Nel post precedente abbiamo visto che esiste una grossa difficoltà nell'uso della propria testa per tutta una serie di motivi. Abbiamo analizzato cosa accada nelle generazioni di persone più giovani, ma abbiamo detto che c'è un'altra classe che subisce lo stesso problema:
si tratta della classe dei "principianti" della ricerca interiore. Oggi c'è un fiorire incredibile

E' logico, e fa parte dei processi naturali: a volte è necessario distruggere qualcosa per poter poi ripartire da zero e ricostruire. Vale in tutti i campi, dalla filosofia alla politica, dalla didattica all'educazione, al commercio etc. etc.

Tuttavia, quello che secondo me troppo spesso si osserva, sui social, sulle testate online, ma anche e, soprattutto,

La Verità. La cerchiamo ma non sappiamo in effetti se esista una Verità. Tuttavia, per fortuna, "sapere" non è tutto quello che possiamo "noscere" e quindi qualcosa al nostro interno spinge tutti, vuoi in questa vita, vuoi nella prossima o a partire da una già trascorsa, a cercare la Verità.
La realizzazione della verità è progressiva,

Credo sia una delle frasi più comunemente riportate sostanzialmente ovunque: "Il vero maestro è dentro di noi". Con il significato secondo cui al nostro interno si trova tutto quello che ci serve per risvegliarci. La frase in sé è perfettamente esatta ma... c'è un piccolo problema: intesa nel modo sbagliato (cioè quello comune), è anche

Per provare a comprendere (anche se farlo con la mente non significa, ovviamente, risvegliarsi davvero) cosa sia il risveglio, usiamo un sistema che ho trovato essere estremamente efficace: portiamo tutto in giù di un gradino.

Tutto quello che possiamo sperimentare nella materia è di fatto una sorta di "eco", un riflesso di quello che possiamo sperimentare

Il pensiero realizzativo può essere il risultato di un processo intuitivo che ci fornisce una quadro di una qualunque cosa. Ma è pensiero realizzativo, il che significa che si basa sulla realizzazione. Quando il pensiero è invece speculativo, allora si basa su un processo mentale, senza una conoscenza oggettiva, ed è da qui che nasce l'opinione,

Siamo diventati dei divoratori di contenuti, ma non in senso positivo. Siamo bulimici nel consumare i contenuti che troviamo, complici, da un lato, la nostra superficialità, dall'altro i social la cui forma si presta (ovviamente in modo del tutto calcolato) proprio a questo.

Facciamoci caso: quante volte ci soffermiamo davvero a leggere completamente un contenuto (ovviamente

Page 1 of 372 1234371372
02/05/13

Indossare gli occhiali di Google? Davvero?

L’ennesima trovata per impicciarsi dei fatti nostri. Per giunta facendoci pagare un pacco di quattrini. Davvero una genialata da parte di Mountain View, ma non ritengo […]
10/08/11

La bufala del cloud, Google e noi

A qualcuno è venuto il dubbio su come mai Google si sia dato tanto da fare il sistema Android, su cui guadagna si ma neppure così […]
22/04/11

Polemica sull’iPhone che traccia gli utenti: ma non è il solo.

Per una volta, ahimè, mi tocca difendere iPhone. Parzialmente, intendiamoci, ma bisogna dare a Cesare quello che è di Cesare. Fine della parte dotta, passiamo al […]
19/03/11

Il fisco su Facebook per controllare gli italiani

La dicono ma forse non del tutto. Il fisco ha annunciato in diversi articoli pubblicati in giro che utilizzaerà Facebook e i vari Social Network per […]
19/01/11

Geolocalizzazione 3g: ecco come gli smartphone localizzano l’utente

Una cosa divertente, se avete uno smartphone, è quella di scoprire che la vostra posizione è nota anche se non avete acceso ne il GPS ne […]
10/06/10

Google ci riprova: la foto in home page potrebbe diventare pubblica senza autorizzazione!

Oggi ho aperto Google per una ricerca e mi sono trovato una foto di sfondo a tutto schermo. Subito sotto la casella di ricerca un’invito a […]
21/04/10

Privacy: la nuova barzelletta nell’era della globalizzazione

La privacy non esiste, cerchiamo di ficcarcelo in testa. O meglio: esiste, ma solo per il comune cittadino. “Beh, cosa c’è di male?” direte voi. C’è […]
11/02/10

Google Buzz: okkio alle impostazioni di privacy

L’avevo notato questa mattina, attivando l’opzione, così come avevo notato che non era facile accorgersene. Se attivate il servizio Buzz su Gmail, attenzione all’impostazione della privacy. […]
01/12/09

Web security. Tecniche di occultamento

Dato che qualcuno ha scritto chiedendo delucidazioni in merito, posto subito un seguito all’articolo di ieri, dedicato alla navigazione sicura. Intendiamoci subito: non esiste un modo […]
24/06/09

A Dorentrup in Germania accendono i lampioni con il cellulare. In Italia sarebbe un disastro.

Descritto in questo articolo del Corriere. L’amministrazione comunale ha messo a disposizione dei cittadini un servizio gratuito mediante il quale chi ne ha bisogno può richiedere […]