Articoli

Non il solito medico, non il solito blog

E’ successo un po’ per caso.
Qualche settimana fa ho lanciato l’idea al mio medico, la Dott. Catherine Bellwald, Fisiatra e Agopuntrice:

“Ormai è una vita che mi curo da lei. In tanti anni le ho sentito dire molte cose sul suo lavoro e sui principi su cui lei si basa nello svolgerlo, e molti miei amici hanno risolto situazioni anche pesanti grazie a lei. Perchè non apre un blog, e si mette un po’ a parlare delle stesse cose alle persone, là fuori? Sono sicuro che troverebbero interessanti i suoi argomenti…”

La Dott. ha fatto un po’ orecchie…

Denuncia per molestie alla figlia un 20enne pregiudicato per violenza sessuale. Il denunciato gli spara in faccia.

La fiducia nella giustizia: la vera (tragica) barzelletta è questa. E’ su tutti i giornali, per esempio sul Corriere.

Succede a Como. Vincenzo di maso ha una figlia, che un 20enne pregiudicato molesta da tempo. Il 20enne è un pregiudicato, processato e condannato a 4 anni e 4 mesi per violenza sessuale nei confronti di una ragazza di Mariano Comense.

Di Maso denuncia il 20enne, e questo per tutta risposta lo cerca, lo trova e gli spara in faccia. Punto.

Risultato: Di Maso ricoverato in condizioni critiche, il pregiudicato, non si capisce come, in libertà, vivo e vegeto, anche…

L’esperienza – un racconto di Liam

In una fredda giornata di dicembre, sotto un cielo straordinariamente azzurro, siedo su una panchina nell’estremità baciata dal sole che si fa strada fra i muri del municipio, e l’antico palazzo dell’Orologio.

Pochi mi fanno compagnia in questa pausa fra le antiche mura, al di fuori di questo cono di luce la differenza di temperatura non induce a troppo rilassamento.

Mi sento un privilegiato per quanto riguarda il luogo e mi lascio trasportare dai suoni ovattati di qualche artista ambulante che suona nella piazza alle spalle, dal rumore dei passi affrettati di qualche infreddolito concittadino e dal chiacchiericcio che avanza, mi sfiora e si allontana come le onde di un mare calmo in assenza di vento.

Mi lascio coinvolgere totalmente e mi concedo ai raggi del sole sollevando il capo per esporre il viso al tepore che mi scalda le guance.
Da principio riesco a riconoscere le situazioni esterne nonostante gli occhi chiusi, poi tutto comincia a diradarsi fino al silenzio totale, una pace assoluta.

Mi rendo conto della posizione che ho assunto ma non ho la percezione del tempo, sto bene, nulla mi infastidisce e quindi non ci sono motivi per interrompere questo stato di benessere.

Qualcosa mi tocca una scarpa una volta, due volte: riapro gli occhi e vedo un modellino di auto, di quelli a molla, ormai non più in voga, che si ostina a cercare un varco fra i miei piedi.

Seduto a terra a gambe incrociate c’è un bambino che mi guarda con un sorriso dolcissimo mentre mi racconta dei particolari tecnici del modellino:

“Ciao zio, ti piace la mia auto? E’ un modello raro, sai? Noo! Non il tipo, proprio questo modellino, ha parecchi anni…ormai non se ne trovano più.
Perché ti chiamo zio? Dai non scherzare, io lo so che tanti ti chiamano zio Willi, anche il barista, quindi perché proprio io no?”

Quando si dice il culo: trovano in garage una Bugatti da 6 milioni di euro

Il vecchio medico di campagna collezionava di tutto.

Alla sua morte i parenti fanno l’inventario e trovano in un garage di proprietà del defunto una Bugatti costruita nel 1937 in soli 17 esemplari.

Valutazione temporanea: 6 milioni di euro.

E’ propio il caso di dirlo: che culo!!!!

Ricerca della verità: cos’è la materia?

GetImageLa materia comunemente detta è effettivamente difficile da definire. Secondo il vocabolario, materia è tutto ciò che ha una massa, ed occupa uno spazio.

E qui già partono i primi casini. Provate a definire spazio se ci riuscite! E’ quasi impossibile, senza tirare in ballo o il concetto di separazione tra due oggetti, o il tempo necessario per andare da un punto o un altro. Per ben che vada, lo spazio viene definito come qualcosa definito da un insieme di coordinate. Basta cambiare il suddetto insieme per trasformare uno spazio in un altro.

Ma anche per il concetto di massa…

Il MIT annuncia WiTricity, trasmissione wireless di corrente. Tesla brevettò il sistema nel Marzo del 1900! (Brevetto numero 645576)

Si, avete capito bene. Nicola Tesla, il 23 Marzo del 1900 depositava un brevetto, il numero 645576 per la precisione. E oggi gli scienziati del MIT gridano alla grande scoperta (qui sul Corriere)

Non ci credete? Se cliccate sulla foto qui a sinistra potete cuccarvi il brevetto originale di Tesla, in formato PDF. L’ho trovato in rete qualche tempo fa, mentre raccoglievo dati su quest’uomo incredibile. (Pochi sanno forse che Tesla, oltre che per molte altre cose, è stato anche il papà della corrente alternata. E’ stato lui a inventare l’alternatore, ed è stato lui a farne dono all’umanità, senza chiedere un dollaro in cambio).

Il Tesla Wireless System, il sistema di trasmissione della corrente elettrica senza fili, tra l’altro, aveva un dispersione inferiore al 5%, indipendentemente dalla distanza, e non aveva praticamente limiti nella quantità di energia che poteva essere trasferita.

Diverse dimostrazioni furono tenute, accendendo lampadine a distanza di chilometri dalla stazione trasmittente in Colorado, e anche facendo muovere automobili dotate di motore elettrico (e nemmeno lente, dato che superavano i 100 km/ora)

Per 109 anni gli americani e la comunità scientifica “addomesticata” hanno fatto manfrina, dando a Tesla del pazzo. Oggi, con il petrolio in esaurimento e la crisi economica mondiale che preme sempre di più ecco che negli Stati Uniti fanno la “grande scoperta”.

Certo, così invece del petrolio dagli arabi dovremo comprare corrente dagli Stati Uniti. Ecco perchè gli studi di Tesla sono stati volutamente oscurati e in alcuni casi addirittura sabotati: il solito, onnipresente ed onnipotente Dio Dollaro!

Manifestazione di massa islamica a Milano: preghiera, protesta o sfida?

Sabato pomeriggio: a Milano e a Bologna, qualche migliaio di islamici “occupano” le due rispettive piazze del Duomo per protestare contro i Raid a Gaza.

Oggi ho provato a chiamare la questura di Milano, per sapere se questa manifestazione fosse o meno autorizzata. Dopo diversi rimbalzi tra centralino e vari uffici (nella maggioranza dei quali non rispondeva nessuno), ho rinunciato, dato che nessuno sembrava essere in possesso di questa informazione.

A quanto leggo su “Il Giornale” di oggi, in questo articolo (che peraltro consiglio caldamente di leggere), per quanto riguarda Milano pare proprio che non ci fosse nessuna autorizzazione. I dimostranti, sempre secondo l’articolo, erano guidati dall’Imam della ex-moschea di viale Jenner (che non si capisce cosa ci faccia in giro, data l’accusa – e se non erro anche la condanna – di terrorismo) e hanno invaso la piazza. Il resto lo potete leggere nell’articolo.

Facciamo due conti: in due città Italiane, contemporaneamente una folla di musulmani decidono di protestare contro i raid a Gaza. Lo fanno occupando le piazze principali, nonchè simboli cristiani per eccellenza, senza autorizzazione, e con un coordinamento degno di un esercito.
Il Duomo chiude i portoni per “precauzione”, e NON SUCCEDE ALTRO.

