>

Ricercare la menzogna non è cercare la verità

Pren­do lo spun­to da un arti­co­lo di oggi sul Cor­rie­re, in cui si spie­ga come un tizio avreb­be “sma­sche­ra­to” l’in­gan­no di un fil­ma­to sugli UFO, dom­stran­do­ne la fal­si­tà. Sal­vo poi leg­ge­re l’ar­ti­co­lo e sco­pri­re che la tesi del­la fal­si­tà è del tut­to non dimostrata.

Nel sen­so che, con la moder­na tec­no­lo­gia è pos­si­bi­le pro­dur­re fil­ma­ti arte­fat­ti che, anche solo die­ci anni fa, sareb­be­ro sta­ti con­si­de­ra­ti pro­va inconfutabile.

UFO a par­te, io mi chie­do per­so­nal­men­te per­chè in que­sto mon­do ci si dia tan­to da fare per dimo­stra­re che qua­lun­que cosa non sia diret­ta­men­te tan­gi­bi­le con i pochi mez­zi che abbia­mo a dispo­si­zio­ne è una menzogna.

Mi spie­go.

Un con­to è dire: non sono sicu­ro che quel­la tal cosa sia vera, per­chè non pos­so dimo­strar­lo. Rima­ne una teo­ria che al momen­to non può esse­re dimostrata.

Un altro è dire: non pos­so dimo­stra­re che quel­la tal cosa sia vera, per­ciò è falsa.

Que­sto è il vero ingan­no del­la nostra socie­tà; con­vin­ce­re tut­ti che se una cosa non può esse­re dimo­stra­ta, allo­ra è falsa.

Nel­l’e­po­ca pre­pi­ta­go­ri­ca tut­ti “sape­va­no” che la Ter­ra era piatta.

800 anni fa, tut­ti “sape­va­no” che le stre­ghe esi­sto­no e devo­no esse­re mes­se al rogo.

150 anni fa tut­ti “sape­va­no” che la radioat­ti­vi­tà fa bene alla pel­le (teo­ria soste­nu­ta da Marie Curie pri­ma di mori­re di leucemia).

Nel­lo stes­so perio­do tuti “sape­va­no” che ad una velo­ci­tà supe­rio­re ai 90 km ora­ri i pas­seg­ge­ri di un’au­to­mo­bi­le sareb­be­ro mor­ti a cau­sa del­l’ec­ces­si­va accelerazione.

Insom­ma, la sto­ria del­l’u­ma­ni­tà è costel­la­ta di stron­za­te date per vere fino a pro­va con­tra­ria e, vice­ver­sa, di veri­tà nega­te con tut­ta la for­za pos­si­bi­le, sem­pre fino a pro­va contraria.

Oggi sia­mo arri­va­ti ad un pun­to per cui fur­bo­ni eme­ri­ti come James Ran­di, si diver­to­no a “dimo­stra­re” che non esi­ste nul­la di “para­nor­ma­le”, sem­pli­ce­men­te dimo­stran­do che qual­sia­si feno­me­no con­si­de­ra­to tale può esse­re ripro­dot­to con stru­men­ti di laboratorio.

Il che, con­si­de­ra­to il pro­gre­di­re del­la tec­no­lo­gia, non deve affat­to stu­pi­re; cin­que­cen­to anni or sono, un iPho­ne sareb­be sta­to con­si­de­ra­to pura magia.

E’ vero che il mon­do è pie­no di bastar­di che ingan­na­no le per­so­ne tiran­do in bal­lo ener­gie e pos­si­bi­li­tà non mate­ria­li che poi si rive­la­no come auten­ti­che truf­fe, ma è anche vero che nega­re l’e­si­sten­za di ciò che mate­ria­le non è, solo per­chè non sia­mo in gra­do di osser­var­lo, è una caz­za­ta gros­sa come una casa.

Oltre­tut­to il con­fi­ne tra mate­ria ed ener­gia è, for­tu­na­ta­men­te, sem­pre più labi­le, man mano che la fisi­ca quan­ti­sti­ca pro­gre­di­sce in ter­ri­to­ri di frontiera.

