>

Capitan America il primo vendicatore: pura tradizione Marvel

L’ho visto in 2D que­sta vol­ta (non mi fac­cio più fre­ga­re) e cre­do pro­prio di aver fat­to la scel­ta giusta.

Ste­ve Rogers, ragaz­zo gra­ci­le e un po’ rachi­ti­co, ma con la sta­tu­ra mora­le del­l’e­roe, vede poten­zia­te tut­te le sue doti fisi­che, mora­li ed intel­let­tua­li, gra­zie al “sie­ro del super- soldato”.

In que­sto film vie­ne nar­ra­ta l’o­ri­gi­ne del pri­mo ven­di­ca­to­re, il colos­so di tut­ti i super eroi, che vede la nasci­ta del­la pro­pria leg­gen­da duran­te la secon­da guer­ra mon­dia­le, come rea­zio­ne del­la ricer­ca scien­ti­fi­ca bel­li­ca ame­ri­ca­na ai ten­ta­ti­vi di Hitler nel­lo stes­so cam­po e che si scon­tre­rà con il Teschio Ros­so, orri­da tra­sfor­ma­zio­ne di un uomo in super cri­mi­na­le a cau­sa di una ver­sio­ne spe­ri­men­ta­le del­lo stes­so sie­ro, che diver­rà il suo nemi­co giurato.

Ho tro­va­to lo spet­ta­co­lo dav­ve­ro enco­mia­bi­le sot­to diver­si pun­ti di vista; l’a­de­ren­za alla sto­ria ori­gi­na­le, tan­to per ini­zia­re, pro­ba­bil­men­te anche gra­zie alla pre­sen­za di Stan Lee nel­la pro­du­zio­ne esecutiva.

La sce­no­gra­fia è sem­pli­ce­men­te gran­dio­sa, con uno sfor­zo imma­gi­na­ti­vo enor­me per ren­de­re cre­di­bi­le una super tec­no­lo­gia che deve gio­co­for­za esse­re ambien­ta­ta negli anni ’40, con una gros­sa ricer­ca nel­la rico­stru­zio­ne di ogni gene­re di mez­zo coraz­za­to o volan­te, attin­gen­do a pie­ne mani da tut­ti quei pro­get­ti spe­ri­men­ta­li che, per for­tu­na, non vide­ro mai la luce.

Anche i costu­mi sono sta­ti rea­liz­za­ti con note­vo­le raf­fi­na­tez­za e atten­zio­ne qua­si mania­ca­le ai particolari.

Buo­na la reci­ta­zio­ne (men­zio­ne spe­cia­le, ovvia­men­te, per quel colos­so di Tom­my Lee Jones), otti­mo rit­mo e colon­na sono­ra decen­te, anche se un po’ trop­po “eroi­ca”.

Uni­ca pec­ca, se voglia­mo chia­mar­la così, la scel­ta del pro­ta­go­ni­sta, secon­do me un po’ trop­po gio­va­ne per la parte.

La figu­ra di Capi­tan Ame­ri­ca ha sem­pre rap­pre­sen­ta­to qual­co­sa di par­ti­co­la­re nel­l’U­ni­ver­so Mar­vel: il cari­sma di Ste­ve Rogers non vie­ne tan­to dai pote­ri (che non sono infat­ti par­ti­co­lar­men­te note­vo­li) quan­to dal­la sua pro­fon­da sag­gez­za e dal­l’in­cre­di­bi­le puli­zia inte­rio­re e drit­tu­ra mora­le. All’in­ter­no dei Ven­di­ca­to­ri è sem­pre sta­to il pun­to di rife­ri­men­to per ogni que­stio­ne mora­le, eti­ca o anche “sem­pli­ce­men­te” stra­te­gi­ca. E’ il cuo­re di Capi­tan Ame­ri­ca a ren­der­lo una leg­gen­da anche al di fuo­ri del­la car­ta stampata.

E nel film que­sto vie­ne rispet­ta­to in pie­no. Fat­ta sal­va, appun­to, la for­se un po’ trop­po tene­ra età del pro­ta­go­ni­sta, che comun­que reg­ge suf­fi­cien­te­men­te bene il gioco.

One­sta­men­te, da vec­chio let­to­re di fumet­ti, non saprei dire se il film può pia­ce­re così tan­to anche a chi non ne ha mai let­ti ma cre­do che que­sto pro­dot­to pos­sa rap­pre­sen­ta­re un otti­mo spet­ta­co­lo per chiunque.

Da vede­re.

Con­di­vi­di

3 Comments

  1. Sentry ha detto:

    Stan Lee ha il suo nome nel­la pro­du­zio­ne ese­cu­ti­va solo per­ché ha vin­to una cau­sa ultra­mi­lio­na­ria con­tro la Mar­vel. Nei film, come pure nei fumet­ti dai tar­di anni ’60 in poi, il suo ruo­lo è solo quel­lo di un mar­chio. E anche pri­ma ten­de­va a pren­der­si (non sem­pre in mala fede) mol­ti più meri­ti di quan­ti ne aves­se davvero. 

    Secon­do me Chris Evans non ha il pro­ble­ma d’es­ser trop­po gio­va­ne (un sol­da­to deve esse­re gio­va­ne) quan­to piut­to­sto che è abba­stan­za “cane”. :bleah:

    Scrit­to una lun­ga recen­sio­ne anche di que­sto film sul mio blog, nel­la qua­le mi con­cen­tro sopra­tut­to si come è sta­ta strut­tu­ra­ta la sce­neg­gia­tu­ra in vista del pros­si­mo film sugli “Aven­gers”.

    • Franz ha detto:

      Ho let­to la tua recen­sio­ne su Cap. La tro­vo otti­ma! Non sape­vo del­la cau­sa di Stan Lee, ma ti do pie­na ragio­ne su Jack Kir­by, che ogni tan­to potreb­be­ro anche cita­re, visto che alla fine la Mar­vel gli deve mol­to di più che a Lee.
      Devo dire che sono curio­so di cosa com­bi­ne­ran­no con Aven­gers. Tut­to som­ma­to la sto­ria è bel­la incasinata!
      Ciao! :bye:

      • Sentry ha detto:

        Gra­zie a te 🙂
        A pro­po­si­to. Pro­prio di que­sti gior­ni è la noti­zia che gli ere­di di Jack Kir­by inve­ce la cau­sa conn­tro Marvel/Disney l’han­no persa.