>

I Sussurri del Lama: coltivare la bellezza interiore

La men­te è costan­te­men­te inva­sa da cose brut­te; nega­ti­vi­tà, vio­len­za, sen­ti­men­ti bas­si e visio­ni super­fi­cia­li che costan­te­men­te abbat­to­no la bel­lez­za intrin­se­ca del­l’es­se­re umano.

Il Bud­d­ha ha mol­to insi­sti­to nel suo inse­gna­men­to pro­prio sul­l’a­spet­to del­la bel­lez­za da col­ti­va­re sem­pre e comun­que, con una costan­te sor­ve­glian­za sugli istin­ti e sul­le leg­gi che ten­do­no per com­pi­to a tra­sci­na­re l’es­se­re uma­no ver­so il basso.

Per oppor­si a que­sta che per l’uo­mo è ten­den­za con­na­tu­ra­ta occor­re nutrir­si di quel­le vir­tù che ad essa natu­ral­men­te si oppon­go­no; armo­nia, bel­lez­za, giu­stez­za e nobiltà.

L’uo­mo che si nutre di sen­ti­men­ti non nobi­li, atti­re­rà sen­ti­men­ti pari­men­ti igno­bi­li, che lo por­te­ran­no sem­pre di più nel­la loro dimensione.

Al pari del­l’uo­mo stol­to che si cir­con­da di stol­ti, i sen­ti­men­ti igno­bi­li si cir­con­da­no di loro pari.

Ma noi abbia­mo una for­tu­na; quel­la di poter­ci accor­ge­re del­la dire­zio­ne pre­sa dal nostro cuo­re e, se sba­glia­ta, inter­ve­ni­re ripor­tan­do­la nel­la giu­sta via.

Vi sono diver­si modi di com­pie­re que­sto: ad esem­pio con la col­ti­va­zio­ne dei pen­sie­ri dei sag­gi del pas­sa­to. Chi pri­ma di noi ha già pen­sa­to in modo ret­to ci offre gran­di spun­ti su cui fis­sa­re il nostro pen­sie­ro in modo che atten­ga sem­pre i valo­ri più ele­va­ti. O anco­ra, con­tem­pla­re a lun­go imma­gi­ni di pace, armo­nia e bel­lez­za, por­tan­do­le spes­so davan­ti agli occhi anche nel­lo scher­mo del­la memoria.

Anche a que­sto attie­ne il ret­to pen­sa­re del­l’ot­tu­pli­ce sen­tie­ro: alla costan­te sor­ve­glian­za sui pen­sie­ri in modo che con­flui­sca­no nel­la dire­zio­ne corretta.

Anche se a vol­te i nostri pen­sie­ri ci sfug­go­no, dob­bia­mo accor­ger­ce­ne e ripor­tar­li in riga; dob­bia­mo crea­re den­tro di noi un cane da pasto­re che, in assen­za del pro­prie­ta­rio del greg­ge, man­ten­ga i pen­sie­ri assie­me in mar­cia ver­so la dire­zio­ne voluta.

Que­sto signi­fi­ca, in fon­do, col­ti­va­re la bel­lez­za inte­rio­re: crea­re una pre­sen­za che non dero­ghi mai da ciò che è armo­nia, bel­lez­za, giu­stez­za e nobiltà

Con­di­vi­di

4 Comments

  1. maurizio ha detto:

    augu­ro a tut­ti noi“di “sve­gliar­ci” un gior­no, e “sen­ti­re” che que­ste sag­gi e“reali“parole,siano par­te stes­sa del nostro“meraviglioso“presente! :loveyes: :bye: :bye: :bye: franz.

  2. annnnn ha detto:

    :bye: Gra­zie !! Lama scri­vi­ci qual­co­sa anco­ra sul­la tua storia.….perchè non scri­vi un’au­to­bio­gra­fia? sono bel­lis­si­mi i tuoi articoli.…

    • LamaT ha detto:

      Dear Annnnn… my sto­ry isn’t real­ly impor­tant. Only life is. And my life, well, a part of it, is exac­tly what I share with you on this site. You know, I am almo­st 80 now and I have lived lots of years that real­ly could not be of inte­re­st for anyo­ne except for myself. And belie­ve me if I say that of many of tho­se years I real­ly could­n’t care less about. But I am doing my best to share what I think has been use­ful for me and my rea­li­za­tion with peo­ple and rea­ders from this blog.
      I must beg your par­don for my sel­fi­sh­ness but I think this is enough.
      God Bless You!

  3. sandra ha detto:

    E que­ste sono già paro­le che van­no in quel­la dire­zio­ne e sti­mo­la­no il ricor­do di ciò che è già den­tro di noi, gra­zie di cuo­re 😉 :mum­ble: 😉