>

La gente non sa guidare… porca troia!

…ed è per que­sto che met­to­no i limi­ti di velo­ci­tà così bassi.

Me ne ren­do con­to, ma non pos­so fare a meno di pen­sa­re che se le per­so­ne aves­se­ro un’i­dea del­la gui­da un po’ diver­sa da “tene­re in mano il volan­te men­tre vai da qui a lì”, for­se ci sareb­be­ro meno inci­den­ti e limi­ti più alti.

Ho sem­pre pen­sa­to che un limi­te di 130 all’o­ra in auto­stra­da sia a dir poco ridi­co­lo. E ne sono tut­t’o­ra convinto.

Però poi mi sono reso con­to che la mag­gior par­te del­le per­so­ne non ha asso­lu­ta­men­te idea di cosa signi­fi­chi guidare.

Me ne sono reso con­to a furia di anda­re in giro in moto, cosa che con­sen­te di coglie­re mol­ti par­ti­co­la­ri in più rispet­to a un’auto.

Nel­la fat­ti­spe­cie, par­lia­mo di tut­te quel­le cose assur­de che gli auto­mo­bi­li­sti rie­sco­no a fare inve­ce che guidare.

A par­ti­re dal­l’u­so del teleo­fo­no sen­za auri­co­la­re (cosa per cui andreb­be­ro appe­si per i coglio­ni), per con­ti­nua­re con la più gran­de col­le­zio­ne di atti incon­sul­ti: leg­ge­re il gior­na­le, truc­car­si, con­sul­ta­re il com­pu­ter sul sedi­le a fian­co (giu­ro, ho visto fare anche que­sto…), far­si la bar­ba, cam­biar­si la camicia…

Ma tut­to que­sto è nul­la, se para­go­na­to alla tec­ni­ca con cui le per­so­ne affron­ta­no la guida.

Mar­ce inse­ri­te pra­ti­ca­men­te a caso, fre­ni inchio­da­ti sen­za misu­ra, inse­ri­men­ti in cur­va a dir poco casua­li, nes­su­na atten­zio­ne negli spec­chiet­ti, per non par­la­re del­l’u­so del­le frecce.

Cam­bi di cor­sia del tut­to inu­ti­li e sen­za preavviso…

In com­pen­so, il pie­de sul­l’ac­ce­le­ra­to­re è sem­pre schiac­cia­to a fon­do corsa…

Per non par­la­re del­l’as­sur­di­tà di leg­gi come quel­le che rego­la­no il tipo di mac­chi­na che un gio­va­ne può gui­da­re, in base al rap­por­to peso/potenza. Leg­gi che per­met­to­no ad un neo­pa­ten­ta­to di gui­da­re un suv ma non una mac­chi­na nor­ma­le, tipo una Golf.

Il pro­ble­ma del­le auto non è la velo­ci­tà. E’ l’i­dio­zia di chi le gui­da. Idio­zia media­men­te iper­svi­lup­pa­ta in Ita­lia, pur­trop­po non di pari pas­so con la capa­ci­tà tec­ni­ca di man­te­ne­re un’au­to in strada.

Per­so­nal­men­te riten­go che la respon­sa­bi­li­tà sia da attri­bui­re a leg­gi del tut­to ini­que, vol­te, più che a garan­ti­re una cer­ta peri­zia nel­la gui­da, a for­ni­re un’au­to­riz­za­zio­ne for­ma­le sen­za nes­su­na garan­zia ma in com­pen­so mol­to lucro­sa per lo stato.

Se i cor­si di gui­da fos­se­ro vera­men­te dedi­ca­ti a for­ma­re i futu­ri auti­sti, com­pren­de­reb­be­ro cor­si di gui­da sicu­ra, sul bagna­to, sul­la neve, ad alta velo­ci­tà… com­pren­de­reb­be­ro eser­ci­ta­zio­ni pra­ti­che su tut­to que­sto e altro.

Ad esem­pio su come fre­na­re in emer­gen­za, come evi­ta­re un osta­co­lo improv­vi­so, come affron­ta­re una cur­va in con­tro­ster­zo e tan­te altre cosuc­ce simpatiche.

Inve­ce cosa ti inse­gna­no a scuo­la gui­da? Come rispet­ta­re la segna­le­ti­ca o come par­cheg­gia­re. Fini­ta lì.

Col risul­ta­to che quan­do ti tro­vi in auto­stra­da a 130 all’o­ra sul bagna­to e la mac­chi­na ti par­te di culo, non sai nem­me­no da che par­te comin­cia­re a rea­gi­re e ti schianti.

Ma vaf­fan­cu­lo, va’!

Con­di­vi­di

13 Comments

  1. Gianluca ha detto:

    Sono qua­si d’ac­cor­do, comun­que ad alta velo­ci­tà risul­ta sem­pre mol­to dif­fi­ci­le far fron­te a impre­vi­sti. Ani­ma­li che attra­ver­sa­no, poz­zan­ghe­re kil­ler, cur­ve in con­tro­pen­den­za e olio.
    Però riten­go di pre­ci­sa­re, visto che di tan­to in tan­to gui­do anche il camion, che la gen­te dovreb­be alme­no cono­sce­re le carat­te­ri­sti­che di gui­da di un camion. In quan­to spes­so auto­mo­bi­li­sti sprov­ve­du­ti mi han­no mes­so in seria dif­fi­col­tà. E comun­que lo stes­so tuo discor­so vale anche per i camio­ni­sti, soprat­tut­to per gli esteri.
    Con­cen­tra­zio­ne alla gui­da, altri­men­ti ci si fer­ma al bar a ber­si un acqua toni­ca o un caf­fe per ripo­sa­re e rilassarsi.

  2. Luna ha detto:

    Al fat­to che la gen­te non sa gui­da­re ci pen­sa­vo pro­prio sta­mat­ti­na in auto­stra­da, quan­do l’en­ne­si­mo autoar­ti­co­la­to a velo­ci­tà 80Km/h mi ha taglia­to la stra­da per supe­ra­re un altro autoar­ti­co­la­to a velo­ci­tà 75 Km/h, con con­se­guen­te inchio­da­ta da par­te mia e strom­baz­za­men­to ter­ro­riz­za­to del pove­ro auto­mo­bi­li­sta die­tro di me, non so se ren­do l’i­dea :sui­ci­de: (Gian­lu­ca que­sto non è un attac­co con­tro di te ovvia­men­te, ma solo ciò che mi è capi­ta­to stamattina)

    Par­lan­do con le per­so­ne, mi pare di capi­re che non solo le scuo­le gui­da non offro­no una pre­pa­ra­zio­ne com­ple­ta per quan­to riguar­da una gui­da sicu­ra (ammet­to che se mi tro­vas­si a 130 con la mac­chi­na che improv­vi­sa­men­te mi par­te di culo cer­ta­men­te mi schian­te­rei) ma la stes­sa gen­te alla gui­da si dà un mini­mo di con­te­gno sola­men­te per non pren­de­re la mul­ta; que­sto mi por­ta a con­clu­de­re che la respon­sa­bi­li­tà non è sola­men­te del­le scuo­le gui­da, ma anche del­la for­ma men­tis di alcu­ni tipi di guidatori.
    Se que­ste per­so­ne si met­tes­se­ro in testa che “gui­da­re un mez­zo di tra­spor­to con coscien­za” e “evi­ta­re la mul­ta” non sono la stes­sa cosa, for­se attue­reb­be­ro da loro stes­se un altro tipo di comportamento.

  3. Gianluca ha detto:

    Sono per­fet­ta­men­te d’ac­cor­do con te.
    Non pre­oc­cu­par­ti non lo inter­pre­to sicu­ra­men­te un attac­co a me.
    Per quan­to riguar­da quel­lo che ti è suc­ces­so, era appun­to di que­sto che mi riferivo.
    Pre­ci­so che non stò dal­la par­te di nes­su­no, ma spes­so l’au­to­mo­bi­li­sta non sa che una camion carico:
    ‑ci met­te un eter­no a fer­mar­si in caso di emer­gen­za, con gra­vi rischi per il gui­da­to­re e per tut­ti quel­li sul­la strada;
    ‑se deve ral­len­ta­re die­tro ad un altro anche solo di 5 km/h ci met­te 2–3 minu­ti buo­ni per ripren­der­li (non scherzo);
    ‑non rie­sce qua­si mai a supe­ra­re mez­zi più len­ti se non in auto­stra­da o affini.
    Per non par­la­re poi che un camion per velo­ce che vada ha il limi­ta­to­re a 85 nomi­na­li (ma si rag­giun­go­no anche i 90), met­ten­do­lo ad auto che gli sfrec­cia­no in par­te a 130 o più come fa a supe­ra­re? Pen­sa di esse­re die­tro ad un camion agli 80 con le mac­chi­ne che ti sfrec­cia­no in par­te e tu devi supe­ra­re e sai che hai una ripre­sa da bicicletta.
    E’ per que­sto che dice­vo “se la gen­te sapes­se come si gui­da un camion” si rie­sco­no a evi­ta­re poten­zia­li situa­zio­ni come la tua.

    Ciao

  4. Gianluca ha detto:

    Per favo­re, scu­sa­te il les­si­co e l’ortografia.

  5. Gianluca ha detto:

    Comun­quea par­te le carat­te­ri­sti­che dei sin­go­li vei­co­li, come dice franz, man­ca abi­li­tà, cono­scen­za e con­sa­pe­vo­lez­za di gui­da­re un veicolo.
    E’ que­sto il pro­ble­ma fondamentale.

  6. Sting ha detto:

    Le scuo­le gui­da, così come la cul­tu­ra dif­fu­sa, ti inse­gna­no che “nel dub­bio frena!”
    E quin­di sia­mo cir­con­da­ti da gen­te che “vive frenando”!
    Non sono asso­lu­ta­men­te d’ac­cor­do che si gui­da di mer­da ma con l’ac­ce­le­ra­to­re a tavoletta.
    Si gui­da di mer­da anche a 60 all’o­ra in autostrada!
    Giu­sto ieri rien­tra­vo a Mila­no sul­la A4, e… “Ho visto cose che voi umani.…”
    Non ulti­mo il fat­to che nel­la cor­sie a par­ti­re da sini­stra, la den­si­tà del traf­fi­co era di:
    un’au­to ogni 15 mt.; una ogni 30; una ogni 150, e sul­la pri­ma cor­sia di destra, un’au­to ogni 700mt/1 km.
    Traf­fi­co inten­so, velo­ci­tà media, 100/110 Kmh. Ma sia­mo tut­ti rincoglioniti!!??
    Il gros­so, vero pro­ble­ma, dap­per­tut­to e non solo sul­le stra­de, è che media­men­te si met­te il cer­vel­lo in con­ser­va, si caz­zeg­gia, ci si per­de nel filo poco logi­co di pen­sie­ri inu­ti­li e fantasie.
    Por­re atten­zio­ne a quel­lo che si com­pie NEL PRESENTE, non solo ci ren­de più effi­ca­ci, ma sal­va anche la pel­le. Degli altri e la nostra.
    Sem­pre, ma sopra­tut­to quan­do gui­dia­mo, oltre al Tom­Tom e gli occhia­li da sole, por­tia­mo­ci die­tro anche quel bloc­co gri­gio di neuroni.
    Maga­ri all’i­ni­zio non sapre­mo che far­ce­ne, non sia­mo abi­tua­ti, ma poi, col tem­po, potrem­mo sco­pri­re un mon­do nuovo!

  7. Ailinen ha detto:

    La scuo­la gui­da non fa un kispios. La mia for­tu­na è sta­ta ave­re i miei che mi han­no fat­to sem­pre gui­da­re con ogni tem­po atmo­sfe­ri­co (non in auto­stra­da però), man­ca­va solo la neb­bia che ho bec­ca­to all’esame.

    Sin­ce­ra­men­te non l’a­vrei fat­to l’e­sa­me visto che nes­su­no di noi ave­va avu­to uno spe­ci­fi­co inse­gna­men­to da par­te loro.

    Sta­vo finen­do quan­do l’e­sa­mi­na­to­re mi dis­se di fare l’in­ver­sio­ne a U in una stra­di­na stret­ta con le soli­te 3 mano­vre accet­ta­te. Sto per gira­re del tut­to quan­do una mer­ce­des gri­gia pas­sa fra me e il muret­to a fol­le velo­ci­tà. Non so per qua­le San­to o Madon­na sia riu­sci­ta a fre­na­re sen­za far spe­gne­re il moto­re. Non so come ho fat­to ad accor­ger­me­ne sin­ce­ra­men­te, ma die­tro ho visto l’e­sa­mi­na­to­re sbian­ca­to, per non par­la­re dell’istruttore. 

    Non cen­tra­no (fin tan­to lì) leg­gi e/o scuo­la gui­da, ma il cer­vel­lo di una per­so­na che sta alla gui­da. In quel caso cosa ti costa­va aspet­ta­re inve­ce di fare una bio­a­ta simi­le? Fin­chè la gen­te non si met­te in testa che gui­da­re può esse­re peri­co­lo­so e che ci vuo­le testa, nien­te potrà mai cam­bia­re, nem­me­no se tro­vi una scuo­la gui­da seria.

  8. Daniele ha detto:

    Oltre che alla scuo­la gui­da serie ci occor­re­reb­be pure un bel rie­sa­me serio.… se lo pas­si con­ti­nui a gui­da­re, se vie­ni sega­to ciao, tor­na l’an­no prossimo.
    E con­fer­mo il fat­to che la scuo­la gui­da ser­ve a una maz­za… se una per­so­na alla gui­da non “com­pren­de” ciò che lo cir­con­da allo­ra non è un bene.
    Quan­do si è alla gui­da biso­gna pure tene­re gli occhi e il cer­vel­lo a 360° per “capi­re” le inten­zio­ni degli altri gui­da­to­ri: se sta per gira­re ma non ha la frec­cia, se va drit­to ma ha la frec­cia fuo­ri da un’o­ra, se c’è una per­so­na anzia­na alla guida(che alcu­ne pos­so­no vera­men­te rive­lar­si peri­co­lo­se) se nel­l’au­to davan­ti ci sono 4 per­so­ne e con­ti­nua­no a chiac­chie­ra­re sen­za vede­re dove cac­chio vanno(questa mi è suc­ces­sa e l’ho pure evi­ta­ta) e la lista si allunga.
    Mai fat­to inci­den­ti se non una vol­ta, quan­do sono anda­to nel culo(dell’auto) ad un tizio. Era qua­si fer­mo ad un incro­cio, tra l’al­tro fer­mo da un po’ per­ché era­va­mo su un pez­zo di stra­da drit­to, e sem­bra­va che voles­se gira­re a sini­stra ma non ave­va la frec­cia… quin­di ho pen­sa­to “vab­bè ral­len­to e “supe­ro”, inve­ce si sta­va spo­stan­do per­ché c’e­ra un cane sul­la stra­da, che però io non ave­vo visto per­ché davan­ti all’au­to in que­stio­ne. For­tu­na­ta­men­te non è suc­ces­so nul­la di gra­ve né alle persone(incluso il cane) né alle auto.
    Que­sto per dire che devi pen­sa­re a tut­te le pos­si­bi­li varian­ti men­tre gui­di.… e poi ci sono quel­li che con­sul­ta­no il por­ta­ti­le… no comment.

  9. jackll ha detto:

    Hai ragio­ne Franz, la mag­gior par­te del­la gen­te gui­da da schifo,ma la cosa che più ti fà incaz­za­re è la cer­tez­za, nel­la loro men­te bacata,di esse­re i miglio­ri gui­da­to­ri del mon­do e que­sti sog­get­ti sono gli stes­si COGLIONI che quan­do van­no in giro in bici­clet­ta pen­sa­no che la stra­da sia tut­ta loro,sono gli stes­si BASTARDI che par­cheg­gia­no occu­pan­do due posti auto ecc.. eccc.…
    Io dico sem­pre pen­sa agli altri e non fare ciò che non vor­re­sti fos­se fat­to a te,credo che vivrem­mo tut­ti mol­to meglio.

    • Franz ha detto:

      Oh si… quel­li del­le bici sono i peg­gio­ri. .. spe­cie quel­li che si aggi­ra­no di not­te, sen­za uno strac­cio di luce… ma poi ti insul­ta­no per­che non li hai visti.…

  10. carlo ha detto:

    ciao franz sono con­cor­de con quan­to scrit­to da te una pre­ci­sa­zio­ne la col­pa rica­de solo e uni­ca­men­te sul­le scuo­le gui­da e moto­riz­za­zio­ni che con­ce­do­no l’idoneità.
    Per­so­nal­men­te mi attac­co alla nor­ma di non intral­cio del­la cir­co­la­zio­ne sen­za tener pre­sen­te i limiti.
    Cer­to io sono in mac­chi­na, in moto, ricor­do, è mol­to diverso!
    Leg­go parec­chia pas­sio­ne del­la gui­da in quel­lo che scri­vi e que­sto mi fa pia­ce­re, è sem­pre bel­lo poter discu­te­re nel­la stes­sa “lin­gua” nel tuo elen­co, straor­di­na­rio, di pec­che nel­la gui­da man­ca la miti­ca fre­na­ta da don­na quel­la per inten­der­ci sen­za mode­ra­re la pres­sio­ne sul peda­le e che ti annul­la spa­zio utile(forse in moto non la subi­sci eheh).
    Comun­que mas­si­mo rispet­to agli uten­ti del­la stra­da per inten­der­ci se abi­ti a mila­no e l’au­to davan­ti ti da stra­da o addi­rit­tu­ra allo stop ha l’ac­cor­tez­za di lasciar­ti spazio
    potrei esse­re io, però se ini­zia a star­mi nel­l’an­go­lo mor­to del­lo spec­chiet­to o sor­pas­si mul­ti­pli… ecco, li ci devo anco­ra lavorare!
    Vor­rei spez­za­re una lan­cia in favo­re dei camio­ni­sti, (ho la c e, ho lavo­ra­to qual­che anno in ita­lia) ma non pos­so !! ihi­hi sono trop­po sca­pe­stra­ti però è anche vero che ora­mai la per­di­ta del­la sovra­ni­tà mone­ta­ria ha con­dot­to tut­ti alla schia­vi­smo (tur­ni esagerati,prezzi dei tra­spor­ti al ribasso,gasolio sem­pre in rialzo)

    Buo­na Conduzione