>

Percezione e centro motore: un esempio eclatante

Guar­da­te il fil­ma­to (è bre­vis­si­mo e con audio bas­so) alla fine di que­sto post, poi tor­na­te a leg­ge­re que­ste righe.

Evan Lon­go­ria, un cam­pio­ne di base­ball, duran­te un’in­ter­vi­sta, sen­za poter­la vede­re, inter­cet­ta una pal­la spa­ra­ta da un bat­ti­to­re lon­ta­no alle sue spal­le e diret­ta alla testa del­l’in­ter­vi­sta­tri­ce, rispar­mian­do­le un brut­to col­po, poten­zial­men­te letale.

Ana­liz­zan­do bene il fil­ma­to si nota che il movi­men­to del brac­cio ini­zia un atti­mo pri­ma di quel­lo del­la testa che ruo­ta per vede­re la palla.

Per quel­lo che pos­so capi­re, l’uo­mo ha per­ce­pi­to l’av­vi­ci­na­men­to del­la pal­la mol­to pri­ma (in ter­mi­ni di deci­mi di secon­do) di vederla.

Qui abbia­mo due fat­to­ri: il pri­mo, la pura per­ce­zio­ne del­l’og­get­to in avvi­ci­na­men­to (non c’è pos­si­bi­li­tà di inter­ven­to dei sen­si: la pal­la è trop­po velo­ce per sen­tir­la ed è fuo­ri dal cam­po visivo).

Il secon­do, l’entra­ta in azio­ne del cen­tro moto­re che deter­mi­na un movi­men­to sen­za alcu­na media­zio­ne del­la cor­tec­cia cere­bra­le. E’ il cen­tro moto­re a deter­mi­na­re il movi­men­to del brac­cio e del­la testa che si vol­ta per per­met­te­re una miglio­re indi­vi­dua­zio­ne del ber­sa­glio tra­mi­te la vista.

Ma mi sen­to di dire che, anche sen­za l’in­ter­ven­to degli occhi, avreb­be ugual­men­te inter­cet­ta­to l’og­get­to. Nota­te inol­tre come non vi sia alcu­na varia­zio­ne emo­ti­va sostan­zia­le duran­te e dopo l’in­ter­cet­ta­zio­ne (a par­te un minu­sco­lo lamen­to per il dolo­re del­l’im­pat­to alla mano, peral­tro bre­vis­si­mo). Anche que­sto è un indi­ca­to­re del­l’azio­ne pura­men­te motoria.

L’uo­mo gio­ca a base­ball: il suo cen­tro moto­re ha inte­rio­riz­za­to l’al­go­rit­mo per il cal­co­lo del­la tra­iet­to­ria di un ogget­to in avvi­ci­na­men­to. Ma non solo: la sua per­ce­zio­ne si è resa iper­sen­si­bi­le al movi­men­to, a cau­sa del­l’al­ta velo­ci­tà a cui viag­gia­no abi­tual­men­te le pal­le da base­ball, un fat­to­re che ren­de la vista trop­po len­ta per agi­re da sola.

Ciò che ha por­ta­to l’uo­mo a que­sto livel­lo è tec­no­lo­gia inte­rio­re appli­ca­ta. Solo che lui la chia­ma, pro­ba­bil­men­te, allenamento.

Qui stia­mo par­lan­do solo del cen­tro moto­re: ora, pro­va­te a pen­sa­re a qua­li risul­ta­ti può por­ta­re la stes­sa tec­no­lo­gia quan­do vie­ne appli­ca­ta con­sa­pe­vol­men­te a tut­te le altre sfe­re del­l’es­se­re umano…

http://www.youtube.com/watch?v=IKEFbtlhCzM

Con­di­vi­di

15 Comments

  1. Mauro ha detto:

    Eccel­len­te, Franz. Dav­ve­ro eccellente…

  2. Miki ha detto:

    Allu­ci­nan­te!!!!!!!!!

  3. Rosi ha detto:

    Caro Franz, non vor­rei delu­de­re nes­su­no… sicu­ra­men­te tut­to ciò che hai scrit­to sul­la sua ele­va­ta capa­ci­tà di per­ce­zio­ne, non­chè la sua iper­sen­si­bi­li­tà, sono asso­lu­ta­men­te vere ed ogget­ti­ve, ma ho come l’im­pres­sio­ne che l’ar­ri­vo del­la pal­la l’ab­bia vista dal moni­tor che soli­ta­men­te è ai pie­di e di fron­te all’intervistato!
    ;-)) comun­que l’ar­ti­co­lo, come sem­pre, è interessantissimo

    • franz ha detto:

      Pos­si­bi­lis­si­mo, anche se il moni­tor è appun­to un moni­tor, quin­di piut­to­sto pic­co­lo. Anche ammes­so che abbia visto la pal­la su di esso, ha avu­to si e no un deci­mo di secon­do per: capi­re, gira­re l’im­ma­gi­ne al con­tra­rio, cal­co­la­re la rot­ta del­la pal­la allo spec­chio e… agi­re. Comun­que non gli è pas­sa­to nul­la in cor­tec­cia: rea­zio­ne emo­ti­va zero!

      • Rosi ha detto:

        La pen­so esat­ta­men­te come te Franz. Ammes­so che abbia visto dal moni­tor la pal­la, ciò non toglie che la sua rea­zio­ne è sta­ta imme­dia­ta e per­fet­ta, depu­ra­ta da qua­lun­que inter­fe­ren­za emo­ti­va .…. da rima­ne­re a boc­ca aperta!
        Gra­zie e alla prossima

  4. Alessandro ha detto:

    E’ un fake :fin­ger:

    • franz ha detto:

      Quan­d’an­che quan­to dici fos­se vero, la cosa spo­sta ma non modi­fi­ca la prospettiva.

      Come nota per­so­na­le, aggiun­go che non mi piac­cio­no mol­to quel­li che dichia­ra­no “E’ un fake” sen­za aggiun­ge­re una qual­che argo­men­ta­zio­ne a supporto.

      Poi, ovvia­men­te, tut­ti libe­ri di pen­sar­la come si vuole.
      :bye:

  5. Frostbite ha detto:

    E’ un fake! Basta fare un giret­to per la rete per aver­ne con­fer­ma. Un esem­pio tra tanti.
    http://offthebench.nbcsports.com/2011/05/16/fake-or-real-evan-longoria-saves-reporter-with-bare-handed-catch-video/

    Spe­ro di non strap­pa­re un’al­tra cer­tez­za ai fre­quen­tao­ri di que­sto blog, ma ache que­sto e’ un fake!
    http://www.youtube.com/watch?v=j3hwY0YrHoo
    e questo
    http://www.youtube.com/watch?v=dyMXYE_50Ts&NR=1

    La pura per­ce­zio­ne del­l’og­ge­to!! ah ah ah

    • franz ha detto:

      Sen­ti frost­bi­te o Davi­de o come ti chiami…
      dei due arti­co­li che citi, il pri­mo non dice asso­lu­ta­men­te che il video è fal­so, ma si pone sem­pli­ce­men­te un dub­bio (stra­no, cre­do che l’in­gle­se tu lo cono­sca meglio di me…). Il secon­do non cen­tra un caz­zo con l’articolo.

      Per non par­la­re del­la tua iro­nia, che si qua­li­fi­ca da sola. 

      Pur­trop­po negli anni ho sco­per­to che esi­ste una cate­go­ria di per­so­ne che sareb­be­ro dispo­ste a tut­to pur di dimo­stra­re all’u­ma­ni­tà che la mer­da in cui essa vive è l’u­ni­ca possibile. 

      Sai come si rico­no­sce que­sta gen­ta­glia? Dal fat­to che fa di tut­to per distrug­ge­re qua­lun­que cosa par­li di idee che si stac­ca­no dal­la media (di soli­to bas­sa) di cui si ciba abi­tual­men­te. Inu­ti­le dire cosa io pos­sa pen­sa­re di gen­te di que­sto tipo, ovviamente.
      Ma una cosa mi sen­to di aggiun­ger­la: si trat­ta di una cate­go­ria che le per­so­ne impa­ra­no pre­sto a distin­gue­re. E a igno­ra­re come meritano.

