>

L’unione europea, la saggezza e la delegittimazione dei governi nazionali.

Qual­che tem­po fa, il Vero­ne­si com­men­tò un mio post pro­prio in que­sto senso.

Fate­ci caso: da qual­che anno a que­sta par­te, l’U­nio­ne Euro­pea, scu­sa­te il fran­ce­si­smo, rom­pe sem­pre più i coglioni!

E lo fa pre­ten­den­do di assog­get­ta­re tut­te le nazio­ni euro­pee alle stes­se rego­le. Cosa che anche un idio­ta dovreb­be capi­re che non ha nes­sun senso.

Come si fa a pen­sa­re che un ita­lia­no e un fran­ce­se pos­sa­no vive­re allo stes­so modo? O un tede­sco e uno spa­gno­lo? Lo ripe­to: non ha senso.

Eppu­re i vari gover­ni subi­sco­no sem­pre di più la pres­sio­ne del Par­la­men­to Europeo.

La dele­git­ti­ma­zio­ne dei sin­go­li gover­ni nazio­na­li pro­se­gue a pas­si sem­pre più velo­ci, ten­den­do ad omo­ge­neiz­za­re le leg­gi dei vari pae­si, ma sen­za sag­gez­za e, soprat­tut­to, sen­za che vi sia alla base una rea­le omo­ge­nei­tà del­le popolazioni.

Negli Sta­ti Uni­ti un gover­no fede­ra­le è sta­to reso pos­si­bi­le da ele­men­ti assai par­ti­co­la­ri; tan­to per ini­zia­re, la lin­gua: tut­ti gli ame­ri­ca­ni, dal pri­mo all’ul­ti­mo, par­la­no inglese.

Il popo­lo degli Sta­ti Uni­ti ha fat­to più guer­re per riu­nir­si sot­to un uni­co gover­no: l’u­ni­tà del pae­se è nata dal popo­lo, non è sta­ta impo­sta dall’alto.

La mone­ta uni­ca è sem­pre sta­ta quel­la: non c’e­ra­no mone­te diver­se che poi han­no dovu­to cam­bia­re per adat­tar­si ad una nuo­va. Il dol­la­ro è sem­pre quel­lo: ver­de e frusciante.

Infi­ne ogni sta­to ha comun­que la liber­tà di legi­fe­ra­re in modo del tut­to pri­va­to, anche diver­so da tut­ti gli altri.

In Euro­pa non abbia­mo una lin­gua comu­ne. Il gover­no fede­ra­le è sta­to impo­sto, dato che nes­sun cit­ta­di­no lo vole­va. La mone­ta uni­ca è sta­ta anco­ra un’im­po­si­zio­ne cui mol­ti era­no con­tra­ri e che, alla fine non veni­te­mi a rac­con­ta­re bal­le, si è rive­la­ta come la più gran­de fre­ga­tu­ra, alme­no per l’I­ta­lia, che ha visto rad­dop­pia­re i prez­zi e non gli sti­pen­di (gra­zie anche all’i­net­ti­tu­di­ne del governo).

L’im­po­si­zio­ne di un’U­nio­ne Euro­pea non ha fat­to altro, in fon­do, che ren­de­re uni­co un ber­sa­glio che pri­ma, essen­do costi­tui­to da mol­ti gover­ni diver­si, era mol­to più dif­fi­ci­le da colpire.

Oggi l’Eu­ro e il gover­no euro­peo sono un ber­sa­glio faci­le. Se pri­ma era impos­si­bi­le affon­da­re il Mar­co, il Fran­co, il Peso e la Lira tut­ti assie­me, oggi affon­da­re l’Eu­ro è un gio­co da ragaz­zi (cosa che è già sta­ta fat­ta per due volte!).

Que­sto per­chè l’Eu­ro­pa, inte­sa come con­ti­nen­te, è costi­tui­ta da nazio­ni trop­po vec­chie, trop­po len­te nel­la buro­cra­zia e nel­la demo­cra­zia e trop­po debo­li nel­la rea­zio­ne alla minac­cia, i cui poli­ti­ci sono trop­po impri­gio­na­ti dal­le pasto­ie di una diplo­ma­zia che ormai è solo demagogia.

L’U­nio­ne Euro­pea avreb­be potu­to esse­re una bene­di­zio­ne per gli euro­pei ma ne sarà la male­di­zio­ne, per­chè chi ne gesti­sce la gover­nan­ce non pos­sie­de nem­me­no una fra­zio­ne di quel­la cosa chia­ma­ta sag­gez­za e che sareb­be inve­ce indi­spen­sa­bi­le per que­sto ruolo.

