>

Ruby, Nadia, Bunga Bunga… ma stiamo dando i numeri?

Lo so già che mi fic­che­rò nei casi­ni, per­chè un post come que­sto non può che esse­re malin­ter­pre­ta­to. Ma, guar­da caso, me ne fre­go e par­lo (o meglio, scri­vo) lo stesso.

Al di là di ogni con­si­de­ra­zio­ne sul­la vicen­da di Ruby, di Ber­lu­sco­ni a cui piac­cio­no le don­ne etc etc, su cui NON VERTE QUESTO POST, riten­go che la cam­pa­gna attual­men­te in esse­re su tut­te le testa­te ita­lia­ne, sia la vicen­da in asso­lu­to più ver­go­gno­sa del­la sto­ria media­ti­ca ita­lia­na (for­se anche più del­la suina).

Ripe­to che quan­to sto dicen­do NON RIGUARDA LA VICENDA IN SE’, ma il modo in cui vie­ne stru­men­ta­liz­za­ta e trat­ta­ta dal­le testa­te nazionali.

Non ha alcun sen­so che, in assen­za del­la capa­ci­tà poli­ti­ca, deci­sio­na­le ed elet­to­ra­le di sosti­tui­re Ber­lu­sco­ni, si pos­sa arri­va­re a simi­li livel­li di ini­qui­tà mediatica.

Non vi è alcun rea­to com­mes­so, nep­pu­re la mimi­ma iscri­zio­ne a giu­di­zio di una vaga ipo­te­si di rea­to. Le sto­rie sono total­men­te diver­se a secon­da non solo di chi le rac­con­ta, ma anche di chi scri­ve gli articoli.

Il fan­go in cui i gior­na­li ita­lia­ni stan­no ten­tan­do di affon­da­re Sil­vio Ber­lu­sco­ni rischia solo di som­mer­ge­re l’I­ta­lia, non il Pre­si­den­te del Consiglio.

Stia­mo facen­do una figu­ra di mer­da a livel­lo mon­dia­le, ma non gra­zie alla vicen­da, quan­to gra­zie alla riso­nan­za che le nostre testa­te con­ti­nua­no a dare a tut­to quanto.

Il sen­so di tor­bi­do, di spor­co, lo da per la qua­si tota­li­tà il tono degli arti­co­li, più che l’ac­ca­du­to. E il bel­lo è che nes­su­no sa che caz­zo sia suc­ces­so men­tre, a quan­to pare, tut­ti sono con­vin­ti di ave­re capi­to tutto.

Riten­go per­so­nal­men­te ver­go­gno­so que­sto com­por­ta­men­to del­la stam­pa e del­la tele­vi­sio­ne; un avver­sa­rio poli­ti­co va bat­tu­to in politica.

Sul­le pagi­ne dei gior­na­li lo fre­ghi pri­ma di eleg­ger­lo, non dopo; soprat­tut­to non dopo che ha vin­to le ele­zio­ni, non una, ma due vol­te di fila.

Ma la real­tà assur­da è che tut­ti quel­li che gri­da­no tan­to allo scan­da­lo, spe­ran­do di scal­za­re Ber­lu­sco­ni dal suo posto, poi non sapreb­be­ro chi met­ter­ci per­chè, alla fine, il pano­ra­ma poli­ti­co ita­lia­no è di un incre­di­bi­le squal­lo­re, secon­do sola­men­te all’as­sen­za di per­so­nag­gi dal qual­si­vo­glia spessore.

Gra­zie anche all’in­for­ma­zio­ne media­ti­ca la cui uni­ca mis­sio­ne sem­bra esse­re diven­ta­ta quel­la di rin­co­glio­ni­re la gen­te il più possibile.

Con­di­vi­di

15 Comments

  1. Michele ha detto:

    Dici bene, un avver­sa­rio poli­ti­co và bat­tu­to in politica…

    E’ dai tem­pi del­l’u­li­vo che tut­to si fà meno che cer­ca­re un con­fron­to poli­ti­co con gli avversari.

    Accoz­za­glie inu­ti­li di per­so­nag­gi che non potreb­be­ro fare poli­ti­ca nean­che in un videogioco.

    Il vero pro­ble­ma è che otre a non vede­re per­so­nag­gi di rilie­vo (for­se qual­cu­no potreb­be esse­re sal­va­to ma pro­prio pochi), quel­li che ci sono li abbia­mo elet­ti noi e , per come la vedo io, con­ti­nue­re­mo anche a rileggerli.

    Fran­ca­men­te que­sto mi pre­oc­cu­pa anco­ra di più.

  2. antonio ha detto:

    la veri­tà è che c’è un gran­de vuo­to politico.
    i ns figli non han­no nes­sun inte­res­se nel­la poli­ti­ca, io non so gli altri, ma vedo i miei ed i loro ami­ci, sono apolitici
    non glie­ne fre­ga asso­lu­ta­men­te nien­te di quel che suc­ce­de in politica.
    eppu­re stu­dia­no han­no studiato.
    a scuo­la ten­den­zial­men­te i prof sono di sx. eppu­re fini­sco­no gli stu­di sen­za un pro­gram­ma poli­ti­co sen­za nes­su­na nozio­ne, bra­vi per le mate­rie sco­la­sti­che ma per il resto vuo­to asso­lu­to, ne a dx ne a sx ne al centro.
    cosa sta succedendo?
    io vedo che que­sti “scan­da­li” inte­res­sa­no solo a noi papà o maturi-grandi.
    a loro non toc­ca non fre­ga niente,
    ber­lu­sco­ni (l’ho vota­to) va con la mino­ren­ne? e loro per tut­ta rispo­sta dico­no con chi dove­va andare?
    ven­to­la è gay? cavo­li suoi.
    l’im­mon­di­zia a napo­li? se la tengono.

    io non so se è giu­sto così

    ma se lo faces­si­mo anche noi?

    i gior­na­li? le tv? le radio?
    che fine farebbero?
    se la fem cus’è ?

    i

  3. Ilia ha detto:

    Ciao Franz, quel­lo che dice è con­di­vi­si­bi­le da un cer­to pun­to di vista ma a mio pare­re in que­sta vicen­da c’è mol­to altro da pren­de­re in considerazione.

    Ber­lu­sco­ni è da sem­pre una per­so­na che ha usa­to nel­la manie­ra più spre­giu­di­ca­ta e effi­ca­ce la comu­ni­ca­zio­ne, sia tele­vi­si­va che gior­na­li­sti­ca, per otte­ne­re il con­sen­so, fin da quan­do nel 93 appe­na sce­so in poli­ti­ca cac­cio Mon­ta­nel­li dal Gior­na­le in quan­to non era dispo­sto come fece poi Fel­tri mes­so al suo posto a seguir­lo nel­la cam­pa­gna gior­na­li­sti­ca che avreb­be dovu­to por­tar­lo, come poi suc­ces­se, alla sua pri­ma ele­zio­ne. Ha sem­pre usa­to il discre­di­to per­so­na­le con­tro gli avver­sa­ri poli­ti­ci, sen­za anda­re mai trop­po per il sot­ti­le. Oggi quin­di che è vit­ti­ma di una cam­pa­gna medi­ti­ca, indub­bia­men­te cri­ti­ca­bi­le per tan­ti aspet­ti, secon­do me sta sem­pi­ce­men­te pagan­do dazio… alla fine c’è un Kar­ma per tutti. 

    Non sono d’ac­cor­do che l’I­ta­lia all’e­ste­ro stia facen­do una figu­ra di mer­da per il fan­go gior­na­li­sti­co. Te lo dico viven­do appun­to all’e­ste­ro, la figu­ra di mer­da la fac­cia­mo prin­ci­pal­men­te per­chè non abbia­mo le pal­le di man­da­re via que­sta clas­se poli­ti­ca, di rin­no­var­la, Ber­lu­so­ni in pri­mis. Se solo fos­si­mo un popo­lo meno pro­vin­cia­le (come iro­niz­za­va ieri sera Vau­ro ad Anno­ze­ro, sia­mo un popo­lo Bun­ga Bun­ga) avre­mo già da un pez­zo man­da­to a casa tut­ta que­sta gen­te che occu­pa le pol­tro­ne ormai da trop­po tem­po, da destra a sini­stra, dan­do ori­gi­ne ad un rin­no­va­men­to che, seb­be­ne di per se stes­so non sia garan­zia di qua­li­tà, al pun­to in cui sia­mo arri­va­ti è ine­lut­ta­bi­le, per­ché peg­gio di così non potreb­be essere.

    Per quan­to riguar­da le vicen­de in que­stio­ne, al di là del­la real­tà effet­ti­va dei fat­ti che anco­ra non cono­scia­mo, appa­re evi­den­te a tut­ti che il com­por­ta­men­to di Ber­lu­sco­ni, anche se non per­se­gui­bi­le come rea­to, è quan­to­me­no inop­por­tu­no, eti­ca­men­te disdi­ce­vo­le (e non sto facen­do del mora­li­smo) uti­liz­zan­do il ruo­lo isti­tu­zio­na­le per i suoi capric­ci per­so­na­li. Ieri sera Ghe­di­ni, il suo avvo­ca­to, da Anno­ze­ro cer­ca­va di difen­de­re la tele­fo­na­ta di Ber­lu­sco­ni alla que­stu­ra di Mila­no dicen­do che era sta­ta Ruby a dir­gli di esse­re paren­te di Muba­rak e quin­di lui, essen­do una per­so­na buo­na ci ha cre­du­to. Ma ti pare che uno come Ber­lu­sco­ni che è arri­va­to a livel­lo impren­di­to­ria­le ai mas­si­mi livel­li si beve la pri­ma frot­to­la che una dicias­set­ten­ne gli dice sen­za pri­ma veri­fi­car­la? Se così fos­se, ma in fon­do non ci cre­de nes­su­no, ci sareb­be da tre­ma­re pen­san­do a qua­le sprov­ve­du­to abbia­mo come pre­si­den­te del con­si­glio. E Poi il fat­to che abbia otte­nu­to il con­sen­so degli Ita­lia­ni non legit­ti­ma cer­to qua­lun­que schi­fez­za. In pas­sa­to anche Hitler ave­va il con­sen­so del popo­lo tede­sco e non per que­sto quel­lo che face­va era giu­sto. Il popo­lo glie­lo ha lascia­to fare, con tut­ta la sof­fe­ren­za che n’è con­se­gui­ta. Cer­to Ber­lu­sco­ni per for­tu­na non è Hil­ter, il para­go­ne è più for­ma­le che sostan­zia­le, ma solo per dire che ave­re il con­sen­so non legit­ti­ma la bon­tà dell’operato.

    Infi­ne aggiun­go che que­sto ulti­mo gover­no Ber­lu­sco­ni è mol­to peg­gio di quan­do già gover­nò con scar­si risul­ta­ti dal 2001 al 2006. A par­ti­re dal ten­ta­ti­vo di tene­re il cor­po del­la pove­ra Elua­na in vita con una leg­ge in extre­mis, si sono sus­se­gui­te una serie incre­di­bi­le di prov­ve­di­men­ti assur­di ed ipo­cri­ti, sul­la linea del più bie­co mora­li­smo. Stia­mo assi­sten­do alla distru­zio­ne del­la scuo­la, del­l’u­ni­ver­si­tà, del mini­ste­ro del­l’am­bien­te, per non par­la­re del­la deci­sio­ne di ripren­de­re il nuclea­re, del­le leg­gi ad per­so­nam ecc. ecc. sen­za nes­sun vero ten­ta­ti­vo di scal­fi­re il cor­po­ra­ti­vi­smo. Sin­ce­ra­men­te c’è da rim­pian­ge­re il gover­no Pro­di, che nel­la sua tri­stez­za e inef­fi­cac­cia ope­ra­ti­va alme­no non face­va tut­ti que­sti disastri. 

    Per quan­to mi riguar­da quin­di, pri­ma ci libe­ria­mo di Ber­lu­sco­ni meglio è. E’ mai pos­si­bi­le che non ci sia­no figu­re alter­na­ti­ve nel cen­tro destra ita­lia­no, che sia­no sui 50 anni inve­ce di 70 e pas­sa, in gra­do di espri­me­re qual­co­sa di un po’ più serio? Sicu­ra­men­te in pas­sa­to Ber­lu­sco­ni ha rap­pre­sen­ta­to istan­ze di rin­no­va­men­to ed ha rap­pre­sen­ta­to per cer­ti ver­si una pos­si­bi­li­tà, ma ormai è un vec­chio, emo­ti­va­men­te solo, ripie­ga­to su se stes­so che va avan­ti solo gra­zie al suo scon­fi­na­to ego e ai tan­ti sol­di di cui dispo­ne. Ma solo e tri­ste mori­rà, abban­do­na­to pro­gres­si­va­men­te da tut­ti, come sta già acca­den­do, e fa una gran pena a guar­dar­lo con un po’ di distac­co. Stia­mo real­men­te assi­sten­do allo sgre­to­la­men­to di una clas­se poli­ti­ca. Spe­ria­mo che dal­le cene­ri ne pos­sa nasce­re qual­co­sa di migliore. 

    Que­ste le mie per­so­na­li riflessioni.

    Un salu­to, con rispet­to e amicizia.

    Ilia

    • Ailinen ha detto:

      Scu­sa Ilia, ma non cre­do tu abbia com­pre­so il post di Franz…

      • Valeria ha detto:

        Franz, io sono d’accordo sul fat­to che un avver­sa­rio poli­ti­co va bat­tu­to in poli­ti­ca. Asso­lu­ta­men­te. Ma mi sem­bra che il pre­si­den­te del con­si­glio non si sia mai cura­to mol­to di dare il buon esem­pio in que­sto senso…
        Aili­nen, io cre­do che Ilia abbia com­pre­so per­fet­ta­men­te il sen­so dell’articolo e abbia volu­to dire la sua. Visio­ne che per altro io con­di­vi­do integralmente.
        Ilia, se ti can­di­di io ti voto!
        Buo­na sera­ta a tutti

      • franz ha detto:

        Riten­go che il com­men­to di Ilia non sia quel­lo di qual­cu­no che non ha capi­to quel­lo che dice­vo. Ma di uno che ha una sua idea e la espri­me. E, ad esse­re sin­ce­ro, con mol­te del­le sue affer­ma­zio­ni con­cor­do pienamente.
        Lui con­fu­ta alcu­ne mie tesi e, sapen­do dove vive, riten­go che, pur­trop­po, abbia ragione.
        E dico “pur­trop­po” non rispet­to a lui quan­to al fat­to che all’e­ste­ro il livel­lo di mora­li­smo del­la stam­pa è tremendo.
        Da noi è gos­sip, da loro è spes­so pura follia.
        Ren­dia­mo­ci con­to che l’i­ta­lia è comun­que agli ulti­mi posti per quan­to riguar­da la liber­tà di espres­sio­ne, spe­cial­men­te sul­la car­ta stam­pa­ta (anche se a leg­ge­re i gior­na­li potreb­be sem­bra­re il con­tra­rio, la real­tà è che le opi­nio­ni libe­re sono dav­ve­ro rare).
        Comun­que la doman­da fon­da­men­ta­le cre­do che Ilia l’ab­bia cen­tra­ta: “è mai pos­si­bi­le che non esi­sta­no figu­re alter­na­ti­ve dota­te di spes­so­re politico”.
        Esat­to. Il pro­ble­ma è pro­prio que­sto. No. Non ne esi­sto­no. Ed è per que­sto che non ci libe­re­re­mo tan­to facil­men­te di Berlusconi.
        Il che potreb­be anche non esse­re neces­sa­ria­men­te un male, se pen­sia­mo che le con­di­zio­ni di deser­to poli­ti­co sono pro­prio quel­le che nor­mal­men­te faci­li­ta­no la com­par­sa di per­so­nag­gi cari­sma­ti­ci che poi por­ta­no un pae­se com­ple­ta­men­te alla rovina.
        Qusto è un peri­co­lo rea­le, anche più gran­de di quel­lo rap­pre­sen­ta­to da un gover­no non in gra­do di soste­ne­re il pro­prio mandato.

  4. Ailinen ha detto:

    Ciao Franz

    Mi aspet­ta­vo un post così da te.

    Ber­lu­sco­ni (o qual­sia­si altro poli­ti­co) pos­so­no ave­re tut­te le col­pe di que­sto mon­do, ma come ven­go­no stru­men­ta­liz­za­te le varie vicen­de rasen­ta la vergogna.

    Ogni vol­ta che si apre un gior­na­le si leg­ge di que­sto o quel poli­ti­co invi­schia­to in 1000 e più fac­cen­de, con nem­me­no un bri­cio­lo di pro­va, con nien­te in mano un poli­ti­co vie­ne sbat­tu­to in pri­ma pagi­na come fos­se il peg­gior orco d’Italia.

    L’I­ta­lia si sta affon­dan­do da sola in que­sto modo. Cer­to Ber­lu­sco­ni non sarà cer­to uno stin­co di san­to, ha fat­to le sue cavo­la­te, ma tro­vo ripro­ve­vo­le che si spar­ga mer­da su una per­so­na quan­do non ha fat­to nul­la, quan­do una per­so­na non è nem­me­no iscrit­ta al regi­stro degli indagati.

    Ormai non si fa più poli­ti­ca, si fa solo un bas­so e schi­fo­so gos­sip e fan­no a gara a chi la spa­ra più gros­sa. Non si con­cen­tra­no più sul bene del­l’I­ta­lia, ma sul distrug­ger­si a vicen­da, quan­do dovreb­be esse­re il pae­se Ita­lia ad ave­re tut­ta l’at­ten­zio­ne che ha un politico.

    L’I­ta­lia vie­ne mes­sa nel dimen­ti­ca­to­io. Va a roto­li per una serie di moti­vi, ma si sa è più impor­tan­te che i poli­ti­ci si infan­ghi­no fra di loro che governare.

    Que­sto mene­fre­ghi­smo per il pae­se Ita­lia mi fa pau­ra. Sop­pra­vi­ve­rà l’I­ta­lia dove il moto dei poli­ti­ci ormai è: “distrug­gi il tuo nemi­co” e non “fai in modo di gover­na­re l’I­ta­lia al meglio”?

    • franz ha detto:

      Il pro­ble­ma è pro­prio que­sto. L’op­po­si­zio­ne non si oppo­ne più al dise­gno poli­ti­co, non fun­ge più da “guar­dia­no” del­l’o­pe­ra­to del­la mag­gio­ran­za. La stes­sa fun­zio­ne del­l’op­po­si­zio­ne riu­sl­ta del tut­to inu­ti­le. Soprat­tut­to quan­do i par­ti­ti che la com­pon­go­no non rie­sco­no a tro­va­re suf­fi­cien­te coesione.
      Ma al di là di que­sto, è pro­prio sul­l’in­cre­di­bi­le com­por­ta­men­to di gior­na­li e tra­smis­sio­ni che pun­ta­vo nel post. Ormai sia­mo arri­va­ti al pet­te­go­lez­zo e nient’altro.
      Una vol­ta i gior­na­li si occu­pa­va­no di inda­ga­re sui fat­ti, por­ta­re alla luce veri­tà maga­ri ter­ri­bi­li, ma la cui cono­scen­za pote­va dav­ve­ro cam­bia­re le cose. Oggi i fat­ti si inven­ta­no, si ingran­di­sco­no, si gio­stra­no a secon­da di come tira il vento.

