Sul tempo 2: tempo e azione - Franz's Blog

Sul tempo 2: tempo e azione

Potete ascoltare/scaricare il podcast qui sotto oppure iscrivervi al canale Telegram: 

Abbiamo detto nel filmato precedente che il tempo è, a tutti gli effetti uno “spazio”: lo spazio, ad esempio per quanto ci concerne, entro cui si sviluppa la nostra vita sul pianeta.

Lo spazio di vita è quello spazio all’interno del quale possiamo “fare”. Paradossalmente, è proprio il “fare” (ovvero l’azione) che crea… tempo (e quindi spazio).

Ogni azione si sviluppa lungo un processo. Questo sviluppo crea il tempo tra azione e risultato. Ma cosa accade se la nostra percezione si discosta da questa visione duale azione – risultato?

Ovviamente è una questione di percezione o, meglio, di realizzazione. Quando leggiamo dei maestri giapponesi di tiro con l’arco che sono in grado di centrare bersagli in condizioni impossibili, in realtà stiamo osservando proprio il risultato di una realizzazione di questo tipo. Se l’arciere “realizza” (ovvero rende reale) che non vi è spazio tra la freccia ed il bersaglio, ecco che nell’istante in cui la scocca, essa è già arrivata a destinazione: stesso istante, nessuno spazio.

Immaginate di avere una freccia al vostro arco, con la punta appoggiata al centro del bersaglio. Nell’istante in cui scoccate, essa non può che centrarlo, perchè è già lì, appoggiata.

La difficoltà del colpire un bersaglio nasce nel momento in cui percepiamo uno spazio tra noi ed esso, con tutto ciò che questo comporta: calcolo della traiettoria, del tempo di volo (eccolo), del vento, della velocità con cui si muove il bersaglio… tutta una serie di cose che un tiratore esperto conosce benissimo e che, col tempo (appunto) impara a gestire a livello istintivo o comunque talmente profondo da farle entrare a fare parte della sua procedura di lancio.

Il maestro di Kyudo o di Yabusame (tiro a cavallo) risolve tutto alla radice: il tempo non esiste, e neppure lo spazio tra la lui, la freccia ed il bersaglio. Il maestro realizza questo e quindi lo rende reale, effettivo. Quando scocca la freccia… fa centro. Nella sua percezione, l’azione non è neppure esistita, non c’è stato neppure un istante tra lo scocco della freccia e il momento in cui ha centrato il bersaglio. Anzi, a ben vedere, non è neppure mai esistito un lancio, una freccia o un bersaglio. (Incidentalmente, ecco perchè il tiro con l’arco è considerato una via di realizzazione: alla fine “tutto è uno” diventa una realtà percepita e non una frase capita).

Riassumendo: l’azione crea il proprio tempo, svolgendosi. L’osservatore esterno vede l’azione “percorrere” un tempo tra l’inizio e la fine. Chi agisce, di solito vede la stessa cosa. Ma se chi agisce riesce ad eliminare lo scopo dell’azione, ecco che tra inizio e fine, almeno per lui, non c’è più tempo e quindi l’azione arriva a destinazione nello stesso istante in cui parte.

L’azione senza scopo, oltre a tutto quanto si potrebbe dire sull’attaccamento al risultato o al processo intermedio, ha questa natura: eliminare lo spazio ed il tempo.

In altre parole, ed in estrema sintesi: la via più diretta per il famoso “qui ed ora“.

Prossima puntata: perchè le cose belle finiscono prima

Ci si vede in giro!

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con il tuo nome Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostieni Franz’s Blog

Se vuoi aiutarmi a tenere vivo questo blog, puoi fare una donazione. Non ci sono limiti, ne in basso ne in alto.

In ogni caso, Franz’s Blog resta a tua disposizione come per tutti.

Grazie infinite, qualunque sia la tua intenzione!





Newsletter:

Cosa aspetti... una pacca sulla spalla? Iscriviti! Metti la tua mail e clicca su submit. Io non faccio spam!


Cerca nel sito
Solo corrispondenza esatta
Cerca nel titolo
Cerca nel contenuto
Cerca nei post
Cerca nelle pagina
Professionals

Catherine Bellwald

Fisiatra, Agopuntrice, Esperta in Medicina Tradizionale Cinese

Iscriviti ai podcast
Su FB…
Guardiani

Guardiani

Guardiani

- Romanzo -

Sullo sfondo della millenaria guerra con i Kerberos, razza dedita alla conquista ed al dominio, i Guardiani, guerrieri antichissimi dotati di straordinari poteri e le loro bellissime compagne, le Donne di Razza, anch’esse dotate di poteri e percezioni sottili e in grado di tramutarsi in enormi pantere, sono alla ricerca del futuro Guardiano Imperiale, disincarnato a forza dai Kerberos e del tutto inconsapevole su un pianeta sconosciuto. La sopravvivenza di milioni di razze e pianeti dipende da una corsa contro il tempo per ritrovare Kirshan prima che lo facciano i nemici.

Kesa – Alla Fine della Solitudine

Kesa
Alla fine della solitudine.

Kesa Alla fine della solitudine

- Romanzo -

Una storia dolce e intensa, ambientata in una Milano moderna, ma che spesso ritorna ai ricordi di altre vite vissute da Mira, in tempi antichi in cui straordinari poteri le consentivano di influire sul destino di interi popoli. Una trama avvincente che guida il lettore con dolcezza in una dimensione spirituale di amore, passione e sacrificio, sullo sfondo del percorso interiore di un essere eccezionale.

La Magia del Cuore

La Magia del Cuore.

La Magia del Cuore

- Saggio -

Una sintesi di un cammino di ricerca interiore con suggerimenti, tecniche e metodiche per lo sviluppo personale.

Pensiero Lucido

Pensiero Lucido.

Pensiero Lucido

- Saggio -

Esposizione e metodi per una progressiva affinazione delle proprie capacità cognitive.

Antaratman Yoga

Antaratman Yoga.

Antaratman Yoga

- Saggio -

La descrizione delle tecniche vocali e dei contenuti alla base del metodo Antaratman Yoga.

Istruzioni d’uso del blog
Leggi prima di sparare cazzate! Leggi prima, poi spari cazzate