>

Un po’ di sana furbizia… e ti fai anche quattro risate!

Oggi mi va di ride­re… per cui con­di­vi­do! Grazie a Walter per l’invio.

Nel quar­tie­re di Napoli dove vive, Donna Maria è mol­to apprez­za­ta per la sua bel­lez­za; moglie di un medi­co, è col­ta ed ele­gan­tis­si­ma. Gennaro il custo­de la desi­de­ra paz­za­men­te ed una mat­ti­na men­tre la signo­ra gli pas­sa davan­ti si lascia scap­pa­re, sia pur sottovoce:

- ‘Madonna che bel­la fem­mi­na ! Non so cosa darei per averla !’

La signo­ra lo sen­te, tor­na sui suoi pas­si e dice:

- ‘Come ave­te detto?’
– ‘Niente, Signo’, perche’ ?’
– ‘Su, Gennaro, non fate il fur­bo ! Vi ho sen­ti­to benissimo…abbiate il corag­gio di ripe­ter­me­lo in faccia !’
– ‘Ma vera­men­te… ecco non vole­vo esse­re scor­te­se ma… voi… sie­te così bel­la che io… io sto uscen­do paz­zo, Signò!’
– ‘Ah si ? Ma bene ! Allora sape­te che cosa dove­te fare ?’
– ‘Sì, Signò. Mo mi fac­cio una doc­cia fred­da e scu­sa­te tanto… ’
– ‘Ma no, Gennaro, non fate così… vi piac­cio pro­prio tanto ?’
– ‘Da impaz­zi­re… non so che cosa paghe­rei.… oh mi scu­si, ma vede, non ragiono…’
– ‘Gennaro, vole­te toglier­vi lo sfizio ?’
– ‘Signo’, che dite ?’
– ‘Dico che se vole­te toglier­vi il capric­cio, veni­te doma­ni mat­ti­na alle undi­ci con in mano tre­mi­la euro ed io sod­di­sfe­rò ogni vostro desiderio…’
– ‘Tremila euro ?… Ma, Signo’, dove li tro­vo tre­mi­la euro ?…Non ho tut­ti quei soldi !’
– ‘Eh, Gennaro, ma se si vuo­le toglie­re lo sfizio…uno deve fare una pazzia !’
– ‘Ha ragio­ne… ma, vede, io non saprei come tro­va­re quei soldi…’
– ‘Mi dispia­ce, Gennaro… comun­que, la pro­po­sta è sem­pre vali­da: veni­te con tre­mi­la euro e non vi pentirete !’
– ‘Si, cer­ta­men­te… gra­zie Signo’, gra­zie tan­to lo stesso !’

Ma l’in­do­ma­ni mat­ti­na Gennaro si pre­sen­ta pun­tua­le con tre­mi­la euro, con la sor­pre­sa del­la stes­sa Signora:

- ‘Gennaro, ma allo­ra sie­te pro­prio paz­zo di me, se sie­te arri­va­to a svenarvi..!’

E così, la signo­ra si con­ce­de a Gennaro facen­do­gli pro­va­re emo­zio­ni inde­scri­vi­bi­li. Dopo un paio d’ ore rien­tra il marito…

- ‘Ciao, Mari’. Come stai ?’
– ‘Bene, gra­zie e tu ?’
– ‘Io bene… sen­ti… è venu­to su Gennaro ?’
– ‘Co… cosa ? non ho capito.’
– ‘Avanti, su !… ti ho det­to: è venu­to Gennaro ver­so le 11 ?’
– ‘Si, si è venuto… ’
– ‘E ti ha por­ta­to tre­mi­la euro ?’
– ‘Si, ma guar­da che… ’
– ‘Basta così, vole­vo solo ave­re la conferma !’
– ‘Ma caro, ti pos­so spiegare…’
– ‘Non c’è nul­la da spie­ga­re… Gennaro è un vero uomo !… Un uomo di parola !’

La moglie rima­ne allibita…
– ‘Ma caro, non capisco ?’
– ‘Sai, ieri pome­rig­gio mi incon­tra e mi fa: Dottore, pre­sta­te­mi tre­mi­la euro che doma­ni alle 11, quant’ è vero Iddio, ve li riporto !!!’.

Condividi

3 Comments

  1. Mario ha detto:

    Non c’è nien­te da com­men­ta­re, sie­te trop­po forti…ok segui­ta­te cosi’e il suc­ces­so è garantito,parola mia: Mario

  2. Giuseppe ha detto:

    :muah: :muah: