>

Ammazzati di cioccolato responsabilmente

Entri nel super­mer­ca­to… ormai è un’ap­pun­ta­men­to fis­so: è da tre mesi che il panet­to­ne al cioc­co­la­to fa bel­la mostra di sé su quel­lo scaf­fa­le. E tu, che tre mesi fa ti chie­de­vi che caz­zo ci faces­se un panet­to­ne al cioc­co­la­to in Otto­bre, ades­so capi­sci: è sem­pre la stes­sa, è lo spec­chiet­to per le allodole.

Tre mesi pri­ma di Nata­le e ti sta­va­no già facen­do ingras­sa­re al solo pen­sie­ro. A Nata­le DEVI man­gia­re. E’ vie­ta­to dal­la leg­ge star­se­ne tran­quil­li ma, soprat­tut­to, devi ucci­der­ti di cioccolato.

In tut­te le sue for­me: cioc­co­la­ti­ni, ovet­ti e coni­gliet­ti, panet­to­ni e tavo­let­te. La for­ma non con­ta, “el cicù­làtt”, come lo chia­ma­no a Mila­no, non può man­ca­re in tavo­la ma soprat­tut­to non deve man­ca­re in bocca.

Eh, no! E poi, caz­zo, se non lo man­gi a Nata­le quan­do lo man­gi? E ‘sti­caz­zi.… stà sul­lo scaf­fa­le da Otto­bre… vuoi che nes­su­no abbia cedu­to alla ten­ta­zio­ne? No, infat­ti… è da otto­bre che la bili­ru­bi­na del­l’i­ta­lia­no medio è in sali­ta costan­te, ripi­da, secon­do una cur­va che ricor­da stra­na­men­te l’ar­ne­se di Roc­co Siffredi.

Un bom­bar­da­men­to di libi­di­ne che ini­zia tre mesi pri­ma e non si fer­ma nep­pu­re dopo capo­dan­no, quan­do ti bec­chi tut­ti (ma dico tut­ti) i resi­dua­ti bel­li­ci, è pro­prio il caso di dir­lo, inven­du­ti: panet­to­ni, pan­do­ri (ma “pan­do­ro” è maschi­le, fem­mi­ni­le o neu­tro? Pren­de­rà il plu­ra­le? Mah…). L’in­du­stria del­lo zuc­che­ro non cono­sce limi­ti ne soste.

Il dia­be­te nep­pu­re, anzi, ci va a noz­ze. Però poi crea­no le com­mis­sio­ni di stu­dio per capi­re come mai sia in aumen­to. E la cic­cia? Voglia­mo dimen­ti­car­ci del­la trip­pa, i roto­li­ni amo­ro­si davan­ti di fian­co e dietro?

Pri­ma ti fan­no com­pra­re e man­gia­re di tut­to, poi ti dico­no che fai schi­fo per­chè sei obeso.

Già, così pri­ma ti ven­do­no un quin­ta­le di pasta, e dopo una mon­ta­gna di far­ma­ci per curarti.

E allo­ra, ‘sto panet­to­ne? Te lo fai o no?

Dam­mi ret­ta: ammaz­za­ti di cioc­co­la­to responsabilmente!

Con­di­vi­di