>

Discernere la qualità per non prenderlo nel culo.

Come dire… il dia­vo­lo e l’ac­qua santa!

Eppu­re la qua­li­tà è un aspet­to essen­zia­le del­la moti­va­zio­ne, per­chè deter­mi­na l’e­ner­gia di un atto. Un’a­zio­ne è un’a­zio­ne. La mani­fe­sta­zio­ne effet­ti­va (nel sen­so di cosa che pro­du­ce un effet­to) di un’intenzione.

Ma un atto… è quel­lo che è: un’a­zio­ne con del­le con­se­guen­ze. In pic­co­lo, quel­l’at­to è cau­sa del­le con­se­guen­ze. Cosa ren­de allo­ra un atto degno diver­so da uno inde­gno. Per sem­pli­fi­ca­re, cos’è che tra­sfor­ma un’a­zio­ne “giu­sta” in un’au­ten­ti­ca porcata?

Per­so­nal­men­te cre­do sia la qua­li­tà, un’at­tri­bu­to che defi­ni­rei “vibra­zio­na­le” del­l’at­to. Qual­co­sa che ha a che vede­re con la moti­va­zio­ne e l’in­ten­zio­ne, quel­l’at­tri­bu­to che, come acca­de per il tono nel­la voce, modu­la il con­te­nu­to di un atto.

Ecco quin­di che discer­ne­re la qua­li­tà con cui vie­ne com­piu­to un atto divie­ne impor­tan­tis­si­mo, per­chè può con­sen­ti­re di distin­gue­re un’a­zio­ne fat­ta per nobi­li moti­vi dal­la stes­sa azio­ne ese­gui­ta inve­ce per igno­bi­li cause.

Un’a­zio­ne por­ta con se’ il seme del­l’in­ten­zio­ne con cui vie­ne gene­ra­ta. Ecco per­chè lo stes­so atto può ave­re con­se­guen­ze diver­se a secon­da di chi lo com­pie e del moti­vo per cui lo fa.

Il delin­quen­te che ucci­de la sua vit­ti­ma per depre­dar­la dei suoi ave­ri com­pie lo stes­so atto del sol­da­to che ucci­de il nemi­co. L’at­to è l’o­mi­ci­dio, il toglie­re una vita. Ma men­tre nel pri­mo caso è evi­den­te l’i­gno­mi­nia, nel secon­do già la fac­cen­da non è più così chiara.

Com­pie­re un mira­co­lo, una gua­ri­gio­ne impos­si­bi­le, può esse­re un atto det­ta­to dal­la com­pas­sio­ne ma anche dal­la volon­tà di ingan­na­re una fol­la per appa­ri­re san­ti quan­do den­tro si è com­ple­ta­men­te marci.

Se qual­cu­no ci chie­de scu­sa per un suo erro­re può far­lo per­chè dav­ve­ro ha com­pre­so di aver sba­glia­to e quin­di desi­de­ra in qual­che modo por­re rime­dio alle con­se­guen­ze, oppu­re per ritor­na­re ad avvan­tag­giar­si del­la nostra ami­ci­zia o del rap­por­to che ave­va con noi. Stes­so atto ma per sco­pi diver­si che, con un mini­mo di osser­va­zio­ne, pre­sen­ta­no anche una qua­li­tà diversa.

La qua­li­tà è un attri­bu­to “sot­ti­le” che, come det­to pri­ma, descri­ve la vibra­zio­ne di qual­co­sa. In qual­che modo con­no­ta l’e­ner­gia che carat­te­riz­za un even­to, un ogget­to, un esse­re uma­no, uno sguar­do, un gesto…

Tut­to ha una qua­li­tà, cui tut­ta­via non è neces­sa­rio dare un nome. L’im­por­tan­te è sen­tir­la, con l’or­ga­no più appro­pria­to, ovve­ro il cuore.

Non il musco­lo car­dia­co, ovvia­men­te, anche se l’or­ga­no riflet­te fisi­ca­men­te la strut­tu­ra per­cet­ti­va ma la par­te più inter­na di ognu­no di noi.

Quel­la che, di soli­to, è dif­fi­ci­le ingannare.

