>

Il delicato tocco dell’amicizia

L’a­mo­re per una don­na può sva­ni­re dal­la sera al mat­ti­no, ma quel­lo per l’a­mi­co non muo­re mai

Anti­co Pro­ver­bio Arabo

Acca­de, può acca­de­re… come per incan­to. La per­ce­zio­ne, il sen­to­re di qual­co­sa nel tuo cuo­re che tro­va sal­do usber­go in un altro.

E’ allo­ra che tro­va epi­fa­nia quel sen­ti­re che ti scal­da nel­la not­te più fredda.

Raro rilu­ce­re del rifles­so di un dia­man­te, un baglio­re improv­vi­so nel cre­pu­sco­lo che può tro­var­ti addor­men­ta­to ed anda­re perso.

Ma quan­do per rara con­ces­sio­ne di un uni­ver­so distrat­to cogli quel­l’at­ti­mo… è per sempre.

Una bra­ce sot­to le cene­ri del­l’id che può far dimen­ti­ca­re di sè ma che non ces­sa mai la sua esistenza.

E per for­tu­na, sen­za pare­re, è sem­pre pron­ta a riac­cen­der­si, bril­lan­te soli­ta­rio, a ricor­dar­ti che c’è.

Maga­ri quan­do, immo­bi­le, rac­co­gli il lon­ta­no cin­guet­tio di un mer­lo che chia­ma l’al­ba più fred­da dell’anno.

Maga­ri in un momen­to in cui il cibo non ti va tan­to e nem­me­no la vita ma, ama­ri, li man­di giù entrambi .

Allo­ra la pic­co­la bra­ce gen­ti­le pren­de vita con un sin­go­lo ali­to di vento.

Per incen­diar­ti il cuore.

E per para­fra­sa­re Quasimodo…

“E’ subi­to festa”

Con­di­vi­di

3 Comments

  1. Fede ha detto:

    Che dol­cez­za!

  2. Giuseppe ha detto:

    Col­go l’oc­ca­sio­ne per rin­gra­ziar­ti pub­bli­ca­men­te. E’ un anno che seguo rego­lar­men­te il tuo blog e…devo dire che mi ha dato mol­tis­si­mo. Gra­zie ancora.
    Per quan­to riguar­da que­sto dol­cis­si­mo post: mi ha col­pi­to mol­tis­si­mo quel “sal­do usber­go”. Che meraviglia!

  3. Franz ha detto:

    Ti rin­gra­zio mol­to. Ti augu­ro buon anno! :drunk: