>

Marea Nera: la BP pagherà i danni. Ma non li riparerà!

Oggi Obama ha pian­ta­to con le spal­le al muro la BP la qua­le, per boc­ca del suo CEO, Tony Hayward, ha ammes­so la respon­sa­bi­li­tà e si è impe­gna­ta a rifon­de­re i dan­ni pro­vo­ca­ti dal­l’e­splo­sio­ne del­la piat­ta­for­ma esplosa.

Questo è un atteg­gia­men­to tipi­ca­men­te dei nostri gior­ni e odio­sa­men­te da multinazionale.

Il fat­to che BP ripa­ghi i dan­ni pro­vo­ca­ti, infat­ti, non por­te­rà alcun gio­va­men­to all’im­ma­ne cata­stro­fe che ha col­pi­to, col­pi­sce e con­ti­nue­rà a col­pi­re l’e­co­si­ste­ma planetario.

Al rit­mo di 750.000 litri di petro­lio al gior­no, fra una set­ti­ma­na, quan­do in teo­ria si potreb­be fer­ma­re l’e­mor­ra­gia di greg­gio dal poz­zo distrut­to, saran­no sta­ti ver­sa­ti in mare, oltre a quel­li già fuo­riu­sci­ti, qual­co­sa come 52.000.000 di litri di mer­da nera nell’oceano.

Ho det­to in teo­ria, per­chè se riu­sci­ran­no a fer­mar­la in una set­ti­ma­na sarà vera­men­te un mira­co­lo. Ma è mol­to più pro­ba­bi­le che ci met­ta­no alme­no un paio di mesi.

Avete idea di cosa ciò signi­fi­che­rà? Parliamo di una quan­ti­tà di greg­gio suf­fi­cien­te a ster­mi­na­re ogni for­ma di vita lun­go le coste del Golfo del Messico, per seco­li. Una via sen­za ritor­no per mol­te spe­cie che, mol­to pro­ba­bil­men­te, fini­ran­no estinte.

Occorre che le per­so­ne del mon­do si ren­da­no con­to che gra­zie ad un’e­co­no­mia basa­ta pro­prio sul petro­lio, que­sto mon­do potreb­be ces­sa­re di esi­ste­re mol­to rapidamente.

Come ho già det­to in altri arti­co­li, tut­to que­sto non ha sen­so, dato che l’e­ner­gia alter­na­ti­va c’è, i siste­mi alter­na­ti­vi al moto­re a com­bu­stio­ne inter­na ci sono.

Basterebbe inve­sti­re un po’ di dena­ro sul­le tec­no­lo­gie ener­ge­ti­che bio­com­pa­ti­bi­li per ave­re in pochi anni un gigan­te­sco pas­so avan­ti in que­sto set­to­re, un pro­gres­so che potreb­be por­ta­re alla desti­tu­zio­ne del petro­lio da re dei car­bu­ran­ti, e al suo posto far sali­re al tro­no cose mol­to meno inqui­nan­ti come l’i­dro­ge­no, il foto­vol­tai­co etc. etc.

Ma tut­to que­sto non acca­drà, per­chè il mon­do del­l’e­co­no­mia idio­ta occi­den­ta­le è in mano a case far­ma­ceu­ti­che e petro­li­fe­re, ed entram­be le cate­go­rie sono abba­stan­za poten­ti anco­ra da un pun­to di vista finan­zia­rio, per ribal­ta­re qual­sia­si gover­no si met­tes­se in men­te di tagliar­le fuori.

Questa è la veri­tà. Il nostro pia­ne­ta è in mano a poche deci­ne di indi­vi­dui sen­za alcu­no scru­po­lo, che pur di gua­da­gna­re dol­la­ri e con­ti­nua­re con l’i­ne­brian­te gio­co del pote­re, non avran­no nes­su­na remo­ra a man­da­re a put­ta­ne l’umanità.

E intan­to il mon­do con­ti­nua a rin­co­glio­nir­si davan­ti allo scher­mo di una tele­vi­sio­ne, cor­ren­do die­tro alle cosce vir­tua­li di veli­ne e cal­cia­to­ri e beven­do­si ogni stron­za­ta che esce dal­la boc­ca di gior­na­li­sti che di tale non han­no più nulla.

