obiettori

Ci risiamo: il Papa su eutanasia e fecondazione assistita

Francesco Franz Amato Ci risiamo: il Papa su eutanasia e fecondazione assistitaCome si direbbe a Milano: ammò? (tradotto: ancora?)

Il Papa ritorna sulla questione dell’eutanasia e della fecondazione assistita, condannandole entrambe in quanto “contrarie alla giustizia sanitaria” e contro il diritto alla vita.

Giustizia sanitaria? Già non sarei d’accordo sull’ascriversi un’autorità rappresentativa della giustizia divina (che poi ci sarebbe davvero da disquisire sull’argomento) ma la giustizia sanitaria da dove viene fuori? E perchè mai dovrebbe essere diritto del Papa attribuirsi l’autorità in materia?

Ma andiamo oltre: in che modo la fecondazione assistita sarebbe contraria alla vita?…

Niente preservativi in una farmacia: “Siamo Cattolici”.

Francesco Franz Amato Niente preservativi in una farmacia: Siamo Cattolici. In una farmacia di Roma non vendono preservativi perchè sono cattolici. La notizia, per quanto incredibile, la trovate qui.

In Piemonte e Veneto, Cota e Zaia hanno fatto sapere che faranno di tutto perchè la pillola RU486 resti nei magazzini. Vale a dire boicottaggio puro.

Succede solo in Italia. In un qualsiasi stato estero, non potrebbe accadere, tranne forse in Portogallo, ancora più retrogrado, bigotto e bacchettone di noi.

La cosa più importante tuttavia, che nessuno ha sottolineato, è che l’obiezione di coscienza, per…

La sanità italiana le nega la pillola del giorno dopo. Mette al mondo un figlio e chiede 500.000 euro di danni.

Francesco Franz Amato La sanità italiana le nega la pillola del giorno dopo. Mette al mondo un figlio e chiede 500.000 euro di danni.Grande! Anzi: Grandissima! Bravaaaa! Era ora!

La storia è la solita dell’Italia cattobacchettona e fedifraga: preservativo rotto durante il rapporto sessuale; lei va in quattro o cinque tra ospedali, guardie mediche e affini, ma ha la sfiga di incontrare sempre obiettori di coscienza che le negano la pillola del giorno dopo.

Riesce a farsela prescrivere solo dopo diversi giorni ma ormai è tardi: è incinta, dopo nove mesi partorisce e il padre non riconosce il pupo.

La donna parte all’attacco e denuncia la ASL, chiedendo…

Primario chiama “assassine” tre donne in attesa di abortire

Francesco Franz Amato Primario chiama assassine tre donne in attesa di abortireGrazie a chi di dovere per la segnalazione.

Su “Repubblica” in questo articolo, la vicenda di tre donne in attesa di IVG che si sono viste arrivare il primario di ginecologia che davanti a tutti ha urlato loro in faccia

“Assassine! State uccidendo vostro figlio!”.

Sinceramente mi chiedo come sia possibile che a un primario di ginecologia possa essere consentita l’obiezione di coscienza.

Ma soprattutto mi chiedo come sia possibile che qualcuno, per motivi religiosi, sia disposto a schiacciare sotto i piedi i diritti di…

Ospedale romano: obiettore di coscienza rifiuta la visita ginecologica a una donna perchè depilata.

Francesco Franz Amato Ospedale romano: obiettore di coscienza rifiuta la visita ginecologica a una donna perchè depilata.Ieri sul blog di Metilparaben, viene postato questo articolo.

Si tratta di una chat tra il blogger e una sua conoscente che si è vista rifiutare la visita ginecologica da un medico donna e obiettore di coscienza in quanto completamente depilata, e quindi secondo la morale del medico, dedita a scelte di vita inaccettabili

Io spero ardentemente che si tratti di una bufala.

Perchè altrimenti questo è il sintomo, pur isolato, di quanto l’Italia sia finita nella merda. Seguirò l’evolversi della vicenda e vi saprò dire di eventuali sviluppi, in un senso o nell’altro.

Per intanto di seguito riporto il post di Metilparaben, perchè se di verità trattasi, deve essere portata al maggior numero di persone possibile. 

[11.59.49] XXX scrive: Ieri, ore 16.30. Ospedale YYY (noto ospedale romano, n.d.r.), appuntamento per visita ginecologica periodica e relativo pap-test. La consueta attesa. Poi entro.
[12.00.07] Alessandro scrive: ok.

[12.00.17] XXX scrive: Anamnesi, compilazione scheda, formalità di routine.

[12.00.23] Alessandro scrive: ok

[12.00.57] XXX scrive: “mi accomodo”.

[12.01.08] Alessandro scrive: …

[12.01.15] XXX scrive: primo medico: donna sui 45

[12.02.00] XXX scrive: “mi spiace signora, io non posso visitarla, credo si renda conto del perché!”

[12.02.07] Alessandro scrive: ?

[12.02.11] XXX scrive: io, faccia a forma di punto ?

[12.02.17] Alessandro scrive: ecco, appunto

[12.02.32] XXX scrive: dico che non ne ho idea.

[12.02.46] Alessandro scrive: (mi alzo 3 minuti, tu scrivi, torno subito)

[12.05.01] XXX scrive: e questa: “Lei è depilata e io non posso visitarla perchè infrangerei non solo l’etica professionale ma anche la morale e la mia coscienza”.

[12.05.41] XXX scrive: io incredula e, forse, anche se solo per un attimo imbarazzata…

[12.05.45] XXX scrive: poi: “dottoressa può spiegarmi meglio perchè mai lei si rifiuta di visitarmi?”

[12.08.32] XXX scrive: “Come le ho detto lei è glabra, certamente non a causa di terapie o disfunzioni di alcun genere, pertanto il suo stato non può essere se non indicazione di sue scelte di vita particolari da noi medici obiettori assolutamente inaccettabili”.

Pillola del giorno dopo: negata in metà degli ospedali di Roma. Dagli obiettori.

L’inchiesta è di oggi, svolta dall’associazione Radicaliroma e pubblicata su Repubblica a questo indirizzo.

In sintesi qualcuno si è infilato sotto le mentite spoglie di una donna che si reca al pronto soccorso per la prescrizione della “pillola del giorno dopo” a causa della rottura del preservativo.

In metà degli ospedali di Roma trova di guardia un medico (obiettore) che, pur trattandosi di un farmaco classificato come URGENTE, e dunque obbligatorio per legge, si rifiuta di fornirlo, sulla base della propria ideologia.

Qui trovate il…

Newsletter:

Cosa aspetti... una pacca sulla spalla? Iscriviti! Metti la tua mail e clicca su submit. Io non faccio spam!

Testi pubblicati

La Magia del Cuore.

La Magia del Cuore

- Saggio -

Una sintesi di un cammino di ricerca interiore con suggerimenti, tecniche e metodiche per lo sviluppo personale.


Kesa
Alla fine della solitudine.

Kesa Alla fine della solitudine

- Romanzo -

Una storia dolce e intensa, ambientata in una Milano moderna, ma che spesso ritorna ai ricordi di altre vite vissute da Mira, in tempi antichi in cui straordinari poteri le consentivano di influire sul destino di interi popoli. Una trama avvincente che guida il lettore con dolcezza in una dimensione spirituale di amore, passione e sacrificio, sullo sfondo del percorso interiore di un essere eccezionale.

Professionals

Catherine Bellwald

Fisiatra, Agopuntrice, Esperta in Medicina Tradizionale Cinese

Istruzioni d’uso del blog

Leggi prima di sparare cazzate! Leggi prima, poi spari cazzate

Articoli random

La Consapevolezza dell’Inconsapevolezza – By Giuseppe

testa_sul_muro

Non è un gioco di parole. Purtroppo non lo è. Arriva un momento nella vita del Ricercatore in cui si rende conto di quanto è profonda la sua ignoranza…e di conseguenza la sua inconsapevolezza. Di solito, questo momento arriva dopo anni vissuti nella convinzione di aver capito chissà cosa e chissà quanto. Magari ha letto […]