>

Dalla padella di Berlusconi alla brace di chi?

Lo stil­li­ci­dio di noti­zie su Berlusconi sta da oltre un mese spac­can­do in due, oltre ai maro­ni, anche il mon­do poli­ti­co, eco­no­mi­co, infor­ma­ti­vo e del­l’o­pi­nio­ne pub­bli­ca. La stam­pa este­ra, che da tem­po ama cri­ti­ca­re l’Italia (un anno fa si tro­va­va que­sto arti­co­lo sul Guardian), ci sguaz­za con arti­co­li di tut­ti i tipi.

Senza entra­re nel­le vicen­de di que­sti gior­ni, cito e con­di­vi­do due pas­sag­gi del­la let­te­ra di Cossiga pub­bli­ca­ta sul Corriere:

“…Ritengo che i giu­di­zi sul­la vita pri­va­ta di una per­so­na che non atten­ga­no alla fun­zio­ne pub­bli­ca eser­ci­ta­ta – e in par­ti­co­la­re la vita eufe­mi­sti­ca­men­te chia­ma­ta «sen­ti­men­ta­le» ma più esat­ta­men­te «ses­sua­le» – deb­ba­no esse­re distin­ti dai giu­di­zi politici.”

“ È vero che una coin­ci­den­za è solo una coin­ci­den­za, che due coin­ci­den­ze sono un indi­zio e che tre coin­ci­den­ze pos­so­no esse­re una prova.”

Parimenti tut­ta­via riten­go che la vicen­da stia assu­men­do risvol­ti inquie­tan­ti, vedi l’in­cen­dio dolo­so del­l’au­to di Barbara Montereale.

Vuoi vede­re che con que­sta sto­ria for­se que­sta vol­ta rie­sco­no a fare fuo­ri Berlusconi per dav­ve­ro? Visto che in Italia sia­mo una mas­sa di per­be­ni­sti e mora­li­sti igno­ran­ti e non sia­mo quin­di in gra­do di scon­fig­ger­lo poli­ti­ca­men­te, for­se si può scre­di­ta­re la sua imma­gi­ne pub­bli­ca, su cui ha sem­pre pun­ta­to mol­to, attra­ver­so le sue vicen­de pri­va­te.

Questi dub­bi riten­go tro­vi­no con­fer­ma in alcu­ne voci sem­pre dal­l’e­ste­ro secon­do cui anche all’interno del­la mag­gio­ran­za di gover­no fer­va­no i pre­pa­ra­ti­vi per l’e­ven­tua­le abban­do­no del­la nave.

scratIl futu­ro dipen­de pro­ba­bil­men­te dal pro­se­gui­re di quel­l’ap­pog­gio del mon­do cat­to­li­co, da sem­pre in mag­gio­ran­za a soste­gno di Berlusconi, anche dopo que­ste vicen­de. Un soste­gno che già mostra i pri­mi scric­chio­lii come si leg­ge­va alcu­ni gior­ni fa su Famiglia Cristiana in cui si invi­ta la Chiesa a pren­de­re uffi­cial­men­te le distan­ze perché:

“E’ sta­to supe­ra­to il limi­te del­la decenza.”

Provo ad aggiun­ge­re un ulti­mo tas­sel­lo per ten­ta­re di guar­da­re le cose da un altro pun­to di vista.

Stampa Libera, in que­sto ben docu­men­ta­to post fa osser­va­re come gli attac­chi che negli ulti­mi anni Berlusconi rice­ve dal­la stam­pa con­ser­va­tri­ce stra­nie­ra rap­pre­sen­ti­no l’interesse di cor­po­ra­zio­ni finan­zia­rie che nel 1994 e nel 2001 avreb­be­ro soste­nu­to la sua can­di­da­tu­ra, spe­ran­do des­se il via in Italia ad un pro­fon­do pro­ces­so di destrut­tu­ra­zio­ne del­lo sta­to socia­le e dere­go­la­men­ta­zio­ne finan­zia­ria, così da poter spe­cu­la­re in modo ana­lo­go a quan­to acca­du­to in altri pae­si come Inghilterra e Stati Uniti, con le pesan­ti con­se­guen­ze che sono oggi sot­to gli occhi di tut­ti.

Avendo Berlusconi total­men­te delu­so tali aspet­ta­ti­ve, costret­to a scen­de­re a pat­ti con par­ti­ti del­la sua mag­gio­ran­za lega­ti al ter­ri­to­rio e alla con­ser­va­zio­ne del­lo sta­to socia­le come Alleanza Nazionale e L’Udc di Casini, sem­bre­reb­be for­se giun­to il momen­to di far­lo fuo­ri, tra­mi­te la stam­pa, attac­can­do­lo sul­la sua vita pri­va­ta dove è pro­ba­bil­men­te più vul­ne­ra­bi­le.

Mettendo insie­me tut­to que­sto la mia opi­nio­ne è che sareb­be auspi­ca­bi­le a que­sto pun­to che si riu­scis­se a far dimet­te­re Berlusconi in bre­ve tem­po, sia per i dan­ni poli­ti­ci del suo gover­no sia per evi­ta­re il rischio che la ten­sio­ne che sta mon­tan­do nel pae­se uni­ta alla deter­mi­na­zio­ne di que­st’uo­mo a resta­re a tut­ti i costi al pote­re, por­ti il siste­ma isti­tu­zio­na­le ad un livel­lo di popu­li­smo tale da met­te­re seria­men­te in discus­sio­ne la demo­cra­zia in Italia. 

Allo stes­so tem­po però cre­do che sia indi­spen­sa­bi­le che si con­cre­tiz­zi pri­ma all’orizzonte un’alternativa cre­di­bi­le e auto­re­vo­le, di cui per il momen­to non si vede nem­me­no l’ombra, ne all’interno dell’opposizione ne del­la stes­sa maggioranza.

Se così non sarà, temo che un even­tua­le vuo­to di pote­re lascia­to da Berlusconi potreb­be esse­re riem­pi­to da qual­cu­no die­tro cui potreb­be­ro nascon­der­si gros­si inte­res­si pron­ti a fare a pez­zi il nostro paese.

Passeremmo così dal­la padel­la di Berlusconi alle bra­ce di chis­sà chi. 

Condividi

14 Comments

  1. sytry82 ha detto:

    Travaglio nel suo ulti­mo video ha det­to una cosa mol­to intel­li­gen­te (come suo soli­to per altro) ovve­ro che cosi ci ritro­via­mo un pre­si­den­te ricat­ta­bi­le da chiunque.

  2. the_highlander ha detto:

    E’ giu­sto il com­men­to di sytry82, non sono un aman­te di Travaglio ma ha det­to una cosa giu­sta una vol­ta (non so se è fari­na del suo sac­co però mi ha col­pi­to) – in poli­ti­ca è impor­tan­te esse­re ricat­ta­bi­li: nes­su­no sostie­ne una per­so­na inat­tac­ca­bi­le per­chè non può poi otte­ner­ne nien­te. Berlusconi sicu­ra­men­te era ricat­ta­bi­le, ma for­se si è poi rive­la­to meno mano­vra­bi­le di quan­to si aspettavano.

  3. Il Veronesi ha detto:

    Ho fat­to una rifles­sio­ne. Poniamo caso che la real­tà ci sug­ger­sca che la tele­vi­sio­ne, la radio, inter­net e tut­ti gli altri media non influi­sca­no mini­ma­men­te nel­le deci­sio­ni del­la popo­la­zio­ne. Secondo voi tale noti­zia potreb­be cir­co­la­re? O è meglio far cre­de­re a tut­ti che sia­no stru­men­ti dia­bo­li­ci capa­ci di lava­re i cer­vel­li? Vi chie­do que­sto per­ché se ipo­te­ti­ca­men­te non ser­vis­se­ro ad influen­za­re le opi­nio­ni tut­ti i miliar­di di euro che a livel­lo mon­dia­le sono miglia­ia di miliar­di del giro degli spa­zi pub­bli­ci­ta­ri crol­le­reb­be di col­po… Sapete che nel­l’ul­ti­mo anno in Italia, per la pri­ma vol­ta, sono cala­ti gli inve­sti­men­ti pub­bli­ci­ta­ri sui mass media? Sapete di chi sono oltre il 70% dei mass media in Italia? Avete nota­to che nono­stan­te la cam­pa­gna deni­gra­to­ria Forza Italia ha vin­to le ele­zio­ni sen­za che per­cen­tual­men­te vi fos­se­ro del­le dif­fe­ren­ze rispet­to alle pre­vi­sio­ni pre scan­da­li? E l’o­pi­nio­ne pub­bli­ca ora non dibat­te di come que­sta cam­pa­gna pos­sa “lava­re il cer­vel­lo” del­la gen­te su fat­ti di “gos­sip”? Allora io dico… Ma no, fate voi.

    • Valeria ha detto:

      Ora for­se gene­ra­liz­zo trop­po ma insom­ma, una “stan­za dei bot­to­ni” è sem­pre esi­sti­ta, e com­pren­de­re gli intri­ca­ti mec­ca­ni­smi, inte­res­si, le con­nes­sio­ni, le allean­ze (quel­le vere), gli obiet­ti­vi e attra­ver­so qua­li stra­te­gie que­sti si voglio­no rag­giun­ge­re non è cosa per tut­ti. Un tem­po il così det­to “popo­li­no” ne era sem­pli­ce­men­te taglia­to fuo­ri, e sen­za tan­te formalità.
      Poi nei seco­li il con­cet­to di demo­cra­zia si è evo­lu­to e di pari pas­so è pro­gre­di­ta l’astuzia di chi vuo­le (e lo fa) spa­dro­neg­gia­re sul mondo.
      I media influi­sco­no ecco­me sul­le deci­sio­ni del­la popo­la­zio­ne, sem­pre che si voglia che influi­sca­no. Questo poten­te stru­men­to di con­di­zio­na­men­to fun­zio­na se ben uti­liz­za­to, e sicu­ra­men­te chi lo gesti­sce sa esat­ta­men­te che uso far­ne. Nulla, io cre­do, è casuale.
      Questa pre­sun­ta cam­pa­gna anti Berlusconi non so per­ché a me sta sem­bran­do una cam­pa­gna che invi­ta la gen­te a disin­te­res­sar­si di tut­to. È tal­men­te di bas­sa lega, ma soprat­tut­to tal­men­te lon­ta­na dai pro­ble­mi del­le per­so­ne che devo­no fare i con­ti con sti­pen­di sem­pre più esi­gui e con lavo­ri sem­pre più pre­ca­ri che, a mio pare­re, per­fi­no un pae­se un po’ bigot­to e pet­te­go­lo come il nostro si è stan­ca­to di ascol­ta­re noti­zie di tale “leva­tu­ra”.
      Forse vaneg­gio, ma in que­sto momen­to pro­ba­bil­men­te si vuo­le pro­prio que­sto… Forse è neces­sa­rio (alla stan­za dei bot­to­ni natu­ral­men­te) que­sta sor­ta di “auto oscu­ran­ti­smo”; indot­to natu­ral­men­te ma cia­scu­no pen­se­rà di aver auto­no­ma­men­te deci­so di cam­bia­re cana­le davan­ti a un tele­gior­na­le e non avrà la per­ce­zio­ne di subi­re una cen­su­ra che a me sem­bra si stia facen­do ulti­ma­men­te e a tut­ti gli effet­ti mol­to pesante.
      Insomma le caz­za­te che “pas­sa il con­ven­to” han­no supe­ra­to il livel­lo di guar­dia, la gen­te non si sen­te rap­pre­sen­ta­ta e si disin­te­res­sa alla vita pub­bli­ca e poli­ti­ca sem­pre di più. Infatti se le per­cen­tua­li di voto ai par­ti­ti si spo­sta­no di poco, l’astensionismo sta rag­giun­gen­do livel­li mai visti. Intanto nel­la “stan­za dei bot­to­ni” Dio solo sa cosa stan­no facendo.
      “Sospetto” nul­la di buono…
      Io la pen­so così, aspet­to vostri pareri.

  4. Fede ha detto:

    Ci sono tan­te stan­ze con talu­ni bot­to­ni: le ‘for­ze di oppo­si­zio­ne’, in que­sto magni­fi­co Pianeta, sono in tut­te le maglie del tes­su­to sociale/planetario: dal poli­ti­co all’in­for­ma­zio­ne al mili­ta­re allo spet­ta­col­lo, ovun­que nei pun­ti ‘cal­di’…

  5. Il Veronesi ha detto:

    Vale, con­di­vi­do pie­na­men­te quan­to espri­mi. Io solo pen­so ci sia anche un altro pia­no di ana­li­si: tu sei cer­ta che i mass media con­di­zio­ni­no le scel­te. Io non ne sono così cer­to. E se si sapes­se in giro che non con­di­zio­na­no le scel­te ci sareb­be un vero tra­col­lo finan­zia­rio, altro che cri­si. E for­se tut­ta que­sta mon­ta­tu­ra l’ha mes­sa in pie­di pro­prio chi teme di più la per­di­ta di cre­di­bi­li­tà del­l’ef­fi­ca­cia dei mass media. Come a dimo­stra­re i dan­ni che pos­so­no fare i media “cor­rot­ti”. Ma pec­ca­to che non ne stia­no facen­do di dan­ni… Tu hai idea di come si sia crea­to l’im­pe­ro Berlusconi? Sai cosa reg­ge il siste­ma eco­no­mi­co mon­dia­le? Togli il volu­me di affa­ri di inter­net, tele­vi­sio­ne, radio e gior­na­li. Credimi, qua­si tut­ti gli altri set­to­ri sono gover­na­ti in par­te da chi reg­ge que­sti set­to­ri. Che vivo­no del­la fidu­cia del­le impre­se che spen­de­re deci­ne e deci­ne di miglia­ia di euro per uno spa­ziet­to in uno di qusti media pos­sa far cam­bia­re l’o­pi­nio­ne del pro­prio tar­get. E se non fun­zio­nas­se? E se non fos­se così? Magari que­sta mano­vra anti Berlusconi non è altro che la più gran­de mano­vra pro Berlusconi mai fat­ta negli ulti­mi tem­pi. E col bene­sta­re di Murdock, De Benedetti ed altri…

    • Valeria ha detto:

      Ecco demo­li­te tut­te le mie cer­tez­ze in poche righe :oogle:
      Prima doman­da: ma se i mass media non con­di­zio­na­no le scel­te, per­ché la gen­te con­ti­nua a com­pe­ra­re que­gli schi­fo­si biscot­ti? Forse per­ché la gran­de distri­bu­zio­ne non offre di meglio?
      Seconda doman­da: per­ché si vor­reb­be dimo­stra­re l’efficacia dei media rischian­do un cla­mo­ro­so auto­gol? Non c’erano altre stra­de meno “peri­co­lo­se”?
      Certo ammet­to che non rie­sco a spie­gar­mi come mai si stia met­ten­do in piaz­za la pec­ca­mi­no­sa vita pri­va­ta di un tizio pro­prie­ta­rio di tre cana­li tele­vi­si­vi e che ne con­trol­la altri tre (sen­za con­ta­re il resto dell’informazione) sen­za che lui evi­den­te­men­te muo­va un dito (a par­te le sue ridi­co­le sce­neg­gia­te di uomo per­se­gui­ta­to e incom­pre­so). Ecco su que­sto pun­to c’è pro­prio qual­co­sa che non mi quadra…

  6. Milarepa ha detto:

    Avevo gia’ let­to l’ar­ti­co­lo qual­che gior­no fa, se le cose stan­no come dice l’ar­ti­co­lo, effet­ti­va­men­te dob­bia­mo aspet­tar­ci un pas­sag­gio dal­la padel­la alla bra­ce. Se non pia­ce­va per­che’ non e’ suf­fi­cien­te­men­te “tat­che­ria­no”, vuol dire che chiun­que lo sosti­tui­ra’ sara’ ampia­men­te peg­gio. Berlusconi e’ un popu­li­sta nato, quin­di dif­fi­cil­men­te vare­ra’ leg­gi trop­po impopolari,per quel­lo for­se i con­ser­va­to­ri non lo tollerano…

  7. Ilia ha detto:

    Rispondo un po a tut­ti con que­sto commento. 

