>

Nuova influenza: impunità garantita alle case farmaceutiche per i danni del vaccino.

La noti­zia è di tre gior­ni fa, ma ho grat­tug­gia­to diver­se fon­ti per esse­re sicu­ro.

Il segre­ta­rio del Mini­ste­ro del­la Salu­te ame­ri­ca­no, Kathleen Sebel­lius, ha fir­ma­to un accor­do con cui le case far­ma­ceu­ti­che pro­dut­tri­ci del vac­ci­no con­tro l’in­fluen­za sui­na godran­no del­la tota­le impu­ni­bi­li­tà per gli even­tua­li dan­ni ed effet­ti col­la­te­ra­li deri­van­ti dal­l’u­so del vac­ci­no stesso.

Tro­va­te la noti­zia qui, e qui, quin­di non mi veni­te a dire che è una bufa­la, a meno che voglia­te dire che l’As­so­cia­ted Press è un’a­gen­zia di buf­fo­ni.

La vole­te capi­re che que­sta sto­ria del vac­ci­no è spor­ca oltre ogni possibilità?

Se gli Sta­ti Uni­ti arri­va­no a pro­met­te­re l’im­pu­ni­tà tota­le alle case far­ma­ceu­ti­che che pro­du­co­no il vac­ci­no, non vi pare che que­sta cosa pos­sa signi­fi­ca­re solo che lo stes­so è peri­co­lo­so al pun­to che le big phar­ma si devo­no para­re il culo addi­rit­tu­ra pri­ma di ave­re mes­so il vac­ci­no in com­mer­cio?

C’è mez­zo mon­do che sta gri­dan­do con­tro que­sta vac­ci­na­zio­ne, solo che in Ita­lia, qua­si come in Cina, le cose non si ven­go­no a sape­re per­chè gli ita­lia­ni media­men­te si bevo­no qua­lun­que stron­za­ta arri­vi da media e TV, sen­za inda­ga­re oltre.

Altri­men­ti non ci si spie­ghe­reb­be per­chè in que­sti gior­ni ci sia l’assal­to al nume­ro ver­de che la Sani­tà pub­bli­ca ha mes­so a dispo­si­zio­ne per infor­ma­zio­ni sul­la sui­na (l’in­fluen­za, non la vici­na di casa), un’in­fluen­za la cui leta­li­tà è un quar­to di quel­la di una nor­ma­le influen­za sta­gio­na­le.

E se non vi basta, guar­da­te­vi un po’ que­sto video su you­tu­be (è in ingle­se, ma sot­to­ti­to­la­to in italiano)

http://www.youtube.com/watch?v=lUlwD_Y2p6A

Ma non è fini­ta qui… altri post in arrivo!!!

Con­di­vi­di

30 Comments

  1. Giuseppe ha detto:

    Fai bene Franz a par­la­re di que­ste cose e spe­ro che mol­ta gen­te leg­ga e ne trag­ga pro­fit­to. Io per­so­nal­men­te ho fat­to pochis­si­mi vac­ci­ni nel­la vita, for­se l’ul­ti­mo è sta­to nel 1975 (duran­te il ser­vi­zio mili­ta­re); oppu­re quel­lo del 1976 (come dice David Icke), non ricor­do bene. Comun­que sto beno­ne. For­se per­ché ho dei buo­ni anti­cor­pi ed un ecce­len­te siste­ma immu­ni­ta­rio (pen­sa che da bam­bi­no, per puli­re le biglie di vetro con cui gio­ca­vo sul­la nuda ter­ra, le met­te­vo in boc­ca e le “sciac­qua­vo” ben bene. In un viag­gio in India, duran­te una tra­ver­sa­ta in bar­ca a Bena­res, ho man­gia­to una foglia di Betel offer­ta­mi dal bar­ca­io­lo pren­den­do­la diret­ta­men­te dal­le sue “spor­che” mani. Non mi è suc­ces­so nul­la. Que­sto solo per dir­ne qual­cu­na del­le mie.
    Natu­ral­men­te non voglio esse­re un esem­pio per gli altri. Non era que­sto il pun­to. Vole­vo solo met­te­re in evi­den­za l’ef­fi­ca­cia del siste­ma immu­ni­ta­rio, così come quel­lo di un pen­sie­ro libe­ro da sche­mi e pre­giu­di­zi. Un pen­sie­ro che non si lascia “influen­za­re” da noti­zie ter­ro­ri­sti­che mes­se in giro per ven­de­re vac­ci­ni e quant’altro.
    Mi fa solo rab­bia non poter aiu­ta­re i miei figli (sono divor­zia­to e loro vivo­no con la madre) per­ché la madre dei miei ragaz­zi fa pro­prio par­te di quel­la lar­ga fet­ta di “mer­ca­to” sem­pre pron­ta a segui­re i dik­tat del “regi­me” e del “così fan tut­ti”. Buo­na giornata

    • franz ha detto:

      Mi dispia­ce per i tuoi ragaz­zi. In que­sti casi non c’è mol­to da fare, se non pian­ta­re più casi­no pos­si­bi­le nel­la spe­ran­za di fer­ma­re que­sta gentaglia!

  2. Faber ha detto:

    Bra­vo Franz , con­ti­nuia­mo a blog­ga­re più gen­te si sve­glia meglio è. Sac­co­ni ha dichia­ra­to che dai 2 ai 27 anni vuo­le vac­ci­na­re l’I­ta­lia inte­ra, per vac­ci­na­re i miei bim­bi dovrà ammazzarmi .
    Garantito…

    a pre­sto

    • franz ha detto:

      Guar­da… io non ho figli, ma se li aves­si dovreb­be­ro vera­men­te pas­sa­re sul mio cada­ve­re pri­ma di fic­car­gli quel­la mer­da nel siste­ma immunitario!

  3. Blushaft ha detto:

    Il video lo posta­to su face­book, spe­ria­mo lo veda più gen­te possibile.…
    Cè mol­ta ignoranza.…tuttora ven­go anco­ra pre­so per i fon­del­li quan­do par­lo di omeopatia…
    E da anni che con­si­glio ai miei geni­to­ri ormai set­tan­ten­ni di non vac­ci­nar­si con­tro l’influenza.…ma sen­za successo.…continuano a vaccinarsi.…e con­ti­nua­no però ad ammalarsi.…!!!!!

    • Franz ha detto:

      Al di là di tut­to… se qual­cu­no vuo­le vac­ci­nar­si, alla fine sono cavo­li suoi. Quel­lo che non sop­por­to è l’i­dea di uno sta­to che obbli­ghi le per­so­ne a vac­ci­nar­si. Que­sto non deve accadere!

  4. Fede ha detto:

    Riba­di­sco: nes­sun ‘figlio di tro­ia’ mi fic­che­rà un ago nel culo sen­za il mio consenso.
    :fin­ger:

  5. Julk ha detto:

    Per for­tu­na la vac­ci­na­zio­ne in ita­lia dai 2 ai 27 anni non è obbli­ga­to­ria… alme­no cre­do di aver let­to così

  6. Paolo ha detto:

    Buo­na­se­ra, mi chia­mo Pao­lo e fac­cio il bio­lo­go da 11 anni e rin­gra­zio in anti­ci­po per la pos­si­bi­li­tà di scri­ve­re su que­sto blog. Vor­rei dire un paio di cose in meri­to all’argomento che si discu­te in que­sto momen­to in que­sta sezio­ne, con par­ti­co­la­re rife­ri­men­to al video ad ini­zio pagi­na; la pri­ma non di carat­te­re tec­ni­co, la secon­da si.
    Il video pub­bli­ca­to è mol­to sug­ge­sti­vo e, come sem­pre, ognu­no di noi è libe­ro di cre­der­ci; pen­so che se qual­cu­no pub­bli­cas­se un’intervista in cui si pro­spet­ta un com­plot­to da par­te dei gran­di signo­ri e padro­ni del­la ter­ra che, attra­ver­so l’aumento del nume­ro di auto­mo­bi­li a ben­zi­na o gaso­lio (inve­ce di pro­dur­re auto eco­lo­gi­che in mas­sa, visto che la tec­no­lo­gia giu­sta esi­ste già dagli ini­zi degli anni “80), sta cer­can­do di far­ci ina­la­re sostan­ze tos­si­che in ogni momen­to ed in ogni luo­go, allo sco­po di far­ci mori­re in mas­sa ma len­ta­men­te, per non dare nell’occhio, allo­ra dovrei ugual­men­te cre­der­ci (maga­ri loro han­no qual­che anti­do­to che assu­mo­no ogni gior­no). Non par­lia­mo poi di chi vor­reb­be maga­ri far­ci cre­de­re che tut­ta que­sta pub­bli­ci­tà all’influenza sui­na in arri­vo sia ope­ra di qual­che extra­ter­re­stre infil­tra­to per eli­mi­na­re la raz­za uma­na entro pochi anni! In sostan­za, vor­rei dire che chiun­que può dire quel­lo che cre­de per far­si pub­bli­ci­tà o in buo­na fede ma, sen­za le neces­sa­rie pro­ve (e io ho avu­to modo di con­sta­ta­re, ovvia­men­te sen­za l’assoluta cer­tez­za che nor­mal­men­te è prio­ri­tà divi­na, che di pro­ve non ce ne sono, pur pen­san­do che il gover­no abbia sba­glia­to a vac­ci­na­re così a tap­pe­to, ma comun­que in buo­na fede), sono tut­te paro­le al ven­to; come al soli­to però alcu­ni cre­do­no a quel­lo che voglio­no credere.
    Det­to que­sto pas­so all’esposizione tec­ni­ca, bre­ve e super­fi­cia­le non volen­do cer­ta­men­te inta­sa­re il blog pub­bli­can­do un docu­men­to infi­ni­to in que­sta sede ed il pun­to, suc­cin­to al mas­si­mo, è obbli­ga­to­ria­men­te rela­ti­vo a quan­to suc­ces­se nel 1976 negli USA. E’ vero che ci furo­no faci­li e fal­si allar­mi­smi ma, per favo­re, nes­su­no vole­va iniet­ta­re sostan­te stra­ne nel nostro cor­po (né oggi vuo­le entra­re “den­tro di noi” per estin­gue­re par­te dell’umanità sal­van­do una casta di elet­ti!); sem­pli­ce­men­te si esa­ge­rò (e for­se oggi si rischia, ma for­se, di fare lo stes­so erro­re) cre­den­do che il virus fos­se più peri­co­lo­so di quan­to si rive­lò in real­tà. Per quan­to riguar­da i dan­ni cau­sa­ti (sem­bra, dai pro­cla­mi vari soprat­tut­to in inter­net) che ci sia­no sta­te mas­se di mala­ti e incal­co­la­bi­li mor­ti a cau­sa del vac­ci­no in que­stio­ne, ma, pur­trop­po, è oppor­tu­no dire che così non fu. Sono qua­si sicu­ro, nono­stan­te non ci sia­no mai sta­te pro­ve cer­te, che un effet­to nega­ti­vo gra­ve, nel­la sua fase ini­zia­le, ci fu ed è ricon­du­ci­bi­le ad una malat­tia chia­ma­ta sin­dro­me di Guil­lam: si mani­fe­sta con la para­li­si pro­gres­si­va agli arti (di soli­to pri­ma le gam­be e suc­ces­si­va­men­te le brac­cia). La mas­si­ma esplo­sio­ne si rag­giun­ge in qual­che ora o un paio di gior­ni, al mas­si­mo in 1–2 set­ti­ma­ne e si mani­fe­sta infi­ne con tetra­ple­gia e insuf­fi­cien­za respi­ra­to­ria; in buo­na sostan­za si resta para­liz­za­ti. La cosa è gra­vis­si­ma e, men­tre nor­mal­men­te col­pi­sce (media­men­te) 1 per­so­na ogni 50 milio­ni di indi­vi­dui, con la som­mi­ni­stra­zio­ne di deter­mi­na­ti vac­ci­ni la per­cen­tua­le sale note­vol­men­te; e così fu!. Det­to que­sto occor­re pre­ci­sa­re che, in qual­sia­si con­di­zio­ne (vac­ci­na­ti o no) il 95/96% del­le per­so­ne gua­ri­sce per­fet­ta­men­te, il restan­te 4–5% rischia la mor­te o la para­li­si par­zia­le per­ma­nen­te (una gam­ba o un brac­cio ecc.); la mor­te soprag­giun­ge per com­pli­ca­zio­ni pol­mo­na­ri, gene­ral­men­te, nei pazien­ti più debo­li, moti­vo per cui è più che ragio­ne­vo­le pen­sa­re che la mag­gior par­te dei deces­si si sareb­be comun­que veri­fi­ca­ta, in que­sti sog­get­ti, qua­lo­ra non si fos­se­ro vaccinati.
    Que­sto è quan­to, strin­gen­do al mas­si­mo, su ciò che suc­ces­se in que­gli anni: il gover­no sba­gliò ad inter­pre­ta­re alcu­ni sol­da­ti mor­ti come un pos­si­bi­le foco­la­io di una pro­ba­bi­le pan­de­mia ma, secon­do me, lo fece in buo­na fede e, soprat­tut­to, non iniet­tò sostan­te “male­fi­che” a 45 milio­ni di ame­ri­ca­ni per ucci­der­li len­ta­men­te (300 casi accer­ta­ti e una deci­na di mor­ti sono una solu­zio­ne assai len­ta per far fuo­ri oltre 500 milio­ni di per­so­ne in tem­pi ragionevoli).
    Oggi sia­mo cir­ca 6,5 miliar­di a que­sto mon­do e ci vor­reb­be qual­co­sa di più “pesan­te” che non un vac­ci­no antin­fluen­za­le per ster­mi­nar­ci “sen­za dare nell’occhio”.
    Un’ ulti­ma cosa: a chi dice (asso­lu­ta­men­te in gene­ra­le) che piut­to­sto che vac­ci­na­re i suoi figli (io ne ho due e li ho vac­ci­na­ti entram­bi, for­se per­ché sono bio­lo­go e fac­cio par­te del com­plot­to? Pas­sa­te­mi la bat­tu­ta) chie­do di pen­sa­re a chi non vive nel nostro Pae­se né in Pae­si come il nostro ma, per esem­pio in buo­na par­te del con­ti­nen­te afri­ca­no (ma non solo, ahi­mè), e di anda­re a docu­men­tar­si un po’ le atro­ci ago­nie a cui sono sot­to­po­sti neo­na­ti e bam­bi­ni poco più gran­di per la man­can­za di vac­ci­ni adatti.
    Rin­gra­zio di nuo­vo per la pazien­za di chi ha accol­to que­sto mio docu­men­to e per chi ha avu­to la pazien­za di leg­ger­lo fino in fondo

    PM

    • franz ha detto:

      Caro Pao­lo, innan­zi­tut­to gra­zie per il tuo inter­ven­to. Di quel­li che piac­cio­no a me. Neu­ro­ni col­le­ga­ti e com­pe­ten­za. Non impor­ta quan­to sono lun­ghi, anzi. In que­sto caso cre­do che tu sia sta­to sin­te­ti­co ed efficace.
      Tut­ti i tuoi com­men­ti sul video sono più che sensati.
      Quan­do l’ho mes­so in linea comun­que, non vole­vo “scal­da­re” l’i­po­te­si com­plot­ti­sta (alla Bur­ger­mei­ster, per inten­der­ci) ma sola­men­te cer­ca­re di por­ta­re l’at­ten­zio­ne su alcu­ni fattori.
      Innan­zi­tut­to quel­lo che a me pare più macro­sco­pi­co: è evi­den­te che allo sta­dio attua­le del­la sua evo­lu­zio­ne, il virus H1N1 è tut­t’al­tro che leta­le. Ha una mor­ta­li­tà del­lo 0,5 per mil­le con­tro il 2 per mil­le del nor­ma­le virus influen­za­le stagionale.
      Dun­que per­chè tan­to allar­mi­smo? Io non riten­go in tut­ta one­stà plau­si­bi­le l’i­po­te­si del ten­ta­to geno­ci­dio volontario.
      Tut­ta­via con­si­de­ro alcu­ni fattori:
      1) Se l’in­ten­to è quel­lo di vac­ci­na­re la mag­gior par­te di popo­la­zio­ne pos­si­bi­le con­tro l’e­ven­tua­le sce­na­rio di una muta­zio­ne più aggres­si­va del virus, è evi­den­te che si trat­ta di una scel­ta più che discu­ti­bi­le. Se non vado erra­to, con le pre­sen­ti tec­ni­che bio­ge­ne­ti­che le pro­ba­bi­li­tà che un vac­ci­no tara­to sul­la con­fi­gu­ra­zio­ne attua­le del virus sia effi­ca­ce con­tro una muta­zio­ne leta­le del­lo stes­so sono mol­to ridotte.
      2) L’at­tua­le vac­ci­no vie­ne pro­dot­to con una varia­zio­ne tec­ni­ca spe­ri­men­ta­le di col­tu­ra per cui il virus repli­can­te vie­ne uti­liz­za­to per infet­ta­re un inset­to vivo e non con il meto­do clas­si­co del­le uova di pollo.
      Come ho spe­ci­fi­ca­to nel rela­ti­vo post, mi pare piut­to­sto azzar­da­to spe­ri­men­ta­re que­sta tec­ni­ca sul­l’es­se­re uma­no sen­za un este­so quan­to pro­lun­ga­to pro­gram­ma di trials clinici.
      3) Una vac­ci­na­zio­ne di mas­sa coat­ta andreb­be asso­lu­ta­men­te con­tro l’art. 32 del­la nostra costi­tu­zio­ne che asse­ri­sce la liber­tà del­l’in­di­vi­duo nei con­fron­ti del­le tera­pie (oltre che con­tro ogni buon senso). 

      Io non riten­go che si dovreb­be impe­di­re l’u­so di que­sto vac­ci­no. Riten­go che sia un’as­sur­di­tà ren­der­ne obbli­ga­to­ria, addi­rit­tu­ra con atto gover­na­ti­vo, l’i­no­cu­la­zio­ne, con­si­de­ra­to que­gli stes­si effet­ti col­la­te­ra­li inde­si­de­ra­ti gra­vi che, pur inu­sua­li in sen­so sta­ti­sti­co, diven­ta­no asso­lu­ta­men­te tra­gi­ci se con­si­de­ra­ti a livel­lo personale. 

      Riten­go pari­men­ti un’as­sur­di­tà che tut­ti i media “uffi­cia­li” non fac­cia­no nul­la per ren­de­re pub­bli­ci i pun­ti di vista sopra esposti.

      E per fini­re, riten­go più che assur­do che dei gover­ni spo­si­no così ala­cre­men­te poli­ti­che di vac­ci­na­zio­ne coat­ta di mas­sa sul­le indi­ca­zio­ni di un OMS le cui con­trad­di­zio­ni ed evi­den­ti man­can­ze in tut­ti i ter­mi­ni lo ren­do­no total­men­te inde­gno di qual­sia­si fiducia. 

