>

Saviano bloccato in Italia: non può espatriare!

Appren­do ora da Anti­ma­fia Due­mi­la che a Rober­to Savia­no sareb­be sta­to impe­di­to l’e­spa­trio per pre­sen­zia­re alla pub­bli­ca­zio­ne del­la sua rac­col­ta di arti­co­li per non meglio spe­ci­fi­ca­ti pro­ble­mi di sicurezza.

Ripor­to qui il testo del­l’ar­ti­co­lo ori­gi­na­le su Anti­ma­fia Due­mi­la.

A quan­to pare il pro­ble­ma sareb­be costi­tui­to dal­l’as­sen­za di una scor­ta adeguata.

Sem­pli­ce­men­te non ho parole!

Testo ori­gi­na­le del­l’ar­ti­co­lo su:

“La vicen­da è sta­ta richia­ma­ta dal gior­na­le fran­ce­se “Nou­vel Obser­va­teur” e si col­le­ga con lo scam­bio di opi­nio­ni del­la set­ti­ma­na scor­sa tra Savia­no e il Pre­si­den­te del Con­si­glio Sil­vio Ber­lu­sco­ni, che accu­sa­va lo scrit­to­re di fare publi­ci­tà alla mafia scri­ven­do i suoi libri. Savia­no, con paca­ta deter­mi­na­zio­ne, ave­va rispo­sto che il fat­to di scri­ve­re di mafia e dei cri­mi­ni ad essa col­le­ga­ta non fos­se un modo per scre­di­ta­re l’I­ta­lia, ma al con­tra­rio dimo­stra­va quan­to lo scrit­to­re, e gli altri che cre­ca­no di divul­ga­re e comu­ni­ca­re cosa sia la mafia, abbia a cuo­re il pro­prio pae­se, e quan­to si sen­ta addo­lo­ra­to nel vede­re la gran par­te del pae­se sog­gia­ce­re ai meto­di e alla men­ta­li­tà mafio­sa. Oggi la noti­zia del­la deci­sio­ne del Gover­no ad impe­di­re a Savia­no di usci­re dal pro­prio pae­se per pre­sen­zia­re ad un incon­tro pub­bli­co e pre­sen­ta­re il pro­prio lavo­ro. I moti­vi di sicu­rez­za non sono sta­ti spe­ci­fi­ca­ti, ma voci vici­ne allo scrit­to­re pen­sa­no che il moti­vo pos­sa esse­re che non ci fos­se la scor­ta a dispo­si­zio­ne del­la trasferta.”

Con­di­vi­di

11 Comments

  1. Ailinen ha detto:

    Per me Savia­no può anche andar­se­ne dall’Italia.
    Non è con un libro che si com­bat­te o si pub­bli­ciz­za la Mafia.
    Cer­to Savia­no ha fat­to nomi e cogno­mi, ma nel­l’am­bien­te chi non li conosceva?
    Ci vor­reb­be­ro tan­ti Fal­co­ne e Bor­sel­li­no, non tan­ti Savia­no. Ci vuo­le gen­te che com­bat­te in pri­ma linea per eli­mi­na­re que­sta pia­ga dal­l’I­ta­lia e dal mondo.
    Ser­ve una par­le­mo che rea­gi­sce anche se i sim­bo­li, mi rife­ri­sco all’al­be­ro di Bor­sel­li­no, ven­go­no toc­ca­ti han­no il corag­gio di tor­na­re lì e far sen­ti­re la loro presenza.
    Non ser­ve un libro.…

    • padella ha detto:

      e come fa la gen­te a rea­gi­re se non cono­sce il fat­ti? Savia­no ser­ve come l’ ossi­ge­no, ser­ve gen­te che rac­con­ti come van­no le cose, che con­tri­bui­sca a crea­re un’ opi­nio­ne pubblica.

    • Franz ha detto:

      Inve­ce è anche con un film che si com­bat­te la mafia. Per­chè il pote­re del­la mafia è basa­to sul­l’o­mer­tà e sul ter­ro­re del­le con­se­guen­ze che ine­vi­ta­bil­men­te seguo­no una denuncia.
      Savia­no ha avu­to i coglio­ni di denun­cia­re un feno­me­no che tut­to il mon­do sa esi­ste­re, ma su cui tut­ti tacciono.
      Savia­no non ha peg­gio­ra­to la figu­ra di mer­da che l’I­ta­lia fa nel mon­do, gra­zie a tut­to quel­lo che acca­de nel nostro pae­se, non pri­ma e non ulti­ma la mafia.
      Se tut­te le vit­ti­me del­le estor­sio­ni mafio­se rea­gis­se­ro come lui, la mafia si tro­ve­reb­be ad affron­ta­re un serio problema.
      In Ita­lia, se una vit­ti­ma di estor­sio­ne rea­gi­sce, si tro­va tra l’in­cu­di­ne e il martello.
      Da un lato l’e­stor­so­re che del­la leg­ge se ne fa una sega, dal­l’al­tro lo sta­to che, a paro­le, la difen­de, ma poi, all’at­to dei fat­ti, quan­do si trat­ta vera­men­te di schie­rar­si in favo­re, denun­cia tut­ta la pro­pria inet­ti­tu­di­ne e impotenza!

      • Ailinen ha detto:

        Mi spia­ce non sono affat­to d’accordo.
        Ho let­to il libro, ma in real­tà era­no cose ce si sape­va­no già (nomi a par­te), ma tut­ti face­va­no e fan­no fin­ta di non vede­re, di non sen­ti­re, di non sape­re.… Non è un libro che ti fa dire da un gior­no all’al­tro: “Abbas­so la Mafia, la Mafia è male”.
        Sono le per­so­ne come Fal­co­ne e Bor­sel­li­no che scuo­to­no le coscen­ze altrui. Ricor­do anco­ra lo shock che ebbi quan­do mia madre me lo dis­se, per entram­bi non per uno o l’al­tro.… Da allo­ra mi sono infor­ma­ta, ho let­to, ho segui­to di più le vicen­de ed ho capi­to che la Mafia è male e non cer­to gra­zie al libro di Saviano.
        Cer­to la Mafia lo minac­cia per­chè ha fat­to nomi, ma per­do­na­te­mi, c’è una gran dif­fe­ren­za fra lui,i Giu­di­ci e le pre­so­ne che si met­to­no al ser­vi­zio del­la leg­ge. Vero anche lui rischia la vita, ma un libro non fa la differenza.
        Se ci si affi­da trop­po a un libro, o film che sia, alla fine la cosa pas­se­rà come un roman­zo, come una cosa che non ci riguarda.
        I libri pos­so­no dir­ti come stan­no le cose, ma fin­chè una cosa non ti toc­ca sul­la tua pel­le o la tua coscen­za non dice che è male, nul­la cambierà.
        Non pen­so che il libro di Savia­no sia riu­sci­to a smuo­ve­re mol­te coscenze.…
        Cer­to ha avu­to corag­gio (que­sto non lo nego), ma non è un libro che da il corag­gio ad altre per­so­ne di agi­re in un dato modo. Il corag­gio deve veni­re da den­tro di sè e fin­chè non è il nostro sè ad agi­re non acca­drà nulla.

  2. Luciano ha detto:

    E che pre­ten­de Savia­no, maga­ri la scor­ta come i magi­stra­ti? Lo lasci­no anda­re dove vuo­le, ma sen­za spre­ca­re dena­ro pub­bli­co per la sua sicu­rez­za, dato che già si spre­ca­no sol­di per i magi­stra­ti. Bel corag­gio denu­cia­re le per­so­ne, maga­ri con accu­se fasul­le e poi aver paura!

  3. Fede ha detto:

    Ave­vo un ami­co anzi un Ami­co che ven­ne cri­vel­la­to da una lupa­ra mafio­sa nel lon­ta­no 1987. Lui con­du­ce­va, in una tv loca­le di Tra­pa­ni, un pro­gram­ma anti-mafia: espo­ne­va, duran­te le ripre­se, una map­pa del­la Sici­lia dove pun­teg­gia­va con aghi colo­ra­ti, i siti cen­tra­li del­le cosche: mai, però, gli die­de­ro una scor­ta!!! E infat­ti morì ammaz­za­to!!! Il suo nome era Mau­ro Rosta­gno: ha
    vis­su­to da eroe ed è mor­to da eroe…
    Lucia­no e Ali­nen vi chie­do: per l’e­co­no­mia di uno sta­to come l’i­ta­lia non sono for­se poki spic­ci quel­li paga­ti alla scor­ta di un eroe, ben spe­si?!! Le mam­me di tut­t’i­ta­lia pos­so­no solo spe­ra­re che i loro figli abbia­no in futu­ro, la metà dei coglio­ni di Rosta­gno e Saviano…
    Riprendetevi!

  4. primularossa ha detto:

    Fede, con­cor­do, non ho altro da aggiun­ge­re! Se non que­sto inte­res­san­te video:
    http://current.com/groups/politica/92398907_saviano-racconta-saviano.htm
    guar­da­te­ve­lo tutti!

  5. Roberto Rini ha detto:

    scu­sa­te, ma mica savia­no ha scel­to di fare il martire!!…sono altri che lo han­no con­dan­na­to a mor­te, e per que­sto va aiutato!..non cre­do che si aspet­tas­se tut­to que­sto cla­mo­re savia­no. lui ha fat­to un libro-inchie­sta, quel­lo che è suc­ces­so dopo non è dipe­so da lui, ma lui ha avu­to le pal­le di par­la­re di fatti…
    quin­di non capi­sco la pole­mi­ca con savia­no, sem­mai la pole­mi­ca è con uno sta­to che ti abban­do­na inve­ce di aiu­ta­re chiun­que scuo­ta le coscien­ze. ci voglio­no fal­co­ne e bor­sel­li­no, e ci vuo­le savia­no, come ci vuo­le gras­so, come ci vuo­le addio­piz­zo, come ci vuo­le chiun­que non fac­cia lo struz­zo. e occor­re esse­re uni­ti, non dire caz­za­te alla berlusca…(un uomo che i mafio­si li tene­va in casa e in ufficio..).
    peraltro…ora tut­ti a far­si bel­li su falcone…ma io che sono di paler­mo li ricor­do bene i signo­ri bor­ghe­si di paler­mo che dice­va­no “sto fal­co­ne in fon­do è un esibizionista!”..o le signo­re impel­lic­cia­te che si lamen­ta­va­no per­chè “per col­pa di fal­co­ne il traf­fi­co va in tilt…non è una cosa civile!”..(il traffico!!!..come nel­le bat­tu­te di benigni!)..o i bam­bi­ni che per offen­der­ti ti dava­no del “buscet­ta” del giu­di­ce falcone”.…
    ora la col­pa è di saviano???…nessuno ne vuo­le fare un mar­ti­re (anche per­chè i mar­ti­ri sono tali quan­do muo­io­no!), ma uno scrit­to­re con sen­so civi­co va pro­tet­to e basta!

  6. Fede ha detto:

    io rin­gra­zio il Cie­lo che esse­ri come Franz Rober­to Rin,i per esem­pio (…) sia­no qui giù con noi a com­bat­te­re l’i­gno­ran­za: esat­ta­men­te que­sto fa Savia­no: dal 2006 sul­la sua testa pen­de minac­cio­sa l’om­bra del­la ‘falce’…scorta qua­si “anche nel ces­so”, sem­pre in auto blin­da­tis­si­ma con i suoi ‘angeli’…se vole­te sape­re qual­co­sa sul­la ‘mor­te’ allo­ra mi sa che si può chie­de­re a loro…
    Bue­na Notte