>

Al maschile e al femminile: stessa parola, significato diverso.

Nel­la lin­gua ita­lia­na è curio­so nota­re come alcu­ne paro­le (e modi di dire) al maschi­le abbia­no un signi­fi­ca­to, men­tre se poste al fem­mi­ni­le in talu­ni con­te­sti ne assu­ma­no di com­ple­ta­men­te diversi.

Cor­ti­gia­no: gen­ti­luo­mo di cor­te Cor­ti­gia­na: mignot­ta

Mas­sag­gia­to­re: chi per pro­fes­sio­ne pra­ti­ca mas­sag­gi Mas­sag­gia­tri­ce: mignot­ta

Il cubi­sta: arti­sta segua­ce del cubi­smo La cubi­sta: mignot­ta

Uomo dispo­ni­bi­le: tipo pre­mu­ro­so Don­na dispo­ni­bi­le: mignot­ta

Segre­ta­rio par­ti­co­la­re: por­ta­bor­se Segre­ta­ria par­ti­co­la­re: mignot­ta

Peri­pa­te­ti­co: segua­ce del­le dot­tri­ne di Ari­sto­te­le Peri­pa­te­ti­ca: mignot­ta

Omac­cio­ne: uomo dal fisi­co robu­sto e dal­l’a­spet­to minac­cio­so Don­nac­cia: mignot­ta

Intrat­te­ni­to­re: uomo socie­vo­le, che tie­ne la sce­na, affa­bu­la­to­re Intrat­te­ni­tri­ce: mignot­ta

Tenu­ta­rio: pro­prie­ta­rio ter­rie­ro Tenu­ta­ria: mignot­ta (che ha fat­to carriera)

Steward: came­rie­re sul­l’ae­reo Hostess: mignot­ta

Maia­le: ani­ma­le da fat­to­ria Maia­la: mignot­ta

Uno squil­lo: suo­no del tele­fo­no o del­la trom­ba Una squil­lo: mignot­ta

Uomo da poco: mise­ra­bi­le, da com­pa­ti­re Don­na da poco: mignot­ta

Un torel­lo: un uomo mol­to for­te Una vac­ca: una mignotta

Accom­pa­gna­to­re: pia­ni­sta che suo­na la base musi­ca­le Accom­pa­gna­tri­ce: mignot­ta

Uomo di malaf­fa­re: delin­quen­te Don­na di malaf­fa­re: mignot­ta

Buon uomo: pro­bo, one­sto Buo­na don­na: mignot­ta

Uomo alle­gro: un buon­tem­po­ne Don­na alle­gra: mignot­ta

MORALE: O C’E’ QUALCHE PROBLEMA NELLA LINGUA ITALIANA, OPPURE CI SONO TROPPE MIGNOTTE IN GIRO!!!! 

Con­di­vi­di

6 Comments

  1. Roby ha detto:

    Stra­no che tu non l’ab­bia scrit­to visto che c’e’ la foto…
    Zoc­co­lo: cal­za­tu­ra casual o gros­sa unghia uni­ca di cavallo.
    Zoc­co­la: topo di fogna o… mignotta.

    C’e’ un’al­tra even­tua­li­ta’: ci sono trop­pi uomi­ni maschi­li­sti (ma piu’ che altro stron­zi) in giro. Non mi rife­ri­sco a te natu­ral­men­te che hai solo riportato! 😉
    Bel­lo spun­to su cui riflet­te­re comun­que… :nosha­ke:

    • franz ha detto:

      Pro­prio per­chè c’è la foto non l’ho scrit­to… 🙂 Meno male, non ero sicu­ro che si coglies­se la provocazione…
      Il sen­so era pro­prio quel­lo di met­te­re in evi­den­za che il pro­ble­ma è nel­la per­ce­zio­ne maschi­le. Ora reste­reb­be­ro da sta­bi­li­re le cau­se di que­sta distorsione…

      • Roby ha detto:

        La cosa stra­na e’ che gran par­te dei ter­mi­ni sono dispre­gia­ti­vi quan­do inve­ce e’ risa­pu­to che le mignot­te sono par­ti­co­lar­men­te apprez­za­te dagli uomi­ni. E’ pro­prio vero… chi disprez­za, com­pra! E poi dico­no che noi don­ne sia­mo piu’ sog­get­te allo shop­ping compulsivo..

        • franz ha detto:

          In real­tà cre­do che sia uomi­ni che don­ne quan­do apprez­za­no mignot­te e cor­ri­spet­ti­vi al maschi­le in real­tà apprez­zi­no la pos­si­bi­li­tà di far­si del male. Una cosa cui entram­bi i gene­ri sem­bra­no esse­re par­ti­co­lar­men­te affezionati.

  2. ilia ha detto:

    Bra­vo Franz. Que­sto post è pro­prio acu­to… oltre che diver­ten­te. :thum­bup: