>

Maya. Arrestato falso guru. Ma occhio al seguito

Cir­co­la con alquan­to scal­po­re media­ti­co la noti­zia del­l’ar­re­sto con accu­se mol­to pesan­ti e serie di un uomo, a quan­to pare sedi­cen­te guru, che avreb­be mes­so in pie­di una set­ta tra­mi­te la qua­le ne face­va di tut­ti i colo­ri. Le accu­se van­no dal­la ridu­zio­ne in schia­vi­tù allo sfrut­ta­men­to, dal­la vio­len­za car­na­le alla truffa.

Non essen­do que­ste accu­se anco­ra pro­va­te, il con­di­zio­na­le è d’ob­bli­go (o quan­to­me­no dovreb­be esser­lo, se non altro per dove­re di cronaca).

Però è anche ovvio che un arre­sto di que­sto gene­re dif­fi­cil­men­te vie­ne mes­so in ope­ra se non in pre­sen­za di ele­men­ti pro­ban­ti di un cer­to rilievo.

Tut­ta­via, se la cosa, come mi pare pro­ba­bi­le, ver­rà pro­va­ta per vera, ci tro­via­mo di fron­te ad una per­so­na che a me sta par­ti­co­lar­men­te sul­le cro­ste per due motivi.

Il pri­mo è che per­so­nal­men­te riten­go la vio­len­za car­na­le (quel­la vera, non le equi­pa­ra­zio­ni varie, tipo la pac­ca sul sede­re) un cri­mi­ne tra i più osce­ni. Quan­do poi è rivol­to a dei mino­ri allo­ra diven­ta qual­co­sa per cui, pur non aven­do figli, vado diret­ta­men­te in bestia, come si suol dire.

Il secon­do è che in caso di col­pe­vo­lez­za, que­sto signo­re si aggiun­ge­reb­be al nutri­to grup­po di fara­but­ti che, per il gusto di truf­fa­re il pros­si­mo, oltre al dan­no diret­to, ne pro­du­co­no un altro, indi­ret­to, ma mol­to più grave.

Par­lo del fat­to che gra­zie a male­fat­te di que­sto tipo, i vari scet­ti­ci a spron bat­tu­to e tut­te quel­le per­so­ne che non vedo­no l’o­ra di dimo­stra­re che esi­ste solo la mate­ria, avran­no la scu­sa per poter dire la loro.

In più, sem­pre per lo stes­so moti­vo, qual­sia­si gene­re di pra­ti­ca inte­rio­re, come lo Yoga appun­to, o la medi­ta­zio­ne, saran­no sem­pre più in cat­ti­va luce pres­so la gente.

D’al­tro can­to non mi sen­to di dare tor­to a chi, sul­la scor­ta di noti­zie come que­ste, si sen­tis­se dif­fi­den­te ver­so pra­ti­che di que­sto genere.

Essen­do infat­ti assai rari colo­ro che vera­men­te pos­so­no inse­gna­re qual­co­sa nel cam­po del­la ricer­ca inte­rio­re, i fal­si guru, per­so­ne dav­ve­ro ese­cra­bi­li nel­la loro man­can­za di scru­po­li, saran­no sem­pre i più, così come le per­so­ne che, in un cer­to sen­so altret­tan­to ese­cra­bi­li, han­no come uni­co sco­po la dimo­stra­zio­ne del­la non esi­sten­za di tut­to ciò che non sia materiale.

Con­di­vi­di

24 Comments

  1. Il Veronesi ha detto:

    Rifles­sio­ne con­di­vi­sa. Non ave­vo let­to la noti­zia da que­sto pun­to di vista, ma è asso­lu­ta­men­te vero.

  2. Valeria ha detto:

    Beh Franz, tu hai ragio­ne ma qua­lun­que fara­but­to che ope­ri in qual­sia­si cam­po (scien­ti­fi­co, reli­gio­so, poli­ti­co, ecc) met­te in cat­ti­va luce la “cate­go­ria”. Que­sto è vero sempre.
    Se un pre­te è pedo­fi­lo que­sto non impli­ca che tut­ti lo sia­no, se mol­ti poli­ti­ci sono cor­rot­ti non signi­fi­ca che qua­lun­que poli­ti­co lo deb­ba neces­sa­ria­men­te essere.
    Poi sono le per­so­ne che dovreb­be­ro impa­ra­re a discer­ne­re, ad apri­re gli occhi, a cer­ca­re di capi­re con chi han­no a che fare, a guar­da­re in fac­cia i pro­pri inter­lo­cu­to­ri, a met­te­re in fun­zio­ne qual­che neu­ro­ne insomma.
    Se infi­ne la gen­te deci­de di asso­cia­re lo yoga o la spi­ri­tua­li­tà alle nefan­dez­ze di un delin­quen­te, beh sen­ti, se pro­prio non han­no nul­la di meglio da fare… si acco­mo­di­no pure!

    • franz ha detto:

      No… aspet­ta. Nel caso dei pre­ti pedo­fi­li c’è un aspet­to che non hai con­si­de­ra­to: il fat­to che que­sti uomi­ni dovreb­be­ro aiu­ta­re i gio­va­ni, non trom­bar­li alla pri­ma occasione.
      Quin­di non è tan­to que­stio­ne di fare di tut­te le erbe un fascio, quan­to del fat­to che un cer­to atto, di per se’ ese­cra­bi­le come la pedo­fi­lia, diven­ta rivol­tan­te quan­do per­pe­tra­to da qual­cu­no che, per defi­ni­zio­ne, la vita dovreb­be difen­der­la, non violentarla.
      Sul fat­to inve­ce che le per­so­ne dovreb­be­ro col­le­ga­re i neu­ro­ni, pri­ma di affi­da­re la pro­pria vita a qual­cu­no… ti sei mai chie­sta per­chè que­sto accada?
      Di qua­le vuo­to di veri­tà sof­fra oggi la nostra società?
      Pra­ti­che come lo yoga e la medi­ta­zio­ne sareb­be­ro una bene­di­zio­ne. Solo che mol­te per­so­ne man­co ci si avvi­ci­na­no a cau­sa del­la pau­ra che per­so­nag­gi come quel­lo in que­stio­ne met­to­no in gioco.
      E sem­pre a pro­po­si­to di gio­co… mi spie­ghi come mai mol­ti stu­di recen­ti dimo­stra­no che la mate­ria come la cono­scia­mo non rap­pre­sen­ta più del 4% del­l’u­ni­ver­so cono­sciu­to, ma c’è una marea di cosid­det­ti scien­zia­ti che si da un gran daf­fa­re per dimo­stra­re che quel 4% è tut­to ciò che esiste?
      Fat­ti come que­sto allon­ta­na­no le per­so­ne dal­la ricer­ca di per se’… e dan­no modo ad altri di aumen­ta­re que­sto allontanamento.
      Qui in neu­ro­ni non c’entrano.
      C’en­tra la pau­ra e colo­ro che ci sof­fia­no sopra.
      Non so se mi sono spie­ga­to… :war­rior:

      • Il Veronesi ha detto:

        Scu­sa Franz, ma non rie­sco a vede­re la dif­fe­ren­za coi pre­ti. Anche chi si rivol­ge ad un mae­stro yoga cre­do che lo fac­cia per­ché ritie­ne di staf affi­dan­do­si a qual­cu­no che dovreb­be aiu­tar­lo a cre­sce­re, aiu­tar­lo a vede­re e vive­re meglio. Non pen­so che lo fac­cia pen­san­do che cor­re il rischio di subi­re una vio­len­za car­na­le. Cre­do che anche un così det­to “guru” (ter­mi­ne che cre­do sia usa­to spes­so a spro­po­si­to, ma fa nien­te) sia una per­so­na che dovreb­be aiu­ta­re il pros­si­mo e non abu­sa­re del pros­si­mo. Non capi­sco dove sia la dif­fe­ren­za. Poi sul resto sono d’ac­cor­do con te. Ma è pro­prio que­sta dif­fe­ren­za che io non vedo. Per me un pre­te, un rab­bi­no, un “guru” o altro sono “col­le­ghi” ed ho le stes­se aspet­ta­ti­ve di model­lo di vita da par­te di cia­scu­no di loro. Ora, che la vio­len­za car­na­le ven­ga fat­ta da un pre­te, a un “guru”, da quel­lo che vuoi, è sem­pre fat­ta da qual­cu­no che gode del­la fidu­cia dei suoi “fede­li” (se mi pas­si il ter­mi­ne). Anche Dan­te li met­te­reb­be nel­lo stes­so cer­chio (appe­na pri­ma di Luci­fe­ro)… :muah:

        • Franz ha detto:

