>

Il crollo delle borse di ieri: mi sorge un sospetto…

183 miliar­di di euro bru­cia­ti in meno di mez­za gior­na­ta da un miste­rio­so e inspie­ga­to crol­lo del­le borse.

Da Chicago un mas­sic­cio ordi­ne di ven­di­te, avreb­be fat­to par­ti­re un effet­to domi­no di ven­di­te, dovu­to, secon­do quan­to si leg­ge sui media, a due cau­se pos­si­bi­li: un ope­ra­to­re che avreb­be sba­glia­to a digi­ta­re un tasto (si, esat­to, UN tasto) o a una rea­zio­ne esa­ge­ra­ta dei siste­mi informatici.

Non cono­sco i siste­mi infor­ma­ti­vi del­le bor­se ma so che, dopo il crol­lo del famo­so “Lunedi nero di Wall Street” del 1987, dovu­to pro­prio ad un erro­re dei siste­mi di con­trol­lo del­le tran­sa­zio­ni, i sud­det­ti siste­mi sono sta­ti rivi­sti e corretti.

Ora, tro­vo vera­men­te assur­do che si pos­sa impu­ta­re un disa­stro eco­no­mi­co come quel­lo di ieri ad un inter­ven­to del­la sfi­ga. Soprattutto quan­do si met­to­no in moto tut­ti gli orga­ni­smi di sor­ve­glian­za; non lo fareb­be­ro se il puz­zo di bru­cia­to non fos­se di por­ta­ta planetaria.

Credo che la vera doman­da da por­si sia: chi potreb­be ave­re inte­res­si tali da voler met­te­re in atto spe­cu­la­zio­ni con un simi­le effet­to col­la­te­ra­le? Ma soprat­tut­to chi potreb­be fre­gar­se­ne total­men­te del­le conseguenze?

Si, per­chè un casi­no come quel­lo di ieri non può esse­re casua­le, o dovu­to ad una con­co­mi­tan­za for­tui­ta di fat­to­ri. Se c’è una cosa che ormai dovrem­mo aver impa­ra­to tut­ti, è che nel mon­do dei fan­ta­sti­lio­ni di euro, nul­la acca­de per caso.

Chiunque abbia spe­cu­la­to a tal pun­to da pro­vo­ca­re un macel­lo così gran­de non può esse­re un cre­ti­no. Ergo dove­va sape­re per­fet­ta­men­te quel­lo che faceva.

E se sape­va quel­lo che face­va, que­sto signi­fi­ca che deve ave­re die­tro il culo un ammor­tiz­za­to­re gigan­te al pun­to tale da garan­tir­gli l’as­so­lu­ta impunità.

Sono fer­ma­men­te con­vin­to che non sapre­mo mai diret­ta­men­te cosa sia acca­du­to nel­la real­tà. Ma indi­ret­ta­men­te… cre­do di si. Immagino che sarà la sto­ria a pun­ta­re il dito sul colpevole.

Basta aspet­ta­re.

Condividi

3 Comments

  1. Ailinen ha detto:

    Secondo me non lo sapre­mo mai U_U

  2. Giuseppe ha detto:

    Allora aspet­tia­mo! :smo­king:

  3. mar ha detto:

    les­si in un libro una fra­se che mi è rima­sta impres­sa: “pri­ma rego­la le coin­ci­den­ze non esi­so­no” quan­do si trat­ta di sta­ti uni­ti poi mi tor­na sem­pre in mente…lato posi­ti­vo fin­chè le scu­se sono cosi bana­lot­te va anco­ra bene alme­no non han­no fat­to veni­re giù anco­ra un paio di torri…!!!ciao franz