>

Ricerca scientifica: dovete essere distratti! E vai con le stronzate!

Oggi si vede che è la gior­na­ta. Ho tro­va­to que­sto arti­co­lo, in cui il gior­na­li­sta descri­ve, gra­zie al cie­lo con una buo­na dose di iro­nia fina­le, una ricer­ca com­piu­ta dai soli­ti geni americani.

Secon­do quel­lo stu­dio, la distra­zio­ne fa bene. Fan­ta­sti­co! Tra la Die­sel sta­mat­ti­na che inneg­gia alla stu­pi­di­tà e ades­so que­sta ricer­ca che inve­ce inneg­gia alla decon­cen­tra­zio­ne, mi sem­bra abba­stan­za chia­ro dove si voglia anda­re a parare.

L’uo­mo deve esse­re stu­pi­do e, quan­do pos­si­bi­le anche deconcentrato.

Que­sto è dove la scien­za vor­reb­be por­tar­ci. Non tut­ta ovvia­men­te, ma sicu­ra­men­te una buo­na parte.

Ma la scien­za deve esse­re sovra­na, l’e­ner­gia non esi­ste, i mon­di sot­ti­li sono una bufa­la, la spi­ri­tua­li­tà non è pro­va­bi­le e tut­to ciò che fa schi­fo è degno di nota.Per for­za, se que­sti sono i risul­ta­ti del meto­do scientifico.…

Mi sem­bra dav­ve­ro che stia­mo arri­van­do a toc­ca­re il fondo.

Eppu­re ricer­che come que­ste han­no le loro con­se­guen­ze, il loro segui­to. Quan­do inve­ce uno scien­zia­to che dice una cosa simi­le andreb­be pre­so sem­pli­ce­men­te per il culo per tut­to il resto del­la sua, peral­tro inu­ti­le, esistenza.

Ma for­se è meglio così. Pri­ma la chie­sa per­de cre­di­bi­li­tà, ora for­se, a furia di dai e dai, anche cer­to mate­ria­li­smo scien­ti­fi­co potreb­be fini­re dove dovreb­be stare.

Nel­la spazzatura.

Con­di­vi­di

11 Comments

  1. Andrea G ha detto:

    La chie­sa per­de cre­di­bi­li­tà e una cer­to tipo di scien­za anche.…
    .….che Dio ce la man­di buona!!!
    Mica dico tan­to, solo un pic­co­la preghierina:
    “caro Gesù Bambino…perché non t’in­caz­zi e apri il bara­tro del­l’in­fer­no (quel­lo vero!) a chi con­ti­nua a dire boia­te e a rom­pe­re le pal­le a chi alme­no ci pro­va a dire la verità?!?!?!”

    Amen :bang:

  2. Fabio ha detto:

    Con­di­vi­do al 110% tut­to quan­to scritto…

    Mi chie­do se dav­ve­ro, toc­ca­to il fon­do, sia dav­ve­ro fini­ta oppu­re, come dice qual­cu­no, si pos­sa sem­pre comin­cia­re a scavare…

    Ma non voglio di-spe­ra­re.… auspi­co pro­fon­da­men­te che ogni for­ma di chiu­su­ra psi­co-men­ta­le-spi­ri­tua­le fini­sca dav­ve­ro in disca­ri­ca (maga­ri rie­sce a trasformarsi…)

    • Daniele ha detto:

      Nul­la si crea, nul­la si distrug­ge, tut­to si tra­sfor­ma.… sì… il pro­ble­ma è in cosa ‑_-

  3. Tina ha detto:

    pros­si­mo can­di­da­to al pre­mio IGNOBEL per la ricer­ca, mica bruscolini.

  4. Fabio ha detto:

    …ho dato un’oc­chia­ta all’ar­ti­co­lo segna­la­to, e ho capi­to qual è l’a­rea di stu­dio a cui fan­no riferimento.
    Per­met­ten­do­mi un0interpretazione e una ride­fi­ni­zio­ne dei con­cet­ti indi­ca­ti, cre­do che i ricercatori
    (cer­to non mol­to adu­si alle disci­pli­ne medi­ta­ti­ve e “coscien­zia­li”) si rife­ri­sca­no al feno­me­no del­l’in­ter­ru­zio­ne / sospensione
    del­l’at­ti­vi­tà clas­si­ca del­l’e­mi­sfe­ro sinistro…il tipi­co chiac­che­ric­cio discor­si­vo logico-lineare…
    Sem­bra che, in effet­ti quan­do tale atti­vi­tà ordi­na­ria si ridu­ce (nei “non-pra­ti­can­ti” avvie­ne spontaneamente
    nel­le fasi di rilas­sa­men­to natu­ra­le come la fase pre­ce­den­te l’ad­dor­men­ta­men­to, oppu­re il “sogna­re ad occhi aperti”)
    ciò favo­ri­sca un atti­vi­tà più inten­sa del­l’e­mi­sfe­ro destro, per sua natu­ra più “sin­te­ti­co”, oli­sti­co e “conet­ten­te” …ed ecco
    spie­gar­si la “mag­gio­re crea­ti­vi­tà” … rispet­to all’or­di­na­rio, ovviamente.

