>

Un salto nel passato: AC/DC – Back in black

9 Comments

  1. Sciuscia ha detto:

    Ho fuso la pla­sti­ca del CD, nel pun­to sopra la trac­cia 7…
    Dite quel­lo che vi pare degli AC/DC, che saran­no bana­li, che saran­no sem­pre ugua­li a loro stes­si… ma se pen­so “Roc­k’­n’­Roll”, mi si for­ma in testa l’im­ma­gi­ne di Young e cosi che attac­ca­no ‘sto pezzo!

    • franz ha detto:

      Io ho con­su­ma­to le cas­se del­l’­har­ley pri­ma e del­la RT dopo.
      Non ce n’è… quan­do il RAP anco­ra non si sape­va cos’e­ra, o qua­si… loro lo met­te­va­no in rock!
      :satan­smo­king:

  2. Sciuscia ha detto:

    Invi­dia per la tua età, in un cer­to senso.

    • franz ha detto:

      Gra­zie, altret­tan­to! (in un cer­to senso) :)))) :))))) :)))))

  3. Fede ha detto:

    Pink Floyd, AC/DC, Van Halen, Gene­sis, Led Zep­pe­lin: quan­te vol­te, negli anni 80, ho dovu­to ‘usar­li’ per ‘tirar­mi su’…

  4. cnj ha detto:

    Gran­dio­so! Era il 1980.
    Gli AC/CD li ho fat­ti gira­re sui miei player più tar­di ave­va­no grin­ta da vendere.
    All’e­po­ca però gira­va del­l’al­tro sul mio ste­reo. L’an­no pri­ma era usci­to Deguel­lo dei ZZTop, l’al­bum che chiu­de­va il perio­do miglio­re dei tre texa­ni (1970>1979). Poi c’e­ra Flir­tin with disa­ster dei Mol­ly Hat­chet dove le Advent face­va­no fati­ca a sop­por­ta­re i pic­chi. Eppoi i Black­foot, gli All­mann, la Mar­shall, i 38 Spe­cial… in poche paro­le il Sou­thern Front al com­ple­to (che oggi non c’è più…dannazione!). Cer­to che si ria­scol­ta sem­pre con pia­ce­re back in black… ah, dimen­ti­ca­vo di dir­vi di non far gira­re gli Ac/Dc al con­tra­rio per­chè por­ta male :satan­smo­king: …sarà per quel­lo che han­no inven­ta­to i CD :oogle:

  5. cnj ha detto:

    …azz c’e­ra­no pure loro! Quan­do met­te­vo su Neil Young & Cra­zy Hor­se i dischi dei Lynyrd Sky­nyrd cade­va­no dal­lo scaffale 🙂