  6. franz ha detto:

    Tan­to per por­re fine alla cosa: a tut­ta la mani­ca di rom­pi­co­glio­ni che con­ti­nua a insi­ste­re sul fat­to che il video è un fake:
    Che sia un fake o no, il video ser­vi­va per esem­pli­fi­ca­re un con­cet­to. Il con­cet­to è rea­le, vi piac­cia o no, quin­di se non riu­sci­te a capi­re la dif­fe­ren­za tra con­te­nu­to ed esem­pli­fi­ca­zio­ne, anda­te da un’al­tra parte.
    E non me ne fre­ga un caz­zo se vi sen­ti­te offesi. 

    Spe­ro di esse­re sta­to chiaro!

    • frostbite ha detto:

      Visto che quel piz­zi­co di iro­nia ti ha fat­to anda­re su tut­te le furie e le offe­se, com­ple­ta­men­te gra­tui­te, si spre­ca­no, lascia­mi dire un paio di cose.
      Il secon­do video con la non­na che cal­cia il pic­co­lo era solo per ricor­dar­ti che non tut­to quel­lo che c’e’ in fil­ma­to e’ rea­le. In altre paro­le, tra una pub­bli­ci­ta’ ben con­ge­nia­ta (Gil­let­te, che e’ poi lo spon­sor prin­ci­pa­le di Evan e’ sul­lo sfon­do!) e una teo­ria inven­ta­ta sen­za ne capo ne coda, io scel­go la pri­ma (for­se per­che’ vivo nel­la mer­da, per cita­re un noto poeta).
      Se il video e’ vero o fal­so la dif­fe­ren­za la fa ecco­me: e’ come usa­re imma­gi­ni di Ter­mi­na­tor per dimo­stra­re che esi­sto­no uomi­ni di metal­lo liqui­do. Sono sicu­ro che capi­sci la dif­fe­ren­za. For­se dovre­sti rivi­si­ta­re il tuo mot­to: “l’interpretazione che con­fer­ma le mie con­get­tu­re”, inve­ce di “fat­ti veni­re un dub­bio”. Per­che’ e’ pale­se che il dub­bio non te lo sei fat­to venire…
      Per fini­re, quel­lo che si e’ offe­so e ha comin­cia­to ad insul­ta­re sei tu, quin­di visto che que­sto blog e’ pub­bli­co, ras­se­gna­ti a sen­ti­re opi­nio­ni diver­se dal­le tue. L’alternativa e’ che cen­su­ri posts come que­sto, cosa che hai il pote­re di fare.

  7. Walter ha detto:

    Per quel­lo che mi riguar­da il feno­me­no è rea­le e quan­do ho visto il fil­ma­to la pri­ma vol­ta non mi inte­res­sa­va se fos­se vero o meno. Inol­tre, tut­ti i gran­di mae­stri di arti mar­zia­li han­no sem­pre par­la­to di que­ste “pos­si­bi­li­tà”.
    Piut­to­sto mi ha stu­pi­to la possibilita’di appli­ca­re que­sta cono­scen­za ad altre sfe­re dell’ inte­rio­re e se ho capi­to bene per l’ uma­ni­ta’ si potreb­be­ro apri­re sce­na­ri immensi.

    • franz ha detto:

      Gra­zie Wal­ter! Si, le pos­si­bi­li­tà ci sono, ed effet­ti­va­men­te riguar­da­no l’in­te­ra sfe­ra interiore.
      Sul­l’im­men­si­tà del­le pos­si­bi­li­tà… beh, non so quan­to pos­sa­no esse­re immen­se, sicu­ra­men­te bel­le gros­se! :bye:

  8. Fede ha detto:

    Con­di­vi­do toto…battaglie con spet­tri pure.