Articoli

Milano: i soldi per le multe non vanno alla sicurezza stradale…

Francesco Franz Amato Milano: i soldi per le multe non vanno alla sicurezza stradale...…E immagino che la cosa valga anche per altri comuni. La legge dice che almeno il 50% degli introiti derivati dalle multe deve essere utilizzato per la sicurezza stradale, o miglioramenti della viabilità o altro (vedi l. 388 del 2000 arti. 53 c. 20).

Secondo Maurizio Baruffi, capogruppo Verdi, dei circa 134.000.000 di euro provenienti dalle multe, molto meno della metà sono andati dove dovevano, ma a pagare mutui, stipendi e bollette, cosa per cui non avrebbero dovuto essere impiegati.

Che le multe fossero ormai…

Allarme dal Corriere sulle prostitute al sedativo: mi sa che hanno preso una bella cantonata

Francesco Franz Amato Allarme dal Corriere sulle prostitute al sedativo: mi sa che hanno preso una bella cantonataEsce sul Corriere di oggi:
Ragazze disponibili e spalmate di sedativi per derubare ricchi e ignari stranieri
Nell’articolo, si sostiene che un gruppo di prostitute di Kampala, stenderebbe i clienti per derubarli, spalmandosi il corpo di sedativi. In questo modo dopo qualche toccatina i malcapitati sverrebbero e verrebbero derubati.

Ora… a parte che non riesco a capire cosa ce ne possa fregare in Italia di cosa facciano le mignotte di Kampala, la notizia mi sembra un tantino campata per aria.

Se effettivamente le ragazze si…

Nuovo sondaggio: vota la gnocca!

In alto trovate la pagina “Gnocca’s Poll”.

Lì potete votare la vostra gnocca preferita, cliccando sul pallino a sinistra dell’immagine scelta, e poi in fondo alla pagina sul pulsante “Vota”.

Dato l’altissimo numero di candidate le foto verranno pubblicate  a gruppi di 8 – 10, a eliminazione diretta.

Aiutatemi a scegliere la gnocca dell’anno. I risultati il 31 Dicembre!

Vai alla pagina “Gnocca’s Poll

Pausa sorriso: non fumate a letto :)

Non conviene…

[media=18]

Pausa sorriso: la città degli stuntmen

Il prodotto pubblicizzato non c’entra un’emerita favazza ma… dovrete riguardare il filmato almeno tre volte per beccare tutti i casini che succedono. Enjoy!

[media=17]

Arriva il Tamagotchi 2: Tuttuki Bako, interattivo e accattivante è una trappola per i bambini

L’avevo già visto accadere con il primo Tamagotchi: l’instaurarsi di una forma di fortissima dipendenza tra un ragazzino e il suo animaletto virtuale, tanto che quando si è rotto il giochino, il piccolo ha dovuto ricevere assistenza psicologica, più che se gli fosse morto il cane”vero”. Se nella prima versione il diabolico pet digitale dava dipendenza,figuriamoci in questa.

Il problema è che nel caso di un affetto verso un animale vero, quando questo viene a mancare, la mente perde dopo un po’ appiglio perchè l’oggetto…

Ilaria D’Amico: un cervello calibro ’45

Francesco Franz Amato Ilaria DAmico: un cervello calibro 45Ho recentemente visto qualche minuto della trasmissione EXIT, condotta da Ilaria D’Amico su LA7.

La puntata in questione verteva sul dubbio: “Perchè in Italia un’otturazione costa 135 euro (mediamente) quando in Francia ne costa 65 e in Romania 6?”

Ospiti vari in studio, tra cui un dentista, che ha in tutti i modi tentato di dimostrare di aver ragione, prima citando i costi, poi il fatto che all’est le condizioni sanitarie operativa sono di minor qualità, che gli strumenti sono sanitizzati secondo standard molto elevati in Italia, che i dentisti all’estero costano meno perchè studiano meno… insomma una fantastica montagna di cazzate.

Quello che però mi ha stupito, è stata la classe con cui la conduttrice lo ha praticamente stroncato su tutta la linea, con una preparazione notevole oltre che citando e snocciolando  numeri, fatti e cifre, anche lanciandogli delle osservazioni perfettamente centrate, ed estremamente taglienti.

Una risposta da Cicero alla domanda di Franz sulla responsabilità della magistratura

Francesco Franz Amato Una risposta da Cicero alla domanda di Franz sulla responsabilità della magistraturaFaccio l’Avvocato penalista (per fortuna e purtroppo).
Per “fortuna”, perché pur non avendo mai avuto la vocazione per questa professione mi sono trovato nella possibilità di usare uno “strumento” che mi ha fatto “entrare” in vicende ove la parte umana non era mai esclusa.
“Purtroppo”, perché ho potuto assistere, con troppa frequenza, a esiti processuali che con la Giustizia nulla avevano a che vedere.

1. L’argomento provocato dall’articolo è sicuramente delicato e presenta molte sfaccettature possibile oggetto di facili strumentalizzazioni.

2. Da tecnico processuale qualcuno potrebbe dire che il sistema Giustizia “ha funzionato” perché alla fine la “giustizia ha trionfato” (ergo è stata accertata la verità).

3. Oggetto di un qualunque processo infatti, e credo non vi sia dubbio sul punto, è l’accertamento della verità, e cioè di ciò che è oggettivamente avvenuto, nonché di quello che viene definito dai tecnici, elemento psicologico, cioè l’effettivo atteggiamento volontario o meno dell’autore del presunto reato.

4. La procedura penale ha lo scopo di dare regole affinché questi accertamenti avvengano nel rispetto di un contraddittorio (attenuato in passato e oggi, si dice, molto più presente).

5. In realtà, il vero problema è che il servizio Giustizia pur imbalsamato e regolamentato da “regole”, è utilizzato da uomini (Magistrati, nelle loro varie funzioni, e Avvocati).

6. La qualità del contraddittorio, cioè ciò che dovrebbe portare all’accertamento della verità (quella reale o quella processuale ?), è il frutto delle capacità dei protagonisti nonché dei loro “poteri”.

7. Ora: che l’uomo possa sbagliare è … umano; ma che l’uomo che utilizza il delicato strumento processuale (delicato per gli effetti, intendo) debba essere preparato è cosa che appare ovvia (ma che ovvia in realtà non è).

Londra resta vittoriana: Babbo Natale licenziato

Francesco Franz Amato Londra resta vittoriana: Babbo Natale licenziatoNon ce la fanno proprio gli inglesi… il perbenismo vittoriano non riescono a toglierselo dalla testa.

Ne sa qualcosa Andrew Mondia, Babbo Natale a Londra, come descritto in questo articolo su “La Stampa”.

Il poveraccio ha invitato una donna a sederglisi sulle ginocchia per fare una foto, e l’hanno licenziato in tronco,  perchè notoriamente Babbo Natale è un vecchio impotente, che non ha nemmeno i soldi per il Viagra, e quindi non deve fare cose simili.

Ma non avevano proprio niente di meglio da fare…

Winx Party Drink: ritornano alla carica con questa schifezza!

Francesco Franz Amato Winx Party Drink: ritornano alla carica con questa schifezza!Siamo sotto le festività, e ovviamente il merchandising natalizio parte alla riscossa. In questo caso però riesumano un cadavere, è il caso di dirlo. Già intorno a Maggio si era sparsa la voce sulla blogosfera (in fondo all’articolo un po’ di link a post sull’argomento, più o meno simili a questo), e ora tornano alla carica con il Winx Party Drink.

Si tratta di una bevanda analcolica frizzante, al gusto di fragola, da dare ai bambinin per farli partecipare ai vari brindisi.

Fin qui, più o meno, tutto bene. Poi però uno va a leggere cosa c’è dentro, e come già in Maggio, gli ripiglia un colpo:

Ecco di seguito la lista ingredienti:

E330: Acido citrico.
Non dovrebbe essere tossico o concerogeno.

E950: Acesulfame potassico.
Edulcorante artificiale.
Per molti cibi il suo uso non è stato approvato; The Center for Science in the Public Interest (CSPI) include questo dolcificante nella lista dei dieci peggiori additivi alimentari. Causa il cancro negli animali da esperimento e aumenta il rischio di tumore nell’uomo.

E952: Acido ciclamico.
Edulcorante artificiale. Noto per causare emicrania e altre reazioni, può essere cancerogeno, ha causato danni ai testicoli delle cavie da esperimento. Vietato nelgi USA e nella Gran Bretagna a causa del forte rischio di cancro!

Newsletter:

Cosa aspetti... una pacca sulla spalla? Iscriviti! Metti la tua mail e clicca su submit. Io non faccio spam!

Testi pubblicati

La Magia del Cuore.

La Magia del Cuore

- Saggio -

Una sintesi di un cammino di ricerca interiore con suggerimenti, tecniche e metodiche per lo sviluppo personale.


Kesa
Alla fine della solitudine.

Kesa Alla fine della solitudine

- Romanzo -

Una storia dolce e intensa, ambientata in una Milano moderna, ma che spesso ritorna ai ricordi di altre vite vissute da Mira, in tempi antichi in cui straordinari poteri le consentivano di influire sul destino di interi popoli. Una trama avvincente che guida il lettore con dolcezza in una dimensione spirituale di amore, passione e sacrificio, sullo sfondo del percorso interiore di un essere eccezionale.

Professionals

Catherine Bellwald

Fisiatra, Agopuntrice, Esperta in Medicina Tradizionale Cinese

Istruzioni d’uso del blog

Leggi prima di sparare cazzate! Leggi prima, poi spari cazzate

Articoli random

Dalle Nebbie del Tempo: perchè no?

18072009105

La nebbia di oggi, originariamente pubblicata nel settembre 2009. Perchè no? Pubblicato originariamente il: 15/09/09. Di cento argomenti e di ancora cento si può parlare ma quando si tocca la ricerca interiore, la ricerca della verità… tutti lì a partire in quarta con quello che credono e non credono, con quello che possono dimostrare e […]