L’estate a volte è momento di silenzi.

C’è un vecchio solo e stanco, i suoi occhi hanno il colore del mare.

Guarda il figlio e per un istante lo ricorda bambino, quando ancora lo teneva per mano e lo conduceva passo dopo passo verso la vita.

Ora, mentre lo osserva, vi legge nello sguardo una luce nuova.

Lui conosce

L'uomo ha paura. Sempre di più e sempre di più cose. Chi vuol far soldi lo sa e quindi gioca sul bisogno di sicurezza, aumentandolo da un lato e vendendo le proprie soluzioni dall'altro.

Questo è il meccanismo per cui, da parte di Big Pharma, stiamo assistendo ad una vera e propria offensiva sul piano della

Pochi giorni fa sono entrato in una libreria di Milano, forse una delle più famose, sicuramente una delle più fornite e, fino a poco tempo fa, quella in cui mi faceva più piacere andare.

L'ultima volta però ho fatto uno spiacevole incontro: quello con un addetto alle informazioni sui libri (forse non propriamente un libraio, in

La cronaca di questi giorni assomiglia sempre di più a quella di un settimanale scandalistico.

Le varie testate versano fiumi di parole del tutto inutili su qualunque dettaglio, per quanto insignificante della vita privata dei politici (se vogliamo proprio chiamarli così).

Quando non parlano di politica i titoli sembrano essere scritti nell'ambito di una gara su chi

Non tutti, ovviamente, ma quelli di una certa razza, si!

Il tipo non credo sia definibile fisicamente. Ce ne sono di ogni risma: grassi, magri, ginoidi... unica caratteristica comune: braccia sottili per mancanza di muscolatura.

Quelli calvi mediamente ostentano barba e baffi fluenti, possibilmente alla cavour e gli occhiali sono quasi immancabili. Abitualmente vestono in due modi