Anche il mec­ca­ni­smo di far ruo­ta­re la pre­si­den­za è del tut­to assur­do; occor­re un gover­no sta­bi­le per gesti­re una cosa così monu­men­ta­le come l’Europa.

Così come occor­re una for­za sta­bi­le per­chè tale gover­no sia in pos­ses­so di un brac­cio esecutivo.

Non basta una mone­ta uni­ca per fare l’u­ni­tà di tan­te nazio­ni: occor­ro­no una visio­ne comu­ne, una lin­gua comu­ne, un desi­de­rio comune.

Ed occor­re una serie di veri sag­gi, pro­ve­nien­ti dai vari pae­si, che pos­sa­no deci­de­re vera­men­te cosa è neces­sa­rio per le diver­se gen­ti che popo­la­no que­sto immen­so ter­ri­to­rio, tenen­do con­to del­le dif­fe­ren­ze cul­tu­ra­li, raz­zia­li e socia­li che con­trad­di­stin­guo­no ogni popolazione.

Que­sto servirebbe.

Non un ammas­so di poli­ti­ci vec­chi e rea­zio­na­ri, anco­ra­ti a tra­di­zio­ni e con­cet­tua­li­tà obso­le­te e con in men­te uni­ca­men­te il tor­na­con­to per il pro­prio pae­se, quan­do non addi­rit­tu­ra quel­lo personale.

L’U­nio­ne Euro­pea è una magni­fi­ca idea che nel­la real­tà si tra­dur­rà, pri­ma o poi, nel­la più gran­de fre­ga­tu­ra per tutti.

Con­di­vi­di

6 Comments

  1. capitan baffo ha detto:

    Ciao sono pie­na­men­te favo­re­vo­le ..e aggiun­go come si pote­va pen­sa­re che le altre
    nazio­ni che ave­va­no il fran­co il mar­co il rober­to ecc.. mone­te più for­ti del­la nosta lira ci per­met­tes­se­ro di ave­re il loro teno­re di vita …
    come si può pen­sa­re che un ita­lia­no un fran­ce­se e un tede­sco ecc..
    diven­ti­no tut­ti ugua­li ..se anche tra di noi non ci pos­sia­mo vedere.
    dimen­ti­ca­vo una vol­ta mani­co­mio era scrit­to fuori.…
    alternativa.…tornare idie­tro.. se po fa… viva la disu­gua­glian­za for­se ci migliora..
    p.s. chi pri­ma non pen­sa dopo sospira.

  2. Il Veronesi ha detto:

    E la cosa più ter­ri­bi­le di tut­te è che men­tre i gover­ni in via di dele­git­ti­ma­zio­ne sono (ahi­mé) elet­ti dal­la popo­la­zio­ne con siste­mi più o meno demo­cra­ti­ci, chi li dele­git­ti­ma, chi impo­ne le pro­prie rego­le, chi si per­met­te di san­zio­na­re chi non obbe­di­sce è un grup­po di per­so­ne non elet­te da nes­su­no. Non è il par­la­men­to euro­peo che ha il pote­re legi­sla­ti­vo, ma la com­mis­sio­ne. La com­mis­sio­ne non è elet­ta in alcun modo dal­la popo­la­zio­ne, nem­me­no in via indi­ret­ta. Anche per­ché se andia­mo a vede­re chi la com­po­ne… abbia­mo il pre­si­den­te del­la ban­ca cen­tra­le del­l’E­sto­nia, un mem­bro del board di ABP-PGGM Capi­tal Hol­dings NV, il con­su­len­te lega­le del­la Ban­ca cen­tra­le di Cipro e del­la stan­dard char­te­red bank ed altri sim­pa­ti­ci ami­ci… per cui, men­tre qui stia­mo a par­la­re di Ber­lu­sco­ni-mer­da o Ber­lu­sco­ni-san­to, pen­san­do che abbia un qual­che pote­re, un grup­po di ban­chie­ri legi­fe­ra sul­la nostra vita, sen­za che nes­su­no li abbia auto­riz­za­ti a far­lo. E chi non si assog­get­ta vie­ne rovi­na­to finan­zia­ria­men­te da san­zio­ni esor­bi­tan­ti, paga­bi­li solo attra­ver­so una richie­sta di cre­di­to alla ban­ca cen­tra­le!!! Se vole­te pos­so con­ti­nua­re con l’e­len­co di ami­ci o con la cate­na dell’amore!
    :sui­ci­de:

  3. jackill ha detto:

    Pie­na­men­te dac­cor­do, ma cosa pos­sia­mo fare?
    Biso­gna dele­git­ti­ma­re il gover­no europeo,ma i nostri poli­ti­ci non val­go­no un c..o!!!!