    Personalmenti cre­do che l’in­chie­sta in cor­so a Bari sia qual­co­sa di più che solo gos­sip, come nel caso Noemi, seb­be­ne l’in­for­ma­zio­ne gior­na­li­sti­ca pos­sa far sem­bra­re tut­to ugua­le. Sono d’ac­cor­do con Valeria che la gen­te è così stu­fa che non si infor­ma più e secon­do me è anche su que­sto che il popu­li­smo di Berlusconi conta. 

    Non dimen­ti­chia­mo però che, chi in que­sto momen­to non si infor­ma guar­dan­do il tg3 oppu­re leg­gen­do il Corriere o Repubblica, di cer­te cose non vie­ne qua­si per nien­te a cono­scen­za, ed ho potut­to osser­va­re che si trat­ta di mol­te persone. 

    Sono inol­tre sem­pre più con­vin­to che ci sia una ten­sio­ne real­men­te cre­scen­te tra Berlusconi e gli ambien­ti inter­na­zio­na­li, che, indi­pen­den­te­men­te dal­le ragio­ni, sta scre­di­tan­do l’im­ma­gi­ne del nostro pae­se all’e­ste­ro (e ve lo dico anche da chi ci vive all’estero). 

    Sabato ci sono sta­te altre ten­sio­ni tra Berlusconi, l’Ocse e il fon­do mone­ta­rio più l’in­di­scre­zio­ne subi­to smen­ti­ta di un cat­ti­vo giu­di­zio di Berlusconi su Obama da par­te di una fon­te di infor­ma­zio­ne israeliana. 

    Sarà com­plot­to, sarà che Berlusconi è un fol­le, sarà solo gos­sip, sarà un po’ di tut­to, ma secon­do me qui c’è qual­co­sa di poco chia­ro che non può esse­re liqui­da­to solo come “spaz­za­tu­ra”, e per non far­ci pren­de­re con­sa­pe­vo­lez­za ce lo pre­sen­ta­no un po’ in que­sto modo, fin­chè le deci­sio­ni saran­no sta­te pre­se e dovre­mo sol­tan­to pren­der­ne atto. 

    La cosa che mi pre­oc­cu­pa di più è la sen­sa­zio­ne di non chia­rez­za, e seb­be­ne non abbia mai soste­nu­to e vota­to Berlusconi e mi augu­ro che l’Italia se ne libe­ri al più pre­sto, il suo pos­si­bi­le defe­ne­stra­men­to in que­sto modo poco chia­ro mi pre­oc­cu­pa… sen­za cono­sce­re pri­ma l’alternativa.

  8. Il Veronesi ha detto:

    E se tut­ta la vita poli­ti­ca del pre­si­den­te non fos­se solo ed esclu­si­va­men­te per tap­pa­re i buchi che si sta­va­no crean­do? Vedi leg­ge sul digi­ta­le ter­re­stre, ad esem­pio. E nel con­tem­po fos­se una boc­ca­ta di fede nel fat­to che uno che ha tre cana­li più altri tre per for­za vin­ce. Cosa dareb­be più fidu­cia di così al fat­to che la tele­vi­sio­ne è il dio del­la per­sua­sio­ne? Io so solo che i dati sug­ge­ri­sco­no che la gen­te com­pra i pro­dot­ti che com­pra, indi­pen­den­te­men­te dal­la pub­bli­ci­tà. Ma le azien­de non lo san­no. Le gran­di, sono gran­di per­ché tut­ti le com­pra­no. E quin­di si pos­so­no per­met­te­re di ave­re uno spot in tele­vi­sio­ne. Credetemi, la redemp­tion dei mass media è ridi­co­la, ma nes­su­no lo dice… Magari sba­glio, ma secon­do me il cava­lie­re ha visto lun­go anche que­sta vol­ta. E più i mass media gli dan­no con­tro e più mi con­vin­co. Nessuno ricor­da che un annet­to pri­ma di entra­re in poli­ti­ca Berlusconi e Murdock si incon­tra­ro­no in Sardegna? E guar­da caso ora pare che uno dei più accu­sa­ti da Berlusconi sia pro­prio lui. Che stia­no reci­tan­do ognu­no la sua par­te? Pensa che risa­te si devo­no sta facen­do a tele­ca­me­re spente…