>

UE: stop all’accesso ai conti correnti da parte degli USA

Non è che ci sia mol­to da dire. Da qual­che anno a que­sta par­te, con la scu­sa del ter­ro­ri­smo, gli Sta­ti Uni­ti ave­va­no la pos­si­bi­li­tà di fic­ca­re il naso nei con­ti ban­ca­ri euro­pei alla ricer­ca, a det­ta loro, di ope­ra­zio­ni finan­zia­rie sospet­te di cor­re­la­zio­ne con pos­si­bi­li terroristi.

Inu­ti­le dire che il ter­ro­ri­smo qui non c’en­tra­va nul­la. Si trat­ta­va di puro spio­nag­gio legalizzato.

Ieri la Cor­te Supre­ma Euro­pea ha mes­so uno stop a que­sta pos­si­bi­li­tà. La rispo­sta, scon­ta­ta degli Sta­ti Uni­ti è stata:

Pone un osta­co­lo alla coo­pe­ra­zio­ne bila­te­ra­le per la Sicurezza

Con­si­de­ra­to che all’Eu­ro­pa inve­ce i con­ti negli Sta­tes non li face­va vede­re nes­su­no, direi che l’u­ni­co osta­co­lo rea­le è sta­to posto all’ir­re­fre­na­bi­le biso­gno degli Sta­ti Uni­ti di far­si i caz­zi di tut­to il resto del mondo.

Per quel che può servire…

Con­di­vi­di

1 Comment

  1. Faber ha detto:

    Giu­stis­si­mo.…

    alme­no una buo­na noti­zia ogni tanto.…

    ciao