>

Ricerca della verità: Sissi, Romy Schneider e lo Zen. Non c’entra un cazzo. direte voi… e invece si

C’en­tra… c’en­tra, cer­to che c’en­tra. Per­ché aujour­d’­hui, qual­co­sa si è perso.

Potrà non sem­bra­re vero, ma guar­dan­do oggi la sem­pi­ter­na, imman­ca­bi­le, repli­ca di Sis­sy con Romy Sch­nei­der, a me è sem­bra­to lampante.

Vi è sta­to un tem­po in cui i Re era­no Re, il Popo­lo era il Popo­lo, e… la Luce era la Luce. Esat­ta­men­te come le mon­ta­gne. Pri­ma era­no mon­ta­gne. Ades­so non lo sono più.

E così, con que­sto avvi­ci­na­men­to del mon­do men­ta­le, ciò che era, momen­ta­nea­men­te non lo è più. O for­se farei meglio a dire non momen­ta­nea­men­te. Per­chè non vi è più in que­sto momen­to il sen­so di ciò che deve esse­re, som­mer­so com’è da ciò che è giu­sto, e ciò che giu­sto non pare.

Il rispet­to tra uomo e don­na. Tra Re e Regi­na, tra com­pa­gno e com­pa­gna, tra chi ser­ve e chi Serve.

Quel rispet­to che ai tem­pi di Sis­sy, for­se vera­men­te era appan­nag­gio di una cul­tu­ra e di una sen­si­bi­li­tà rega­li, e che oggi, come il frut­to di un’a­ga­ve, abbi­so­gna­no del sacri­fi­cio e del­la mor­te di chi li con­tie­ne, per ritor­na­re ad “inqui­na­re” que­sto mondo.

Qua­le uomo oggi sacri­fi­che­reb­be la pro­pria feli­ci­tà e la pro­pria vita ad una ragion di sta­to, che di “ragion” non ha più nem­me­no una par­ven­za. Eppu­re vi è sta­to un momen­to in cui il san­gue e la pas­sio­ne era­no tan­to for­ti che per­si­no un monar­ca pote­va rinun­cia­re a vede­re la pro­pria figlia e la sua stes­sa com­pa­gna, in nome di ciò che dove­va esse­re fat­to, e al dia­vo­lo ciò che era giusto.

Tem­pi anda­ti, cer­to… rare­fat­ti, forse.

Un pas­sag­gio obbli­ga­to oggi, quel­lo in cui le mon­tan­ge non sono più tali, e nep­pu­re i Re.

Ma se lo Zen non men­te, e per spe­ri­men­ta­zio­ne per­so­na­le so che non lo fa, le mon­ta­gne tor­ne­ran­no ad esse­re tali… un giorno.

Tag Tech­no­ra­ti: , ,

Con­di­vi­di

3 Comments

  1. primularossa ha detto:

    Sono fiduciosa!Pratico e attendo!