In Italia mi pare esistano diversi reati configurabili, dalla manifestazione non autorizzata, all’occupazione abusiva di suolo pubblico forse. Il fatto che il Duomo sia stato costretto a chiudere le porte potrebbe anche far pensare all’articolo 405 del codice penale, che punisce con pena fino a due anni di reclusione chiunque impedisca l’esercizio del culto religioso in luoghi pubblici o a tal scopo destinati.

L’ipocrisia di Facebook: no alle mamme che allattano e si ai gruppi che inneggiano ai mafiosi

La denuncia ovviamente non arriva dall’Italia, ma dal Regno Unito. Con un articolo dovizioso nei particolari, il Times (la notzia è riportata in questo articolo del Corriere) picchia duro sul Social Network più diffuso al mondo.

E fa bene! L’ipocrisia di FB risulta così estremamente evidente.

Ma come: si scandalizzano tanto per le foto delle mamme che allattano, e poi, nonostante le tante denunce ricevute, lasciano in linea i gruppi che inneggiano addirittura alla santificazione di personaggi del calibro di Provenzano, Riina e Corleone.

Sono contento che almeno un giornale abbia avuto il coraggio di sparare a zero contro il…

Pausa Sorriso: la sigla di Scacciapensieri… e poi ditemi se resistete alle risate!

E chi se la dimentica? Al sabato sera era l’appuntamento fisso. Oggi ho messo il disegno di quell’esserino sul post del vaticano, poi mi è venuto l’uzzolo di cercarla su youtube… eccola qui!

Un consiglio: ascoltatela due o tre volte… la risata aumenta!

Vaticano: la pillola inquina e causa aborti anche in chi non la assume

E’ sul Corriere.

Sull’Osservatore Romano il Vaticano sostiene la tesi che la pillola, i cui residui organici vengono espulsi con le urine come per tutti i farmaci, inquina il mondo e gli effetti aggravano la situazione ecologica già allarmante.

Siccome sulla pillola sono ancora lì che discutono se causa aborto oppure no (eh già… bisogna stare attenti a queste cose, dato che non abbiamo nessun altro problema al mondo), si inventano questa fregnaccia, così, tanto per dire qualcosa contro la contraccezione.

Ma perchè non vanno a dire quanti antibiotici scarichiamo in mare grazie agli allevamenti intensivi e alla mania…

Newsletter:

Cosa aspetti... una pacca sulla spalla? Iscriviti! Metti la tua mail e clicca su submit. Io non faccio spam!

Professionals

Catherine Bellwald

Fisiatra, Agopuntrice, Esperta in Medicina Tradizionale Cinese

Antaratman Yoga

Antaratman Yoga.

Antaratman Yoga

- Saggio -

La descrizione delle tecniche vocali e dei contenuti alla base del metodo Antaratman Yoga.

Pensiero Lucido

Pensiero Lucido.

Pensiero Lucido

- Saggio -

Esposizione e metodi per una progressiva affinazione delle proprie capacità cognitive.

La Magia del Cuore

La Magia del Cuore.

La Magia del Cuore

- Saggio -

Una sintesi di un cammino di ricerca interiore con suggerimenti, tecniche e metodiche per lo sviluppo personale.

Kesa – Alla Fine della Solitudine

Kesa
Alla fine della solitudine.

Kesa Alla fine della solitudine

- Romanzo -

Una storia dolce e intensa, ambientata in una Milano moderna, ma che spesso ritorna ai ricordi di altre vite vissute da Mira, in tempi antichi in cui straordinari poteri le consentivano di influire sul destino di interi popoli. Una trama avvincente che guida il lettore con dolcezza in una dimensione spirituale di amore, passione e sacrificio, sullo sfondo del percorso interiore di un essere eccezionale.

Istruzioni d’uso del blog
Leggi prima di sparare cazzate! Leggi prima, poi spari cazzate