Però nel frat­tem­po il mon­do è pie­no di stron­zi accu­ra­ta­men­te accre­di­ta­ti da media e gover­ni che, con la scu­sa di cer­ca­re la men­zo­gna, si defi­ni­sco­no cer­ca­to­ri di veri­tà e pas­sa­no il loro tem­po a ten­ta­re di con­vin­ce­re il mon­do che non esi­sto­no popo­la­zio­ni extra­ter­re­stri, che non è pos­si­bi­le cura­re con la luce, che l’o­meo­pa­tia non fun­zio­na, che dopo la mor­te non c’è nul­la, che l’e­ner­gia vita­le non esi­ste, che l’il­lu­mi­na­zio­ne è un fat­to del tut­to fisio­lo­gi­co e quin­di che biso­gna avve­le­nar­si con i far­ma­ci, affi­dar­si alla scien­za e basta, che tut­to quel­lo soste­nu­to da sag­gi e pro­fe­ti nel­l’ar­co di 5.000 anni di sto­ria cono­sciu­ta è una mon­ta­gna di caz­za­te, che sia­mo soli nel­l’u­ni­ver­so e quin­di biso­gna ras­se­gnar­si… etc. etc.

Se cer­chi la men­zo­gna, pri­ma o poi la tro­ve­rai di sicu­ro. Per­chè la men­zo­gna, quel­la vera, si crea auto­ma­ti­ca­men­te nel momen­to in cui non si han­no gli stru­men­ti per esse­re sin­ce­ri. In altre paro­le la men­zo­gna è insi­ta nel­l’in­con­sa­pe­vo­lez­za. La pro­va è nel mede­si­mo esem­pio di poco sopra.

500 anni fa l’i­Pho­ne sareb­be sta­to con­si­de­ra­to magia e, oltre­tut­to, una vol­ta sca­ri­co, avreb­be ces­sa­to di fun­zio­na­re per sem­pre per­chè non esi­ste­va la pos­si­bi­li­tà di rica­ri­car­lo. Il James Ran­di di tur­no avreb­be quin­di avu­to la pos­si­bi­li­tà di dire che in real­tà non era affat­to magia ma una ciar­la­ta­na­ta, dato che non fun­zio­na­va affat­to. E il mon­do l’a­vreb­be pure applaudito!

Oggi dicia­mo che i mon­di sot­ti­li non esi­sto­no e che sia­mo soli nell’universo.…

La mia uni­ca con­so­la­zio­ne, anche se non sarò qui per goder­me­la, è che fra cin­que­cen­to anni, gen­te come Ran­di o altri sedi­cen­ti “cac­cia­to­ri di bufa­le”, saran­no ricor­da­ti come i più eme­ri­ti idio­ti del­la sto­ria recente.

E que­sto, pur non essen­do dimo­stra­bi­le, non è nep­pu­re negabile.

Con­di­vi­di

5 Comments

  1. Andrea ha detto:

    Sot­to­scri­vo tut­to e spe­ro di per­pe­tua­re la mia “stir­pe” alme­no fino a quan­do un mio futu­ro paren­te potrà ride­re del­le idio­zie dei “cac­cia­to­ri di men­zo­gne” attua­li! :war­rior:

  2. Pirata ha detto:

    Ti sei “con­ver­ti­to” all’iphone?! :mrgreen:

  3. Pirata ha detto:

    al di là del­la bat­tu­ta, io cre­do che que­sto tuo post sia una kia­ve di let­tu­ra impor­tan­te per poter leg­ge­re in modo chia­ro ed ine­qui­vo­ca­bi­le que­sto poco uma­no atte­gia­men­to che si tra­sci­na nei seco­li e che man­tie­ne l’u­ma­ni­tà in una grot­ta buia con aria viziata…

  4. franz ha detto:

    Piut­to­sto uso i get­to­ni! :muah: :muah: :muah:

  5. Pirata ha detto:

    uha­ha­ha­ha