>

Da pensiero lucido: rilassarsi dopo i 40

La nostra vita cam­bia con il tra­scor­re­re del tem­po: impe­gni in fami­glia, al lavo­ro, in casa… alla fine diven­ta un tur­bi­ne di azio­ni rivol­te ad altri, gene­ra­te dal dove­re, da ciò che la socie­tà si aspet­ta da noi. Una pri­gio­ne da cui, a vol­te, sem­bra impos­si­bi­le usci­re, anche per­chè si gene­ra un’as­sue­fa­zio­ne a tut­to ciò, cui segue inva­ria­bil­men­te una dipendenza.

Alla fine sia­mo impri­gio­na­ti ad un tale livel­lo che per sop­por­tar­lo fac­cia­mo fin­ta che ci piac­cia, che sia esat­ta­men­te la vita che vole­va­mo vivere.

Solo che non è vero e que­sto gene­ra più dan­ni di quan­to non si pen­si. Rilas­sar­si: paro­la chia­ve che dopo i 40 anni sem­bra per­de­re com­ple­ta­men­te signi­fi­ca­to. Eppu­re si può… anzi, si deve!

Leg­gi l’arti­co­lo sul blog di Pen­sie­ro Lucido

Con­di­vi­di