>

L’energia della notte.

Non è una cosa dif­fi­ci­le da sen­ti­re. Cre­do che più o meno tut­ti l’ab­bia­no avver­ti­ta alme­no una vol­ta nel­la vita.

E’ una par­ti­co­la­re sen­sa­zio­ne che di soli­to si pro­va pas­seg­gian­do per le stra­de deser­te del­la cit­tà duran­te le ore notturne.

Nor­mal­men­te, sem­pre che non ci si tro­vi in una qual­che zona mal­fa­ma­ta, si coglie un fasci­no, un bri­vi­do. E lo si iden­ti­fi­ca come un’emozione.

Ma a ben guar­da­re, non è pro­prio così. Di not­te qual­co­sa cam­bia. Come se il gior­no lascias­se spa­zio a qualcos’altro.

Come se di not­te, quan­do gli esse­ri uma­ni ces­sa­no di inva­de­re ogni dove con il loro agi­tar­si, pen­sa­re stron­za­te a nastro, par­la­re al tele­fo­no, fos­se­ro le cose a diven­ta­re padro­ne del­la scena.

Ecco allo­ra che le auto par­cheg­gia­te, o anche i palaz­zi, le abi­ta­zio­ni, sem­bra­no assu­me­re una qual­che for­ma di vita pro­pria. E cam­mi­nan­do in mez­zo alla stra­da sem­bra di poter­la coglie­re. E’ una sen­sa­zio­ne pia­ce­vo­le, soprat­tut­to se si ha la for­tu­na di notar­la in una sera­ta cal­da d’e­sta­te, sen­za pioggia.

Qual­co­sa che pro­du­ce un bri­vi­do lun­go la colon­na, un bri­vi­do di lie­ve piacere.

Ascol­tan­do­la atten­ta­men­te, se ne coglie lo sva­ni­re nel­l’at­ti­mo in cui entria­mo in casa, o comun­que in uno spa­zio pro­tet­to. E’ qual­co­sa che si può osser­va­re solo all’aperto.

Allo­ra è pos­si­bi­le fer­mar­si e, per dif­fe­ren­za, coglie­re quel­la spe­cie di silen­zio al nostro interno.

Per­chè, come mi dis­se un caro amico…

…E’ quel­lo che non vedi a fare la differenza




Con­di­vi­di

4 Comments

  1. Sciuscia ha detto:

    Cono­sco que­sta sensazione.

  2. Fede ha detto:

    Bel­la Franz! Mi sem­bra di aver­lo scrit­to io que­sto pez­zo. Io, comun­que, la dif­fe­ren­za in not­tur­na rie­sco a coglier­la anche tra le pare­ti dome­sti­che: pen­sa­te che mon­do mera­vi­glio­so sarà quan­do si riu­sci­rà a coglier­la anche di giorno…

    • Sting ha detto:

      Uhmmm.. coglie­re di gior­no la dif­fe­ren­za di qua­li­tà che ha la notte??
      :unbe­lie­ve:

      • Fede ha detto:

        Allu­de­vo al rumo­re diur­no sot­to­men­ta­le e bas­so emo­ti­vo per­ce­pi­bi­le nel­la quotidianità.