>

Flash del giorno. Berlusconi insiste: vuole più potere.

Ci risia­mo, ormai è il tasto su cui schiac­cia il dito in con­ti­nua­zio­ne, una spe­cie di man­tra: “Più pote­ri, date­mi più poteri”

In que­sto arti­co­lo sul Mes­sag­ge­ro vie­ne ripor­ta­ta l’en­ne­si­ma lamen­te­la di Ber­lu­sco­ni nei con­fron­ti del siste­ma legi­sla­ti­vo ita­lia­no che gli dareb­be trop­po poca liber­tà d’azione.

Ma que­sta è l’I­ta­lia e que­sta è la Costituzione.

Il nostro siste­ma legi­sla­ti­vo è stu­dia­to in modo da evi­ta­re che a qual­cu­no ven­ga affi­da­to trop­po pote­re, cosa avve­nu­ta pro­prio come rea­zio­ne agli erro­ri com­mes­si con Mus­so­li­ni, il dit­ta­to­re che ha por­ta­to l’I­ta­lia al disa­stro eco­no­mi­co e socia­le duran­te gli anni del suo gover­no e che ha sot­to­po­sto gli ita­lia­ni ad una del­le più tigno­se e ter­ri­bi­li cen­su­re del­la sto­ria del nostro paese.

Ergo non cre­do pro­prio che sarà pos­si­bi­le per chiun­que nel­la sua posi­zio­ne ave­re mai mag­gio­ri pote­ri, sem­pre che non si deci­da di ribal­ta­re l’in­te­ro impian­to costi­tu­zio­na­le italiano.


Con­di­vi­di