zio tota­le e cre­de­te­mi fa trop­po male .
      Ho pre­so la mia deci­sio­ne di non chia­mar­lo mai più ‚evi­to tut­ti i luo­ghi che fre­quen­ta lui . , La for­za e sta­ta quel­la di leg­ge­re mol­to sul­le stra­te­gie men­ta­li, su que­sta situa­zio­ne di silen­zio X casti­ga­re e tan­te cose , cm e sta­to fan­ta­sti­co tro­var­mi su que­sto sito .. wow mi sen­to anco­ra più for­te e deter­mi­na­ta, non è sta­to faci­le e ne sem­pli­ce quan­do c’è un sen­ti­men­to e vie­ne cal­pe­sta­to cose se nul­la fos­se e un bel rospo da man­dar giù ! Ma gra­zie a voi e a tan­te info che ho let­to sn ok .. un Sano VAFANCULO CI STA ALLA GRANDE ! Quin­di caro mia .. ho inte­so che l’in­dif­fe­ren­za è l’u­ni­ca arma d addot­ta­te con chi usa il silen­zio .. pagar­lo con la stes­sa sua mone­ta ! In boc­ca lupo a tutti ????

      • Franz ha detto:

        Gra­zie del pas­sag­gio e del com­men­to! In boc­ca al lupo anche a te!

  10. Roberta ha detto:

    Ciao ‚io per esem­pio ho invia­to una e‑mail ad un ex com­pa­gno di scuola,per com­pli­men­tar­mi con lui che ha aper­to un’attivita’.Certo sono pas­sa­ti tan­tis­si­mi anni,pero’penso che alme­no un gra­zie sareb­be sta­to un gesto di cortesia,a me fareb­be pia­ce­re rice­ve­re un mes­sag­gio da una per­so­na che non sen­to da tanto..Penso pro­prio che anche qui il fati­d­co vaf­fan­cu­lo ci stia ????Gra­zie!

  11. PAOLA ha detto:

    Sì l indif­fe­ren­za ver­so cer­te per­so­ne alfa domi­nan­ti ci sta.Io li dete­sto gli alfa eppu­re il mon­do do dico­no sia fat­to di alfa e beta.Secondo me sono anal­fa­be­ti di inti­mi­tà pas­sio­ne e impe­gno ver­so il prossimo

  12. Antonio ha detto:

    Vor­rei com­men­ta­re dicen­do che, sono anni che chie­do scu­sa ad una mia ex ragaz­za, sem­pli­ce scu­se det­ta­te dal cuo­re per un mio com­por­ta­men­to in pas­sa­to, tan­ti mes­sag­gi visua­liz­za­ti, let­ti, ma nes­su­na rispo­sta. Sono pas­sa­ti anni, e ritro­var­la su un social mi ha emo­zio­na­to, e mi sono sen­ti­to in dove­re di far­lo per­ché ci ten­go. Cre­de­te­mi l’ho fat­to sen­za nul­la pre­ten­de­re, vole­vo solo mi per­do­nas­se. Ma nien­te tutt’ora. Mi dite qual­co­sa? Grazie.

    • Franz ha detto:

      Cosa vuoi che ti dica? ti riba­di­sco il tito­lo “stai alla lar­ga da chi rispon­de col silen­zio”. In que­sto caso, non coper­to dal con­te­nu­to del post, più che altro per­chè mi pare evi­den­te che quel­la per­so­na non desi­de­ra rispon­der­ti e non è che noi si abbia sem­pre il dirit­to di ave­re una risposta.…

  13. Kim89 ha detto:

    Dopo qua­di due anni di rela­zio­ne a distan­za il mio lui si defi­la nel nul­la, que­sto per­ché per l’en­ne­si­ma vol­ta dopo ave­re pro­mes­so gran­di cam­bia­men­ti, nuo­vi sce­na­ri in un ipo­te­ti­co futu­ro insie­me lui si amma­la di un brut­to raf­fred­do­re che lo costrin­ge a non usa­re il tele­fo­no tan­to è con­ta­gio­so! Infat­ti il pir­la è miste­rio­sa­men­te scom­par­so da una set­ti­ma­na. Le ulti­me paro­le sono sta­te: sono a let­to con un brut­to virus, quan­do sta­rò meglio ti scri­vo. Da allo­ra silen­zio!!!! Che ne pensate?

  14. Fra ha detto:

    Con­di­vi­do a pie­no tut­to ciò che è scritto.
    Non biso­gna per­de­re tem­po a capi­re il moti­vo per cui la per­so­na ti igno­ra, meglio allo­ra ripa­gar­la con la sua stes­sa mone­ta anche se ciò farà sof­fri­re per un po’.
    Que­sta cosa mi è appe­na suc­ces­sa con un’a­mi­ca con la qua­le ho par­la­to ieri sera su Insta­gram, ogni vol­ta che com­men­ta­vo le sue foto non rispon­de­va mai, nean­che un “gra­zie”, però rispon­de­va a tut­ti e usa la scu­sa del “non ave­re tem­po per rispon­de­re” e quel­la di “non saper usa­re le app”… cer­to, come no.
    Vole­vo par­ti­re con qual­co­sa di paci­fi­co, ma sic­co­me lei mi dice­va solo bugie (l’u­ni­ca “veri­tà” che le ave­vo det­to era sta­ta quel­la di “dif­fa­mar­la” su un altro social, ovve­ro che lei mi ave­va bul­liz­za­ta e insul­ta­ta, io inve­ce ave­vo scrit­to solo che mi igno­ra­va e che ciò mi dava fasti­dio… sì, ho fat­to del­le cose un po’ estre­me nel pas­sa­to) allo­ra le ho dato libe­ra­men­te del­la male­du­ca­ta e le ho pure chie­sto di met­ter­si nei miei pan­ni. Nien­te, a lei non glie­ne fre­ga nien­te, fa par­te del carat­te­re suo (così dice) e a quel pun­to le ho det­to que­sto “Bra­va, con­ti­nua pure ad igno­rar­mi, ma sap­pi che ciò che stai facen­do è sba­glia­to in tut­ti i sen­si. Que­sto, a casa mia, si chia­ma “male­du­ca­zio­ne”. Addio” e l’ho bloccata.
    Da que­sto ho impa­ra­to una cosa: igno­ra quan­do sei igno­ra­to. E soprat­tut­to evi­ta­te di pen­sa­re trop­po al pas­sa­to degli altri, per­ché ciò ci farà sen­ti­re solo male e non ci per­met­te­rà di aprir­ci la men­te. (que­sta mi igno­ra­va per una cosa fat­ta IN PASSATO, bah)
    E nien­te, mi sono un po’ sfo­ga­ta qui… ne ave­vo biso­gno. Ora cre­do di sta­re un po’ meglio, ma ci vor­rà un po’ per fre­gar­me­ne com­ple­ta­men­te di que­sta persona.
    Fra

  15. Marco ha detto:

    Vedo sopra quan­to scritto