Con­di­vi­di

10 Comments

  1. Hax ha detto:

    Com­pren­de­re l’intenzione (qua­li­tà cela­ta in un’azione)del pros­si­mo non è faci­le. Tan­to più che in un mon­do nel qua­le qual­cu­no, a ragio­ne, dis­se: “A pen­sa­re male si com­met­te pec­ca­to ma spes­so ci si pren­de”, a vol­te si ha un gran biso­gno di cre­de­re nel ret­to pen­sie­ro altrui, anche se sap­pia­mo benis­si­mo che ce la stia­mo raccontanto…
    Ad ascol­ta­re il Cuo­re Franz, ver­reb­be voglia di riti­rar­si in un ere­mo e lì rima­ne­re, in reli­gio­so silenzio…
    Per­do­na l’ondata di “otti­mi­smo” del­la sera­ta… :bye:

    • franz ha detto:

      Nul­la da per­do­na­re, ovvio! Ma l’in­ten­zio­ne e la qua­li­tà sono due cose diver­se. E’ vero che ho defi­ni­to la qua­li­tà come “qual­co­sa che ha a che vede­re con l’in­ten­zio­ne e la moti­va­zio­ne” ma non mi sono spiegato.
      L’in­ten­zio­ne è il moti­vo per cui si fa una cosa. La moti­va­zio­ne è la cari­ca emo­ti­va che accom­pa­gna l’at­to. La qua­li­tà è la vibra­zio­ne del­l’at­to. Una sor­ta di impron­ta che potrem­mo defi­ni­re un rifles­so del­l’es­sen­za di quel­l’at­to. Coglie­re la qua­li­tà non impli­ca obbli­ga­to­ria­men­te capi­re l’in­ten­zio­ne o com­pren­de­re la moti­va­zio­ne. Impli­ca… coglie­re una qualità.
      E rego­lar­si di con­se­guen­za. :bye:

  2. Baldassare ha detto:

    Voglio aggiun­ge­re che, secon­do me, per distin­gue­re una inten­zio­ne buo­na da una cat­ti­va a vol­te baste­reb­be gur­da­re come comu­ni­ca il cor­po, e non solo fer­ma­si ad ascol­ta­re le paro­le.. per­chè spes­so que­ste ingan­na­no, men­tre il lin­guag­gio del Cor­po NON men­te qua­si mai.
    Que­sto è quel­lo che pen­so del­la Comu­ni­ca­zio­ne in Gene­ra­le. :idiot:

    • franz ha detto:

      Per quan­to riguar­da la dif­fe­ren­za tra inten­zio­ne e qua­li­tà ho inge­ne­ra­to una con­fu­sio­ne per mia impre­ci­sio­ne (vedi sopra la rispo­sta per Hax).
      Per quan­to riguar­da il lin­guag­gio del cor­po. E’ vero, quel­lo è estre­ma­men­te impor­tan­te e di soli­to non men­te (anche se mol­te per­so­ne sono in gra­do di fal­si­fi­ca­re pure quel­lo e sen­za gros­si pro­ble­mi). Ma è anche vero che la qua­li­tà (e non l’in­ten­zio­ne) non ha nul­la a che vede­re con la comu­ni­ca­zio­ne cor­po­rea in quan­to “attri­bu­to del­l’at­to in se’ ” anzi, il lin­guag­gio del cor­po può esse­re in com­ple­ta anti­te­si con la qua­li­tà, un attri­bu­to mol­to più ogget­ti­vo del­l’e­mo­ti­vo o del­le motivazioni.

  3. White Knight ha detto:

    In pra­ti­ca se ho col­to signi­fi­ca: Qua­li­tà = Espres­sio­ne del­la dimen­sio­ne Inte­rio­re? :ham­mer:

    • franz ha detto:

      Dipen­de dal signi­fi­ca­to di “dimen­sio­ne inte­rio­re”, ovviamente.
      Comun­que, a gran­di linee, si è quel­lo che intendevo.

  4. Roberto Rini ha detto:

    sostan­zial­men­te d’ac­cor­do su tutto..ma per­ma­ne un dub­bio sul­la foto di “anje­li­na”…
    lei sareb­be un caso in cui la “qua­li­tà” inte­rio­re si mani­fe­sta este­rior­men­te? oppu­re un caso in cui la for­ma è ingan­ne­vo­le per­chè mera­vi­glio­sa­men­te luc­ci­can­te, però…??

    per­chè nel­la pri­ma ipo­te­si avrei qual­che dubbio…

    • franz ha detto:

      La foto era una sor­ta di pro­vo­ca­zio­ne. Da una foto è dif­fi­ci­le desu­me­re una qua­li­tà. Non par­lia­mo poi del­l’in­te­rio­re, mate­ria in cui one­sta­men­te non mi sen­to mol­to ferrato.

  5. Roberto Rini ha detto:

    ..allo­ra , in ogni caso, una “bel­la” provocazione 🙂 😉

  6. franz ha detto:

    :muah: :muah: :muah: