>

Ogm: il gene Terminator non è un film 5 – Vandana Shiva

E’ un per­so­nag­gio con­tro­ver­so, ma sicu­ra­men­te una gran­de testa. Lau­rea­ta in fisi­ca negli Sta­ti Uni­ti, si occu­pa a lun­go di ricer­ca inter­di­sci­pli­na­re in scien­za, tec­no­lo­gia e poli­ti­ca ambien­ta­le all’ Indian Insti­tu­te of Scien­ce e in altre isti­tu­zio­ni indiane.

E’ una tosto­na che da anni denun­cia i dan­ni pro­dot­ti in India dal­le mul­ti­na­zio­na­li del­l’OGM, che con­ti­nua­no a fre­ga­re i con­ta­di­ni loca­li pro­met­ten­do mira­co­li dai loro pro­dot­ti (mira­co­li pron­ta­men­te non man­te­nu­ti) e ren­den­do­li in pas­sa­to dipen­den­ti dal­le semen­ti con tec­no­lo­gia Ter­mi­na­tor inclusa.

Tro­va­te qui un’in­te­res­san­te inter­vi­sta con lei (in Ita­lia­no, con­ten­ti?), e qui un link al sito del­la sua organizzazione.

Que­sta don­na, come pochi altri cer­ca di spie­ga­re i disa­stri pro­dot­ti dal­la ven­di­ta dei pro­dot­ti OGM nel suo pae­se ed in altri del­l’A­sia, ven­di­ta che pro­du­ce il sem­pre mag­gior inde­bi­ta­men­to dei con­ta­di­ni, fino alla loro pro­gres­si­va scom­par­sa (secon­do lei, il tas­so di sui­ci­di per debi­ti con­trat­ti tra i con­ta­di­niè sali­to per que­sto alle stelle).

E la que­stio­ne del­l’in­de­bi­ta­men­to è mol­to impor­tan­te. Tene­te­la d’oc­chio per­chè pre­sto ne parleremo.

- CONTINUA -

Con­di­vi­di