>

Kinect. Tecnologia uguale magia. Unica differenza: il tempo.

E’ appe­na usci­ta sul mer­ca­to la peri­fe­ri­ca Kinect, una minu­sco­la sca­to­let­ta che col­le­ga­ta ad una xBox per­met­te di usa­re il pro­prio cor­po come controller.

Essen­do del mestie­re non ho potu­to fare a meno di mera­vi­gliar­mi del risul­ta­to otte­nu­to da Micro­soft e, pur non aven­do potu­to osser­ver­ne una dal vivo e non essen­do quin­di in gra­do di dire qua­le sia il livel­lo di effi­cien­za di que­sto stru­men­to, rima­ne­re scon­cer­ta­to di fron­te a que­sto risul­ta­to tecnologico.

L’ag­geg­gio rico­no­sce fino a 48 pun­ti del cor­po uma­no ed è in gra­do di map­par­ne il movi­men­to con suf­fi­cien­te pre­ci­sio­ne da pilo­ta­re i movi­men­ti dei per­so­nag­gi dei gio­chi inter­ni alla consolle.

Il bel­lo è che lo fa sen­za l’au­si­lio di sen­so­ri ester­ni e in tem­po reale.

Il che signi­fi­ca che la sua ela­bo­ra­zio­ne è frut­to di una “media­zio­ne” di dati suf­fi­cien­te­men­te lasca da per­met­te­re a tut­ti di usar­la ma al con­tem­po suf­fi­cien­te­men­te strin­gen­te per map­pa­re i movi­men­ti in modo corretto.

Cre­do che quel­li di ricer­ca e svi­lup­po a Red­mond si sia­no fat­ti dav­ve­ro un gran maz­zo per arri­va­re a que­sto risul­ta­to, il tut­to nel più com­ple­to ano­ni­ma­to e sen­za che le frot­te di ragaz­zi che si gin­gil­le­ran­no con Kinect sia­no mini­ma­men­te con­sa­pe­vo­li del mira­co­lo che han­no tra le mani.

Lo stes­so risul­ta­to a que­sti costi e con un hard­ware di que­ste dimen­sio­ni sareb­be sta­to impen­sa­bi­le fino a quat­tro o cin­que anni fa.

Anzi, a ben vede­re, anche solo cin­quan­t’an­ni fa era fan­ta­scien­za, men­tre 100 anni fa sareb­be sta­to… magia.

Ecco cosa divi­de la tec­no­lo­gia dal­la magia: il tem­po. Ciò che ieri era magia oggi è tecnologia.

Ergo, indo­vi­na­te un po’ cosa sarà la tan­to vitu­pe­ra­ta magia di oggi, vista con gli occhi di chi vivrà nel pros­si­mo secolo?

E soprat­tut­to, con mio gran­de gusto, indo­vi­na­te che figu­ra di mer­da farà una cer­ta cate­go­ria di scet­ti­ci, oggi famo­si pro­prio per que­sta caratteristica!

Con­di­vi­di

4 Comments

  1. Sting ha detto:

    Wow! Da mol­ti anno il mon­do dei video­gio­chi rap­pre­sen­ta un busi­ness che muo­ve inve­sti­men­ti note­vo­li che dan­no risul­ta­ti di tut­to rispetto.
    A par­te il fat­to che que­sto fa (dovreb­be) capi­re che le pos­si­bi­li­tà di fare, di miglio­ra­re, di evol­ve­re ci sono, ma man­ca la volon­tà di chi gesti­sce i capi­ta­li, a meno che non pro­du­ca un gua­da­gno per­so­na­le e, pos­si­bil­men­te immediato.
    Chiu­sa la paren­te­si “eti­ca”, anda­te­vi a leg­ge­re qua­li svi­lup­pi “extra” (non pre­vi­sti???) la tec­no­lo­gia del Kinect può aprire..
    http://www.lastampa.it/_web/CMSTP/tmplrubriche/giornalisti/grubrica.asp?ID_blog=2&ID_articolo=1095&ID_sezione=&sezione=
    E poi dite­mi se lo acqui­ste­re­te ugual­men­te!! :bleah:
    Buo­na giornata

    • NICOLETTA ha detto:

      Ho let­to l’ar­ti­co­lo su La Stampa…ogni sco­per­ta e inven­zio­ne da sem­pre ha i suoi pro e i suoi contro…L’occhio del Gran­de Fra­tel­lo (non quel­lo in TV ma quel­lo ipo­tiz­za­to da Orwell) non mi crea nè ango­sce nè pau­re di esse­re controllata,forse per­chè non ho nien­te da nascon­de­re e d’al­tra par­te il pri­mo sta­dio del­l’es­se­re spia­ti o comun­que osser­va­ti ce l’ab­bia­mo tut­ti nei vici­ni di casa.… :muah: :bye:

  2. Fede ha detto:

    Il tele­tra­spor­to?!

  3. vito ha detto:

    magia di oggi? mmmmmm.…

    clo­na­zio­ni, scon­fit­ta di tut­te le malat­tie, per­so­ne che vola­no, robot che ci aiu­ta­no nel quotidiano…

    ah… com­ple­ta eli­mi­na­zio­ne di tut­te le reli­gio­ni ( no…questa è utopia)..