    • Andrea G ha detto:

      Ciao Fabio, pro­ba­bil­men­te nel­l’ar­ti­co­lo ci si rife­ri­sce a quel­lo che tu dici.
      Per­so­nal­men­te però noto un erro­re abba­stan­za comu­ne per i ricer­ca­to­ri che (guar­da caso) usa­no pra­ti­ca­men­te solo il cer­vel­lo sini­stro (e non sem­pre al suo mas­si­mo potenziale!!).
      In un mio com­men­to al post “sogni e risve­gli” ho par­la­to di una dif­fe­ren­za sostan­zia­le fra fan­ta­sti­ca­re e immaginare.
      Nel­l’ar­ti­co­lo (o for­se nel­la ricer­ca stes­sa, sareb­be da appro­fon­di­re), secon­do me vie­ne fat­ta un pò di confusione.
      E’ cer­to che una men­te in gra­do di usci­re dagli sche­mi, sin­te­tiz­za­re nuo­ve “visio­ni”, lavo­ra­re in “paral­le­lo” e imma­gi­na­re nuo­ve pos­si­bi­li­tà favo­ri­sca la crea­ti­vi­tà e dimi­nui­sca lo stress, solo che è qual­co­sa di total­men­te diver­so dal­la men­te che “diva­ga” e si distrae.
      Que­sta è mec­ca­ni­ca, rici­cla scon­si­de­ra­ta­men­te il “vec­chio” e, soprat­tut­to, è pri­va di “pre­sen­za”, ener­gia e direzionalità.
      La “men­te crea­ti­va” è inve­ce un per­fet­to e poten­te stru­men­to che nasce dal­la altret­tan­to per­fet­ta inte­gra­zio­ne dei due emisferi.
      E’ un luo­go comu­ne quel­lo del­l’ar­ti­sta un pò “sval­vo­la­to” che vie­ne con­si­de­ra­to un creativo.
      Ma ho avu­to modo per­so­nal­men­te di spe­ri­men­ta­re per­cor­si arti­sti­ci e di par­la­re con veri arti­sti (o leg­ge­re loro testi­mo­nian­ze), e tut­ti han­no in comu­ne la con­sa­pe­vo­lez­za che la vera arte richie­de tan­ta crea­ti­vi­tà e “liber­tà men­ta­le” quan­to disci­pli­na, ener­gia e volontà.
      Un saluto!

      • Fabio ha detto:

        tut­to vero, mi tro­vi per­fet­ta­men­te d’ac­cor­do… in effet­ti l’ap­proc­cio del­la ricer­ca, così come anche le sue con­clu­sio­ni, pare dav­ve­ro grossolano…

  5. Fabio ha detto:

    …nel frat­tem­po, in tut­t’al­tro cam­po d’in­da­gi­ne, sem­bra per for­tu­na che esi­sta­no anche inte­res­san­ti scien­zia­ti dal­la men­te deci­sa­men­te più aper­ta: non so se cono­sce­te tal Har­ry Old­field, ricer­ca­to­re che pare abbia svi­lup­pa­to un Siste­ma e del­le appa­rec­chia­tu­re (come il PIP, POLYCONTRAST INTERFERENCE PHOTOGRAPHY) deci­sa­men­te più pre­ci­se e affi­da­bi­le del­la foto­gra­fia Kir­lian, con cui sono sta­te stu­dia­te appro­fon­di­ta­men­te dina­mi­che del cam­po ener­ge­ti­co uma­no (sano, mala­to e…“post-mortem”), dei cri­stal­li e di alcu­ni luo­ghi “par­ti­co­la­ri” del­la Terra

    Qui una sua inter­vi­sta sot­to­ti­to­la­ta in italiano:
    http://www.youtube.com/watch?v=fiaoKMQj9Pk

    Aven­do fat­to un accen­no anche a ricer­che svol­te in col­la­bo­ra­zio­ne con Medi­ci Ago­pun­to­ri Cine­si, maga­ri potreb­be inte­res­sa­re anche alla Dott.ssa Cathrine…

  6. Fabio ha detto:

    …ho ten­ta­to di posta­re anche una altro com­men­to su un diver­so tipo di scien­zia­ti (dal­la men­te deci­sa­men­te più aper­ta) che svol­go­no ricer­che note­vol­men­te più interessanti…ma il sito non me lo accetta…sapete se esi­sto­no dei fil­tri di cui non sono a conoscenza?

    • franz ha detto:

      Ecco fat­to, ho recu­pe­ra­to il tuo com­men­to. I fil­tri che ho mes­so in pie­di, essen­do spie­ta­ti, a vol­te fan­no il loro lavo­ro fin trop­po bene.
      Mi scu­so anche a loro nome :muah: