>

Muore dopo il trapianto con un fegato infetto. La famiglia si incazza. Perchè?

Leg­ge­vo ieri sul Cor­rie­re di un uomo mor­to a segui­to di un tra­pian­to di fega­to for­se infetto.

Un tizio di 66 anni (gio­va­ne d’ac­cor­do…) ha l’e­pa­ti­te C da più di tren­t’an­ni. Alla fine si ren­de neces­sa­rio un tra­pian­to. Il fega­to nuo­vo glie­lo met­to­no, ma il tizio muo­re dopo pochi gior­ni. E giù denun­ce, arti­co­li, ser­vi­zi, malasanità.…

Ma fate­mi capi­re: se il pove­ro cri­sto era arri­va­to ad ave­re biso­gno di un fega­to nuo­vo, vuol dire che quel­lo vec­chio era anda­to, “fur­nu­to” come direb­be­ro al sud, giusto?
Sen­za fega­to se non erro non si vive; ergo il pove­ro cri­sto in que­stio­ne sareb­be mor­to comun­que di lì a poco, o sbaglio?
Si, maga­ri dopo die­ci mesi inve­ce che sei, ma non gli resta­va mol­to, se ave­va biso­gno di un trapianto.

Quin­di i medi­ci ci han­no pro­va­to, met­ten­do­gli un fega­to nuo­vo, giusto?
Però sic­co­me il tizio ades­so è mor­to, la fami­glia deve rom­pe­re i coglio­ni per­chè inve­ce di cre­pa­re a cau­sa del pro­prio fega­to spap­po­la­to, il tizio è cre­pa­to for­se a cau­sa del fega­to di un altro.

Ma già, pri­ma era una casua­li­tà, il vole­re d’id­dio, dopo è sta­to un erro­re dei medici.

La veri­tà è che quan­do hai fini­to il tem­po, l’hai finito.
Inu­ti­le roder­si il fegato.

Con­di­vi­di

40 Comments

  1. anna ha detto:

    Ascol­ta Frà, il tra­pian­to del fega­to è una cosa motlo seria ed impor­tan­te non solo per­chè mio padre è mor­to a 63 il feb­bra­io scor­so, un uomo di cir­ca 2 metri, lascian­do­ci soli soli soli, ma per­chè rap­pre­sen­ta una pos­si­bi­li­tà. Qui a Paler­mo abbia­mo un cen­tro famo­so in tut­to il mon­do l’I­SMETT dove, appun­to, con­du­co­no que­ste ope­ra­zio­ni alta­men­te rischio­se. Alta­men­te rischiose…mio padre l’a­vreb­be fat­to, ma non è arri­va­to in tem­po. E’ sem­pre una chan­ce, una pos­si­bi­li­tà, una scom­mes­sa che riesca…e se rie­sce? E’ la feli­ci­tà, pura e sem­pli­ce feli­ci­tà. E sin­ce­ra­men­te visto che qual­co­si­na in dono ho avu­to, mi dispia­ce che mio padre se ne sia anda­to quan­do non dove­va a cau­sa di una tera­pia in cui si è spe­ra­to, ma che ha fal­li­to (con gli intui­bi­li tra­va­gli pre e post mor­tem. Non lo dico per­chè il dolo­re par­la a mio posto, mio padre non dove­va mori­re, ma la sto­ria è mol­to lunga…come le liste d’at­te­sa per i trapianti…Bacetti Anna

    • Franz ha detto:

      Nesu­no nega alcun­chè… nè sul fat­to chei ltra­pian­to pos­sa rap­pre­sen­ta­re pur­trop­po a vol­te l’ul­ti­ma spe­ran­za, e nem­me­no sul fat­to che in Ita­lia sui tra­pian­ti si sia avan­ti dal pun­to di vista chi­rur­gi­co. Ci sono mol­ti altri fat­to­ri, ma in que­sto caso, quel­lo su cui vole­vo met­te­re l’ac­cen­to era sul­la inu­ti­li­tà del­l’in­caz­za­tu­ra del­la fami­glia. La per­so­na sareb­be mor­ta comun­que. Quel­la del tra­pian­to era l’ul­ti­ma pos­si­bi­li­tà… e non è anda­ta… pun­to. Inu­ti­le pren­der­se­la con il desti­no, non ti pare?

  2. Giusy ha detto:

    ciao…
    io nn sn mol­to dac­cor­do cn te sem­pli­ce­men­te xkè il tra­pian­to rap­pre­sen­ta­va 1 spe­ran­za x la fami­glia ecco xkè si arrab­bia­no perè poi se dove­va mori­re meglio nn sop­por­ta­re il dolo­re di 1 ope­ra­zio­ne nn credi?

    • franz ha detto:

      Cer­to che cre­do. Come già det­to, quel­lo che con­fu­to non è il ricor­so al tra­pian­to, quan­to il cer­ca­re a tut­ti i costi una ragio­ne, un capro espia­to­rio per la per­di­ta, che pri­ma del tra­pian­to non c’e­ra, ma dopo si. E guar­da che a me la clas­se medi­ca non sta par­ti­co­lar­men­te simpatica…

  3. anna ha detto:

    Per­chè?
    Ti rispon­do io mio caro Frà: per­chè per cer­ti tipi i sen­ti­men­ti come l’a­mo­re, il dolo­re e la rab­bia non c’è spie­ga­zio­ne, soprat­tut­to se l’a­ni­mo è par­ti­co­lar­men­te sof­fer­to. Allo­ra ci scap­pa un’in­caz­za­tu­ra, anche leci­ta, da qual­che par­te si deb­bo­no sfo­ga­re per il dan­no e per la bef­fa? Anna

  4. Umberto Veronesi ha detto:

    Ma se si trat­ta di uno sfo­go, una rea­zio­ne uma­na ed emo­ti­va, anche se razio­nal­men­te ingiu­sti­fi­ca­ta, ne devo­no par­la­re i quo­ti­dia­ni? Si neces­si­ta dav­ve­ro che l’o­pi­nio­ne pub­bli­ca pren­da una posi­zio­ne? Si deve apri­re un caso, con l’ac­cu­sa sibil­li­na di “mala sani­tà”? Se mi cade un fer­ro da sti­ro sul pie­de pos­so bestem­mia­re, ma non per­ché cre­do che un Dio mi abbia fat­to il dispet­to di tirar­me­lo sul pie­de. Il pun­to è che, se voglia­mo dare un col­po alla clas­se medi­ca, per­ché è di moda attac­ca­re le cor­po­ra­zio­ni (moda che tro­vo pia­ce­vo­le), fa let­to­ri, sguin­za­glia­mo fai­ne in giro per gli ospe­da­li e, appe­na tro­via­mo qual­cu­no che sof­fre, cer­chia­mo di far­gli dire che è col­pa del medi­co. Dif­fi­ci­le, quan­do ti è appe­na mor­ta una per­so­na cara.…

  5. Franco Giambattista ha detto:

    Franz .… mi sem­bri … scioc­co con que­sto com­men­to. Vedi se VAI a far­ti ope­ra­re … pen­si di miglio­ra­re la tua situa­zio­ne. Mi sem­bra il mini­mo ke il fega­to ke ti tra­pian­ta­no sia … con­trol­la­to. Ma que­sta è una que­stio­ne … di LAVORARE BENE. Qual­sia­si lavo­ro esso sia!!! Nel cam­po medi­co que­sto vale anco­ra di più, oltretutto.
    Non è ke se tu com­pri una mac­chi­na nuo­va e que­sta si rom­pe io ti ven­go a dire »ma di ke ti lamen­ti, sei anda­to a pie­di pri­ma, puoi con­ti­nua­re e ti tie­ni la mak­ki­na ferma<va be o tan­to già pri­ma la tua anca era no ski­fo< be … mi sarei incaz­za­to! Guar­dia­mo­la così hai mai avu­to pro­ble­mi di den­ti? be pen­sa se dopo il lavo­ro fat­to dal den­ti­sta … il den­te ti face­va male lo stes­so e un pir­la qua­lun­que ti dices­se .… be o tan­to ave­vi male pure pri­ma no? Be con­ti­nua a non man­gia­re da quel­la par­te come face­vi prima.
    Mi hai toc­ca­to su un puto dolen­te (la sani­tà) per il resto i tuoi com­men­ti agli avve­ni­men­ti e il tuo sito sono NOTEVOLI.
    Ciao

    • franz ha detto:

      Cre­do di non esser­mi spie­ga­to… ci ripro­vo (ma poi se non ci rie­sco, cedo le armi 🙂 ).
      Dun­que, se vado a far­mi ope­ra­re, gene­ri­ca­men­te pen­so di miglio­ra­re la situa­zio­ne, e que­sto è vero. Che in un caso di tra­pian­to, l’or­ga­no tra­pian­ta­to deb­ba esse­re con­trol­la­to, è altret­tan­to vero… ma… c’è un ma: il tra­pian­to di un orga­no, non è un’ap­pen­di­ci­te, e nem­me­no una mac­chi­na nuo­va. Lascia­mo per­de­re il discor­so sul fat­to che un tra­pian­ta­to pas­se­rà il resto del­la sua vita in una con­di­zio­ne di immu­no­mo­du­la­zio­ne continua.
      Quel­lo che inten­de­vo dire è que­sto: chi arri­va ad aver biso­gno di un tra­pian­to, vuol dire che è arri­va­to al capo­li­nea. Signi­fi­ca che sen­za un tra­pian­to, la vita per lui avrà ter­mi­ne da lì ad un tem­po X.
      Il tra­pian­to rap­pre­sen­ta una SPERANZA di anda­re avan­ti oltre X. Non una cer­tez­za. Per quan­to mi riguar­da, se arri­vas­si a neces­si­ta­re di un tra­pian­to, con­si­de­re­rei l’e­ven­tua­le tem­po in più con­ces­so da que­sta pra­ti­ca chi­rur­gi­ca come un rega­lo, non come qual­co­sa di dovuto.
      Io pos­so capi­re tut­te le rea­zio­ni emo­ti­ve di chi si aspet­ta il mira­co­lo per qual­cu­no a cui vuo­le bene. Ma occor­re che le per­so­ne com­pren­da­no che un tra­pian­to è un ter­no al lot­to, e la soprav­vi­ven­za suc­ces­si­va non è dovu­ta. Se arri­va è un even­to mera­vi­glio­so, altri­men­ti… la fine arri­ve­rà e pace e amen.
      Era su que­sto che inten­de­vo por­re l’ac­cen­to. Sul fat­to che un tra­pian­to non ti da una soprav­vi­ven­za dovu­ta. Ti rega­la, nel caso, qual­che o mol­ti anni in più. Ma si trat­ta di un dono, qual­co­sa che non ti “spet­te­reb­be”.
      Io come ho già det­to, e come cre­do si evin­ca da alcu­ni post di argo­men­to medi­co, per­so­nal­men­te riten­go la medi­ci­na clas­si­ca una vera caz­za­ta, tran­ne per quei casi in cui vi sia una vera urgen­za, e nem­me­no tut­ti. Riten­go che la scien­za medi­ca “uffi­cia­le” potreb­be esse­re mol­to ma mol­to più pro­gre­di­ta se non sog­gio­ga­ta a logi­che di mer­ca­to per­ver­se, ma soprat­tut­to se fon­da­ta su vera cono­scen­za e non su dog­mi la cui esi­sten­za è dovu­ta esclu­si­va­men­te alle logi­che di cui sopra. (Insom­ma… media­men­te i medi­ci mi stan­no sul cazzo).
      Però riten­go anche che sareb­be ora che l’uo­mo impa­ras­se ad accet­ta­re la mor­te per quel­lo che è. E usas­se tut­te le sue pos­si­bi­li­tà, che non sono poche, per capi­re di cosa si trat­ta. Cer­to, pri­ma occor­re libe­rar­si dal­l’i­dea di risor­ge­re fra qual­che seco­lo, come tan­ti zom­bi per anda­re a can­tar le lodi in para­di­so, oppu­re come baca­roz­zi, o cani o lepri, o zar.
      La mor­te alla fine è l’u­ni­co even­to cer­to di que­sta vita, dal pri­mo respi­ro in poi. Vive­re una vita con la pau­ra di mori­re, ti por­ta a non vive­re affat­to. E’ com­pren­de­re la mor­te che ti por­ta a vivere.
      Io pos­so capi­re se uno entra in ospe­da­le per un’ap­pen­di­ci­te e ci resta sec­co per un erro­re, o qual­che altro acci­den­ti, per­chè per un’ap­pen­di­ci­te, la mor­te non è pre­vi­sta. Ma se hai biso­gno di un tra­pian­to, la mor­te DEVE esse­re mes­sa in con­to come pos­si­bi­le con­se­guen­za del­l’at­to chirurgico.
      Come in real­tà dovreb­be esse­re mes­sa in con­to per qua­lun­que istan­te del­la nostra vita.
      Ma noi ten­dia­mo a dimen­ti­ca­re che la nostra data di sca­den­za, pur se igno­ta, è comun­que fissata.
      Il pros­si­mo istan­te non è garan­ti­to. Non è dovu­to. Non è nem­me­no pro­ba­bi­le. E’ solo possibile.
      Ecco ci ho provato.
      Buo­na not­te, gra­zie per i com­pli­men­ti, e soprat­tut­to per la pos­si­bi­li­tà che mi hai dato per spiegarmi.

  6. Franco Giambattista ha detto:

    Que­to era il com­men­to inte­ro ke scris­si, è sta­to “taglia­to” scusa:
    Franz .… mi sem­bri … scioc­co con que­sto com­men­to. Vedi se VAI a far­ti ope­ra­re … pen­si di miglio­ra­re la tua situa­zio­ne. Mi sem­bra il mini­mo ke il fega­to ke ti tra­pian­ta­no sia … con­trol­la­to. Ma que­sta è una que­stio­ne … di dover LAVORARE BENE. Qual­sia­si lavo­ro esso sia!!! Nel cam­po medi­co que­sto vale anco­ra di più, oltretutto.
    Non è ke se tu com­pri una mac­chi­na nuo­va e que­sta si rom­pe io ti ven­go a dire »ma di ke ti lamen­ti, sei anda­to a pie­di pri­ma, puoi con­ti­nua­re e ti tie­ni la mak­ki­na ferma<va be o tan­to già pri­ma la tua anca era uno ski­fo< be … mi sarei incaz­za­to! Guar­dia­mo­la così hai mai avu­to pro­ble­mi di den­ti? be pen­sa se dopo il lavo­ro fat­to dal den­ti­sta … il den­te ti face­va male lo stes­so e un pir­la qua­lun­que ti dices­se .… be o tan­to ave­vi male pure pri­ma no? Be con­ti­nua a non man­gia­re da quel­la par­te come face­vi prima.
    Mi hai toc­ca­to su un puto dolen­te (la sani­tà) per il resto i tuoi com­men­ti agli avve­ni­men­ti e il tuo sito sono NOTEVOLI.
    Ciao

    • franz ha detto:

      Se è sta­to taglia­to pri­ma lo è sta­to anche ades­so 🙂 sono ugua­li… cre­do che sia un pro­ble­ma di soft­ware (caz­zo il blog è mio… e non taglio mai nul­la se non è ille­ga­le!). Se ti va man­da­mi il com­men­to inte­ro via mail a mail@francescoamato.com. Te lo posto per intero.

      Buo­na giornata

  7. Diego Solimeo ha detto:

    Io sono il figlio del “Tizio che è cre­pa­to” e non so se pro­va­re schi­fo per il tuo modo di por­ti difron­te a que­sta pro­ble­ma­ti­ca o se veni­re a tro­var­ti di persona !
    Mio padre è entra­to in ospe­da­le con un fega­to mala­to di epa­ti­te C ed è mor­to tra a tro­ci sof­fe­ren­ze ( IO GLI TENEVO LA MANO !!!!) per aver avu­to un fega­to mala­to ! Tu gran­de GURU ti per­met­ti di toc­ca­re que­sta pro­ble­ma­ti­ca in que­sto modo a dir poco offen­si­vo ! Mio padre è “CREPATO”(come dici tu) per un caso di mala­sa­ni­tà e se qual­cu­no pri­ma di noi aves­se fat­to luce su quan­to acca­de in quel poli­cli­ni­co for­se non sareb­be suc­ces­so! Nes­su­no ripor­te­rà in vita mio padre… nes­su­no potrà rim­piaz­zar­lo, ma que­sta lot­ta ser­ve per apri­re gli occhi e per fare luce su quan­to acca­de affin­ché altri non pas­si­no quel­lo che ha pas­sa­to lui ! Secon­do il tuo RAGIONAMENTO IDIOTA non dovreb­be esi­ste­re la medi­ci­na ed affi­dar­ci pie­na­men­te alle mani del Signo­re ! Quin­di se ti capi­te­rà di rice­ve­re cure (Spe­ro mai) ripen­sa a quel­lo che hai det­to ed a come lo hai det­to e vergognati….VERGOGNATI ALMENO UN ATTIMO !

    • franz ha detto:

      Pun­to pri­mo: mi sono per­mes­so di met­te­re insie­me i tuoi due com­men­ti in uno. Quin­di non ne ho cancellati.

      Pun­to secondo:
      Maga­ri fra qual­che tem­po, pro­va a rileg­ge­re l’ar­ti­co­lo. L’of­fe­sa dove sta? Nel ter­mi­ne “cre­pa­to”? O nel fat­to che secon­do la mia visio­ne la sof­fe­ren­za che stai viven­do potreb­be esse­re inu­ti­le? O (soprat­tut­to) evitata?
      Cosa cre­di, di esse­re l’u­ni­co a cui è mor­to qual­cu­no di mol­to vicino?
      Mia madre è cre­pa­ta di can­cro, pri­ma al seno, poi in giro per tut­to il cor­po, per­chè quan­do si è amma­la­ta lei, pochi pen­sa­va­no a fare biop­sia anche del media­sti­no. E nel suo caso non c’e­ra nep­pu­re la spe­ran­za del tra­pian­to. Non me la sono pre­sa con la sani­tà. Non me la sono pre­sa con nes­su­no. E’ cre­pa­ta anche lei tra sof­fe­ren­ze infer­na­li, per­chè le meta­sta­si era­no ai pol­mo­ni e alle ossa. Hai pre­sen­te cosa vuol dire? Ha fat­to la fine del topo, anne­ga­ta dal­l’ac­qua nei pol­mo­ni, per­chè ave­va il cuo­re sano, ma non pri­ma di aver pas­sa­to cir­ca due mesi con dei dolo­ri insop­por­ta­bi­li che nes­sun far­ma­co, com­pre­sa la mor­fi­na, riu­sci­va a lenire!

      Pun­to terzo:
      Io per­so­nal­men­te non sop­por­to la medi­ci­na tra­di­zio­na­le, come ho scrit­to in mol­ti post e in altri com­men­ti a que­sto stes­so, e sul fat­to che la sani­tà ita­lia­na sia un disa­stro non ho pro­prio nul­la da obiet­ta­re, ma non per que­sto nego il fat­to che ci si deb­ba cura­re! Dico solo che la nostra medi­ci­na occi­den­ta­le è basa­ta su prin­ci­pi del tut­to sba­glia­ti e com­mer­cia­li, e quin­di la mala­sa­ni­tà è sem­pre lì, anche quan­do non sem­bra, per­chè i “sacri coman­da­men­ti” del­la medi­ci­na tra­di­zio­na­le sono com­ple­ta­men­te e sola­men­te commerciali.

      Quin­di se vuoi non sono disco­sto dal­la tua lot­ta, solo che me la piglio diret­ta­men­te con i prin­ci­pi su cui si basa que­sta sani­tà del caz­zo, a mon­te quin­di di quel­lo che tu, oggi, giu­sto o no che sia, hai deci­so di combattere. 

      Pun­to quarto:
      sap­pi che io non cre­do nel “Signo­re”, come lo chia­mi tu, ne’ in nes­sun altro Dio con la bar­ba bian­ca, lun­ga, cor­ta, o a piz­zet­to, e men che meno affi­de­rei ovvia­men­te la mia salu­te o quel­la di qual­cun altro nel­le mani di qual­cu­no che non esi­ste (alme­no non nel­la for­ma di cui sopra).

      A que­sto pun­to mi com­mia­to, pro­met­ten­do­ti però una cosa: tu tro­va anche il più pic­co­lo strac­cio di pro­va che a tuo padre è sta­to dato un fega­to infet­to, anche solo un indi­zio, pur­chè serio, e io ti met­to a dispo­si­zio­ne tut­to lo spa­zio di que­sto blog per pian­ta­re un casi­no di quel­li veri!

      • Ivan Montanaro ha detto:

        Ciao Die­go… Frà o come ti chia­mi tu… il tuo com­men­to nel blog è mol­to offen­si­vo… le tue paro­le sono ecces­si­va­men­te offen­si­ve soprat­tut­to sono rivol­te ad un “SIGNORE” con la S maiu­sco­la. Si sa, chi muo­re è sem­pre sta­to un san­to, ma ti pos­so assi­cu­ra­re che Car­me­lo era una per­so­na spe­cia­le, umi­le, sor­ri­den­te al ser­vi­zio dei debo­li, dei gio­va­ni ave­va fon­da­to 1 radio a Mesa­gne… que­sto cre­do che tu non lo sap­pia, dava la paro­la a tut­ti di qual­sia­si schie­ra­men­to poli­ti­co e di qual­sia­si ideo­lo­gia fos­se­ro. La radio si chia­ma­va radio libe­ra 102 ed era libe­ra per­chè lui era un uomo libe­ro!!! Que­sto scri­ve mesa­gneon­li­ne: E’ mor­to un gran­de uomo… Un uomo col­to, un giu­sto. Un uomo cono­sciu­to e ama­to. Ave­va una paro­la per tut­ti, un cuo­re gene­ro­so, la men­te aper­ta, gli occhi buo­ni ed un sor­ri­so uni­co, quan­do rac­con­ta­va del­la sua vita, così inten­sa­men­te vis­su­ta. Era memo­ria sto­ri­ca di que­sta cit­tà, dove in casa sua ave­va crea­to dal nul­la e fat­to vive­re la sua Radio, dove, sem­pre al di sopra del­le par­ti, ave­va incon­tra­to e par­la­to con la gen­te ed ave­va vis­su­to docu­men­tan­do tut­ti gli even­ti qui acca­du­ti negli ulti­mi 40 anni. E’ mor­to un uomo uni­co, dispo­ni­bi­le con tut­ti, che ha sem­pre inco­rag­gia­to soprat­tut­to i gio­va­ni a cre­de­re nel­le pro­prie idee e nel­le pro­prie capa­ci­tà. E’ mor­to un uomo che sape­va esse­re un padre, un fra­tel­lo, un ami­co… Un uomo che non si è mai mes­so in mostra ma che era sem­pre pre­sen­te quan­do lo si nomi­na­va. Un esem­pio di mode­stia e di one­stà. Ci ha lascia­to in pun­ta di pie­di. Silen­zio­sa­men­te, in que­sta gior­na­ta di novem­bre in un cli­ma qua­si di pri­ma­ve­ra. Ha viss uto i suoi ulti­mi tem­pi lon­ta­no dal chias­so del­la fol­la, ma mai solo. Ha vis­su­to la sua vita inten­sa­men­te, fino a che gli è sta­to pos­si­bi­le ed oggi ha lascia­to un gran­de vuo­to. Si fa fati­ca a scri­ve­re di lui in que­sto momen­to: l’emozione pren­de il soprav­ven­to. Ha ama­to e sem­pre dife­so la vita, la sua fami­glia, i suoi ami­ci, il suo lavo­ro, le sue idee, le sue pas­sio­ni. Ci man­che­rà. Allo­ra hai visto chi era il pove­ro Cri­sto! Ades­so par­lia­mo del­la medi­ci­na: Cre­do come te che quan­do la mor­te arri­va pur­trop­po non si può fare mol­to… ma esi­sto­no anche i mestie­ri e le respon­sa­bi­li­tà, e chi sba­glia deve paga­re per gli erro­ri com­mes­si. La fami­glia ha il dirit­to di sape­re se qual­cu­no è respon­sa­bi­le del­la mor­te di Car­me­lo per­chè se non fos­se mor­to per cau­se natu­ra­li ma per mano di qual­cu­no la leg­ge dice che si trat­ta di omi­ci­dio!!! Mi augu­ro che le inda­gi­ni si svol­ga­no in modo tra­spa­ren­te sia per la fami­glia che per i medi­ci e tut­to il per­so­na­le coin­vol­to!!! In que­sto momen­to mi sen­to di dire CIAO CARMELO ti ricor­de­rò con gran­de affet­to e do un abbrac­cio a Die­go e a tut­ta la famiglia.

        • franz ha detto:

          Ciao Ivan,
          Poco ho da aggiun­ge­re, se non che non ho mai espres­so giu­di­zi ver­so il Sig. Car­me­lo. Il ter­mi­ne “pove­ro cri­sto” è rife­ri­to uni­ca­men­te al fat­to che abbia fat­to una brut­ta fine, non di cer­to alla sua figu­ra mora­le, socia­le o di padre di fami­glia. Anzi mi fa pia­ce­re che la figu­ra di que­st’uo­mo rice­va in que­sto spa­zio cotan­ta ele­gia. Peral­tro come avrai nota­to, ho mes­so a dispo­si­zio­ne que­sto blog, qua­lo­ra fos­se uti­le, per pian­ta­re un casi­no a colo­ro che ne aves­se­ro pro­vo­ca­to la mor­te per even­tua­le incuria.
          Se le mie paro­le sono giu­di­ca­te offen­si­ve, non pos­so che dispia­cer­mi. Come ho già scrit­to, e come ripe­to per l’ul­ti­ma vol­ta, non era mia inten­zio­ne offen­de­re alcu­no, ma for­ni­re un pun­to di vista diverso.
          Se non ci sono riu­sci­to… amen.

          • Ivan Montanaro ha detto:

            Ciao,
            il mio com­men­to non è pub­bli­ca­to sul blog… ma vor­rei fare un’al­tra pre­ci­sa­zio­ne. Tu dici la fami­glia s’in­caz­za… per­chè secon­do te non si dovreb­be incaz­za­re.… per­chè non deve chie­de­re giustizia?
            Tu dici se non fos­se mor­to per il fega­to tra­pian­ta­to sareb­be mor­to per il suo fega­to mala­to, ma è diver­so lui ha fat­to l’in­ter­ven­to per una spe­ran­za di vita miglio­re non per allun­ga­re “accor­cia­re” la vita.
            Se la fami­glia non faces­se luce su quel che è suc­ces­so altri potreb­be­ro rimetterci.
            Tu a mio avvi­so fai un ragio­na­men­to sba­glia­to… è come se dices­si se Mere­dith non fos­se sta­ta ucci­sa sareb­be mor­ta per un inci­den­te pro­vo­ca­to da un ubria­co, se non fos­se mor­ta di inci­den­te sareb­be mor­ta per cau­se natu­ra­li… che si lamen­ta a fare la fami­glia? Tan­to tut­ti dob­bia­mo cre­pa­re (uso il tuo bel ter­mi­ne)… Ma dimen­ti­chi che gli assas­si­ni ed il poten­zia­le ubria­co sono in giro ad ucci­de­re inve­ce di paga­re per i cri­mi­ni commessi

            • franz ha detto:

              Ciao Ivan,
              Se uno non dice una cosa, non vuol dire che la neghi… infat­ti se guar­di in altre due mie rispo­ste ho mes­so a dispo­si­zio­ne lo spa­zio di que­sto blog per pian­ta­re un casi­no agli eve­tua­li col­pe­vo­li. Come potrai nota­re da un tot di post… e “rispo­st”, io per pri­mo ho un cer­to qual “den­te avve­le­na­to” con­tro la clas­se medi­ca e far­ma­co­lo­ga, quin­di cre­di­mi, sono di cer­to del­l’i­dea che se qual­cu­no ha sba­glia­to in modo così cras­so ed affet­ta­to come nel caso del Signor Soli­meo, deb­ba esse­re mes­so in con­di­zio­ne di non nuo­ce­re nuovamente.

              • Ivan Montanaro ha detto:

                Ciao, sono Ivan non è usci­to nean­che il mio secon­do com­men­to. Non sono degli spam e non mi con­ne­to sen­za fili quin­di li potre­sti pub­bli­car­li cor­te­se­men­te? Dicia­mo che la tua secon­da rispo­sta mi sod­di­sfa… quin­di con­cor­de­rai con me che la fami­glia non rom­pe i coglio­ni ma cer­ca giu­sti­zia qua­lo­ra ci fos­se­ro dei colpevoli!

                • franz ha detto:

                  Ades­so dovreb­be esse­re tut­to ok, i com­men­ti ci sono.
                  Ti rispondo:
                  Il cer­ca­re giu­sti­zia per un even­tua­le erro­re medi­co ha un sen­so, ecco­me, e su que­sto non ci pio­ve, e come ho già det­to, mi tro­vi per­fet­ta­men­te alli­nea­to. Il cer­ca­re a tut­ti i costi un col­pe­vo­le per la mor­te di una per­so­na cara, quan­do det­ta mor­te in assen­za di quel­l’in­ter­ven­to sareb­be pur­trop­po comun­que avve­nu­ta, riten­go gene­ri uni­ca­men­te anco­ra più dolo­re nel­le persone.

                  Mol­ti non san­no che qual­sia­si tra­pian­to por­ta il pazien­te a vive­re il resto del­la sua vita in una con­di­zio­ne di immu­no­de­pres­sio­ne abba­stan­za pro­fon­da, a segui­to del­l’u­so, pur­trop­po anco­ra indi­spen­sa­bi­le, dei che­mio­te­ra­pi­ci anti­ri­get­to. E che spes­so sono pro­prio que­sti trat­ta­men­ti a pro­vo­ca­re la mor­te del tra­pian­ta­to, che arri­va di soli­to all’in­ter­ven­to in con­di­zio­ni di estre­ma pro­stra­zio­ne a segui­to del­la pato­lo­gia esi­sten­te. Solo che que­sta cosa non vie­ne mai discus­sa, mai mostra­ta, mai segna­la­ta dai media.

                  La fami­glia del Sig. Soli­meo, riten­go abbia tut­ti i dirit­ti di richie­de­re la veri­tà sul­le cau­se del­la mor­te. Come vedi da un tot di altri post, la ricer­ca del­la veri­tà è un tema domi­nan­te in que­sto blog, ma la ricer­ca del­la veri­tà non ha nul­la a che vede­re con la ricer­ca di un col­pe­vo­le cui addos­sa­re le cau­se del­la pur dolo­ro­sa mor­te di un padre, di un mari­to o di nu fratello.

  8. anna ha detto:

    Brvo Frà, come al soli­to sei super­bo e te ne dò atto.
    Per Die­go: ti espri­mo tut­ta la mia soli­da­rie­tà e la mia sin­ce­ra vici­nan­za. In più, seguen­do le orme di Franz, se mi for­ni­sci ‘anche il più pic­co­lo strac­cio di pro­va che a tuo padre è sta­to dato un fega­to infet­to, anche solo un indi­zio, pur­chè serio’ te la patro­ci­no io la cau­sa GRATUITMENTE! Bai ad entram­bi. Anna

  9. franco Giambattista ha detto:

    Die­go Soli­meo. Mi uni­sco a tut­ti colo­ro i qua­li han­no posto a te la loro solidarietà.
    Non cono­sco Fraz Ama­to ma non cre­do fos­se sua inten­zio­ne … man­ca­re di rispet­to a TUO PADRE, a TE alla TUA FAMIGLIA e soprat­tut­to al VOSTRO dolore.

  10. monica ha detto:

    Pro­vo pro­fon­do rispet­to per il dolo­re che pro­va chi ha per­so un pro­prio caro. Ma il sot­to­ti­to­lo di que­sto blog (com­pli­men­ti anche da me) “fat­ti veni­re un dubbio”…mi è mol­to con­ge­nia­le. Sul tema dona­zio­ne orga­ni, oltre la con­tro­in­for­ma­zio­ne uffi­cia­le (http://www.antipredazione.org/) mi crea per­ples­si­tà qua­le sia il rea­le van­tag­gio per la col­let­ti­vi­tà, (par­lo in ter­mi­ni di salu­te pub­bli­ca e non indi­vi­dua­le) in rela­zio­ne costi/qualità del­la vita, e quan­to la dona­zio­ne sia col­le­ga­ta ad una non com­pren­sio­ne del­la malat­tia e del­la morte.
    Monica

    • Franco Giambattista ha detto:

      Ke di discor­si sono? la … COLLETTIVITA’ rea­le van­tag­gio? o mam­ma mia ma è VERISSIMO caspi­ta!!! la luce mi per­va­de .… VADO OLTRE Ke sen­so han­no gli ospe­da­li? ke scioc­co sono sta­to fin’o­ra … ed io ke pen­sa­vo ke PER la rela­zio­ne costi/beneefici alla socie­tà … fos­se .… LA SPESA IN ARMAMENTI LA STRONZATA!!!!!!!!! O M I O D I O (tan­to x dire visto ke se ne esi­ste uno di cer­to non caga sto pia­ne­ti­no sospe­so nel cosmo) M I S O N O I L L U M I N A T O. Ragaz­zi MA STIAMO SKERZANDO? Sape­te ke la “gui­da” in effet­ti .… ave­va det­to cose sul gene­re? SI sono sta­ti fat­ti SERI docu­men­ta­ri rivol­ti al popo­lo per con­vin­cer­li ke non ha sen­so .… dim­mi Moni­ca … non è ke ANZI potrem­mo pen­sa­re ad una euta­na­sia gene­ra­liz­za­ta? IO SONO FAVOREVOLE ma … alla euta­na­sia … VOLONTARIA e per serie ragio­ni .. se no aspet­ta dovreb­be … kia­mar­si … a si ricor­do la paro­la OMICIDIO … vab­bè sot­ti­gliez­ze gram­ma­ti­ca­li. La non com­pren­sio­ne del­la malat­tia e del­la mor­te, scu­sa­mi, è altra cosa! Se pen­sa­ste io sia esa­ge­ra­to, costi / qua­li­tà del­la vita cade guar­da caso nell’ INDIVIDUALE (qua­li­tà del­la vita dim­mi + indi­vi­dua­le di VITA) e non nel­la salu­te pub­bli­ca come la chia­mi tu Moni­ca; la kia­me­rei costi / bene­fi­ci eco­no­mi­ci e qui .. cosa cre­di non costi cura­re qual­cu­no pen­si solo il tra­pian­to costi? (da qui sono arri­va­to all’o­mi­ci­dio di ki sta male anzi­ke curar­lo)! A vol­te ho del­le “dif­fi­col­ta” a capi­re l’uo­mo come esse­re pen­san­te. Spes­so nel mon­do ani­ma­le PER QUELLO KE LORO POSSONO, alcu­ne spe­cie aiu­ta­no ki è in dif­fi­col­tà MOLTO meglio di come fac­cia­mo NOI esse­ri pen­san­ti. A ki venis­se da dire ke gli ani­ma­li NON HANNO GLI OSPEDALI ricor­do ho scrit­to “nel mon­do ani­ma­le PER QUELLO KE LORO POSSONO” l’uo­mo può fare un po di + di un ani­ma­le no?

  11. monica ha detto:

    Uti­liz­zan­do le tue paro­le, ti dico che pen­so anch’io che
    ” LA SPESA IN ARMAMENTI LA STRONZATA”,
    “IO SONO FAVOREVOLE ma … alla euta­na­sia … VOLONTARIA e per serie ragio­ni .. “, e
    “Spes­so nel mon­do ani­ma­le PER QUELLO KE LORO POSSONO, alcu­ne spe­cie aiu­ta­no ki è in dif­fi­col­tà MOLTO meglio di come fac­cia­mo NOI esse­ri pensanti.”,
    per il resto del­le cose che dici, non pen­so che gli ospe­da­li non abbia­no sen­so, non so a chi ti rife­ri­sci con la “gui­da”, e lun­gi da me l’o­mi­ci­dio. Quin­di pro­vo a spie­gar­mi meglio:
    a mio pare­re, com­pi­to del­lo Sta­to è anche la salu­te indi­vi­dua­le dei cit­ta­di­ni, quin­di ospe­da­li, medi­ci­ne e quan­t’al­tro pos­sa alle­via­re le sof­fe­ren­ze (es. tera­pia del dolo­re) ma la spe­sa com­ples­si­va che lo Sta­to inve­ste per un tot di tra­pian­ti, di cui bene­fi­cia­no tot cit­ta­di­ni potreb­be esse­re spe­sa in modo diver­so, sem­pre nel­l’am­bi­to del­la sani­tà ma ad esem­pio in misu­re di pre­ven­zio­ne di salu­te pub­bli­ca (ambien­te, cam­pi elet­tro­ma­gne­ti­ci, fumo, alcol,…)che riguar­da­no buo­na par­te del­la col­let­ti­vi­tà, com­pre­si quel tot.
    Cam­bia­re i nostri orga­ni quan­do non van­no più bene ci può aiu­ta­re a vive­re meglio anco­ra degli anni (salu­te indi­vi­dua­le), ma non aiu­ta cer­to i nostri figli/nipoti a non far amma­la­re i loro organi.
    Ciao
    Monica

    • Franco Giambattista ha detto:

      Ciao Moni­ca.
      Det­ta così mi pia­ce di + ;). a pro­po­si­to la “gui­da” era il nome (tra­dot­to in ITA) ke si die­de il can­cel­lie­re tede­sco noto come “Füh­rer” o Hitler!
      Sai il pro­ble­ma ke tu poni e .…. LEGITTIMO E GIUSTO! ma .… hahi hahi .…. non è ke un fega­to (pol­mo­ni, ossa, o quan­t’al­tro) impaz­zi­sca­no solo per cau­se la cui pre­ven­zio­ne è pos­si­bi­le. Ci si può pren­de­re una epa­ti­te dal den­ti­sta x esem­pio. ci si può amma­la­re di tumo­re sen­za ave­re MAI fuma­to. Il desti­no puo esse­re … bef­far­do. Pen­so ke com­pi­ti del­lo sta­to SIANO salu­te, istru­zio­ne, aiu­to ai più debo­li e … insom­ma tut­to ciò ke come uomi­ni pos­sia­mo fare per aiu­tar­ci lun l’al­tro. Ciò ke dici … ke bel­lo ma .… sai quan­to incas­sa lo sta­to dal­le tas­se su alco­li­ci, tabac­chi, petro­lio e affi­ni (par­te impor­tan­te del­lo sfa­ce­lo AMBIENTE ke citi), poi i cam­pi elet­tro­ma­gne­ti­ci … BE dal­le TV ai cel­lu­la­ri … alle radio … ai satel­li­ta­ri … (busin­nes ENORMI). VIVIAMO in enor­mi linee magne­ti­che (e non par­lo di quel­le del­la ter­ra 🙁 ). Mai pro­va­to ad anda­re con un tubo al neon sot­to i tra­lic­ci del­la alta ten­sio­ne? kia­ra­men­te scol­le­ga­to dal­la rete elet­tri­ca ;). Sen­ti­to par­la­re di Radio Maria … emit­ten­te del­la madon­na … ma ke ha pro­vo­ca­to qual­ke pro­ble­ma? E dei rifiu­ti indu­stria­li tos­si­ci? E del­le cen­tra­li nuclea­ri? ma soprat­tut­to del­le loro SCORIE? Sai ke c’è le abbia­mo in ITA ann­ke se le cen­tra­li non ci sono + (be non è com­ple­ta­men­te vero ke non ci sono +) PENSA quan­do a bre­ve ne avre­mo, di nuo­ve, ke fun­zio­na­no a pie­no rit­mo, quel­le sco­rie come … si incre­men­te­ran­no. Par­la­re di pre­ven­zio­ne qua in ITA .… sono bel­le paro­le, ma … e ASSURDO pen­sa­re a cosa dici sui sol­di dei tra­pian­ti … ke sareb­be meglio desti­nar­li ad altro. SONO COSE DIFFERENTI e … L’UNO NON ESCLUDE L’ALTRO non può far­lo. Sem­pli­ce­me­te SONO 2 COSE ESSENZIALI. Non mi cre­di? PER UN SEMPLICE FATTO: sup­po­ni, cara Moni­ka, ke DA DOMANI lo sta­to fac­cia una par­te del dove­re (dovreb­be esse­re il MONDO in toto), la pre­ven­zio­ne di salu­te pub­bli­ca (ma te li vedi a rinun­cia­re agli introi­ti però? ma dai sup­po­nia­mo il mon­do lo fac­cia, be mon­do … quei POCHI ke HANNO il mon­do nel por­ta­fo­glio). Be colo­ro ke però si sono amma­la­ti, e si amma­le­ran­no per il pre­gres­so? ke se ne fa? Non li si cura? For­se si. Ma poi? e quel­li ke si amma­le­ran­no DOPO comun­que? Voglio dire, per esem­pio, la radioat­ti­vi­tà ESISTE di natu­ra sul­la ter­ra, NELLE COSE, pure in casa TUA e mia e nel­la nostra can­ti­na (RADON nes pas?) e se … ci si amma­la MOOOLTO MENO ma qual­ke orga­no e bene curar­lo o cam­biar­lo? Poi gli orga­ni inter­ni , NON si tra­pian­ta­no SOLO PER MALATTIE ma anke per inci­den­ti. Non sono le sole cose ke ven­go­no tra­pian­ta­te Si sta comin­cian­do a tra­pian­ta­re mani e brac­cia inte­re! Spes­so su ki le ha per­se sul lavo­ro. Si mi puoi par­la­re di sicu­rez­za sul lavo­ro (pre­fe­ri­rei di NO per­ke IO sono un’Ad­det­to alla sicu­rez­za e Pre­ven­zio­ne) ma … COMUNQUE può suc­ce­de­re di aver­ne biso­gno. Ci sono tra­pian­ti di “viso”. Li non si muo­re ma … VUOI METTERE alla qua­li­tà del­la vita? Poi se vuoi, visto ke il costo pare star­ti così a cuo­re, guar­da anke i costi SENZA tra­pian­ti, Psi­co­lo­gi, Cli­ni­ke e assi­sten­za. Potre­mo FARE TANTO e MOLTI dei nostri figli/nipoti non si amma­le­ran­no ma … quel­li a cui accadrà?
      Ti salu­to ciao Franky

  12. monica ha detto:

    Dopo il tuo para­go­ne con Hitler ho cam­bia­to idea, hai ridot­to il mio fega­to a pez­zi, mi met­to in lista per un trapianto 😉
    Ciao Moni­ca (con tut­to il rispet­to per chi è real­men­te in lista)

    • franco Giambattista ha detto:

      Moni­ca, LUNGI DA ME para­go­nar­ti a .….. quel .…… non tro­vo agget­ti­vi (nes­su­no dareb­be idea del disprez­zo e ORRORE ke PROVO x quel­lo) a Hitler. Anke se, devo dire, non so se il tuo ave­re cam­bia­to idea ke dici è vero o mi pren­di in giro. Spe­re­rei dav­ve­ro ke ci sia­mo aiu­ta­ti a … guar­da­re una cosa da ango­la­zio­ni diver­se da quel­le nostre di ori­gi­ne. Fos­se così COMUNQUE non ti para­go­na­vo cer­to a … Ma è vero quel­lo ke ti ho det­to, sono sta­ti fat­ti dav­ve­ro dei docu­men­ta­ri (da tra­smet­te­re nei cine­ma­to­gra­fi allo­ra la tele­vi­sio­ne non era in casa a tut­ti .… e la radio ke H vol­le dare al popo­lo per … ENTRARGLI in casa non era suf­fi­cen­te alla pro­pa­gan­da). Docu­men­ta­ri ke ave­va­no addi­rit­tu­ra uno sfon­do SCIENTIFICO, descri­ve­va­no come la natu­ra stes­sa ese­gue la sua sele­zio­ne. H dis­se che la «pie­tà cono­sce una sola azio­ne: lasciar mori­re i mala­ti». Non tro­vò una gran­de … accet­ta­zio­ne … sai per­kè? Per­kè la gen­te ave­va figli, mari­ti ke com­bat­te­va­no e la “mor­te pie­to­sa” col­pi­va .… i figli del­la patria COSTRETTI a ser­vi­re l’im­pe­ro e ke era­no sta­ti, pro­prio per la “Vater­land”, resi inva­li­di ina­dat­ti alla vita.
      Il cam­po medi­co è così vasto, UTILE. IO per­so­nal­men­te pen­so ke SE ANKE si inve­stis­se in ricer­ca (SE L’UOMO nel sen­so alto del ter­mi­ne inve­stis­se in ricer­ca) per cura­re una malat­tia ke solo 100 per­so­ne … ma ke dia­vo­lo dico, ke solo 1 per­so­na ha, L’UNICA mala­ta di quel­la malat­tia sul­la fac­cia del­la ter­ra be sareb­be GIUSTO!!!! Non riten­go giu­sto la spe­sa per le armi! Quel­li sono i veri sol­di spre­ca­ti PER cui LA COLLETTIVITA non HA NESSUN BENEFICI. Anzi solo MALEFICI.
      Scu­sa­mi anco­ra se hai pen­sa­to ti para­go­nas­si a H.

