>

Mara Carfagna querela anche il padre di Sabina, il deputato Guzzanti

Chis­sà quan­to chie­de­rà al padre, visto che alla figlia ave­va chie­sto un milio­ne di euro.

1-16.jpgLa Car­fa­gna deci­de di esse­re sta­ta dif­fa­ma­ta per­chè Guz­zan­ti la defi­ni­sce “calen­da­ri­sta del­le pari oppor­tu­ni­tà”, e poi per­chè si fa veni­re un dub­bio (un mira­co­lo, nel cam­po del­la poli­ti­ca) e si chie­de se sia vero­si­mi­le o no “che il capo di un gover­no nomi­ni mini­stro per­so­ne che han­no il solo e uni­co meri­to di aver­lo ser­vi­to, emo­zio­na­to, sod­di­sfat­to personalmente?”

Non sono un esper­to lega­le, ma nel­la pri­ma affer­ma­zio­ne non vedo nul­la di lesi­vo, dato che la Car­fa­gna i calen­da­ri li ha fat­ti, e ades­so è mini­stro del­le pari opportunità.

La secon­da non è un’af­fer­ma­zio­ne nei con­fron­ti del­la Car­fa­gna, quan­to in quel­li di Berlusconi.

15.jpgMa al di là di que­sto, quel­lo che mi fa vera­men­te pau­ra in que­sto pae­se, è che non vi sia più nes­su­na pos­si­bi­li­tà di dire qual­co­sa di qual­cu­no, se non in ter­mi­ni positivi.

Mara Car­fa­gna potreb­be ribat­te­re con le stes­se armi, maga­ri con un blog, mga­ri con una dichia­ra­zio­ne. No, pre­fe­ri­sce ten­ta­re con le vie lega­li, inve­ce che rispon­de­re per­so­nal­men­te ad un’ac­cu­sa, tra l’al­tro non par­ti­co­lar­men­te cat­ti­va, quel­la di esse­re ina­dat­ta al ruo­lo che rico­pre. Sono in tan­ti a pensarlo.

Se sei una per­so­na pub­bli­ca devi aspet­tar­ti che qual­cu­no pen­si che non vai bene in quel­lo che fai. E in una demo­cra­zia che si rispet­ti, dovre­sti rispon­de­re con i fat­ti, non con le querele.

Alme­no… credevo.

Con­di­vi­di