Quasi tutto quello che arriva dagli Stati Uniti ha da sempre avuto una gran presa sulle persone, sia italiane che non. Mode, abitudini, festività (Halloween non se la cagava nessuno fino a pochi anni fa) ma soprattutto... moralismo! Gli americani, con le eccezioni di regola, sono sempre stati dei moralisti schifosi, bacchettoni all'inverosimile. In più sono

Facciamoci caso: facciamo caso a quante volte, nell'ambito di un qualunque dialogo, il nostro interlocutore o noi stessi, utilizziamo il termine "io". E quante volte i termini "noi" e "voi".

Non è una questione esclusivamente semantica, ma di profonda rivelazione di quello che sta dietro a chi parla o, megli0, sotto alle parole.

In senso lato, ogni

Noi esseri umani abbiamo una quantità di energia limitata a disposizione. Un'energia che si rinnova naturalmente, ad esempio con un pasto, o con la compagnia di persone che amiamo, anche con il permanere nella natura, ma che, invariabilmente, si consuma nel momento in cui la utilizziamo per qualunque scopo: da quello fisico a quello emotivo,

"Pace in terra agli uomini di buona volontà" dice un famoso testo. Ma qualcuno si è chiesto che cosa sia la "buona volontà"?

Di fatto si tratta di un'energia vera e propria, di un principio se vogliamo, qualcosa di compiuto e completo in sé, quasi fosse un essere senziente, una forma di vita.

La buona volontà non

Lo hanno fatto notare in pochi sui social e, ovviamente, nessuno sulle testate giornalistiche, ormai così degenerate che sarebbero da chiudere per legge.
Qualche giorno fa, secondo una nuova tradizione da far venire i brividi, c'è stato l'ennesimo accoglimento in Italia con i più grandi onori di un personaggio che, a mio personale parere, sarebbe da

Il dato è ufficiale anche se, molto probabilmente, è sotto dimensionato: i patogeni resistenti agli antibiotici stanno aumentando sia in numero che in varietà e potenza: al momento, stando ad un rapporto dell'OMS (parziale, perchè i dati completi arrivano solo da 22 paesi su 40, che ovviamente non sono neppure tutti i paesi del mondo),

Molto spesso si sente parlare del fatto che sapere e conoscenza sono due cose distinte. E’ sostanzialmente vero: il sapere attiene alla mente, mentre la conoscenza attiene alla nostra parte vera. Conoscere significa da un lato sperimentare, dall’altro comprendere, nell’accezione più profonda del termine: portare dentro.

La comprensione arriva quando qualcosa, un’esperienza, un atto, una legge,

La questione è semplice: ognuno di noi pensa all'interno della propria testa. Questo ci da la sensazione di essere delle "unità" che elaborano i propri pensieri, le proprie emozioni, le proprie idee.

Bene: non è così! O meglio lo è in minima parte. Inizia a diventare così quando si porta avanti un intenso lavoro particolare. Ma

Page 1 of 370 1234369370
10/08/15

Consapevolezza: cos’è e perchè ogni tanto qualcuno la cerca…

Una domanda che mi è stata posta da una persona che per le prime volte si accostava ad un percorso di ricerca, la cui risposta credo […]
01/03/12

Il filo di una lama. Un concetto alieno.

Nella vita di tutti i giorni le lame fanno parte degli oggetti più comuni: rasoi, coltelli da cucina, forbici… e proprio per questo è difficile pensare […]
01/02/12

Abbiamo tutto in prestito: inutile tirarsela.

Sei bella… ma prima o poi il tempo passerà sulle tue fattezze, lasciando il proprio marchio. Che tu lo voglia o no, il corpo ed il […]
31/10/11

Morgue Marketing

La morte è un fatto unico, nella vita terrena di un essere umano, esattamente come la nascita. Un momento intenso, per sua stessa natura catartico per […]
13/05/11

La paura della morte.

La paura della morte è una costante per l’essere umano. Senza questa paura, molte cose cambierebbero prospettiva. Avete presente quelle frasi tipo “mio figlio si ricorderà […]
20/04/10

Ragazzi, il gioco dello strangolamento è una cagata mortale, non una prova di coraggio.

Sul Corriere ed altri quotidiani oggi sono comparsi articoli di allarme per una nuova moda che imperversa tra i ragazzi di tutto il mondo; quello di […]
03/11/09

Stefano Cucchi: morto in carcere, avrebbe firmato il divieto di avvertire i familiari? Posso avere un dubbio?

Secondo quanto leggo sull’ANSA, Stefano Cucchi sarebbe morto in ospedale senza che i genitori potessero vederlo perchè lui stesso avrebbe firmato il diniego a fornire informazioni […]
20/10/09

Violenza: smettiamola di fare gli ipocriti.

Nel caso qualcuno non se ne fosse ancora accorto, la vita è un continuo atto di violenza; veniamo al mondo con grande dolore fisico, sia nostro […]
17/10/09

Gli animali non hanno coscienza della propria morte. Provate a dirlo a un maiale…

Leggo questo articolo su “La Stampa”, in cui Danilo Mariani, etologo, afferma che gli animali non hanno  coscienza della possibilità di morire. Avete mai visto un maiale […]
06/03/09

Ricerca della verità: India, urina di vacca e violenza: ma la vita è così!

E’ proprio vero che in un paese come l’India può succedere di tutto;è sull’ANSA un lancio di agenzia: una ditta locale produrrà e lancerà sul mercato […]