Nel post precedente abbiamo visto che esiste una grossa difficoltà nell'uso della propria testa per tutta una serie di motivi. Abbiamo analizzato cosa accada nelle generazioni di persone più giovani, ma abbiamo detto che c'è un'altra classe che subisce lo stesso problema:
si tratta della classe dei "principianti" della ricerca interiore. Oggi c'è un fiorire incredibile

E' logico, e fa parte dei processi naturali: a volte è necessario distruggere qualcosa per poter poi ripartire da zero e ricostruire. Vale in tutti i campi, dalla filosofia alla politica, dalla didattica all'educazione, al commercio etc. etc.

Tuttavia, quello che secondo me troppo spesso si osserva, sui social, sulle testate online, ma anche e, soprattutto,

La Verità. La cerchiamo ma non sappiamo in effetti se esista una Verità. Tuttavia, per fortuna, "sapere" non è tutto quello che possiamo "noscere" e quindi qualcosa al nostro interno spinge tutti, vuoi in questa vita, vuoi nella prossima o a partire da una già trascorsa, a cercare la Verità.
La realizzazione della verità è progressiva,

Credo sia una delle frasi più comunemente riportate sostanzialmente ovunque: "Il vero maestro è dentro di noi". Con il significato secondo cui al nostro interno si trova tutto quello che ci serve per risvegliarci. La frase in sé è perfettamente esatta ma... c'è un piccolo problema: intesa nel modo sbagliato (cioè quello comune), è anche

Per provare a comprendere (anche se farlo con la mente non significa, ovviamente, risvegliarsi davvero) cosa sia il risveglio, usiamo un sistema che ho trovato essere estremamente efficace: portiamo tutto in giù di un gradino.

Tutto quello che possiamo sperimentare nella materia è di fatto una sorta di "eco", un riflesso di quello che possiamo sperimentare

Il pensiero realizzativo può essere il risultato di un processo intuitivo che ci fornisce una quadro di una qualunque cosa. Ma è pensiero realizzativo, il che significa che si basa sulla realizzazione. Quando il pensiero è invece speculativo, allora si basa su un processo mentale, senza una conoscenza oggettiva, ed è da qui che nasce l'opinione,

Siamo diventati dei divoratori di contenuti, ma non in senso positivo. Siamo bulimici nel consumare i contenuti che troviamo, complici, da un lato, la nostra superficialità, dall'altro i social la cui forma si presta (ovviamente in modo del tutto calcolato) proprio a questo.

Facciamoci caso: quante volte ci soffermiamo davvero a leggere completamente un contenuto (ovviamente

Page 1 of 372 1234371372
10/08/15

Consapevolezza: cos’è e perchè ogni tanto qualcuno la cerca…

Una domanda che mi è stata posta da una persona che per le prime volte si accostava ad un percorso di ricerca, la cui risposta credo […]
01/03/12

Il filo di una lama. Un concetto alieno.

Nella vita di tutti i giorni le lame fanno parte degli oggetti più comuni: rasoi, coltelli da cucina, forbici… e proprio per questo è difficile pensare […]
01/02/12

Abbiamo tutto in prestito: inutile tirarsela.

Sei bella… ma prima o poi il tempo passerà sulle tue fattezze, lasciando il proprio marchio. Che tu lo voglia o no, il corpo ed il […]
31/10/11

Morgue Marketing

La morte è un fatto unico, nella vita terrena di un essere umano, esattamente come la nascita. Un momento intenso, per sua stessa natura catartico per […]
13/05/11

La paura della morte.

La paura della morte è una costante per l’essere umano. Senza questa paura, molte cose cambierebbero prospettiva. Avete presente quelle frasi tipo “mio figlio si ricorderà […]
20/04/10

Ragazzi, il gioco dello strangolamento è una cagata mortale, non una prova di coraggio.

Sul Corriere ed altri quotidiani oggi sono comparsi articoli di allarme per una nuova moda che imperversa tra i ragazzi di tutto il mondo; quello di […]
03/11/09

Stefano Cucchi: morto in carcere, avrebbe firmato il divieto di avvertire i familiari? Posso avere un dubbio?

Secondo quanto leggo sull’ANSA, Stefano Cucchi sarebbe morto in ospedale senza che i genitori potessero vederlo perchè lui stesso avrebbe firmato il diniego a fornire informazioni […]
20/10/09

Violenza: smettiamola di fare gli ipocriti.

Nel caso qualcuno non se ne fosse ancora accorto, la vita è un continuo atto di violenza; veniamo al mondo con grande dolore fisico, sia nostro […]
17/10/09

Gli animali non hanno coscienza della propria morte. Provate a dirlo a un maiale…

Leggo questo articolo su “La Stampa”, in cui Danilo Mariani, etologo, afferma che gli animali non hanno  coscienza della possibilità di morire. Avete mai visto un maiale […]
06/03/09

Ricerca della verità: India, urina di vacca e violenza: ma la vita è così!

E’ proprio vero che in un paese come l’India può succedere di tutto;è sull’ANSA un lancio di agenzia: una ditta locale produrrà e lancerà sul mercato […]