>

Tracce di Profumo. Bolle di Sapone. By Valeria

Pas­so dopo pas­so, gior­no dopo gior­no, pro­fu­mo di piog­gia e di bosco, fra­gran­za del­la not­te, il ter­re­no si iner­pi­ca e io sal­go; fati­co­sa­men­te, ma salgo.

Mi doman­do dove vado; dove il desti­no, silen­zio­sa­men­te, mi sta conducendo.

Mi sen­to come un cie­co che pro­se­gue il suo viag­gio nel cuo­re del­la not­te e non sa perché.

Muo­ve il basto­ne nel vuo­to e si con­vin­ce solo di quel che il basto­ne tocca.

Il resto sem­pli­ce­men­te non sa che c’è.

Incon­tro tan­te per­so­ne in cam­mi­no, come me…

Cia­scu­no è chiu­so nel­la pro­pria “bol­la di sog­get­ti­vi­tà”, cia­scu­no con­vin­to del pro­prio pun­to di vista, del­la pro­pria inter­pre­ta­zio­ne, a vol­te solo tem­po­ra­nea (e pas­sa dun­que da una con­vin­zio­ne ad un’altra), altre permanente.

Come bol­le di sapo­ne, si scon­tra­no, rim­bal­za­no, a vol­te scop­pia­no ma i loro cuo­ri non si toc­ca­no mai.

Ci sono solo gra­di diver­si di convincimenti.

Incon­tro per­so­ne fra­gi­li, che facil­men­te cam­bia­no idea. A secon­da di come gira il ven­to gira­no anche loro; oggi in un modo doma­ni in un altro.

Altre stoi­ca­men­te con­vin­te; mai un “ma”, ne un “for­se” o un “ci penso”.

San­no tut­to, han­no com­pre­so tut­to, come spa­de acu­mi­na­te van­no drit­to al sodo… Oh come sono corag­gio­se, voli­ti­ve, pri­ve di dubbi…

Ma il Gran­de Ocea­no con­tie­ne tut­to lo spet­tro di colo­ri, con­tie­ne il gior­no e anche la not­te, il cie­lo coper­to e anche il sereno.

Il Gran­de Ocea­no non con­tem­pla una pos­si­bi­li­tà sen­za il suo contrario.

Ho cono­sciu­to mol­ti uomi­ni “sag­gi”, uomi­ni che han­no cer­ca­to di capi­re, di toglie­re i veli, di com­pren­de­re. Mol­to spes­so sono quel­li più straor­di­na­ria­men­te pie­ni di certezze.

Ma è curio­so con­sta­ta­re come le loro “veri­tà” sia­no fra loro così pro­fon­da­men­te diver­se da allon­ta­nar­li sem­pre più l’uno dall’altro, sem­pre più divi­si, sem­pre più soli­ta­ri nel loro cam­mi­no, sem­pre più con­vin­ti di esse­re cir­con­da­ti da imbe­cil­li incapaci.

Cer­ta­men­te chi ha del­le con­vin­zio­ni più facil­men­te cen­tre­rà un ber­sa­glio, aumen­te­rà l’efficacia di un’azione, ma c’è un con­cre­to peri­co­lo che tan­to pote­re si dis­sol­va nell’istante stes­so in cui per­ce­pi­rà di aver rag­giun­to un risul­ta­to qual­sia­si e non quel­lo che più gli sta­va a cuore.

Que­sta cosa mi fa con­ti­nua­men­te cade­re in qual­che “buca di poten­zia­le”, non la capi­sco e con­ti­nuo a non capir­la, ma for­se sono io che sba­glio visto che sor­ge così spon­ta­nea­men­te naturale.

For­se anche la mia è una con­vin­zio­ne, una irrag­giun­gi­bi­le assur­da aspettativa.

Ma mi pia­ce pen­sa­re che esi­sta una pos­si­bi­li­tà di con­ver­ge­re le ener­gie di mol­ti esse­ri ver­so una dire­zio­ne comu­ne per­ché, io cre­do, la più pro­fon­da pos­si­bi­li­tà di tra­sfor­ma­zio­ne è con­te­nu­ta tut­ta qui, nel pro­ce­de­re “tut­ti insieme”.

Con­di­vi­di

9 Comments

  1. Fede ha detto:

    Sono rare ma ci sono per­so­ne che come tigri cam­mi­na­no solitarie…camminano in que­sto mon­do al cen­tro di uno spa­zio di pro­fon­da e, a vol­te, dolo­ro­sa solitudine…ma non pos­so­no fare diver­sa­men­te per­ché quel­la è la loro natura…

  2. Sting ha detto:

    E’ incre­di­bi­le https://www.francescoamato.com/blog/wp-includes/images/smilies/icon_wink.gif come l’ar­go­men­to dei tuoi post, trat­ti gli argo­men­ti che emer­go­no (in me e nel­le per­so­ne che fre­quen­to), nel perio­do del­la pubblicazione.
    Que­sto mi fa “sospet­ta­re” che que­sta miria­de di bol­le, chiu­se nel pro­prio “mon­do”, sia comun­que in rela­zio­ne reciproca.
    Mal­gra­do l’in­con­sa­pe­vo­lez­za, mal­gra­do le chiu­su­re e le con­vin­zio­ni cocciute.
    Sareb­be bel­lo che, sem­pli­ce­men­te, ci si potes­se abban­do­na­re a que­sta (per me) evi­den­za, che ci si potes­se sen­ti­re accol­ti da que­sto mare, tut­ti diver­si, tut­ti fratelli.
    Un abbraccio

    • Valeria ha detto:

      Sting gra­zie per que­ste paro­le e per aver scrit­to qual­co­sa di cui io non ave­vo coscienza.
      Scri­vi anche “…accol­ti da que­sto mare, tut­ti diver­si, tut­ti fra­tel­li”. Spe­ro dav­ve­ro che tut­to ciò pos­sa veri­fi­car­si sem­pre di più, e comun­que mi pia­ce pen­sar­lo. E for­se mol­ti, leg­gen­do ciò che hai scrit­to, avran­no per­ce­pi­to la stes­sa onda­ta di bene­fi­ca ener­gia che ho avver­ti­to io e… quan­do in tan­ti si ten­de (si desi­de­ra) ver­so la mede­si­ma dire­zio­ne qual­co­sa si espan­de e le tra­sfor­ma­zio­ni sono più veloci.
      Tan­ti abbrac­ci!!! V

  3. Sting ha detto:

    Ohi­bò, vole­vo inse­ri­re un “wink” ed è appar­so un “link”..
    Ahahahaha!

    • Valeria ha detto:

      Ha ha ha ha ha …
      io ave­vo rispo­sto a Fede con uno smi­le ma non c’è ver­so che lo pren­da! Per Franz: mi sa che le tue fac­ci­ne abbia­no qual­che pro­ble­ma que­sta sera

      • Fede ha detto:

        e inve­ce il tuo smi­le mi è arri­va­to in posta… Mer­cì madame