>

Uno dei massacri più osceni e inutili che abbia mai visto…

A quan­to pare, ogni anno sul­le iso­le Feroe (Dani­mar­ca) i tene­ri vir­gul­ti del luo­go par­te­ci­pa­no tut­ti insie­me alla gran­de ini­zia­zio­ne del­la loro virilità.
Il rito è sem­pli­ce: si trat­ta di mas­sa­cra­re sen­za pie­tà una raz­za par­ti­co­la­re di del­fi­ni dal nome buf­fo: Calderones.

Pare sia uno dei del­fi­ni più intel­li­gen­ti e socievoli.

Non è che ci sia mol­to da aggiun­ge­re, se non che mi pia­ce­reb­be fare
bere a que­sti “uomi­ni” il san­gue che ver­sa­no, fino a fargli
scop­pia­re lo stomaco!

Gusta­te­vi la gal­le­ry qui di seguito…

Un rin­gra­zia­men­to a Cathe per la segnalazione.

Tag Tech­no­ra­ti: ,

[nggal­le­ry id=4]

Con­di­vi­di

12 Comments

  1. David Terni ha detto:

    Sei cadu­to nel­la soli­ta bufa­la, infor­ma­ti meglio e la pros­si­ma vol­ta quan­do vuoi posta­re qual­co­sa assi­cu­ra­ti che sia vera! =)
    Leg­gi­ti que­sto tan­to per ave­re un qua­dro più veri­tie­ro di quan­to cre­di di sapere.

  2. franz ha detto:

    Caro David, ti ripor­to qui di segui­to il testo del­l’ar­ti­co­lo che citi. Leg­gi­lo, pri­ma di veni­re in casa mia pie­no di boria giu­sti­zia­li­sta, e poi dim­mi chi dei due deve infor­mar­si meglio. E dopo aver­lo let­to, tu e quel­lo che ha scrit­to que­sto arti­co­lo, sape­te dove ve lo pote­te fic­ca­re “quel­lo che cre­de­te di sapere”?

    Che sia diver­so il nome del­le iso­le, che non sia­no sot­to il gover­no del­la dani­mar­ca e che sia un’u­san­za diver­sa a dare ori­gi­ne a que­sta mer­da, cre­di vera­men­te che cam­bi l’es­sen­za del­le cose?

    Qui nes­su­no ha la pre­te­sa di offri­re veri­tà asso­lu­te. Per­tan­to la pros­si­ma vol­ta che com­men­ti un mio arti­co­lo (anche cri­ti­ca­men­te, non ho di cer­to pro­ble­mi ad accet­ta­re con­fu­ta­zio­ni di quel­lo che scri­vo), fal­lo con un po’ meno sac­cen­za e un po’ più di cor­te­sia. E maga­ri, come dire… fat­ti veni­re un dubbio!
    Buo­na gior­na­ta, di segui­to l’articolo.

    Aper­te virgolette:

    L’es­sen­za del­l’ap­pel­lo è vera, ma come capi­ta spes­so insie­me ai fat­ti auten­ti­ci c’è una peri­co­lo­sa misce­la di falsità.

    In effet­ti nel­le iso­le Faroer (non Feroe, come dice l’ap­pel­lo) vie­ne effet­tua­ta una cac­cia ai glo­bi­ce­fa­li, ceta­cei del­la fami­glia dei del­fi­ni­di, nel­la qua­le gli ani­ma­li ven­go­no radu­na­ti e spin­ti a riva per poi esse­re ucci­si allo sco­po di rica­var­ne cibo e mate­rie pri­me di ogni genere.

    Quel­lo che l’ap­pel­lo non dice è che le iso­le Faroer si auto­go­ver­na­no, pur essen­do par­te del­la Dani­mar­ca, e quin­di è inu­ti­le recla­ma­re pres­so il gover­no danese.