          Infat­ti non c’è nes­su­na dif­fe­ren­za. La rispo­sta era per Vale­ria. Cito testuale:
          “Nel caso dei pre­ti pedo­fi­li c’è un aspet­to che non hai con­si­de­ra­to: il fat­to che que­sti uomi­ni dovreb­be­ro aiu­ta­re i gio­va­ni, non trom­bar­li alla pri­ma occasione.
          Quin­di non è tan­to que­stio­ne di fare di tut­te le erbe un fascio, quan­to del fat­to che un cer­to atto, di per se’ ese­cra­bi­le come la pedo­fi­lia, diven­ta rivol­tan­te quan­do per­pe­tra­to da qual­cu­no che, per defi­ni­zio­ne, la vita dovreb­be difen­der­la, non violentarla.”
          For­se hai let­to in fret­ta? :out:

          • Il Veronesi ha detto:

            Mi appel­lo al con­cor­so di col­pa: io ho let­to in fret­ta, ma non è che tu ti sia espres­so in manie­ra linea­ris­si­ma, eh… Quin­di, se ho capi­to bene quel­lo che dice­vi era: 1) gra­ve ovvia­men­te in manie­ra ugua­le, per la “tipo­lo­gia” di per­so­na che com­pie il fat­to. 2) non si fa di tut­t’er­ba un fascio in nes­sun caso, ma si pone l’ac­cen­to sul­la gra­vi­tà, visto che sono per­so­ne alle qua­li si affi­da la pro­pria vita o par­te di essa.
            Ok, però io ci cre­do a quan­to dice la Vale, cioé che le noti­zie tan­to sui pre­ti pedo­fi­li, quan­to sui mae­stri yoga stu­pra­to­ri, o sugli imam ter­ro­ri­sti, get­ti­no mer­da sul­le cate­go­rie e por­ti­no l’o­pi­nio­ne pub­bli­ca a fare, per l’ap­pun­to, di tut­t’er­ba un fascio. In altro ambi­to pen­so agli agen­ti immo­bi­lia­ri: essen­do alta la per­cen­tua­le di truf­fa­to­ri, fai­ne, igno­ran­ti, diso­ne­sti, etc. la cate­go­ria ne esce mac­chia­ta e se ne vedo uno per stra­da mi vie­ne voglia di inve­stir­lo. Ma che tra l’al­tro mi pare fos­se quel­lo che espri­me­vi tu nel post. Comun­que, sul 4% di mate­ria nota, ho visto un docu­men­ta­rio da poco, su varie ricer­che con­dot­te in ambi­to spa­zia­le, che pro­po­ne­va pro­prio la limi­ta­tez­za del­la scien­za attua­le, che di fat­to non ha gli stru­men­ti per spie­ga­re mol­tis­si­mi feno­me­ni spa­zia­li comu­ni e, di pas­sag­gio, dice­va che allo stes­so modo, anche sul­la ter­ra assi­stia­mo quo­ti­dia­na­men­te a feno­me­ni che per spie­gar­li dovrem­mo deci­der­ci a basar­ci sul­l’as­sun­to che quan­to cono­scia­mo è la pun­ta di un ice­berg… Ed ora vado a cono­sce­re un caf­fé. Buo­na con­ti­nua­zio­ne a tutti.
            :cof­fee:

  3. Sciuscia ha detto:

    Sì, vab­be’, ora tut­ti a dare addos­so a que­sto qua.
    Ho sen­ti­to l’in­ter­vi­sta di una sua ex adep­ta. Ha det­to che per lei era nor­ma­le lascia­re che lui aves­se rap­por­ti con la figlia dodi­cen­ne, per­ché per loro lui era un uomo san­to, “e se cre­di che uno è san­to non ti poni dei dubbi”.
    Caz­zo, ha ragio­ne! Era la loro reli­gio­ne, chi sia­mo noi per dire se era giu­sto o sbagliato?
    Min­chia, Abra­mo, quan­do io gli ha chie­sto di ucci­de­re suo figlio, era pron­to a far­lo, mica si è fat­to doman­de! Se una cosa te la dice dio, di cer­to va bene.

    • franz ha detto:

      Amen!!! :wow:

    • Ailinen ha detto:

      Mi stu­pi­sco di que­sta risposta.
      Quin­di se una reli­gio­ne com­por­ta lo stu­pro è giusto?
      Non ho vera­men­te parole.
      Lo stu­pro è sba­glia­to in ogni sen­so, la cosa peg­gio­re che un esse­re uma­no può fare ad un altro, ma, per­do­na­te­mi ora, in fon­do la mag­gior par­te degli stu­pri li subi­sco­no i bam­bi­ni e le don­ne e non gli uomi­ni. For­se, per­do­na­te­mi anco­ra, uno dovreb­be pro­va­re sul­la pro­pria pel­le pri­ma di par­la­re e dire quel­lo che è sta­to det­to. For­se si capi­reb­be cosa può pro­va­re una per­so­na ad esse­re violata.
      Ma tan­to è la reli­gio­ne che ha “abbrac­cia­to” e quin­di è giu­sto… è_é :hea­dout:

      Yoga e medi­ta­zio­ne sono del­le man­ne dal cie­lo (pur­trop­po ho poco tem­po per segui­re l’u­na o l’altra)e mi dispia­ce che gen­te così non fac­ci altro che allon­ta­na­re le per­so­ne da que­ste pra­ti­che, un vero peccato.

      • Sciuscia ha detto:

        Ma nel caso in cui chi vie­ne stu­pra­to è con­sen­zien­te, che c’è di male? Biso­gna rispet­ta­re la liber­tà di religione.

        Que­sto per dire che tut­ti sono capa­ci di vede­re l’as­sur­di­tà del­le reli­gio­ni quan­do stu­pra­no ed ammaz­za­no, ma mol­ti meno quan­do ti estor­co­no sol­di o ti impon­go­no leg­gi con la com­pli­ci­tà del­lo stato.

        Ad alcu­ni ser­ve il mor­to, lo stu­pro, il fat­to ecla­tan­te, per dire “non va bene”.

        • Ailinen ha detto:

          Ma secon­do te uno stur­po può esse­re con­sen­zien­te? Non mi stu­pi­sco affat­to che la leg­ge sia anco­ra mol­to debo­le su que­sto fat­to se c’è gen­te che la pen­sa come te. Una don­na tro­va pia­ce­re a far­si stu­pra­re? Ed un bam­bi­no? Ma cer­to tan­to sono con­sen­zien­ti… Ma fam­mi il piacere.…

          Mi doman­do per­chè sono anco­ra qui a rispon­de­re a chi pen­sa che lo stu­pro pos­sa esse­re con­sen­zien­te. Non ne vale la pena…

          • Sciuscia ha detto:

            Ma io sto dicen­do un’al­tra cosa.

            • Il Veronesi ha detto:

              Scu­sa­mi, ma se stai dicen­do un’al­tra cosa potre­sti spie­gar­ti? Per­ché suo­na­va pro­prio così. E nel caso stes­si dicen­do que­sto (cito: “Ma nel caso in cui chi vie­ne stu­pra­to è con­sen­zien­te”) cre­do che tu abbia tira­to fuo­ri la peg­gio­re caz­za­ta spa­ra­bi­le sul tema. Ma sono cer­to che inten­des­si dire altro, per cui, pre­go, a te la paola.

              • Sciuscia ha detto:

                E’ chia­ro che dire “stu­pro con­sen­zien­te” è una con­trad­di­zio­ne in ter­mi­ni. Ma era volu­ta, per dire “se sei così coglio­na da cre­de­re che uno pos­sa sco­par­ti per­ché è un san­to, sono caz­zi tuoi, non chia­mar­lo stupro”.

                • Valeria ha detto:

                  Guar­da Sciu­scia secon­do me non è così sem­pli­ce come la stai facen­do tu. Ci sono per­so­ne mol­to fra­gi­li che han­no immen­so biso­gno di aiu­to e sono spes­so pre­da di indi­vi­dui sen­za scru­po­li che col rag­gi­ro le con­vin­co­no ad espor­si a qual­sia­si tipo di mole­stia, ves­sa­zio­ne, sopru­so. E stia­mo par­lan­do di adul­ti. E già il solo pen­sie­ro che una per­so­na matu­ra e sana di men­te pos­sa appro­fit­ta­re del­la debo­lez­za di un esse­re uma­no mi fa vera­men­te vomi­ta­re. Per quan­to riguar­da un bam­bi­no poi… non mi ver­rai mica a dire che se è con­sen­zien­te sono caz­zi suoi!
                  Io non entro nel meri­to degli usi, dei “cre­do”, del­le abi­tu­di­ni, dei costu­mi (anche ses­sua­li) del pros­si­mo ma un sopru­so va visto per quel­lo che è e non lo si può liqui­da­re con un sem­pli­ce “caz­zi loro”.
                  Pro­dur­re sof­fe­ren­za non è mai leci­to, nem­me­no quan­do chi la subi­sce non è in gra­do di oppor­vi resi­sten­za a cau­sa del­la sua fra­gi­li­tà, debo­lez­za, biso­gno di affet­to, di aiu­to, ren­den­do­si quin­di “com­pli­ce” del suo stes­so aguzzino.

                  • Sciuscia ha detto:

                    Esat­to. Vit­ti­me. Le per­so­ne che ven­go­no con­vin­te o coer­ci­te a fare cer­te cose in nome di una “fede” sono VITTIME.
                    Quel­lo che io con­te­sto è che l’o­pi­nio­ne pub­bli­ca rie­sca a scan­da­liz­zar­si di que­sto fat­to solo di fron­te ad ecla­tan­ti bru­ta­li­tà. Anche mia non­na che ver­sa milio­ni di euro all’an­no in offer­te al pre­te è una vit­ti­ma, però nes­su­no se ne scan­da­liz­za. Quan­do però a pren­de­re i sol­di era­no il Mago Do Nasci­mien­to e Wan­na Mar­chi, per esem­pio, apri­ti cie­lo! Ci sono truf­fa­to­ri “accet­ta­ti” e truf­fa­to­ri per­se­gui­ti, tut­to qua.

                    • Il Veronesi ha detto:

                      Mah… Sciu­scia, in linea di mas­si­ma il con­cet­to di fon­do che espri­mi lo pos­so con­di­vi­de­re in par­te. Però scu­sa­mi, te lo devo dire, secon­do me il bana­liz­za­re tut­to, il met­te­re tut­to in un uni­co cal­de­ro­ne, l’e­ti­chet­ta­re il mon­do con macro eti­chet­te, puz­za un po’ di qua­lun­qui­smo o, se non altro, di ana­li­si ad un livel­lo ecces­si­va­men­te super­fi­cia­le. Anche per­chè fran­ca­men­te non rie­sco a met­te­re sul­lo stes­so pia­no la per­so­na che è feli­ce di dona­re i suoi sol­di, il suo cor­po o quel­lo che vuoi per la sua fede e che tale dona­zio­ne la fa vive­re meglio con chi si avvi­ci­na per fede a qual­cu­no che poi glie lo piaz­za nel culo. Che que­sto atto sia fisi­co o sia una truf­fa o altro. Quel­lo che voglio dire, bana­liz­zan­do anch’io il discor­so, è che se tua non­na è feli­ce così (caz­zo milio­ni di euro? non ne avan­za mez­zo per me?) e vive sere­na anche gra­zie a que­sto, a mio avvi­so sta pagan­do que­sto vive­re bene caro, ma sono caz­zi suoi. Se inve­ce si sen­tis­se truf­fa­ta… allo­ra è diver­so. Se subis­se una truf­fa con il rag­gi­ro del­la fede, beh, allo­ra ok. Non so se mi sono spie­ga­to. E comun­que cre­di­mi, riu­ni­re il mon­do in macro­ca­te­go­rie, per la mia espe­rien­za per­so­na­le, è il segre­to per non capi­re un caz­zo del­le situa­zio­ni. Ogni caso potreb­be esse­re ana­liz­za­to per sè stes­so e ci sareb­be da dibt­te­re per una vita. Que­sta alme­no è la mia opi­nio­ne. Se no suo­na dav­ve­ro come “non ci sono più le mez­ze sta­gio­ni”, “è tut­toun magna magna” ed altre ame­ni­tà che, pur aven­do un fon­do di veri­tà, non ti aiu­ta­no per nien­te a com­pren­de­re il suc­co del­le cose.

  4. Il Veronesi ha detto:

    Mah… e pen­sa­re che io ave­vo capi­to che le per­so­ne aves­se­ro la facol­tà di usa­re i neu­ro­ni e pen­sa­re alle cose… Non ave­vo capi­to che c’e­ra la postil­la che dice­va che se lo dice dio, allo­ra fan­cu­lo i neuroni.
    :nod­pig:

    • franz ha detto:

      Eppu­re suc­ce­de mol­to più spes­so di quan­to sia io che te pos­sia­mo immaginare.
      Cre­di­mi sul­la paro­la: lo so bene!

