>

Kondor – di Alan Altieri

E’ for­se uno dei roman­zi più bel­li di Altie­ri che abbia mai let­to. Ambien­ta­to in un futu­ro non trop­po remo­to, in un mon­do che sta affron­tan­do una guer­ra glo­ba­le o qua­si, un mani­po­lo di sol­da­ti super adde­stra­ti e super caz­zu­ti vie­ne usa­to sen­za pie­tà da un uffi­cia­le cor­rot­to fino al midol­lo per que­stio­ni economiche.

I ragaz­zi dovran­no affron­ta­re ogni gene­re di peri­co­lo, in situa­zio­ni tat­ti­che da puro incu­bo, in com­bat­ti­men­ti cru­di, bru­ta­li, sul­lo sfon­do di una del­le tra­me più intri­ca­te che abbia mai letto.

Altie­ri in que­sto roman­zo si sca­ten­za in un “deli­rio” di armi e situa­zio­ni tec­no­lo­gi­che ano­ma­le ma estre­ma­men­te vero­si­mi­li, riu­scen­do come sem­pre a tra­sci­na­re il let­to­re in un’at­mo­sfe­ra del tut­to spe­cia­le, par­ti­co­la­re, a trat­ti den­sa come il petro­lio, a trat­ti “solo” come la lava.

Il flus­so e riflus­so di per­so­nag­gi pro­ve­nien­ti da altri roman­zi, poi, met­te la cilie­gi­na sul­la tor­ta, in un cros­so­ver con­ti­nuo che ren­de il tut­to anco­ra più com­ples­so e sorprendente.

Un vero e pro­prio “must” per gli appas­sio­na­ti del genere.

Kon­dor – Alan D. Altie­ri – Ed. TEA 

Con­di­vi­di