      • White Knight ha detto:

        Uhm.… “come tira il vento”!?… 🙄
        D’al­tron­de un sag­gio Sufi (se ben ricor­do) dis­se che gli esse­ri uma­ni non sono altro che… “POLVERE MOSSA DAL VENTO”!!!
        Dun­que mi pare appropriato!!! :mrgreen:
        PS: riten­go che le “par­ti­zio­ni” del­la poli­ti­ca sia­no una cosa del tut­to “super­flua”, lo sco­po del poli­ti­co è quel­lo di pren­de­re le DECISIONI miglio­ri nel­l’in­te­res­se del­la col­let­ti­vi­tà (di cui è par­te lui stes­so) e per far que­sto non occor­ro­no par­ti­ti e rela­ti­ve diver­si­tà ideo­lo­gi­che, ma solo indi­vi­dui dota­ti di “buon Sen­so”, “Lun­gi­mi­ran­za”, “Prag­ma­ti­smo” e “buo­na Volontà”!!!
        E scu­sa se è poco!!! :war­rior:

      • Ailinen ha detto:

        Pete­go­lez­zi mi pare trop­po gen­ti­le… Gior­na­li­smo scan­da­li­sti­co e mor­bo­so, basta vede­re la sto­ria di Sara Scaz­zi e tut­to il con­tor­no. Mor­bo­sa atten­zio­ne ver­so i fat­ti di più schi­fo­si, luri­di e infan­gan­ti per una per­so­na e non atten­zio­ne alle cose vera­men­te impor­tan­ti del­la vita.

        Per­chè c’è anco­ra l’op­po­si­zio­ne? A me non pare.

        • Valeria ha detto:

          Aili­nen, hai per­fet­ta­men­te ragio­ne! Il gua­io è che il “gior­na­li­smo” che cor­re die­tro alle ven­di­te, offre pet­te­go­lez­zi e noti­zie mor­bo­se per­ché que­sto è ciò che chie­de il pub­bli­co. Basta guar­da­re il nume­ro di visi­te che ha rag­giun­to que­sto post per sco­pri­re di cosa si “nutre” la gente…
          Se il tito­lo fos­se sta­to “mor­bo­si­tà gior­na­li­sti­che e spet­ta­co­lo da ope­ret­ta” non lo avrem­mo let­to in molti…

          Oppo­si­zio­ne? Non ne ricor­do bene il signi­fi­ca­to… ades­so cer­co ispi­ra­zio­ne sul Devo­to-Oli :bye:

          • Ailinen ha detto:

            Ma posi­bi­le, Vale­ria, che l’u­ma­ni­tà sia così cadu­ta in bas­so, da non capi­re che le cose impor­tan­ti sono ben altre? Che il mon­do (e non solo l’I­ta­lia) stan­no andan­do a rotoli?

            Secon­do me toglie­ran­no “oppo­si­zio­ne” anche dal Devo­to-Oli come paro­la ormai cadu­ta in disuso.

            • Valeria ha detto:

              Mah Aili­nen, non so che dire… for­se anche l’u­ma­ni­tà, con le sue evo­lu­zio­ni e invo­lu­zio­ni, segue dei cicli…

  5. Attilio V. ha detto:

    E’ un po come il caso Bof­fo.… e il caso Marrazzo.…..

  6. jackll ha detto:

    Igior­na­li sono paga­ti dal­lo sta­to (qua­si tut­ti ) e quin­di i gior­na­li­sti scri­vo­no quel­lo che gli vie­ne pro­po­stoe che atti­ra l’at­ten­zio­ne del­le mas­se ( igno­ran­ti ), tut­to ciò per disto­glie­re l’at­ten­zio­ne dal­la cru­da realtà,se non si par­la di un fat­to, que­sto non esiste.
    La real­tà è quel­lo che ci fan­no vede­re non quel­lo che è.