    Un altro aspet­to taciu­to dal­l’ap­pel­lo è che gli abi­tan­ti pren­do­no par­ti­co­la­ri pre­cau­zio­ni per ridur­re le sof­fe­ren­ze dei ceta­cei (che, sia chia­ro, non voglio smi­nui­re), e che para­dos­sal­men­te sono pro­prio que­ste pre­cau­zio­ni a ren­de­re così for­ti le imma­gi­ni che accom­pa­gna­no l’ap­pel­lo: l’uc­ci­sio­ne è infat­ti stret­ta­men­te rego­la­men­ta­ta (il rego­la­men­to è qui, in ingle­se). Sono vie­ta­ti fio­ci­ne ed arpio­ni, e i ceta­cei ven­go­no ucci­si tran­cian­do la spi­na dor­sa­le. Que­sto pro­du­ce la mor­te entro 30 secon­di di media, in linea quin­di con la macel­la­zio­ne bovi­na e sui­na dif­fu­sa in Euro­pa, ma ha anche l’ef­fet­to di tran­cia­re le prin­ci­pa­li arte­rie del­l’a­ni­ma­le e quin­di cau­sa­re la disper­sio­ne di gran­dis­si­me quan­ti­tà di san­gue che tin­go­no dram­ma­ti­ca­men­te di ros­so le acque dei fiordi.

    Il nume­ro di ani­ma­li ucci­si annual­men­te in que­sto modo è intor­no al miglia­io, e va chia­ri­to che i glo­bi­ce­fa­li non sono una spe­cie di ceta­ceo a rischio d’estinzione.

    L’ap­pel­lo dice inol­tre il fal­so quan­do affer­ma che la stra­ge vie­ne effet­tua­ta per “dimo­stra­re di aver rag­giut­no [sic] l’e­tà adul­ta”. La cac­cia, infat­ti, è un’at­ti­vi­ta pra­ti­ca­ta da seco­li dal­l’in­te­ra comu­ni­tà degli abi­tan­ti, che si sud­di­vi­do­no i suoi prodotti.

    Ben­ché sia comun­que uno spet­ta­co­lo rac­ca­pric­cian­te e cer­ta­men­te non da inco­rag­gia­re, va con­si­de­ra­to che è nume­ri­ca­men­te insi­gni­fi­can­te in con­fron­to alla stra­ge di caval­li, muc­che, maia­li e pol­la­me che avvie­ne in Euro­pa e nel mon­do sen­za che per que­sto si sca­te­ni­no cate­ne di san­t’An­to­nio come que­sta. Ma, si sa, è più faci­le con­dan­na­re quel­lo che fan­no gli altri che riflet­te­re su quel­lo che avvie­ne in casa pro­pria. Soprat­tut­to se in casa pro­pria la stra­ge avvie­ne di nasco­sto, lon­ta­no dal­le foto­ca­me­re, men­tre gli altri la fan­no alla luce del sole.

    E’ comun­que il caso di inol­tra­re que­st’ap­pel­lo per far cono­sce­re que­sta real­tà? Lascio a voi valu­ta­re. Sicu­ra­men­te sareb­be meglio far­lo cir­co­la­re accom­pa­gna­to da infor­ma­zio­ni cor­ret­te. Infor­ma­zio­ni come que­sta, taciu­ta anch’es­sa dal­l’ap­pel­lo: la car­ne dei glo­bi­ce­fa­li con­tie­ne mol­to mer­cu­rio, PCB (dife­ni­li poli­clo­ru­ra­ti) e altre sostan­ze tos­si­che, per cui il mini­stro del­la salu­te del­le Faroer ne scon­si­glia il con­su­mo più di una vol­ta al mese.

    Il para­dos­so, dun­que, è che sarà pro­prio l’in­qui­na­men­to, anzi­ché l’at­ti­vi­smo eco­lo­gi­sta non obiet­ti­vo, a con­tri­bui­re alla scom­par­sa di quest’usanza.

    Chiu­se virgolette

    • pinotto ha detto:

      ciao franz, ho let­to il tuo arti­co­lo e ho pro­va­to orro­re, poi ho let­to la rispo­sta a david dove citi un altro arti­co­lo che mi sono poi anda­to a cer­ca­re e letto.
      non capi­sco per­chè defi­ni­sci mas­sa­cro inu­ti­le la macel­la­zio­ne di ani­ma­li ai fini del nutri­men­to uma­no. tu non man­gi car­ne? non sai che gli ani­ma­li van­no ammaz­za­ti e dis­san­gua­ti pri­ma di esse­re impac­chet­ta­ti e fini­re nel tuo fri­go? que­sta usan­za è sol­tan­to una “macel­la­zio­ne col­let­ti­va di bestia­me”, è nor­ma­le che vede­re quel­le foto scon­vol­ga e fac­cia inor­ri­di­re (è suc­ces­so anche a me), ma se tu andas­si a vede­re come fun­zio­na un mat­ta­to­io del­la tua cit­tà diven­te­re­sti vegetariano.
      con que­sto voglio dir­ti che le noti­zie si pos­so­no ripor­ta­re in modi diver­si: cono­scen­do la veri­tà io non pen­so che gli abi­tan­ti del­le faroer sia­no dei bastar­di paz­zi san­gui­na­ri. al con­tra­rio, sono por­ta­to a pen­sa­re che que­ste per­so­ne sia­no del­le mer­de insen­si­bi­li se leg­go un post impo­sta­to nel modo in cui hai fat­to tu.
      e già che ci sono ti fac­cio un’al­tra cri­ti­ca: non si rispon­de così a chi ti cri­ti­ca (mi rife­ri­sco a david), pri­mo per­chè se mi accu­si di esse­re borio­so non puoi dir­mi di fic­car­mi un arti­co­lo nel culo, e secon­do per­chè “cam­bia l’es­sen­za del­le cose” se cam­bi il pun­to di vista.
      ciao, non pren­der­te­la a male, que­sto è un altro pun­to di vista

      • franz ha detto:

        e chi se la prende?
        Il fat­to che non ne abbia anco­ra scrit­to non impli­ca che non sap­pia cosa acca­de nei macel­li. (tra l’al­tro qual­co­sa ho già anti­ci­pa­to, nel­la serie dedi­ca­ta agli OGM etc etc.). Non defi­ni­sco inu­ti­le la macel­la­zio­ne tout court, quan­to quel­la indu­stria­le, over­si­zed, che ci con­trad­di­stin­gue. (vedi sem­pre arti­co­li sugli ogm).
        Sono sin­te­ti­co, è vero. Ma que­sto è un blog, non un gior­na­le. Io non do infor­ma­zio­ni fini a se stes­se, quan­to pro­pon­go un modo di pen­sa­re, basa­to sul­l’os­ser­va­zio­ne. I com­men­ti come il tuo mi piac­cio­no, per­chè sono fat­ti in un modo che impli­ca usa­re il cer­vel­lo, quel­li come quel­lo di David no, per­chè arri­va­no con la rab­bia e con la boria. Se ti accu­so di esse­re borio­so, è quel­la boria che ti sug­ge­ri­sco di fic­car­ti nel culo, non l’in­for­ma­zio­ne che porti.
        E poi un’ul­ti­ma osser­va­zio­ne. Chi l’ha det­to che “non si rispon­de così a chi ti cri­ti­ca”. Io rispon­do come mi pare. E come mi sem­bra di aver det­to sopra, non me la pren­do con la cri­ti­ca, quan­to con l’in­giu­sti­fi­ca­ta aggressione.
        E anche que­sto è un altro pun­to di vista.
        Mil­le gra­zie per il tuo intervento. 

  3. anna ha detto:

    Ascol­ta Frà, sono tut­ti una car­ret­ta­ta di bastar­di! Non spre­ca­re fia­to, io sta gen­te nem­me­no lade­gno del­la mia disapprovazione…sono sot­to­svi­lup­pa­ti nel­l’a­ni­mo e nel­l’in­tel­li­gen­za. E sic­co­me tut­to il mon­do è pae­se, ciuc­co che non sei altro caro David, fat­ti un giro a Favi­gna­na in occa­sio­ne del­la ‘mat­tan­za’ dei ton­ni dove il bio­ci­dio è per­pe­tra­to in nome del­la tra­di­zio­ne, sta gran­de stron­za­ta del­la tradizione…e cor­reg­gi la tua sac­cen­za che rischi di esse­re con­si­dra­to degno del­le tra­di­zio­ni che avalli…

  4. anna ha detto:

    Bastar­di!

  5. Sting ha detto:

    Nel lon­ta­no pas­sa­to, quan­do il pia­ne­ta era mol­to meno sof­fo­ca­to dal­la pre­sen­za uma­na, oltra alla cac­cia “ali­men­ta­re” esi­ste­va­no anche le ucci­sio­ni “ritua­li”. Non infliu­va­no sul­le spe­cie cac­cia­te ed ave­va­no un signi­fi­ca­to pro­fon­do di “ini­zia­zio­ne” alla vita adul­ta dei gio­va­ni maschi cac­cia­to­ri. Anco­ra oggi, alcu­ne tri­bù che vivo­no qua­si come nel paleo­li­ti­co pra­ti­ca­no ritua­li simili.
    Cre­do che chi ucci­de in que­sto modo dimo­stri che “den­tro” è fon­da­men­tal­men­te un uomo del­le caver­ne, con la stes­sa intel­li­gen­za e la stes­sa sen­si­bi­li­tà. Il pro­ble­ma è che non ha in mano lan­cia e cla­va, ma dota­zio­ni ben più leta­li ed efficaci.
    Ma non mi ven­ga­no a rac­con­ta­re, per favo­re, che sono uomi­ni evo­lu­ti. Anzi, che sono Uomi­ni. (il maiu­sco­lo è asso­lu­ta­men­te voluto).

  6. the_highlander ha detto:

    Non ho tem­po di leg­ge­re effet­ti­va­men­te tut­to a riguar­do di que­sta segna­la­zio­ne, però quel­lo che mi fa gira­re le sca­to­le è che spes­so si leg­go­no noti­ze dove ripor­ta­no mez­ze veri­tà nascon­den­do la sto­ria com­ple­ta… Del nome del­l’i­so­la non me ne fre­ga nien­te, che sia sot­to i Dane­si o gli Eschi­me­si leg­ger­men­te più di nien­te, però voglio sape­re se sono la mat­tan­za è rego­la­men­ta­ta, come, da chi. Il lago di san­gue cer­to ha un impat­to emo­ti­vo, ma vi sie­te mai chie­sti come sono gli alle­va­men­ti inten­si­vi? Bestie tenu­te in spa­zi stret­tis­si­mi (la Comun. Euro­pea ha dato diret­ti­ve di area mini­ma vita­le pri­ma era peg­gio), sele­zio­na­te gene­ti­ca­men­te per pro­dur­re car­ne o lat­te in quan­ti­tà indu­stria­li – quin­di vac­che che non rie­sco­no nean­che a cam­mi­na­re dal­la dimen­sio­ne del­le mamel­le – pol­li tenu­ti immo­bi­li per pro­dur­re car­ne bian­ca, oche immo­bi­liz­za­te per far­gli gon­fia­re il fega­to per pro­dur­re patè. Duran­te il tra­spor­to poi una per­cen­tua­le muo­re asfis­sia­ta o di fred­do. Per non par­la­re poi degli ani­ma­li scuo­ia­ti vivi ripre­si dal sito lin­ka­to da Franz. Tut­to per la fet­ti­na di car­ne mor­bi­da con pochi gras­si o per il cap­pot­to con il cap­puc­cio bor­da­to di pelo (che costi poco però).
    Beh, se vera­men­te chi ucci­de quei del­fi­ni vis­su­ti libe­ri uti­liz­za degli accor­gi­men­ti per far­li sof­fri­re il meno pos­si­bi­le, io li riten­go più uma­ni di chi uti­liz­za alle­va­men­ti inten­si­vi o di chi acqui­sta pel­la­mi dal­le nazio­ni dove i dirit­ti ani­ma­li sono pro­por­zio­na­ti a quel­li uma­ni o anco­ra di chi uti­liz­za pro­dot­ti testa­ti sugli ani­ma­li. Pen­so che la sof­fe­ren­za per que­ste bestie sia net­ta­men­te maggiore.

  7. anna ha detto:

    Sono asso­lu­ta­men­te d’ac­co­do, ma per­cè ucci­de­re neces­sa­ria­men­te? Non esi­ste il modo miglio­re di ucci­de­re, ma scher­zia­mo o cosa?

    • the_highlander ha detto:

      Beh dicia­mo che se devo sce­glie­re tra sco­raz­za­re tra i mari per x anni per poi veni­re “mata­to” in 30 secon­di e vive­re qual­che gior­no ane­mi­co imbot­ti­to di anti­bio­ti­ci sen­za muo­ver­mi per fare car­ne bian­ca (pro­ce­di­men­to per i vitel­li da latte)…

  8. Alessandro ha detto:

    Franz appog­gio in pie­no, sia l’ar­ti­co­lo che la risp al pri­mo commento…
    AX