    • Franz ha detto:

      Per­so­nal­men­te riten­go che si pos­sa fare mol­to. Ma cer­ta­men­te non agen­do sul­la cima del­la pira­mi­de. Noi “comu­ni mor­ta­li” non abbia­mo modo di arri­va­re così in alto.
      Ciò che però pos­sia­mo fare è agi­re sul pia­no che più ci è pro­prio: noi stessi.
      Cre­scen­do e svi­lup­pan­do una matu­ri­tà uma­na ed inte­rio­re mag­gio­re, non­chè una con­sa­pe­vo­lez­za diversa.
      Otte­ne­re tut­to que­sto signi­fi­ca ine­vi­ta­bil­men­te influen­za­re colo­ro con cui venia­mo di vol­ta in vol­ta in contatto.
      Pen­sa se tut­ti gli uomi­ni ini­zias­se­ro ad ave­re una visio­ne diver­sa: ciò por­te­reb­be ine­vi­ta­bi­men­te ad azio­ni diver­se e quin­di a scel­te diver­se. Com­pre­sa quel­la di chi deve anda­re al governo.
      Maga­ri non in que­sta gene­ra­zio­ne, ma lo svi­lup­po di una cul­tu­ra e di una serie di valo­ri di que­sto gene­re potreb­be­ro por­ta­re i nostri figli ed i nostri nipo­ti a testi­mo­nia­re un’in­te­rio­ri­tà più pro­fon­da e responsabile.
      Per cita­re “Star­ga­te”: il tem­po non è impor­tan­te. Solo la vita lo è!

  4. Artos ha detto:

    Ciao.Sono d’ac­cor­do con Il Veronesi.
    La com­mis­sio­ne impo­ne rego­le a tut­ti gli sta­ti mem­bri e non vie­ne elet­ta da nes­su­no. Può dar­si che i rap­pre­sen­tan­ti di que­sta com­mis­sio­ne sono uomi­ni di pote­re anco­ra più poten­ti qua­li Club Bil­der­berg, Com­mis­sio­ne Tri­la­te­ra­le, etc.. che a loro vol­ta ven­go­no coman­da­ti da pote­ri occulti.
    La loro azio­ne è desti­na­ta ad esten­der­si a tut­to il pia­ne­ta e non coin­vol­ge­rà più sol­tan­to l’Europa.
    Le con­se­guen­ze pur­trop­po saran­no che il popo­lo diven­te­rà sem­pre più pove­ro e loro sem­pre più ricchi.
    Saluti

  5. Roberto Rini ha detto:

    ragaz­zi per­fet­ta­men­te d’ac­cor­do con voi. l’eu­ro­pa si sta rive­lan­do una Moloch mostruo­so, livel­lan­te e tritatutto(per noi), e una mec­ca­ni­smo di con­trol­lo per pochis­si­mi … NON ELETTI DA NESSUNO!…la costi­tu­zio­ne euro­pea fu boc­cia­ta in refe­ren­dum da fran­ce­si e olan­de­si, per­chè visto­sa­men­te anti­co­sti­tu­zio­na­le per i sin­go­li stati…e allo­ra sen­za trop­po cla­mo­re ecco che il trat­ta­to di Lisbo­na quat­to quat­to, sta pra­ti­ca­men­te dele­git­ti­ma­to la sovra­ni­tà nazio­na­le, sen­za chie­de­re nien­te a nes­su­no, sal­tan­do a piè pari dibat­ti­ti pub­bli­ci e referendum.…il par­la­men­to, come dice­va il vero­ne­si, non con­ta na mazza.…il pote­re è total­men­te in mano alla com­mis­sio­ne, che non è vota­ta da nessuno..e che detie­ne pres­so­chè asso­lu­ta capa­ci­tà decisionale..
    il Par­la­men­to Euro­peo, dove risie­do­no i rap­pre­sen­tan­ti da noi vota­ti, non potrà pro­por­re le leg­gi, né adot­tar­le o boc­ciar­le da solo. Potrà solo con­te­star­le, ma sen­za alcun pote­re effettivo..

    que­sto video è interessante
    http://www.youtube.com/watch?v=Z3h0kf6sKIc&feature=watch_response