Condividi

5 Comments

  1. Ailinen ha detto:

    Non cre­do ci si potes­se aspet­ta­re di più.…
    Purtroppo fan­no que­sto per tene­re buo­na l’o­pi­nio­ne pubblica.
    L’uomo non impa­re­rà sicu­ra­men­te visto quel­lo che si pen­sa di fare in Italia: tri­vel­la­zio­ni per il gas e il petro­lio nei nostri mari.
    E poi si doman­da­no per­chè la Madre Terra si sta ribellando…

  2. Carla MariaCasini ha detto:

    Caro Franz, più l’u­ma­ni­tà in genere,tranne i pochi che da anni lan­cia­no gri­da d’al­lar­me ina­scol­ta­te, farà orec­chie da mer­can­te, più la natu­ra li met­te­rà di fron­te alla con­se­guen­ze del­le scel­te che pochi fan­no e beo­ta­men­te, tut­ti gli altri con­di­vi­do­no. Quello che gli uomi­ni non han­no fat­to e non faran­no per intel­li­gen­za, pre­vi­den­za ed amo­re, saran­no costret­ti a far­lo per­chè ine­vi­ta­bi­le, ma le con­di­zio­ni saran­no det­ta­te dal­la neces­si­tà e non da una scel­ta con­sa­pe­vo­le. Ti con­fi­do una cosa, di fron­te a tan­to squal­lo­re eti­co, mora­le ambien­ta­le, una voce mi sug­ge­ri­sce che non tut­to il male vie­ne per nuo­ce­re, eppu­re non sono un’ot­ti­mi­sta! Tu che ne dici, i pochi sal­ve­ran­no i mol­ti? In fon­do è anda­ta sem­pre così. Carla Maria

    • franz ha detto:

      Secondo me sarà già una buo­na cosa se i pochi por­te­ran­no a casa la ghirba… :)))

  3. Roberto Rini ha detto:

    è veris­si­mo Franz…il pia­ne­ta è in mano a poche deci­ne di ban­che, grup­pi finan­zia­ri e fami­glie più o meno mas­so­ni­che che deci­do­no del­la sor­te di inte­ri Stati e di tut­ta l’e­co­no­mia mondiale..
    cioè deci­do­no PER NOI…
    e non sap­pia­mo come, ma sto pote­re glie­lo abbia­mo con­ces­so noi!..

    in teoria..teoria…dovrebbero esse­re i poli­ti­ci a cam­bia­re le cose…ma loro diven­ta­no solo ser­vi di gio­chi più gran­di sovranazionali…

    se mi con­sen­ti, franz, segna­lo un video di un cer­to interesse…non con­di­vi­do in gene­re cer­te posi­zio­ni e modi del suo auto­re (pao­lo bar­nard) che tro­vo un pò trop­po “estre­mi­sta” e inva­sa­to, ma in que­sto caso dà indi­ca­zio­ni inte­res­san­ti sui grup­pi e gli orga­ni che deci­do­no l’e­co­no­mia euro­pea e mondiale
    http://www.youtube.com/watch?v=zMZ_FSIZ4Lk
    ciao

  4. piccirillo marco 96 ha detto:

    l’ esse­re uma­no è un misto tra pre­po­ten­za e di presuntuosità.
    E pre­po­ten­te per­chè pen­sa solo ai suoi bene­fi­ci sen­za dar con­to a nien­te, ma sopra­tut­to cre­de di esse­re supe­rio­re a tut­to, ma tuti san­no che non è cosi.
    l’ uomo è infe­rio­re alla natu­ra e se la si fa arrab­bia­re essa si rivol­ta con­tro di lui
    Concludo dicen­do che solo la gen­te one­sta por­te­rà avan­ti il mon­do, ma quan­do scon­pa­ri­ran­no tut­ti i giu­sti è la che biso­gna ave­re paura.
    pau­ra del­la fine del­la terra ❗