>

Il digitale terrestre? Una colossale cagata!

Se ne stan­no accor­gen­do in pie­mon­te, pri­ma regio­ne ita­lia­na ad effet­tua­re lo switch-off, ovve­ro lo spo­sta­men­to del­le fre­quen­ze di Rai 2 e Rete 4 dal segna­le ana­lo­gi­co a quel­lo digitale.

Mi inte­res­sa però dire una vol­ta per tut­te che il segna­le Digi­ta­le Ter­re­stre non è altro che una colos­sa­le caga­ta, che non darà alcun van­tag­gio agli ita­lia­ni, anzi al con­tra­rio solo rogne, e con­tri­bui­rà a introi­ta­re nel­le cas­se del­lo sta­to la soli­ta pala­ta di quat­tri­ni (per non par­la­re di tut­ti i sol­di che fini­ran­no nel­le tasche dei costrut­to­ri di deco­der), a fron­te di un ser­vi­zio schifoso.

Il DTT (Digi­tal Ter­re­strial Trans­port), è un segna­le digi­ta­le (come quel­lo del satel­li­te, per inten­der­ci) che viag­gia “immer­so” nel nor­ma­le segna­le ana­lo­gi­co, quel­lo che nor­mal­men­te rag­giun­ge le nostre anten­ne. Teo­ri­ca­men­te dovreb­be garan­ti­re una qua­li­tà video mol­to supe­rio­re. Teo­ri­ca­men­te appunto.


Qua­lun­que segna­le digi­ta­le, ha una carat­te­ri­sti­ca; rispon­de alla leg­ge del “tut­to o nul­la”. Vale a dire che o c’è o non c’è. E sic­co­me il DTT viag­gia come modu­la­zio­ne del­le nor­ma­li fre­quen­ze video, se in una zona al momen­to attua­le il segna­le TV fa schi­fo, ma con­sen­te comun­que di vede­re i pro­gram­mi anche se con qual­che inter­fe­ren­za, il segna­le DTT sem­pli­ce­men­te non arri­ve­rà per nulla.

Quin­di non c’è nes­sun van­tag­gio per l’u­ten­te: chi vede­va bene pri­ma, vedrà meglio dopo. Chi vede­va male pri­ma, non vedrà un caz­zo dopo. Pun­to. Il tut­to al modi­co costo di qual­che cen­ti­na­io di euro, oltre al cano­ne Rai, più le even­tua­li spe­se per l’ac­qui­sto di pro­gram­mi vari.

Sen­za con­si­de­ra­re che con la scu­sa dei pro­gram­mi a paga­men­to, i deco­der ver­ran­no col­le­ga­ti tra­mi­te modem. E chi garan­ti­sce che nel momen­to in cui acqui­sta­te un film, il deco­der non tra­smet­ta anche un sac­co di altre infor­ma­zio­ni sul­le vostre pre­fe­ren­ze televisive?

Nes­su­no, appunto!

Con­di­vi­di

7 Comments

  1. Alex ha detto:

    Io ce l’ho pra­ti­ca­men­te dagli ini­zi il digi­ta­le ter­re­stre e ti dirò che se il segna­le non è debo­le si vede moool­to meglio. Tut­ta­via acca­de (non rara­men­te) che il segna­le tra­smes­so abbia una dif­fe­ri­ta tra audio e video: guar­dan­do cioè tra­mi­te il ter­re­stre si vede che le fra­si non esco­no quan­do la per­so­na apre la boc­ca (acca­du­to diver­se vol­te duran­te a zelig con me)…e così visto che la mia tv ha la dop­pia fun­zio­ne tor­no in ana­lo­gi­co e veden­do un po’ peg­gio quan­to meno ho audio e video sincronizzati.
    Agli ini­zi era anche inte­res­san­te vede­re le par­ti­te di cal­cio, che costa­va­no rela­ti­va­men­te poco. Poi dif­fon­den­do­si il dig.terr. i prez­zi sono aumen­ta­ti, e tra l’al­tro media­set pre­mium ha fat­to un po’ la fur­ba (un’e­sta­te s’è man­gia­ta tut­ti i cre­di­ti resi­dui sul­le sche­de in quan­to per loro da lì ini­zia­va un nuo­vo anno…figurati, ave­vo appe­na rica­ri­ca­to di 50€!! Da lì basta dare i sol­di a media­set pre­mium). L’u­ni­co “gran­de” bene­fi­cio è qual­che cana­le in più in chia­ro, come Boing per i car­to­ni e Iris per i film storici…tutto lì

  2. giovmin ha detto:

    ciao a tut­ti con­fer­mo il digi­ta­le ter­re­stre è una vera caga­ta !!!giov da rovereto

  3. rocco calamiello ha detto:

    tti qua da noi non é anco­ra ari­va­to anco­ra la tv ana­lo­gi­ca a te pen­zo quel­la digitale.……

  4. Dario ha detto:

    Digi­ta­le ter­re­stre ? Ma anda­te a cag.…. mai più riu­sci­to a vede­re bene la tele­vi­sio­ne per una set­ti­ma­na di fila sen­za toglie­re le rot­tu­re di pal­le ad aggior­na­re ogni 10 giorni.….ma nor­ma­le che si peg­gio­ri, figuriamoci !!!!

  5. Davide ha detto:

    Con la Tv di pri­ma da noi (Lom­bar­dia) il segna­le era distur­ba­to solo da even­ti come acquaz­zo­ni e tem­po­ra­li e comun­que si vede­va solo peg­gio­ra­to, ma si vede­va. Ades­so inve­ce con 30 gra­di ed un sole paz­ze­sco non si vede comun­que un CAZZO!