      Det­to que­sto, con­clu­do dicen­do che tut­to ciò non può esse­re sem­pli­ce­men­te frut­to di mio­pia da par­te di quei min­ste­ri che dovreb­be­ro esse­re super­ba­men­te infor­ma­ti e coscien­ti di ogni rischio nel­la dif­fu­sio­ne di un far­ma­co spe­ri­men­ta­le ma che al con­tra­rio paio­no solo estre­ma­men­te ansio­si di com­pia­ce­re un’in­du­stria far­ma­ceu­ti­ca le cui inef­fi­cien­ze sono estre­ma­men­te note, assie­me alle meto­di­che di spe­ri­men­ta­zio­ne ed alle evi­den­ti misti­fi­ca­zio­ni del­le stesse. 

      Quin­di in sin­te­si: non riten­go abbia alcun sen­so tut­to que­sto allar­me e que­sta cor­sa al vac­ci­no quando:
      a) Il virus nel­la for­ma attua­le è meno dan­no­so di una nor­ma­le influen­za stagionale
      b) Qua­lo­ra il virus mutas­se in for­ma più leta­le le pro­ba­bi­li­tà che il vac­ci­no rea­liz­za­to oggi fos­se pari­men­ti effi­ca­ce sono estre­ma­men­te ridotte.
      Ergo, sul­la base di que­ste mie con­vin­zio­ni, i casi sono due:

      1) In seno ai vari gover­ni e mini­ste­ri del­la salu­te c’è sta­ta un’e­pi­de­mia di incompetenza

      2) Vi è qual­che altro moti­vo per cui le case far­ma­ceu­ti­che sono sta­te auto­riz­za­te a sal­ta­re tut­te le fasi spe­ri­men­ta­li di test uma­no e addi­rit­tu­ra pre­ven­ti­va­men­te sca­ri­ca­te da ogni respon­sa­bi­li­tà con il noto trat­ta­to fir­ma­to dal gover­no statunitense.

      Mi fareb­be pia­ce­re leg­ge­re, se vor­rai espri­mer­lo natu­ral­men­te, un tuo pare­re su que­sto lun­go ragionamento.

      Per ora ti rin­gra­zio per il tuo inter­ven­to e per la pazien­za even­tua­le che vor­rai aver avu­to nel leg­ge­re que­sta mia risposta.

  7. Paolo ha detto:

    Caro Franz, ho tro­va­to mez­z’o­ra libe­ra e ti rispon­do mol­to volen­tie­ri, rin­gra­zian­do­ti per aver espres­so il tuo pare­re sul­le mie dichiarazioni.
    Pur non essen­do esper­to mi dilet­to a segui­re la poli­ti­ca ogni vol­ta che pos­so e la mia con­vin­zio­ne, oggi, è que­sta. E’ indub­bia l’incapacità dei gover­ni di trat­ta­re argo­men­ti di una tale cri­ti­ci­tà, come dici, ma il pro­ble­ma è a mon­te; chi aspi­ra ad ave­re un gover­no di tec­ni­ci vie­ne tac­cia­to ed espul­so per­ché “la poli­ti­ca è cosa seria”, cioè la poli­ti­ca è una casta a sé stan­te ed i par­te­ci­pan­ti devo­no par­la­re, pen­sa­re e man­gia­re il “poli­ti­che­se” (in pra­ti­ca ten­dia­mo­ci la mano e man­te­nia­mo sal­do il grup­po, poi in pub­bli­co fin­gia­mo di scan­nar­ci per la feli­ci­tà dei pove­rac­ci là fuo­ri!). Chi inve­ce è d’accordo e ritie­ne asso­lu­ta­men­te oppor­tu­no che i poli­ti­ci lo sia­no di pro­fes­sio­ne allo­ra vie­ne accol­to a brac­cia aper­te e indi­ca­to come un cit­ta­di­no model­lo; ma se, sen­sa­ta­men­te, ten­ta di con­ti­nua­re la spie­ga­zio­ne, auspi­can­do l’affiancamento al poli­ti­co di uno o più tec­ni­ci per set­to­re (di com­pro­va­te capa­ci­tà, pur­trop­po in Ita­lia non così sem­pli­ce ma pur sem­pre pos­si­bi­le) allo­ra è comu­ni­sta vec­chio stam­po per la destra (per esse­re chia­ri: di quel­li che man­gia­va­no i bam­bi­ni) o fasci­sta, inve­ce, per la sini­stra (olio di rici­no ecc.). Aggiun­go solo una pic­co­la paren­te­si: per­so­nal­men­te comu­ni­sti (alla sta­lin) e nazi-fasci­sti (alla hitler) sono tra il peg­gio che l’umanità abbia mai cono­sciu­to, insie­me ai vari e più recen­ti pol­pot, Tito, Ceau­se­scu, sad­dam, bin laden e, pur­trop­po, mol­ti altri.
    Per quan­to riguar­da il discor­so dei test pos­so dir­ti que­sto: è scan­da­lo­so, anche qua­lo­ra si rive­las­se vera la situa­zio­ne pro­spet­ti­ca peg­gio­re, esen­ta­re da even­tua­li erro­ri o effet­ti col­la­te­ra­li del vac­ci­no (effet­ti gra­vi, chia­ra­men­te, non è che per un po’ di mal di testa o nau­sea pos­sia­mo ghi­gliot­ti­na­re tut­ti!) chi dovreb­be sal­var­ci dal­la pan­de­mia. Apro solo una pic­co­la paren­te­si, visto che ho let­to parec­chie cose impre­ci­se in meri­to: il tam­flu qua­si sicu­ra­men­te non ser­ve non ser­vi­rà a gran­ché in que­sto caso (in altri è uti­le) ma gli effet­ti col­la­te­ra­li che ven­go­no pub­bli­ciz­za­ti andreb­be­ro rivi­sti e trat­ta­ti nel­la dovu­ta dimen­sio­ne, soprat­tut­to per quan­to riguar­da il gra­do che gli stes­si rag­giun­go­no, la dura­ta, la mani­fe­sta­zio­ne più o meno evi­den­te e, soprat­tut­to, per il resi­dua­le per­ma­nen­te che cau­sa­no (e pos­so assi­cu­ra­re pres­so­ché ine­si­sten­te in sog­get­ti anche media­men­te sani). Que­sto per dire che spes­so le noti­zie super­fi­cia­li dai media sono impre­ci­se e se vole­te saper­ne di più, per mag­gio­re tran­quil­li­tà, dovre­ste rivol­ger­vi al vostro medi­co o ad un bra­vo far­ma­ci­sta. Chiu­sa la digres­sio­ne. E’ pur vero che, pur­trop­po è dura da dige­ri­re ma è così, nel­la nostra socie­tà ed in tut­ti i set­to­ri chi si tro­va nel­la con­di­zio­ne di biso­gno deve sot­to­sta­re alle rego­le del più for­te; in que­sto caso i gover­ni devo­no scen­de­re a pat­ti e solo una defi­ni­ti­va unio­ne di tut­ti i comi­ta­ti gover­na­ti­vi, con l’appoggio deci­so dell’oms, potreb­be ave­re suc­ces­so nel defi­ni­re una serie di linee gui­da obbli­ga­to­rie per le socie­tà far­ma­ceu­ti­che. Il pro­ble­ma prin­ci­pa­le è che trop­po spes­so l’opposizione di un gover­no ad un altro è lega­ta all’ideologia poli­ti­ca e non al buon sen­so, moti­vo per cui l’aspetto poli­ti­co-eco­no­mi­co ha avu­to e avrà sem­pre il soprav­ven­to sul sociale.
    Ora, però, dia­mo a Cesa­re quel­lo che è di Cesa­re: in que­sti gior­ni sta par­ten­do il test del vac­ci­no su qual­che miglia­io di ame­ri­ca­ni offer­ti­si volon­ta­ri, situa­zio­ne che nel bene (se fun­zio­ne­rà) o nel male (non fun­zio­ne­rà) per­met­te­rà final­men­te di ave­re un’idea più chia­ra del­le pos­si­bi­li­tà futu­re e, soprat­tut­to, dei tem­pi rea­li di stu­dio, appli­ca­zio­ne e distri­bu­zio­ne del­le misu­re vali­de a scon­giu­ra­re l’eventuale epi­de­mia, qua­lo­ra si dimo­stras­se tale.
    Per quan­to mi riguar­da, pos­so dire che, tol­to tut­to quel­lo fat­to o det­to in que­sti ulti­mi due mesi, la spe­ri­men­ta­zio­ne in atto in Cana­da è cosa seria, cre­di­ci, e potreb­be ave­re, mi augu­ro, un esi­to posi­ti­vo nel­le pros­si­me settimane.
    In meri­to all’obbligatorietà o meno di far­si vac­ci­na­re cre­do dovrem­mo esse­re tut­ti più rea­li­sti: in que­sto momen­to non ci sono (e pro­ba­bil­men­te non ci saran­no in futu­ro) le basi per ren­de­re effet­ti­vo ed uffi­cia­le un prov­ve­di­men­to del gene­re; per arri­va­re a tan­to dovran­no neces­sa­ria­men­te esse­re pro­va­ti effet­ti chia­ra­men­te deva­stan­ti (o poten­zial­men­te deva­stan­ti sul­la base di pro­ve cer­te) del­la pan­de­mia; ten­den­zial­men­te, si dovran­no veri­fi­ca­re, pri­ma, even­ti gra­vi che ren­da­no pre­cau­zio­nal­men­te neces­sa­rio un inter­ven­to ecce­zio­na­le in tal senso.
    Infi­ne, ti chie­do scu­sa per que­sto, il discor­so nel­la par­te ini­zia­le del­la tua rispo­sta rela­ti­vo a virus e loro muta­zio­ni, così come sui meto­di di spe­ri­men­ta­zio­ne, sono un argo­men­to tal­men­te vasto e rami­fi­ca­to che non riu­sci­rei nem­me­no a comin­ciar­lo sen­za dilun­gar­mi per gior­ni e qual­che cen­ti­na­io di pagi­ne, cre­di­mi. Pos­so solo dir­ti che non è pos­si­bi­le sem­pli­fi­ca­re il tut­to con poche righe e soprat­tut­to ogni virus (cep­po) ed ogni muta­zio­ne (evo­lu­zio­ne del­lo stes­so) è, il più del­le vol­te, una con­di­zio­ne a sé stan­te; l’infinita varie­tà degli stes­si (vedi per esem­pio, faci­li­tan­do il discor­so per chia­ri­re a chi non è nel set­to­re, la clas­si­fi­ca­zio­ne secon­do Bal­ti­mo­re) ed il fat­to che sono prov­vi­sti di dna pro­prio (o rna) ne fa degli orga­ni­smi evo­lu­ti, ancor­ché paras­si­ti, estre­ma­men­te dif­fi­ci­li da com­bat­te­re. Ti basti sape­re che, recen­te­men­te, si è sco­per­ta una nuo­va muta­zio­ne del virus del cep­po HIV, pro­ba­bil­men­te più for­te o comun­que altret­tan­to dan­no­sa per l’organismo uma­no, come se non bastas­se ave­re a che fare con quel­lo ori­gi­na­rio di base! Un altro esem­pio: l’ebola, che la mag­gior par­te del­la gen­te cono­sce come un virus leta­le, in effet­ti lo è; però con­ta 4 diver­si cep­pi evo­lu­ti, il pri­mo dei qua­li (ebo­la zai­re) nor­mal­men­te por­ta alla mor­te il 90% degli infet­ta­ti, men­tre all’estremo oppo­sto, l’ebola reston, è asso­lu­ta­men­te inno­cuo per l’uomo. Dif­fi­ci­le da cre­de­re per un non addet­to ai lavo­ri, ma è così; nel dub­bio, però, quan­do si sen­te la paro­la ebo­la è sem­pre oppor­tu­no pen­sa­re al peg­gio ed agi­re di con­se­guen­za, la cau­te­la non è mai troppa.
    Gra­zie di nuo­vo e buon lavoro

  8. Eufemia ha detto:

    lo sape­vo che c’e­ra qual­co­sa di spor­co, ma nel­la scuo­la , che si fa?
    Io sono una mae­stra alla mater­na, che suc­ce­de­rà se l’in­fe­zio­ne diven­ta insostenibile?
    ci vac­ci­nia­mo? sì? no?
    grazie
    eufemia

    • franz ha detto:

      Cara Eufe­mia, biso­gna vede­re cosa si inten­de per inso­ste­ni­bi­le. Al momen­to i dati ci dico­no che è mol­to con­ta­gio­sa ma anche mol­to meno leta­le di una nor­ma­lis­si­ma e bana­le influen­za sta­gio­na­le. Comun­que non pos­so di cer­to dir­ti io cosa fare. Al mas­si­mo pos­so dir­ti che al posto tuo (ma anche al mio) farei di tut­to per non far­mi iniet­ta­re que­sto vaccino.
      Cer­to se stes­si­mo par­lan­do di un epi­de­mia di Ebo­la (una gra­zio­sa malat­tia con una MORTALITA’ che si avvi­ci­na al 90%) allo­ra sareb­be vera­men­te giu­sti­fi­ca­to ricor­re­re a qual­sia­si mez­zo. Ma in que­ste con­di­zio­ni… Non so se mi sono spiegato…

  9. Marco ha detto:

    Ti sei spie­ga­to benis­si­mo. Pur essen­do sostan­zial­men­te favo­re­vo­le ai vac­ci­ni (o alme­no ad alcu­ni di essi) ed aven­do vac­ci­na­to le due mie figlie (for­se anche con qual­cu­no di trop­po), in que­sto caso con­cor­do pie­na­men­te con le tue valu­ta­zio­ni. Dovrà pur esser­ci una rela­zio­ne fra peri­co­lo­si­tà del­la malat­tia e vac­ci­no e in que­sto caso mi sem­bra pro­prio che non ci sia alcun sen­so. Io già deci­so per il no e non lo farò fare nean­che a loro, se sarà possibile.

    • franz ha detto:

      Gra­zie del pas­sag­gio e del com­men­to. Nel caso non si potes­se esi­mer­si dal vac­ci­no, esi­ste l’ar­ti­co­lo 32 del­la Costi­tu­zio­ne Ita­lia­na che dovreb­be garan­ti­re la non obbli­ga­to­rie­tà di un trat­ta­men­to sani­ta­rio inde­si­de­ra­to. Ho det­to “dovreb­be” per­chè di que­sti tem­pi è meglio non esser cer­ti di nulla…

  10. Roby ha detto:

    Se pos­so aggiun­ge­re la mia…
    Ci sono diver­si tipi di vac­ci­no. Gene­ral­men­te quel­li antin­fluen­za­li sono com­po­sti dai virus stes­si inde­bo­li­ti e immes­si nel nostro orga­ni­smo che, nel pie­no del­le sue facol­ta’ immu­niz­zan­ti, com­bat­te­ra’ asin­to­ma­ti­ca­men­te il virus (quan­do sare­mo poi con­ta­gia­ti dal virus vero e pro­prio il nostro orga­ni­smo sapra’ rico­no­scer­lo e lo spaz­ze­re­mo via con piu’ faci­li­ta’). Van­no asso­lu­ta­men­te fat­ti quan­do stia­mo PERFETTAMENTE IN SALUTE per­che’ il virus inde­bo­li­to ven­ga com­bat­tu­to asin­to­ma­ti­ca­menm­te al meglio. Se abbia­mo gia’ la feb­bre o qual­che pic­co­la o gran­de infe­zio­ne in cor­so sareb­be meglio aspet­ta­re un momen­to miglio­re per far­ci ino­cu­la­re il vac­ci­no (ad es anche una cisti­te bat­te­ri­ca andreb­be cura­ta pri­ma di vaccinarsi).
    Poi ci sono i vac­ci­ni tipo quel­lo per l’H­PV, respon­sa­bi­li del tumo­re del­la cer­vi­ce nel­le don­ne (al momen­to l’u­ni­co tumo­re che sem­bra esse­re pro­vo­ca­to da un virus e che col­pi­sce l’80 per­cen­to del­le don­ne, tra­smis­si­bi­le ses­sual­men­te anche all’uo­mo e vede piu’ di un cen­ti­na­io di cep­pi diver­si di cui solo alcu­ni respon­sa­bi­li del tumo­re). Il virus vie­ne pri­va­to del suo “con­te­nu­to” ma con­ti­nua a pos­se­de­re il suo “aspet­to” e cioe’ e come se un’au­to con la sua tar­ga che la iden­ti­fi­ca venis­se pri­va­to del moto­re (quel­lo che per­met­te di fare dei dan­ni) per cui non si trat­ta di un virus inde­bo­li­to, ma di un virus del tut­to inat­ti­va­to ma rico­no­sci­bi­le dal nostro orga­ni­smo per “il nume­ro di targa”.
    Riguar­do la sui­na pen­so che non si pos­sa­no abbrac­cia­re gli atteg­gia­men­ti estre­mi­sti sia quel­lo di vac­ci­na­zio­ne di mas­sa obbli­ga­to­ria sia per con­tro quel­lo che si basa su cospi­ra­zio­ni e com­plot­ti che sco­rag­gia­no la vaccinazione.
    Una vac­ci­na­zio­ne di mas­sa la riter­rei uti­le nel caso sia con­cla­ma­to che si trat­ti di una pan­de­mia peri­co­lo­sa alme­no quan­to la peste che col­pi’ l’I­ta­lia ai tem­pi di ren­zo e lucia (e’ anche un atto di respon­sa­bi­li­ta’ in quan­to ci si potreb­be tra­sfor­ma­re in “unto­ri” noi stes­si), cosa che pero’ non e’ il caso del­la sui­na da quel­lo che ho capito.
    Per con­tro non si puo’ nean­che fare pro­pa­gan­da sul­la non vac­ci­na­zio­ne in quan­to sog­get­ti debo­li o a rischio potreb­be­ro trar­re bene­fi­cio da que­sta vac­ci­na­zio­ne e risul­ta­re cosi’ addi­rit­tu­ra sal­va­vi­ta (sem­pre che il vac­ci­no sia testa­to e piu’ che sicu­ro cosa su cui ho anco­ra dei dub­bi che sia sta­to fat­to nel caso del­la sui­na in cosi’ poco tem­po). Ad es mio nipo­te di due anni e mez­zo ha alcu­ni valo­ri di Ic (dife­se immu­ni­ta­rie) bas­si e con tut­ta pro­ba­bi­li­ta’ potreb­be esse­re pro­prio uti­le fare il vac­ci­no in quan­to non sapreb­be com­bat­ter­lo al meglio. I sog­get­ti che han­no gia’ pro­ble­mi cro­ni­ci alle vie respi­ra­to­rie potreb­be­ro cor­re­re gros­si rischi a con­tar­re sia l’in­fluen­za sta­gio­na­le che la sui­na per­tan­to il vac­ci­no evi­te­reb­be le com­pli­can­ze gra­vi che por­te­reb­be­ro nei casi gra­vi al deces­so del paziente.
    Tro­vo pero’ assur­do che ci sia­no cate­go­rie che deb­ba­no esse­re obbli­ga­to­ria­men­te vac­ci­na­te o che gli stes­si lavo­ra­to­ri di una cate­go­ria lo pre­ten­da­no (vedi i cal­cia­to­ri che han­no chie­sto di esse­re vac­ci­na­ti, gli auti­sti dei mez­zi pub­bli­ci, i medi­ci etc.), a meno che non viva­no i pre­sup­po­sti di pre­di­spo­si­zio­ne che ho spie­ga­to pri­ma ma que­sto e’ sog­get­ti­vo e non di categoria.
    Per­tan­to il vac­ci­no andreb­be uti­liz­za­to con mol­ta cau­te­la e coscien­za ma nean­che demo­niz­za­to, facen­do anche la giu­sta distin­zio­ne fra i vari tipi di vac­ci­ni per non fare di un’er­ba un fascio, visto che e’ gra­zie a loro se e’ miglio­ra­to il nostro sti­le di vita (vedi anti­po­lio, anti­te­ta­ni­ca, anti­ma­la­ria, anti­va­io­lo, anti­tu­ber­co­lo­si e chi piu’ ne ha piu’ ne metta).
    L’in­for­ma­zio­ne e’ il pri­mo pas­so per far vale­re la nostra liber­ta’ (di scel­ta in que­sto caso).

    cari salu­ti e scu­sa­te il mio dilungarmi

    • Paolo ha detto:

      Caz­zo, non ci cre­do! Ho tro­va­to una che la pen­sa come me, stra­no. Ogni vol­ta che ho pro­va­to a dir­lo mi riman­da­va­no ai link di maghi e fat­tuc­chie­re. Mah, for­se tu essen­do don­na avrai un pò più di considerazione.
      Non è che io sono gol­dra­ke e tu mazin­ga tra­ve­sti­ti?? Ci ster­mi­ne­ran­no mica con qual­che vac­ci­no ora che sia­mo usci­ti allo scoperto!!
      Ciao e.… meno male, và

  11. La pri­ma vol­ta su que­sto blog e mi pia­ce. Det­to que­sto, pen­so che esclu­se le mena­te di tipo estre­mi­sti­co, non sia asso­lu­ta­men­te estre­mi­sti­co dire che :
    – i sem­pl­ci mor­ta­li (come me) non han­noo infor­ma­zio­ni rea­li e veri­tie­re sot­to mano.
    – che il pote­re esconomico/finanziario/politico dele case far­ma­ceu­ti­che mul­ti­na­zio­na­li è supe­rio­re a quel­lo di qual­sia­si gover­no al mondo
    – che per orien­tar­si in que­sto cam­po devi navi­ga­re sen­za sosta tra mil­le dub­bi e incer­tez­ze, mil­le teo­rie, libri, rivi­ste per poi fare una scel­ta che comun­que la fai, ti farà sem­pre sta­re male, soprat­tut­to se par­lia­mo del­la salu­te dei nostri figli.
    Una situa­zio­ne assur­da. Com­pli­men­ti per il corag­gio di affron­tar­la sen­za fal­si­tà, per quel­la che è : un gran casino.
    – non ci sono ricet­te magi­che (pec­ca­to) solo for­se UN SOLO CONSIGLIO :
    sve­gliar­si, chie­der­si, rovi­sta­re, scar­ta­bel­la­re, insom­ma… FARSI VENIRE UN DUBBIO !
    Ciao
    Mari­lì di GustoShop

  12. anna ha detto:

    Buon­gior­no a tut­ti. Natu­ral­men­te sto navi­gan­do su inter­net alla ricer­ca di un pò di chia­rez­za cir­ca que­sto bene­det­to vaccino.
    uso abi­tual­men­te l’o­meo­pa­tia per curar­mi e non ho la mini­ma inten­zio­ne di vac­ci­nar­mi ( anche per­chè ho 34 anni e sono di sana e robu­sta costi­tu­zio­ne), ma il mio gran­de dub­bio riguar­da i miei geni­to­ri, anzia­ni e con malat­tie cro­ni­che ( mio padre è car­dio­pa­ti­co e mia madre sof­fre di bon­chiec­ta­sie ed è appe­na usci­ta da una polmonite).
    non so asso­lu­ta­men­te cosa fare.…. da una par­te temo che il vac­ci­no pos­sa cau­sa­re loro degli effet­ti col­la­te­ra­li ( soprat­tut­to pen­san­do­lo uni­to al soli­to vaci­no anti­in­fluen­za­le) dal­l’al­tra par­te fac­cio fati­ca a pren­der­mi la respon­son­sa­bi­li­tà di non far­li vaccinare.
    sono vera­men­te divisa.
    qual­cu­no ha voglia di dir­mi la sua idea?
    gra­zie mille

    • Paolo ha detto:

      Non vor­rei sem­brar­ti bana­le nel mio con­si­glio, quin­di par­to con un dato sem­pli­ce sem­pli­ce, che nem­me­no il più acca­ni­to com­plot­ti­sta anti­vac­ci­na­zio­ne può smen­ti­re sen­za smen­ti­re sè stes­so: a secon­da del cep­po vira­le ogni anno una per­cen­tua­le com­pre­sa tra il 20 ed il 33% dei dece­du­ti per influen­za è per­fet­ta­men­te sano e media­men­te sano, e di que­sti l’85% alme­no non si è vac­ci­na­to! Con­si­de­ra la media di 8500 mor­ti l’an­no nel­l’ul­ti­mo quin­quen­nio in Ita­lia e fai due con­ti; il resto sono per­so­ne che ave­va­no pro­ble­mi pre­gres­si e che quin­di sono i più sog­get­ti all’ag­gra­va­men­to del­le loro con­di­zio­ni gene­ra­li e spe­ci­fi­che di salute.
      Quin­di che l’in­fluen­za può ucci­de­re chiun­que è cosa rea­le e nor­ma­le (tran­ne per chi ha fet­te di sala­me sugli occhi e tap­pi nel­le orec­chie). Nel 2009 potreb­be­ro arri­va­re la tra­di­zio­na­le e la sui­na, vedi tu e deci­di per te in base a que­sto, io per­so­nal­men­te non mi sono mai vac­ci­na­to (come i miei col­le­ghi) ma quan­do l’ho pre­sa sono sta­to a casa ai pri­mi sin­to­mi (per rispet­to degli altri)e mi sono sem­pre cura­to imme­dia­ta­men­te e sen­za mai esi­ta­re. Nel tuo caso, per i tuoi geni­to­ri, fer­mo restan­do che ognu­no può ragio­na­re in modo diver­so da tut­ti gli altri, io avrei già sen­ti­to 3 medi­ci: medi­co per­so­na­le e car­dio­lo­go per tuo padre, medi­co per­so­na­le e pneu­mo­lo­go per tua madre. Meglio di loro…!

    • Franz ha detto:

      Visto che Pao­lo cita le sta­ti­sti­che, mi ci met­to pure io.
      Il 90% del­le mor­ti duran­te un attac­co influen­za­le avvie­ne effet­ti­va­men­te in per­so­ne sopra i 65 anni. Pro­prio per l’e­tà però risul­ta dif­fi­ci­le attri­bui­re la mor­te all’in­fluen­za piut­to­sto che ad altre pato­lo­gie. A quan­to leg­go in que­sto arti­co­lo sul washin­ton post, il CDC di Atlan­ta sti­ma nel 2005 le pos­si­bi­li­tà di soprav­vi­ven­za all’e­pi­so­dio influen­za­le per per­so­ne oltre i 65 anni in una per­cen­tua­le del 99,9%. E que­sto in assen­za di vaccinazione.
      Cin­que recen­ti trials cli­ni­ci han­no por­ta­to alla con­clu­sio­ne che l’in­tro­du­zio­ne del­la vac­ci­na­zio­ne, pur abbre­vian­do il decor­so del­la malat­tia, non ha sostan­zial­men­te cam­bia­to la per­cen­tua­le dei deces­si negli ultra-65.
      Inol­tre anche il decor­so del­la malat­tia non subi­sce varia­zio­ne rispet­to alla media nel 95% dei casi in toto.
      Per quan­to riguar­da la sui­na, le cifre sono anco­ra più bas­se, dato che la mor­ta­li­tà è di un quar­to rispet­to alla nor­ma­le influen­za sta­gio­na­le, pur essen­do la con­ta­gio­si­tà più alta.
      Inol­tre le per­so­ne over65, sem­pre per quan­to riguar­da la sui­na, han­no anco­ra meno pos­si­bi­li­tà di amma­lar­si, dato che un virus simi­le, quel­lo del­la spa­gno­la, lo han­no già incon­tra­to nel­la loro vita e quin­di sono mag­gio­ri le pro­ba­bi­li­tà che il loro siste­ma immu­ni­ta­rio lo pos­sa con­tra­sta­re naturalmente.
      In sin­te­si, il vac­ci­no con­tro l’in­fluen­za “clas­si­ca” ha un’ef­fi­ca­cia ridicola.
      Per quan­to riguar­da il vac­ci­no con­tro la sui­na l’ef­fi­ca­cia non è dimo­stra­bi­le e la rea­liz­za­zio­ne del vac­ci­no avvie­ne con bio­tec­no­lo­gie di nuo­va con­ce­zio­ne, tan­to che le azien­de che lo pro­du­co­no si sono fat­te fir­ma­re uno sca­ri­co tota­le di respon­sa­bi­li­tà dal gover­no americano.
      In più in que­sto vac­ci­no pare con­fer­ma­ta la pre­sen­za di squa­le­ne come adiu­van­te, una sostan­za che, se iniet­ta­ta, può inne­sca­re feno­me­ni autoim­mu­ni anche di gros­sa importanza.
      Det­to tut­to que­sto… non sono pro­prio la per­so­na che può dir­ti cosa fare. Al mas­si­mo ti pos­so dire cosa farei io in caso analogo.
      Ave­re dei geni­to­ri anzia­ni non signi­fi­ca che gli stes­si non sia­no in gra­do di ave­re un’au­to­no­mia deci­sio­na­le, ma se mi tro­vas­si in una tale con­di­zio­ne, ovve­ro a dover­mi assu­me­re gio­co­for­za la respon­sa­bi­li­tà del­le loro deci­sio­ni sani­ta­rie, io per­so­nal­men­te non gli farei fare pro­prio nes­sun vaccino.

  13. Paolo ha detto:

    Cito

    “Il 90% del­le mor­ti duran­te un attac­co influen­za­le avvie­ne effet­ti­va­men­te in per­so­ne sopra i 65 anni. Pro­prio per l’età però risul­ta dif­fi­ci­le attri­bui­re la mor­te all’influenza piut­to­sto che ad altre patologie.”

    Di que­sto sta­vo par­lan­do: se la per­cen­tua­le di deces­si di ultra­ses­san­ta­cin­quen­ni è comun­que bas­sis­si­ma, cre­sce a dismi­su­ra in pre­sen­za di altre pato­lo­gie. E le due PRINCIPALI sono pro­prio quel­le lega­te a malat­tie respi­ra­to­rie come bron­chi­ti e pol­mo­ni­ti (anche se pas­sa­te ma recen­ti fino a 6 mesi e oltre!) e pro­ble­mi di cuo­re. Recen­ti stu­di in euro­pa han­no dimo­stra­to come duran­te la sta­gio­ne tipi­ca dell’influenza i mor­ti per infar­to (asso­cia­to a sin­to­mi influen­za­li) aumen­ti anche del 45/48% rispet­to alla media mensile.

    Dis­sen­to sul discor­so dell’efficacia del vac­ci­no indi­ca­to nel­l’ar­ti­co­lo, ma potreb­be esse­re una ma opi­nio­ne. Quan­do un vac­ci­na­to si amma­la di influen­za lo fa, in buo­na par­te, in for­ma lie­ve e lie­vis­si­ma (in per­cen­tua­li che, a secon­da del­le situa­zio­ni, varia­no dal 55% al 90%, quin­di mol­tis­si­mi dei vac­ci­na­ti si amma­la comun­que) e chi sti­la sta­ti­sti­che come quel­la che hai ripor­ta­to tu con­si­de­ra comun­que mala­to di influen­za il vac­ci­na­to (cor­ret­ta­men­te) e indi­ca l’inutilità del vac­ci­no per quei sog­get­ti (sba­glia­to nel­la sostan­za anche se cor­ret­to nel­la for­ma). Si dimen­ti­ca però di spie­ga­re la dif­fe­ren­za sostan­zia­le del­la gra­vi­tà e quan­te per­so­ne oltre i 65 anni muo­io­no dopo aver pre­so l’influenza tra i vac­ci­na­ti e tra i non vac­ci­na­ti. Per esse­re chia­ri: un anzia­no già mala­to e vac­ci­na­to ha deter­mi­na­te pro­ba­bi­li­tà di pren­de­re l’influenza in for­ma lie­ve; se non si fos­se vac­ci­na­to avreb­be (qua­si, non ugua­li) le stes­se pro­ba­bi­li­tà di pren­der­la (come dico­no que­ste sta­ti­sti­che) ma asso­lu­ta­men­te diver­se nell’intensità.

    Poi Anna ha 34 anni quin­di è tut­to fuor­ché una ragaz­zi­na, saprà pren­de­re la deci­sio­ne giu­sta per lei e i suoi genitori.