  5. Alb ha detto:

    Ma cosa sie­te, anda­ti tut­ti all’ammasso?
    Ma lo ave­te let­to il post? Par­la­va d’al­tro! Era su quel­lo che dove­va­te scannarvi!

    • Il Veronesi ha detto:

      Pre­met­to che non so esat­ta­men­te cosa signi­fi­chi “anda­re all’am­mas­so”. E pre­met­to anche che nes­su­no cre­do si stia scan­nan­do, anzi. E che non riten­go ci fos­se da scan­nar­si. Det­to que­sto io l’ho let­to il blog. Franz l’ha addi­rit­tu­ra scrit­to, pen­sa te. E non mi pare si sia anda­ti trop­po fuo­ri tema. Ed anche fos­se, se un post fa emer­ge­re del­le rifles­sio­ni che spa­zia­no e van­no altro­ve, non ci vedo nul­la di sba­glia­to. Ed in ulti­mo: e tu che cosa avre­sti appor­ta­to alla discus­sio­ne? Hai qual­co­sa da dire sul­l’ar­gomn­to o ti scap­pa­va da scri­ve­re qual­co­sa ed hai scrit­to a caso le pri­me cose che hai rite­nu­to secon­do una tua logi­ca scrivibili?

      • Ailinen ha detto:

        Taci boc­cac­cia mia per favo­re… U_U

        Come non quo­ta­re in toto Il Vero­ne­si. Un post è lo spun­to per par­la­re di qualcosa… «

        Taci boc­cac­cia mia per favo­re… U_U

  6. Sciuscia ha detto:

    (non mi fa fare il reply)

    Vero­ne­si, io non divi­do il mon­do in macro­ca­te­go­rie. Per esem­pio, par­lan­do del­la chie­sa, il sacer­do­te del mio pae­se è una bra­va per­so­na, quel­lo del pae­se vici­no mi pare un delinquente.

    Dico però che il nostro giu­di­zio è sem­pre influen­za­to dal­la mas­sa. Un san­to­ne con ven­ti adep­ti è un paz­zo esal­ta­to, un papa con oltre un miliar­do di fede­li è un gran­de lea­der spi­ri­tua­le da rispet­ta­re e tene­re in considerazione.
    Cer­to, un papa non chie­de il cor­po dei suoi fede­li (uhm, par­lan­do di testa­men­to bio­lo­gi­co, un po’ lo fa), ma anche quan­do lo chie­de­va (cro­cia­te, san­ta inqui­si­zio­ne) era comun­que rispet­ta­to, e non tac­cia­to di ciarlataneria.

    • Il Veronesi ha detto:

      Mmm… Sì, que­sto è vero. Il fat­to che una reli­gio­ne con pochi adep­ti ven­ga vista come pro­ba­bi­le truffa,anche se non fan­no male a nes­su­no, men­tre una con oltre un miliar­do che isti­ga alla vio­len­za con­tro gli infe­de­li, con­tro le don­ne e con­tro i bam­bi­ni, non­ché ver­so chi con­su­ma alcol, chi tie­ne cani in casa, chi man­gia car­ne di maia­le, etc. deb­ba esse­re rispet­ta­ta e vene­ra­ta, al pun­to che se si fa una vignet­ta con­tro si vie­ne licen­zia­ti, non si tro­va più un lavo­ro, devi vive­re sot­to scor­ta ed il Pae­se dove sei nato e dove vivi deve scu­sar­si per l’ac­ca­du­to… In effet­ti c’è qual­co­sa di mal­sa­no in tut­to que­sto. Dav­ve­ro le reli­gio­ni mono­tei­ste mi spa­ven­ta­no. Non il sen­ti­re reli­gio­so, ma l’or­ga­niz­za­zio­ne reli­gio­sa di que­ste fedi. Però cre­do sia ipor­tan­te distin­gue­re sem­pre le per­so­ne dal­le cose in cui cre­do­no. Per­ché die­tro le per­so­ne c’è qua­si sem­pre una sto­ria ed un insie­me di inter­re­la­zio­ni. E non è det­to che si pos­sa met­ter­gli il car­tel­li­no “coglio­ne” solo per­chè deci­de che va bene dare tut­ti i pro­pri rispar­mi al par­ro­co sot­to casa. Alme­no, per me non è affat­to det­to. E nem­me­no il car­tel­li­no “truf­fa­to­re” al par­ro­co di cui sopra. Tut­to qui. Però, come vedi, in linea di mas­si­ma, sia­mo abba­stan­za sul­lo stes­so piano.