>

Topless in calo: il parere autorevole dei sociologi

Tre gior­ni fa ho par­la­to con un mio caris­si­mo ami­co che vive in Costa Azzur­ra (bea­to lui, sigh!). Duran­te la con­ver­sa­zio­ne ricor­do benis­si­mo che uno degli argo­men­ti era suo figlio dicias­set­ten­ne che, con gli ormo­ni a pal­la per l’e­tà, tor­na­va a casa ogni gior­no sem­pre più arra­pa­to dal­la visio­ne dei vari topless che vede­va in spiaggia.

Pochi minu­ti pri­ma di scri­ve­re que­sto post, mi ha man­da­to il link a un arti­co­lo com­par­so sul­l’AN­SA, in cui si par­la del­l’o­pi­nio­ne del socio­lo­go Jean-Clau­de Kau­f­mann secon­do cui il topless in Costa Azzur­ra non ver­reb­be più pra­ti­ca­to dal­le don­ne fran­ce­si per­chè “Il nudo le “distur­ba”, le “infa­sti­di­sce”, è “vol­ga­re” (paro­le sue)

I casi qui non sono mol­ti. O Mau­ri­ce (il figlio del mio ami­co) ha le visio­ni, o le ha Kauf­f­mann oppu­re le don­ne fran­ce­si stan­no rincoglionendo.

Il pri­mo caso lo esclu­do sul­la fidu­cia: cono­sco Mau­ri­ce da quan­do è nato e non si è mai inven­ta­to nulla.

Riman­go­no quin­di gli altri due.

Non sareb­be la pri­ma vol­ta che un socio­lo­go piglia una can­to­na­ta, sem­pli­ce­men­te per­chè ha pre­sta­to un po’ trop­po orec­chio a son­dag­gi mal­fat­ti o par­zia­li. D’al­tron­de, si sa: spes­so e volen­tie­ri per­so­nag­gi pub­bli­ci sareb­be­ro dispo­sti a dire qua­lun­que cosa pur di far par­la­re di se’. Tut­ta­via potreb­be anche aver ragione.

E qui venia­mo al ter­zo caso che è quel­lo che mi pre­oc­cu­pa di più.

Si per­chè, se risul­tas­se vero, sareb­be un pre­oc­cu­pan­te segno di aumen­to di quel­la bac­chet­to­ni­te acu­ta che, a quan­to pare, sta diven­tan­do una del­le pato­lo­gie men­ta­li più diffuse.

Non mi stu­pi­reb­be se vera­men­te le don­ne fran­ce­si stes­se­ro aven­do un rigur­gi­to di mora­li­smo: come giu­sta­men­te fa nota­re lo stes­so Kauf­f­man, recen­te­men­te la don­na vie­ne sem­pre più discri­mi­na­ta e compressa.

Più com­pres­sio­ne di soli­to gene­ra due aspet­ti con­trap­po­sti: nel­la fascia più evo­lu­ta e pen­san­te un’im­me­dia­ta ribel­lio­ne, in tut­te le altre un’al­tret­tan­to imme­dia­to adeguarsi.

E dato che le per­so­ne più evo­lu­te sono sta­ti­sti­ca­men­te nume­ri­ca­men­te infe­rio­ri, ecco che la ten­den­za del­la mas­sa diven­ta quel­la di ade­guar­si e… via: il mora­li­smo da’ spettacolo.

Per­so­nal­men­te però la mia impres­sio­ne è quel­la di una gran­dis­si­ma mon­ta­gna di cazzate.

Maga­ri mi sba­glio, ma a vede­re Mau­ri­ce non cre­do proprio.

Con­di­vi­di

8 Comments

  1. Sciuscia ha detto:

    Pro­pen­do per l’i­po­te­si “bac­chet­to­ni­smo”.

    Che poi, biso­gne­reb­be anda­re a discernere.

    Per esem­pio, la mia Ama­ta Com­pa­gna di Vita si met­te in topless solo quan­do sia­mo fuo­ri da casa, men­tre in pisci­na cit­ta­di­na e spiag­ge vici­ne a casa lo evi­ta per via del­la tan­te gen­te cono­sciu­ta. Un pudo­re che va coi chi­lo­me­tri, diciamo 🙂 .

  2. Il Veronesi ha detto:

    Sie­te di un otti­mi­smo sba­lor­di­ti­vo. In real­tà pen­so si trat­ti di uno dei mol­tis­si­mi e pre­oc­cup­pan­ti segni del­l’i­sla­miz­za­zio­ne del nostro con­ti­nen­te. Così come la lot­ta all’al­col, le rot­tu­re di coglio­ni nei con­fron­ti di chi ha un cane e via dicendo…

    • dilmun ha detto:

      dici?

      • Franz ha detto:

        Pur­trop­po le pos­si­bi­li­tà che il Vero­ne­si dica il vero ci sono. E’ un feno­me­no che ho nota­to anch’io da tem­po, in pre­oc­cu­pan­te asce­sa! :kil­ly­ou:

  3. Walter ha detto:

    Scu­sa­mi Franz, ma Mau­ri­ce sem­bra usci­to da un film anni 70 con la Fenech.

    • franz ha detto:

      Caz­zo! Lo cono­sci anche tu? :muah: :muah: :muah: :muah:

      • Walter ha detto:

        Visto che si par­la tan­to di calo del desi­de­rio for­se non è anco­ra tut­to perduto.
        Ciao, bel­lis­si­mo post.

  4. Fabio ha detto:

    sono appe­na pas­sa­to dal­la Fran­cia e con­fer­mo che di topless in giro se ne vedo­no anco­ra 😈 … non so dire se sta­ti­sti­ca­men­te sia­no in calo o meno…ma di cer­to ho osser­va­to che era­no più fre­quen­ti nel­le tren­ta-qua­ran­ten­ni che nel­le più giovani… 👿