Il pericolo della borsa e dell’economia

Potete ascoltare/scaricare il podcast qui sotto oppure iscrivervi al canale Telegram: 

E’ di questi giorni la notizia dell’incredibile perdita di capitale subita da Facebook: il 19%. Un quinto del valore dell’azienda si è volatilizzato in un solo giorno. Il motivo? La crescita del fatturato è stata inferiore al previsto. Attenzione non hanno guadagnato di meno. Hanno aumentato il proprio guadagno meno del previsto. Sulla base di questo fatto, è avvenuto il crollo in borsa.

Un’economia come quella mondiale attuale che si basa sull’aumento costante dei guadagni, implica ovviamente che ci sia un aumento di consumi. E non solo: l’aumento deve essere sempre maggiore ad ogni anno. Il consumo tende all’infinito e le materie prime, per logica conseguenza, a zero.

Un suicidio a medio termine ma, a breve termine, le conseguenze sono più tangibili: chiediamoci perchè non riusciamo più a comprare oggi quello che compravamo ieri e chiediamoci quanto tempo passerà prima che non possiamo più permetterci non solo il superfluo, ma addirittura l’indispensabile!

Ci si vede in giro!

 

Condividi

Commenta con il tuo nome Facebook

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.