  13. anna ha detto:

    Rispon­do ad Ivan con­fer­man­do la mia asso­lu­ta dispo­ni­bi­li­tà a patro­ci­na­re una cau­sa gra­tui­ta­men­te sul­la scor­ta di pro­ve vero­si­mi­li e con­du­cen­ti e sen­za fare nes­su­no scal­po­re che nuo­ce­reb­be sol­tan­to all’i­ter del giu­di­zio. Caro Ivan cre­do di capi­re che sei vici­no alla fami­glia del sig. Car­me­lo, rife­ri­sci loro la mia dispo­ni­bi­li­tà e chie­di a Franz che lui mi sa rin­trac­cia­re. Però a pat­to che si distin­gua: le pro­ve deb­bo­no esi­ste­re, gli indi­zi, sep­pur indi­zi, deb­bo­no esse­re chia­ri ed ine­qui­vo­ca­bi­li, nien­te sup­po­siszio­ni o sospet­ti. Que­sto il pun­to di par­ten­za: sapes­si quan­te ingiu­sti­zie ven­go­no per­pe­tra­te a cau­sa del dolo­re. Non cadia­mo nel­la rete e nel­la ten­ta­zio­ne di tro­va­re a tut­ti i costi un capro espia­to­rio, però.…..se le respon­sa­bi­li­tà ci sono.…e ne ave­te le prove…dateci den­tro! Baci Anna

  14. anna ha detto:

    Per­met­ti, Frà? Visto che fac­cio par­te di un net­work di pro­fes­sio­ni­sti SERISSIMI, alla fami­glia del sg. Car­me­lo mi per­met­to di con­si­glia­re que­sto link sul sito del mio caro ami­co e col­le­ga Tizia­no Soli­gna­ni. Chis­sà non sia di suo interesse…

    a par­te il fat­to che con­fer­mo la mia gra­tui­ta dispo­ni­bil­tà, come sopra, e che cono­scen­do la pro­fon­di­tà di Tizia­no lui stes­so non esi­te­reb­be ad asso­ciar­si a me…fermo resan­do i pre­sup­po­sti di cui ai miei post pre­ce­den­ti. Baci Anna

    • franz ha detto:

      Ti pre­go… accomodati… 😉

    • Diego Solimeo ha detto:

      Ciao Anna, io ti rin­gra­zio da mori­re per la dispo­ni­bi­li­tà e rin­gra­zio tut­ti (in par­ti­co­la­re Ivan … visto che so o alme­no cre­do di sape­re chi sia) … Dice­vo, ti rin­gra­zio col cuo­re Anna per la tua dispo­ni­bi­li­tà ma ormai ho già mes­so tut­to nel­le mani del­l’av­vo­ca­to di fami­glia, io ero con­tra­rio a tut­ta que­sta sovrae­spo­si­zio­ne media­ti­ca, ma tut­ti con­cor­do­no nel fare chias­so e soprat­tut­to apri­re gli occhi e la sen­si­bi­li­tà pub­bli­ca su quel­lo che suc­ce­de in alcu­ni ospe­da­li. Pro­ba­bil­men­te se qual­cu­no lo aves­se fat­to pri­ma mio padre sareb­be anco­ra vivo… Quin­di sono dispo­sto ad affron­ta­re pro­ces­si e quant altro, affin­ché que­sti tipi di erro­ri non si veri­fi­chi­no più e maga­ri evi­ta­re che tali signo­ri crei­no altri dan­ni e soprat­tut­to met­ta­no a serio rischio la vita di chi si affi­da a loro con la spe­ran­za di vive­re anche un solo gior­no in più.
      GRAZIE A TUTTI !

      Die­go

      • anna ha detto:

        Caro Die­go, nul­la que­stio per l’a­ver inca­ri­ca­to altri legali…Un con­si­glio mi per­met­to di dar­te­lo per­chè ti voglio bene, secon­do l’e­ti­mo, cioè voglio il tuo bene…non fate trop­po chiasso…il magi­stra­to i difen­so­ri i peri­ti e i can­cel­lie­ri han­no biso­gno del­la mass­ma con­cen­tra­zio­ne e di nes­su­na ten­ta­zio­ne di risal­to giornalistico…appena hai la sentn­za che mi augu­ro sarà posi­ti­va, fai tut­to il chias­so che vuoi…ma per ora lascia­te con­cen­tra­re gli ope­ra­to­ri del dirit­to che, ahi­mè sono uomi­ni e in quan­to tale fal­li­bli e sog­get­ti alla lusin­ga del­la fama. Baci Anna

  15. anna ha detto:
  16. anna ha detto:

    non rie­sco a publ­li­ca­re il link…in ogni caso se doves­se inte­re­sa­re, sai dove sono.

  17. Sole 24 ore ha detto:

    Sono tra­scor­si nove mesi dal­la pub­bli­ca­zio­ne del tuo post.
    Ebbe­ne cre­do che tu abbia avu­to una rispo­sta più che esau­sti­va dai gionali.
    La sani­tà puglie­se non è ammi­ni­stra­ta nel miglio­re dei modi. In par­ti­co­la­re il poli­cli­ni­co di Bari ha spes­so effet­tua­to ope­ra­zio­ni a rischio, inter­ven­ti dal pre­ve­di­bi­le e sicu­ro fal­li­men­to e impian­ti di pro­te­si a per­so­ne SANE.
    Secon­do il mio mode­stis­si­mo pare­re, però, non è tan­to gra­ve una situa­zio­ne del gene­re quan­to il tuo modo arro­gan­te e irri­ve­re­te di espor­re del­le idee, che, sem­pre a mio dire, sono det­ta­te più dal­la vol­gia di met­ter­si in mostra ed anda­re con­tro cor­ren­te che da una rifles­sio­ne sul tema. Se inve­ce la tua pro­du­zio­ne è sca­tu­ri­ta da un ragio­na­men­to, non hai fat­to altro che dimo­stra­re di esse­re una per­so­na imma­tu­ra e superficiale.
    Nel testo non ci sono argo­men­ta­zio­ni o fra­si che moti­vi­no le tue ipo­te­si, ma sol­tan­to pun­ti inter­ro­ga­ti­vi e doman­de implicite.
    Tut­ti muo­io­no è su que­sto hai pie­na­men­te ragio­ne ma ti con­si­glio di non disprez­za­re la vita, nè tua nè degli altri, per­chè come ben sai è una sola. Inol­tre non gio­ca­re a fare il duro, l’ir­ri­du­ci­bi­le, l’ir­ri­ve­ren­te, l’im­pa­vi­do con signo­ra Morte.
    A nes­sun esse­re sano fa pau­ra l’at­ti­mo in cui si muo­re, ma chiun­que teme la fine del­l’e­si­sten­za dei pro­pri cari, se se ne han­no, e la malat­tia, la sof­fe­ren­za ed il tra­va­glio pri­ma del­la pro­pria dipartita.
    Il desti­no è desti­no, e nes­su­no lo conosce.